L’alta moda italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace Londra

Sua Maestà la Regina Elisabetta II, l'Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta e la consorte Victoria Trombetta.1_e0L’alta moda italiana di Michele Miglionico a Buckingham Palace Londra

In occasione della presentazione delle Credenziali dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Raffaele Trombetta, la consorte Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico.

L’Ambasciatore S.E. Raffaele Trombetta ha presentato a Londra le Credenziali alla Corte di San Giacomo al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. La cerimonia, come vuole la tradizione, si è svolta a Buckingham Palace.

Per questa occasione Mrs Victoria Trombetta ha scelto di indossare un outfit di Alta Moda a firma dello stilista italiano Michele Miglionico. Un tailleur rosso lacca composto da una giacca di lana e seta matelassè intarsiata di pizzo macramè nero e gonna di duchesse di seta rossa dalla linea a matita con un sopragonna di tulle point d’esprit nero ricamato motivo tartan nei colori grigio e rosso.

Alla fine della cerimonia delle Credenziali, un Vin d’Honneur è stato offerto in Residenza per festeggiare l’avvenimento.
Michele Miglionico Couture

Relation Press and Public Relations: Nicola Altomonte

Mobile: + 39 3405402210

Email: info@michelemiglionico.it

Website: www.michelemiglionico.it

Facebook: www.facebook.com/Michele Miglionico Fashion Designer

Wine …not ? 2018 – Incontri con le Cantine

venerdì 23 febbraio_2018_leone de castrisWine …not ? 2018 – Incontri con le Cantine
Venerdì 23 febbraio il primo incontro con Leone De Castris i
Per il secondo anno consecutivo, il Gran Caffè Ristorante Tito Schipa di Ostuni ospiterà Wine… not?.

Quattro incontri, quattro Venerdì enogastronomici che avranno come protagoniste altrettante Cantine di rilevanza nazionale ed internazionale: Leone De Castris il 23 febbraio, Ferrari Trento il 9 marzo, Claudio Quarta Vignaiolo il 6 aprile e Ruinart Champagne il 27 aprile.

Venerdì 23 febbraio, Leone De Castris inaugurerà l’edizione 2018. Nata a Salice Salentino nel lontano 1665, la cantina è celebre per aver imbottigliato e commercializzato nel mondo il primo vino rosato italiano, il Five Roses.

Ospiti d’eccezione, l’erede della famiglia Leone De Castris, Piernicola Leone De Castris e l’enologo Marco Mascellani.

Insieme a loro ci immergeremo in un viaggio alla scoperta degli abbinamenti perfetti per deliziare i nostri palati. Menù a cura del nostro chef Marco Favino.

Ad iniziare dal Messapia 2016, Verdeca, abbinato all’antipasto “purea di favetta con polpo croccante e cipollina di Acquaviva in agrodolce”.

A seguire Donna Lisa Bianco 2015, Malvasia Bianca che accompagnerà il primo piatto “orzotto con zucca, burro di mandorla e olio affumicato”.

Si continua con Five Roses Anniversario 2016, Negroamaro e Malvasia Nera abbinato a “filetto di merluzzo nordico all’arancia su crema di finocchio e capperi”.

E per concludere in dolcezza I Mille 2016, Aleatico, accompagnato al “soffice al cioccolato con caramello salato e nocciola croccante”.

Vi aspettiamo nel salotto del Tito Schipa di Ostuni.

Con cortese preghiera di pubblicazione.
In allegato locandina evento generica e locandina venerdì 23 febbraio LEONE DE CASTRIS

Per INFO e Prenotazioni +39 0831 093465

L’OperaSwing? Si suona a Mangia come scrivi

683ead41-c208-4ab8-81b0-82906535600fL’OperaSwing? Si suona a Mangia come scrivi
Giovedì 22 febbraio al Ristorante Il Garibaldi di Cantù il trio composto da Gianluca e Gabriele Campanini e dal tenore Pietro Brunetto

CANTÙ (Como) – Lo scorso settembre, a Parma, sono stati protagonisti dell’anteprima di Mangiacinema. Ora, con il loro spettacolo che ha ottenuto successo e strappato applausi anche a teatro, i musicisti Gianluca e Gabriele Campanini e Pietro Brunetto approdano in Brianza con “OperaSwing”. Sono loro gli ospiti del secondo appuntamento dell’anno della stagione lombarda di Mangia come scrivi, che andrà in scena (letteralmente) giovedì 22 febbraio al Ristorante Il Garibaldi di Cantù (Como), fortemente voluto dal direttore artistico Gianluigi Negri.

UNO SPETTACOLO A CENA
Da sempre le serate di Mangia come scrivi sono cene-spettacolo (per la leggerezza con cui si trattano i temi e si presentano i libri, per il coinvolgimento del pubblico e per il clima di familiarità che si crea tra commensali). In questo caso, “OperaSwing” (sottotitolo: “Da Parma a Chicago passando per la Bassa”) sarà uno show con musica, esibizioni live, racconti e proiezioni, che verrà proposto, in più atti, tra una portata e l’altra. I maestri Gianluca e Gabriele Campanini, con il giovane tenore Pietro Brunetto, faranno incontrare l’opera e lo swing, la grande musica italiana e americana, i suoni del Po e del Mississippi. I fratelli Campanini (il primo al pianoforte, il secondo al clarinetto) sono le due anime della storica Orchestra Campanini di Parma. Brunetto è una delle voci più potenti che si siano affacciate sulla scena musicale nell’ultimo periodo.

IL MENU
Lo spettacolo sarà ancor più gustoso grazie alle specialità proposte dagli chef del Garibaldi Alda Zambernardi e Marco Negri. Tra le quatto portate d’autore annunciate, uno speciale risotto alla barbabietola e gorgonzola malghese del Caseificio Croce di Casalpusterlengo e, come secondo, la tradizionale punta di vitello ripiena alla parmigiana. Il tutto innaffiato dai vini abruzzesi e toscani delle aziende Orlandi Cantucci Ponno e Castello di Radda, selezionati da Alfonso Galvano di Vineggiando (Cantù). Per informazioni sul ricco menu e prenotazioni: 031 704915.

A PARMA LA BLADY, A CANTÙ BACCINI
Sei giorni prima (venerdì 16 febbraio), alla Tenuta Santa Teresa di Parma, si inaugurerà Mangia come ridi, spin-off di Mangia come scrivi: la serata “Il paese dei cento violini” avrà come protagonista assoluta Syusy Blady.
Il successivo Mangia come scrivi a Cantù è previsto, invece, giovedì 15 marzo. L’ospite d’onore sarà il cantautore Francesco Baccini, protagonista della cena “Ho voglia di raccontarmi”.

Pregusta il menu di “OperaSwing”
Mangia come Scrivi / “Opera Swing”all’Antica Tenuta Santa Teresa (3)
GUARDA IL VIDEO – “OperaSwing” (anteprima di Mangiacinema a Parma): Pietro Brunetto canta “Nessun dorma” accompagnato dai maestri Campanini

www.mangiacomescrivi.it
www.mangiacomescrivi.it

Da Firenze a Miami passando per Dubai: febbraio intenso per l’aceto balsamico di Modena IGP

21c3f657-e78f-4f80-b93f-f37b5dc2e366Da Firenze a Miami passando per Dubai: febbraio intenso per l’aceto balsamico di Modena IGP

Il Consorzio di Tutela presente al Chianti Classico Collection il 12 e il 13, a Dubai il 20 per la 100per100 Italian Night e dal 21 al 25 febbraio sarà invece a Miami per il SOBEWFF

Inizia oggi da Firenze, il lungo viaggio che porterà l’Aceto Balsamico di Modena IGP a toccare tre Continenti in appena dieci giorni: da Firenze dove sarà protagonista il 12 e 13 febbraio alla Stazione Leopolda della Chianti Classico Collection 2018, si sposterà a Dubai per un esclusivo evento il 20 febbraio e poi volerà a Miami, per la 17° edizione del SOBEWFF che durerà fino al 25 febbraio.

L’appuntamento con il prezioso condimento è quindi alla Stazione Leopolda di Firenze dove si presenta sotto il cappello istituzionale di AICIG, nell’ambito di una partnership che si rinnova da anni tra il Consorzio Chianti Classico e una selezione delle più famose eccellenze agroalimentari italiane, di cui l’oro nero di Modena è uno dei più accreditati rappresentanti. In tale contesto l’Aceto Balsamico di Modena IGP è presente sia con materiale informativo sia con degustazioni ed incontri tematici su “Aceto Balsamico di Modena IGP, autentico all’origine”. Quella di Firenze si conferma una vetrina internazionale di tutto rispetto per questa denominazione che vanta il primato di essere la più esportata nel mondo – circa il 92% della produzione viene infatti indirizzato in oltre 120 Paesi dei cinque Continenti – e che nell’anno appena trascorso ha raggiunto una produzione di 97,5 milioni di litri per un valore al consumo di circa 970 milioni di euro, come stimato dal recente rapporto Qualivita-Ismea.

Da Firenze il tour del prezioso condimento si sposta a Dubai, per la serata 100per100 Italian Night ovvero l’evento di lancio del progetto “100per100 Italian” organizzato dall’associazione culturale no profit – nonché network – “I Love Italian Food”, che promuove e difende la cultura enogastronomica italiana nel mondo. L’evento, che si terrà in occasione di Gulfood 2018, è in programma per il 20 febbraio al The Artisan by Enoteca Pinchiorri all’interno del Bury Daman di Dubai e a rappresentare il Consorzio di Tutela in tale contesto ci sarà il Presidente Mariangela Grosoli a cui spetterà altresì l’onore e l’onere di consegnare uno dei riconoscimenti “100per100 Italian in Dubai” volto a premiare le più rilevanti realtà italiane presenti in città.

“Quella negli Emirati Arabi Uniti, considerati una delle più importanti porte per il Medio Oriente – commenta la Grosoli – rappresenta una occasione unica di valorizzazione per i prodotti agroalimentari italiani, tra cui anche l’Aceto Balsamico di Modena che è parte integrante della collaborazione con I Love Italian Food”.

Da un Continente all’altro in meno di 24 ore: dal 21 al 25 febbraio l’Aceto Balsamico di Modena è infatti pronto per aprirsi con il Consorzio di Tutela alla scena gastronomica di Miami partecipando al Food & Cooking Channel South Beach Wine & Food Festival (SOBEWFF), che mette in scena i più rinomati produttori di cibo, vino e liquori, cuochi e personalità del settore che registra un volume di oltre 65.000 ospiti per edizione. Tale partecipazione rientra nel progetto “Aceto Balsamico di Modena, l’originale”, cofinanziato dall’Unione Europea con il quale il Consorzio vuole sensibilizzare i consumatori americani in modo consapevole all’acquisto.

“Per la prima volta – spiega il Direttore Generale del Consorzio di Tutela Federico Desimoni – faremo parte di questo festival in Florida che riunisce i nomi più prestigiosi del mondo culinario e presenta eventi unici, mettendo in risalto cibo e vino di livello internazionale. Riteniamo che sarà una grande opportunità per la nostra campagna promozionale che mira a dare un contributo concreto alla consapevolezza della denominazione del prodotto”.

Nel dettaglio, la partecipazione del Consorzio a SOBEWFF inizierà giovedì 22 febbraio con la partecipazione al Barilla’s Italian Bites on the Beach, dove i più grandi chef del Paese serviranno piatti provenienti da varie regioni d’Italia tra cui si può trovare anche una reinterpretazione dell’Aceto Balsamico di Modena. Venerdì 23 febbraio il Consorzio parteciperà invece al Trade Day di Wine Spectator, presentato da Beverage Media Group e ospitato da Southern Glazer’s Wine & Spirits mentre sabato 24 e domenica 25 sarà tra i protagonisti dell’evento caratteristico del festival, “The Goya Foods Grand Tasting Village” che si svolgerà sulla sabbia, nel cuore di Miami Beach con dimostrazioni culinarie di oltre 50 ristoratori e assaggi di cibi e vini provenienti da tutto il mondo. Negli stessi giorni il Consorzio parteciperà inoltre a numerosi eventi collaterali, con l’obiettivo di stringere relazioni forti con chef e operatori locali.

Ufficio Stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel. 335 6130800 mail: marzia.morganti@gmail.com
www.consorziobalsamico.it

Con Olio Capitale torna “A cena con l’oleologo”

portogruaro-01In occasione del Salone degli Oli Extravergini e di Qualità organizzato da Aries – Camera di Commercio della Venezia Giulia

Con Olio Capitale torna “A cena con l’oleologo”

Menù a tema e degustazioni guidate con l’assaggiatore di olio a Portogruaro, Treviso e Pordenone ma anche nei ristoranti della città di Trieste

Olio Capitale esce dai confini della Stazione Marittima di Trieste portando gli oli extra vergine protagonisti del Salone internazionale organizzato da Aries – Camera di Commercio della Venezia Giulia (3 – 6 marzo) in tre ristoranti di Portogruaro, Treviso e Pordenone. Dopo il successo della prima edizione torna “A cena con l’oleologo”, il ciclo di serate dedicate all’extra vergine realizzate in collaborazione con l’Associazione nazionale Città dell’Olio, per promuovere la cultura dell’olio. Giovedì 15 febbraio sarà il ristorante “Alla Botte” di Portogruaro ad “aprire le danze”, ospitando la prima serata del ciclo. Un’occasione unica per scoprire gli oli di sei produttori della Regione Liguria (Frantoio Ghiglione, Giuseppe Calvi & C., Antico Frantoio Tavian di Druetti Milko & C. Sas, Az agr Ada Musso ss., Az. agr. Ramella e Lucchi e Guastalli srl), chiamati ad esaltare i piatti della cucina tipica locale preparati dalle mani esperte dello chef Luigi Zanco. Per celebrare al meglio la Quaresima, lo chef Zanco proporrà, infatti, alcune ricette dal sapore antico, oggi ricercatissime, a base di aringa e baccalà. Da persona innamorata delle proprie radici, ci regalerà intense emozioni attraverso rivisitazioni che uniscono tradizione e innovazione, frutto delle sua grande sensibilità ed esperienza. A rendere ancora più speciale la serata è la presenza di Marcello Scoccia, assaggiatore professionista, vice presidente tecnico e capo panel di ONAOO e responsabile del blending e dell’analisi sensoriale presso aziende leader mondiali nel settore dell’olio di oliva che guiderà il viaggio alla scoperta degli oli liguri e della cultivar protagonista: la pregiata Taggiasca. La serata “Alla Botte” sarà anticipata da un aperi-cena con degustazione, riservata ai ristoratori della zona e ad un gruppo selezionato di esperti del settore. I prossimi due appuntamenti di “A cena con l’oleologo” sono previsti il 22 febbraio presso la Trattoria “L’isola” di Treviso e il ristorante “Podere dell’Angelo” a Pordenone. Ma c’è di più, dal 26 febbraio al 6 marzo anche nei ristoranti della città di Trieste sono previsti aperitivi e menù a tema con i piatti della cucina tipica friulana esaltati dagli oli regionali protagonisti della Fiera. Quest’anno i ristoratori proporranno una carta degli oli illustrata dall’oleologo, l’assaggiatore di olio che accompagnerà i commensali nel percorso di scoperta degli oli abbinati ai piatti.

Associazione nazionale Città dell’Olio

C/o Villa Parigini

Strada di Basciano, 22 – 53035 Monteriggioni (Si)

Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042

Per contatti stampa

Natascia Maesi

+ 39 335 1979414

natascia.maesi@gmail.com

Ufficio stampa Aries – Olio Capitale

Andrea Bulgarelli +39 040 6701264 – + 39 335 7824405 – andrea.bulgarelli@ariestrieste.it

Mattia Assandri +39 040 6701216 – comunicazione@ariestrieste.it

Natascia Maesi
Giornalismo & Comunicazione
mobile +39 335 1979414
natascia.maesi@gmail.com

Firenze e cioccolato: mercoledì 7 marzo in piazza ss Annunziata live Cooking di chef Alessandro Borghese

Firenze-e-Cioccolato logo BFirenze e cioccolato: mercoledì 7 marzo in piazza ss Annunziata live Cooking di chef Alessandro Borghese

Appuntamento da non perdere nel ricco calendario di eventi
della Fiera del Cioccolato Artigianale, in programma dal 2 all’11 marzo

Appuntamento da non perdere per curiosi ed amanti del mondo cioccolato quello in programma MERCOLEDI’ 7 MARZO nel cuore Firenze! A partire dalle ore 15 in Piazza SS. Annunziata si svolgerà il live cooking di chef ALESSANDRO BORGHESE, “guest star” della XIV edizione della Fiera del Cioccolato Artigianale – in programma dal 2 all’11 marzo – che creerà per il pubblico un piatto rigorosamente a tema (necessaria prenotazione).

L’incontro con chef Borghese rappresenta il momento clou del ricchissimo calendario di eventi e iniziative proposto quest’anno da FIRENZE E CIOCCOLATO, dieci giornate scandite da degustazioni, food show, laboratori e molto altro ancora: su tutto gli assaggi proposti dagli oltre venti maestri cioccolatieri provenienti da tutta Italia, che guideranno il pubblico in un goloso viaggio da nord a sud della Penisola nell’universo del cioccolato e delle sue più originali interpretazioni artigianali.

La manifestazione, ad ingresso gratuito ed aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22, è organizzata da JDEvents di Firenze. Fra i collaboratori il maître chocolatier Andrea Bianchini.

Programma e aggiornamenti sono disponibili sul sito: www.fieradelcioccolato.it
Facebook: https://www.facebook.com/FieraCioccolatoFirenze/
Info: 055.433349 | info@fieradelcioccolato.it

Ufficio Stama: Marco Ghelfi
347.0613646 | marco@studioumami.com
Studio Umami | www.studioumami.com
giornalismo, ufficio stampa, organizzazione eventi food

Un tocco di romanticismo per San Valentino in Francia

tour eiffelUn tocco di romanticismo per San Valentino in Francia
Idee perfette per una vacanza di coppia, nei giorni della Festa degli Innamorati…la Francia ha proposte su misura per un fuga-a-due…

UNA VACANZA ROMANTICA A NIZZA

Nizza è una città fatta per gli innamorati, un vero meraviglioso “filtro d’amore”.
Un clima deliziosamente mite che invita ad andare spasso per la città, la luce così particolare dell’inverno che ispira momenti poetici, i profumi, i colori, i sapori che accendono i sensi e invitano ai piaceri del gusto. Il posto giusto per godersi una vacanza romantica!

Idee speciali per viaggi in coppia

Scegliete tra le tante proposte per San Valentino il soggiorno più adatto a voi e venite a scoprire Nizza d’inverno, destinazione romantica per eccellenza, dal clima mite e dalla fascinosa arte di vivere. Le offerte comprendono: pernottamento e prima colazione, champagne in camera, petali di rosa sul letto, cioccolatini…* ogni proposta ha un tocco di romanticismo in più: sul sito tutti i dettagli su misura
Il forfait su misura. Sono ben 28 le proposte per San Valentino che potete trovare sul sito di nicetourisme. Hotel di tutte le categorie e tariffe a partire da 89€ Validità dal 10 al 19 febbraio, prenotazioni on line sul sito :
http://reservation.nicetourisme.com/z12225_it-.aspx?Param/ListeIdTheme=515

E dopo San Valentino…

Prolungate il vostro soggiorno per assistere al Carnevale di Nizza!
Dal 17 febbraio al 3 marzo 2018, il Carnevale di Nizza sarà il “Re dello spazio”. La manifestazione invernale più importante della Costa Azzurra, uno dei più grandi Carnevali del mondo, propone un programma di spettacoli indimenticabili… Partecipate alla feste in famiglia, con gli amici o in coppia! Per evitare fastidi e code, prenotate on line l’albergo e i biglietti sul sito ufficiale del Carnevale di Nizza
it.nicecarnaval.com

STRASBURGO, AMORE MIO!

E’ una delle città più romantiche di Francia: il cuore antico, la meravigliosa cattedrale, le case a graticcio, i vicoli e le piazzette pittoresche, i canali e i ponti, un’atmosfera che incanta. Non a caso la città ha sempre attratto visitatori in tutte le epoche e tanti personaggi famosi…Una location perfetta per una vacanza per San Valentino! 10 giorni di eventi batticuore. Per il sesto anno consecutivo infatti, la capitale europea si mobilita per festeggiare gli innamorati con una programmazione che è insieme poetica, culturale, glamour… e un po’ fuori dalle righe! Perché a Strasburgo San Valentino dura dal 9 al 18 di febbraio: in programma dieci giorni di eventi romantici, insoliti ed esaltanti, che celebrano gli innamorati da ogni parte arrivino. Serate festose, estasi gastronomiche in tête-à-tête, bagni notturni, concerti esclusivi, mostre mitiche, visite insolite e tante soprese per (ri)scoprire la città in modo davvero unico.
L’Offerta speciale « San Valentino » riservata agli innamorati comprende: -sistemazione in camera doppia all’Hotel du Dragon, 4 stelle in pieno centro, con prima colazione a buffet « Healthy & Gourmand » per 2
-1 bottiglia di Crémant rosé e cioccolatini in camera all’arrivo
-WIFI gratis
-2 city-pass « Strasbourg » validi per 3 giorni consecutivi
Prenotazioni su riserva di disponibilità- Validità fino al 4 marzo 2018 (weekend compresi)
Tariffa 99 € TTC / notte + 2,45 € tassa di soggiorno /persona.
Prenotazioni on line o per telefono (0033-(0)3-88357980) utilizzando il codice di promozione ‘VALENTINO’
http://www.secure-hotel-booking.com/Hotel-du-Dragon/2V6P/dateselection?&rate=VALENTINO

A PARIGI IN TGV PER UN SAN VALENTINO ULTRAROMANTICO NELLA VILLE LUMIÈRE

TGV è il treno della gioia e del romanticismo per raggiungere la meta perfetta per trascorrere San Valentino : Parigi. I luoghi più belli da vedere e rivedere, eccellenti ristoranti e bistrot per una cena a due, gli scenari più romantici… c’è solo l’imbarazzo della scelta. Festeggiare San Valentino a Parigi è sempre un must. E la vacanza inizia fin dalla salita a bordo: il TGV e la capitale francese, infatti, sono lo scenario ideale per un bacio, un abbraccio e magari, perché no ?, per una proposta di matrimonio…
Con TGV, Milano-Parigi da 39€*!Acquista i biglietti su OUI.sncf, nelle agenzie di viaggio e nella boutique SNCF di Milano Porta Garibaldi.
https://it.oui.sncf/it/joie-de-voyager-tgv-italia
#TGVTVB
*Tariffa Mini per singolo passeggero, valida per una solo andata in 2° classe su TGV Italia-Francia. La tariffa è valida per un numero limitato di date e treni dall’Italia verso la Francia e viceversa. Tariffa in vendita nel limite dei posti disponibili.

E PERCHÉ NON REGALARE UN VIAGGIO IN AEREO A PARIGI ?

Per far felice la vostra lei o il vostro lui, approfittate delle offerte Air France: per acquisti fino al 15 febbraio (in tempo per mettere il ticket aereo nel biglietto di auguri per San Valentino!), tariffe davvero speciali per un viaggio da fare in primavera-estate.
Air France quest’anno aggiunge tre nuove destinazioni dall’Italia: Catania, Bari e Cagliari. Nuovi voli per raggiungere rapidamente la Ville Lumière e, tramite l’hub di Parigi-Charles de Gaulle, decine di destinazioni in tutto il mondo
-Nuovo volo da Catania a Parigi Charles de Gaulle, tre volte a settimana dal 27 marzo al 24 giugno
-Nuovo volo da Bari a Parigi Charles de Gaulle, cinque volte a settimana dal 18 luglio al 2 settembre
-Nuovo volo da Cagliari a Parigi Charles de Gaulle, tutti i giorni dal 16 luglio al 2 settembre

Per l’apertura di queste nuove rotte Air France lancia una promozione a 79 € a/r per tutti i passeggeri in partenza da Cagliari e da Bari che acquisteranno il biglietto entro il 15 febbraio 2018, e da 99 € da Catania
https://www.airfrance.it/IT/it/local/resainfovol/meilleuresoffres/tariffe_parigi.htm

Harry di Prisco

Valorizzazione e promozione: la settimana di AICIG tra incontri formativi e Chianti Classico Collection

Valorizzazione e promozione: la settimana di AICIG tra incontri formativi e Chianti Classico Collection

Dopo gli Oliveti Terrazzati di Vallecorsa altri 3 paesaggi olivicoli entrano nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale

Si profila una settimana impegnativa ma proficua per l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche. Proseguono infatti i seminari formativi organizzati da AIGIC con il sostegno del MIPAAF e inizia altresì la stagione delle anteprime dei grandi Consorzi del Vino, con alcune Denominazioni protagoniste sotto il cappello istituzionale dell’Associazione di degustazioni e incontri.

L’incontro formativo si è tenuto ieri a Roma presso la sede di AICIG ed è stato incentrato sul tema delle azioni di valorizzazione, tutela e vigilanza che i vari Consorzi sono chiamati a svolgere, attraverso le analisi economiche di mercato che i Consorzi stessi sono tenuti a realizzare. In particolare, sono stati esaminati i dati relativi all’andamento dei consumi, conoscenza fondamentale da rapportare con quantità prodotta, giacenze ed export, per poter individuare le azioni più opportune di valorizzazione. Fabio Del Bravo ed Antonella Giuliano di Ismea hanno presentato i risultati del progetto portato avanti con Aicig di rilevazione dei consumi su formaggi e prosciutti DOP.

Lunedì 12 e martedì 13 febbraio alla Stazione Leopolda di Firenze è invece tempo di anteprime con il Chianti Classico grande protagonista e anche quest’anno AICIG sarà presente all’evento con un calendario di incontri e degustazioni.

“Si rinnova la collaborazione fra i Consorzi di Tutela del vino e del cibo nell’ottica dell’aggregazione per creare sinergie operative di immagine e di comunicazione per promuovere il patrimonio italiano del cibo – commenta il Presidente di AICIG Nicola Baldrighi – e anche quest’anno tra i partner della manifestazione ci saranno importanti nomi dell’enogastronomia e dell’industria a questo legata, come alcuni dei migliori prodotti DOP e IGP italiani che si presentano sotto il cappello istituzionale dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche”.

I momenti di incontro e degustazione saranno curati in particolare da Consorzio Tutela del Formaggio Parmigiano-Reggiano DOP, Consorzio del Prosciutto Toscano DOP, Consorzio di Tutela della Finocchiona IGP, Consorzio di Tutela Oliva da Mensa La Bella della Daunia DOP, Consorzio per la Tutela del Formaggio Mozzarella di Bufala Campana DOP, Consorzio di Tutela Pecorino Toscano DOP, Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP e Consorzio Tutela Grana Padano DOP. Dodici gli appuntamenti calendarizzati, sei nella giornata di lunedì 12 e altrettanti martedì 13: per ciascuno dei due giorni si alterneranno abbinamenti al buio tra Finocchiona IGP e Chianti Classico DOCG, degustazioni di Parmigiano Reggiano DOP di lunga stagionatura, incontri tematici su Aceto Balsamico di Modena IGP, degustazioni guidate di Olive DOP La Bella della Daunia, sinergie di sapori tra Grana Padano DOP Riserva e Chianti Classico DOCG, messa a confronto tra territori della Mozzarella di Bufala Campana DOP e del Chianti Classico DOCG ed in più, in entrambi i giorni a rotazione dalle 10 alle 18 sono previsti incontri su Olio DOP Chianti Classico, Prosciutto Toscano DOP e Pecorino Toscano DOP.

Ufficio Stampa AICIG – Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche
Marte Comunicazione, Marzia Morganti cell. 3356130800 marzia.morganti@gmail.com, Niccolò Tempestini cell. 3398655400 ntempestini@gmail.com, www.martecomunicazione.com – www.aicig.it

Il Presidente AICIG Nicola Baldrighi
Marchi DOP e IGP

Sanremo 2018 come gli Oscar

213141516-61411927-6e6a-4b2b-a999-454cd5770336(1)Sanremo 2018 come gli Oscar

A Sanremo il modello italiano e il nostro sistema che hanno qualcosa di inimitabile: il connubio tra creatività e tecnologia che gli altri mercati non posseggono fanno sì che l’italian style sia diventato nel mondo sinonimo di fashion and luxury.
E SanRemo è una dimostrazione, quest’anno si punta sull’eleganza da red carpet con smoking ricamati e abiti di Michelle che la rendono una fata gentile, facendosi guidare dall’idea del sogno di questa chance 12573814_1102084079811326_2278947271935569067_n(1)artistica e dunque abiti elegantissimi, da favola creati appositamente per lei, rigorosamente e volutamente made in Italy.
Look da red carpet con un tributo speciale a Giorgio Armani, per l’outfit della prima sera, appuntato sulla spalla il fiore bianco (i fiorai di Sanremo hanno registrato il tutto simbolo della lotta contro la violenza alle donne. Claudio Baglioni in Scervino, una affascinante Vanoni in Antonio Riva.
Tra i giovani che saliranno sul palco Leonardo Monteiro, vestito da Marta Jane Alesiani, che canterà “Bianca”, una dolcissima canzone che metterà in evidenza le sue doti Cover Bianca Leonardo Monteirocanore. Il suo outfit lo completa “Maledetti Toscane”, calzature fatte a mano. Ai piedi di Doriana Koumanova, l’unica direttrice d’orchestra donna sul palco dell’Ariston, scarpe di O’Jour di Giorgia Caovilla.
Quest’anno Novità la VIP Lounge di Casa SanRemo presenta tante novità, come la location dedicata alle interviste e relax dei cantanti e personaggi di questo Festival, l’angolo trucco curato dalla HM di Luciano Carino,
nel corner Beauty presenti le O’Jour shoes e Aleph Bags, e, a coronamento di una postazione glamour, Berg Gioielli, per essere fate in una notte incantata…..come dice Jovanotti…”Le canzoni non devono essere belle, devono essere stelle, illuminare la notte, far ballare la gente”

Scouting Cristina Vittoria Egger ..

Paesaggi rurali: salgono a 5 le Città dell’Olio che ottengono il riconoscimento del Mipaaf

Paesaggi rurali: salgono a 5 le Città dell’Olio che ottengono il riconoscimento del Mipaaf

Si tratta della Fascia Olivetata Pedemontana di Assisi-Spoleto (Trevi-capofila, Assisi, Spoleto, Spello, Foligno, Campello sul Clitunno), del Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo di Venafro e del Paesaggio Policolturale di Trequanda

Uno storico risultato per l’Associazione nazionale Città dell’Olio. Dopo gli Oliveti Terrazzati di Vallecorsa ed del Paesaggio Agrario della Piana degli Oliveti Monumentali di Puglia altri 3 paesaggi olivicoli della Rete dei territori italiani a vocazione olivicola, entrano nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale del MIPAAF.

Si tratta della Fascia Olivetata Pedemontana di Assisi-Spoleto (Trevi, Assisi, Spoleto, Spello, Foligno, Campello sul Clitunno) – Umbria, del Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo di Venafro (Is) – Molise e del Paesaggio Policolturale di Trequanda (Si) – Toscana. L’attribuzione è avvenuta da parte dell’Osservatorio Nazionale del Paesaggio Rurale delle Politiche Agricole e Conoscenze Tradizionali che si è riunito ieri a Roma tra applausi, strette di mano e tanta emozione.

“Voglio congratularmi personalmente con i sindaci delle Città dell’Olio di Venafro, Trequanda, Trevi, Assisi, Spoleto, Spello, Foligno, Campello sul Clitunno per il prestigioso traguardo raggiunto – ha commentato a caldo Enrico Lupi presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio – e voglio ringraziare anche tutto lo staff dell’Associazione che ho l’onore di rappresentare per aver lavorato senza sosta a questo sogno che diventa realtà. Sono passati tre anni dall’inizio di questa avventura. Ci abbiamo creduto, promuovendo la candidatura di ben 31 paesaggi olivicoli di 12 Regioni italiane. Solo 15 di essi hanno superato la prima durissima selezione e tra loro ad oggi 5 hanno già ottenuto il riconoscimento sperato. Un bilancio provvisorio che non può non renderci orgogliosi e che ci sprona a fare sempre di più per la valorizzazione e tutela del paesaggio e della biodiversità, una ricchezza tutta italiana, che il Ministero ha finalmente deciso di “certificare” e proteggere attraverso uno strumento concreto che serve a rafforzare le identità territoriali e farne percepire il valore storico, naturalistico ma anche economico”.

Associazione nazionale Città dell’Olio

C/o Villa Parigini

Strada di Basciano, 22 – 53035 Monteriggioni (Si)

Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042

Per contatti stampa e web

Natascia Maesi – 335 1979414 info@cittadellolio.it

Barcelona Dance Award 2018. Concorso Internazionale per Scuole e Gruppi di Danza

Barcelona Dance Award 2018. Concorso Internazionale per Scuole e Gruppi di Danza dal 28 Marzo al 1 Aprile 2018 (durante le vacanze pasquali)

dancecompetitionspain2018 (dancecompetitionspain2018@aruba.it)

Barcelona Dance Award 2018 dal 28 Marzo al 1 Aprile 2018 (durante le vacanze pasquali).

Concorso Internazionale per Scuole e Gruppi di Danza; prevede sezioni per la Danza Classica
e Neoclassica, Contemporanea, Moderna , Jazz, Fusion, Hip Hop, Tap, Carattere, Musical ecc.

Le Vs. allieve/i saranno entusiasti di confrontarsi con danzatori europei, americani,
asiatici, africani e australiani di pari eta’ e livello.

… e sarete i protagonisti del Campionato del Mondo per Scuole di Danza!

regolamento e costi sul sito:
<barcelonadance .org/it.htm>

infoe-mail:
dancebarcelona@katamail.com

dancecompetitionspain2018@aruba.it

Fiera Biosalute Santa Lucia di Piave (Tv)

Fiera Biosalute Santa Lucia di Piave (Tv)

9 – 11 marzo 2017

Fiera del benessere naturale biologico e biodinamico
3000 metri quadrati di spazio espositivo coperto.

Syusy Blady è la prima ospite di Mangia come ridi

4631b8e1-d4fd-400f-9c24-813d090edbbeSyusy Blady è la prima ospite di Mangia come ridi
Venerdì 16 febbraio cena comico-surreale-artistica all’Antica Tenuta Santa Teresa di Parma

PARMA – Lo scorso ottobre aveva chiuso Mangiacinema (la Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso di Salsomaggiore Terme, dedicata, nell’edizione 2017, a Federico Fellini), ora inaugura Mangia come ridi. E’ Syusy Blady la prima ospite del ciclo di tre cene comico-surreali-artistiche che danno vita allo spin-off di Mangia come scrivi, dopo la grande festa per il 150° appuntamento della storica rassegna, svoltasi in gennaio. L’attrice bolognese venerdì 16 febbraio (data inizialmente annunciata per il 23 febbraio, poi anticipata di sette giorni) sarà protagonista della serata “Il paese dei cento violini” all’Antica Tenuta Santa Teresa di Parma.

L’INCREDIBILE STORIA DEL PAESE DEI CENTO VIOLINI
Con il suo nuovo libro “Il paese dei cento violini” (Piemme, scritto con Giovanni Zucca), la turista più famosa d’Italia racconta la storia (vera) di tre donne battagliere che, nel secolo scorso, ballando e suonando, hanno lottato per conquistare il diritto a una vita migliore a tempo di valzer. Qualche mese prima era uscito “I miei viaggi che raccontano tutta un’altra storia” (Verdechiaro). E, tra un programma tv e l’altro, lo scorso anno la Blady è tornata al cinema (era la sorella della Luna ne “La voce della Luna”, ultimo film di Fellini) con “La signora Matilde”, divertente “docummedia” su Matilde di Canossa.

IL MENU REGGIANO (E UN PO’ PARMIGIANO)
Per rendere omaggio all’ambientazione reggiana (Santa Vittoria di Gualtieri) del libro della protagonista, lo chef della Tenuta Paolo Dall’Asta proporrà alcune sue rivisitazioni dei piatti della tradizione d’Oltrenza. I quattro vini selezionati da Il Bere Alto di Claudio Ricci saranno frizzanti e spumanti biologici dell’Azienda di Quattro Castella Venturini Baldini, mentre il dolce firmato dall’artista pasticciere Alessandro Battistini (Pasticceria Battistini) sarà una classica e deliziosa torta Sacher decorata con le violette, dunque con un pizzico di “parmigianità”. La cena inizierà alle 21 (info sul ricco menu e prenotazioni: 0521 462578).

LA COLLABORAZIONE CON TRE ONLUS
Mangia come ridi si svolge in collaborazione con le onlus Fidenza per i bambini nel mondo, AltRamarea e Orizzonti Nuovi di Parma. Per ogni partecipante verrà devoluto un euro alle associazioni, ma ci sarà la possibilità di raccogliere ulteriori donazioni durante le serate. Il presidente di Fidenza per i bambini nel mondo Mario Albi (in partenza per il Madagascar) sarà presente alla cena di marzo ed illustrerà i progetti africani e italiani (a Camerino) nei quali la onlus è attualmente impegnata.

LA SETTIMANA SUCCESSIVA A CANTÙ E IL PROSSIMO MESE A PARMA
Giovedì 22 febbraio, nella stagione lombarda di Mangia come scrivi, al Ristorante Il Garibaldi di Cantù si terrà lo spettacolo “OperaSwing” con i fratelli Campanini (Gianluca alle tastiere e Gabriele al clarinetto) ed il tenore Pietro Brunetto. Il secondo appuntamento di Mangia come ridi a Parma si terrà invece venerdì 16 marzo, con Alberto Patrucco protagonista della cena “Pessimismo comico”.
Pregusta il menu del Paese dei cento violini
La Torta Sacher del Maestro Pasticciere Alessandro Battistini
Invito a cena con Syusy Blady
Invito a Mangia come ridi
Seguici su Facebook
Seguici su Facebook
www.mangiacomescrivi.it
www.mangiacomescrivi.it

Contatti:
www.mangiacomescrivi.it

Concorso Internazionale per stilisti

Locandina (def.rid) PREMIO MODA 2018Concorso Internazionale per stilisti

10^ edizione – Matera (Italy), 7 – 8 giugno 2018

Scadenza iscrizioni (21 febbraio 2018),

Il 7 e 8 giugno 2018 è in programma il Premio Moda® “Città dei Sassi”, concorso internazionale per stilisti giunto alla 10^ edizione e che anche quest’anno celebra l’evento attraverso il tema “moda, eleganza e creatività”.

Il premio è una competizione di stilisti di alta moda istituito per promuovere artigiani/creativi della moda in total look femminile provenienti da ogni parte del mondo che partecipano all’evento per mettere in luce le proprie capacità artistiche e farsi conoscere attraverso i media ad un pubblico internazionale grazie alla presenza di esponenti della moda, degli organi di stampa, delle reti televisive e del pubblico.

Il concorso ha lo scopo di selezionare e premiare creatori e fashion designers per promuovere e valorizzare il talento attraverso la presentazione in passerella di originali creazioni d’alta moda e prèt à porter nella città di Matera, Città Unesco e designata a Capitale Europea della Cultura nel 2019.

Sono ammessi:

diplomati di Accademie, Università e/o scuole statali e private, professionisti disegnatori, stilisti di moda, modellisti, operatori moda e autodidatti che abbiano compiuto il 18° anno di età.

Quest’anno i concorrenti potranno partecipare per una o più sezioni e precisamente:

A) Premio Moda® 2018 Haute Couture; B) Premio Moda® Cinema – Haute Couture; C) Premio Moda® “Matera” Capitale Europea della Cultura 2019; D) Premio Moda® Tendence – Prét à Porter; E) Premio Moda® Eco-Friendly Innovation.

Saranno attribuiti i seguenti premi:

1) Premio Moda® “Città dei Sassi” – 2) Premio Moda® Prèt à Porter – 3) Premio Moda® al Cinema (dedicato all’attrice Claudia Cardinale) – 4) Premio Moda® “Matera 2019” – 5) Premio Moda® della Critica – 6) Premio Moda® Giornalistico – 7) Premio Moda® Eco-Friendly Innovation.

Successivamente, a chiusura dei termini di iscrizione (21 febbraio 2018), una giuria tecnica, appositamente nominata, decreterà gli otto stilisti finalisti che avranno la possibilità di presentare una collezione di creazioni di moda, nello specifico di Alta Moda Donna e Prét à Porter Donna, sezioni Abbigliamento e Accessori.
Nella serata dell’evento, davanti a una giuria speciale composta da esperti e rappresentanti illustri del mondo della moda italiana, dell’imprenditoria locale e delle associazioni di categoria, affiancata da una giuria composta da rappresentanti della stampa, gli stilisti proporranno le proprie originali creazioni nella suggestiva Città dei Sassi.

Concluso il premio, l’evento continua sul sito web www.premiomoda.it attraverso una vetrina virtuale del “Premio Moda®” per far rivivere non solo la serata, ma anche il fascino della città dei Sassi.

Il successo del Premio Moda Città dei Sassi va ricercato nel sempre maggiore impegno profuso dall’organizzazione nel migliorare la manifestazione, sempre più apprezzata dalla stampa specializzata.

Al Premio Moda® 2018 si registra la presenza di numerose personalità provenienti dal mondo istituzionale, della moda, del giornalismo, della tv e del cinema. In proposito gli organizzatori hanno avviato importanti collaborazioni con stilisti e personaggi illustri del panorama italiano i cui nomi verranno resi pubblici durante la conferenza stampa che si terrà a Matera nei primi giorni del mese di giugno 2018.
La consapevolezza di avere come cornice dell’evento in oggetto una location di altissimo livello culturale rafforza la grande attrazione da parte degli addetti ai lavori nei confronti del Premio Moda® promosso da dieci anni consecutivi nella Città dei Sassi dalla Publimusic.com di Matera in collaborazione con l’Associazione Culturale “Officina della Cultura”.

Il concorso scade il 21 febbraio 2018.

Regolamento e condizioni per la partecipazione al concorso sono disponibili su richiesta a: concorso@premiomoda.it oppure concorsopremiomoda@gmail.com

Officina della Cultura

Dott. Vincenzo Scasciamacchia

PREMIO MODA® – CITTA’ DEI SASSI

Press Office: Nicola Altomonte

Mobile: + 39 340 5402210

Website: www.premiomoda.it

Email : premiomodamatera@libero.it

Sanremo 2018

IMG_4359Sanremo 2018

La musica il fashion e i fiori
L’Ariston come il Dolby Theatre

Come dice Jovanotti…”Le canzoni non devono essere belle, devono essere stelle, illuminare la notte, far ballare la gente”…….a Sanremo il modello italiano e il nostro sistema che hanno qualcosa di inimitabile: il connubio tra creatività e tecnologia che gli altri mercati non posseggono fanno sì che l’italian style sia diventato nel mondo sinonimo di fashion and luxury. E SanRemo è una dimostrazione, quest’anno si punta, oltre alla musica, anche sull’eleganza da red carpet con smoking ricamati e abiti di Michelle che la rendono una fata gentile, facendosi guidare dall’idea del sogno di questa chance artistica e dunque abiti elegantissimi, da favola creati appositamente per lei, rigorosamente e volutamente made in Italy.
Look da red carpet con un tributo speciale a Giorgio Armani, una pioggia di stelle filanti IMG_4401per l’outfit della prima sera, appuntato sulla spalla il fiore bianco, emblematico (i fiorai di Sanremo hanno registrato il tutto esaurito per i ranuncoli) il fiore come simbolo della lotta contro la violenza alle donne.
Claudio Baglioni in Scervino, una affascinante Vanoni in Antonio Riva, tra i giovani Leonardo Monteiro, vestito da Marta Jane Alesiani, con la sua splendida “Bianca”, una dolcissima canzone che metterà in evidenza le sue doti canore. Il suo outfit lo completa “Maledetti Toscani”, calzature fatte a mano. Ai piedi di Doriana Koumanova, l’unica direttrice d’orchestra donna sul palco dell’Ariston, scarpe di O’Jour di Giorgia Caovilla.
Quest’anno ottimi cambiamenti per la VIP Lounge di Casa San Remo che presenta tante novità, come la location dedicata alle interviste e relax dei cantanti e personaggi di IMG_4400questo Festival, l’angolo trucco curato dalla HM di Luciano Carino, nel corner Beauty presenti le O’Jour shoes e Aleph Bags, e, a coronamento di una postazione glamour, Berg Gioielli, per essere fate in una notte incantata…..
E in una città che diventa un contenitore di cantanti, telecamere, giornalisti, un allestimento molto particolare nel storico negozio Spinnaker a pochi passi dal Ariston, Claudio Betti , vicepresidente della Camera Buyer Nazionale Italia, ha voluto le vetrine con le illustrazioni di copertine dischi di Crepax, create negli anni ‘80.
Il fashion a San Remo, dopo i grandi brand ecco i nuovi talenti, fra tutti Marta Jane Alesiani che ha creato gli outfit per Leonardo Monteiro, la sua “Bianca” è la proposta più attesa delle nuove proposte.

La ringraziamo per l’intervista che ci ha concesso, con le foto di Gabriele Vinciguerra.

La sua particolare solarità interiore riflette anche nelle sue creazioni, in modo così incisivo che i suoi capi sembrano avere un’Anima. Può confermare questa teoria e spiegarla?

27657088_1945268348849167_3315443894161202463_nCredo profondamente che ogni creazione abbia un’Anima, per questo quando creo mi entusiasmo e cerco sempre di trasmettere la mia energia positiva . Ogni volta che disegno, ogni volta che insieme all’ago e al filo si viene a creare un’armonia vincente , trasferisco alle mie creazioni una propria identità .Lavoro con molta dedizione e serietà unendo alla professionalità la mia passione per la Vita e per le mie Origini. Gli abiti, come suggerisce

A SanRemo aspettando “Bianca”

cred ph Gabriele Vinciguerra.(1)A SanRemo aspettando “Bianca”

Lo Stile di Marta Jane Alesiani incanta Leonardo Monteiro

La sua particolare solarità interiore riflette anche nelle sue creazioni, in modo così incisivo che i suoi capi sembrano avere un’Anima. Può confermare questa teoria e spiegarla?

Credo profondamente che ogni creazione abbia un’Anima, per questo quando creo mi entusiasmo e cerco sempre di trasmettere la mia energia positiva . Ogni volta che disegno, ogni volta che insieme all’ago e al filo si viene a creare un’armonia vincente , trasferisco alle mie creazioni una propria identità .Lavoro con molta dedizione e serietà unendo alla professionalità la mia passione per la Vita e per le mie Origini. Gli abiti, come suggerisce la parola stessa, sono abitazioni. Quello che indossi è la casa che decidi di portare con te per tutto il giorno , è proprio per questo motivo che la mia dedizione è ancora più attenta. Il mio scopo non è mettere il mio nome su quel capo , ma far si che quel capo trasmetta l’energia positiva che lo ha creato , affinché venga percepita da chi lo indossa. Vivere nei colori e sentire le loro vibrazioni ci rende diversi, migliori, perché ogni sfumatura cromatica ha la capacità di influenzare il nostro umore. Il mio intento è realizzare sogni..non solo abiti .

Lei ama i colori e ama anche la Musica, in questo caso più che mai , visto che si ritrova a vestire una delle giovani promesse di Sanremo , che ne pensa di questa manifestazione?

Il Festival di Sanremo è sempre stato un fiore all’occhiello per il panorama musicale Italiano, e non solo. E’ da più di 60 anni che rappresenta la maggiore competizione canora riconosciuta a livello mondiale. Considerandolo dal punto di vista canoro, ho spesso seguito il Festival, attratta dalla curiosità di ascoltare brani innovativi e ammetto anche per sbirciare le scelte stilistiche di conduttrici e big.

Com’è nato l’incontro con Leonardo Monteiro ?

L’incontro con Monteiro nasce grazie al mio Ufficio Stampa, la brillante Gabriella Chiarappa, che contattando la sua Manager Dariana Koumanova , è riuscita ad organizzare un meeting a Milano per poterci conoscere e per far vedere loro le mie creazioni. Ci siamo presentati all’incontro Io, Gabriella e il fotografo internazionale Gabriele Vinciguerra, ricordo che avevo una valigia gigantesca piena di proposte. Il primo impatto è stato incredibile, Leonardo ti travolge con la sua gioia di vivere , è li che ho capito che non solo volevo assolutamente creare dei capi per lui, ma che Leonardo sposava esattamente il mio intento, quello di divulgare con le Nostre Arti la Positività.

Lo stile rappresenta il modo di pensare di uno stilista , in che modo entra in sinergia con quella di un’artista?

Tutto è arte, rientra in questo mondo ogni cosa che genera emozioni , lo stile rappresenta spesso la voce della creatività. Ogni volta che ci fermiamo ad ascoltare le nostre sensazioni e il nostro mondo interiore esce allo scoperto, si genera una scintilla che ci rende unici agli occhi di chi ci guarda. Bisogna essere autentici, senza temere i giudizi, senza cercare di somigliare a qualcuno , senza forzature, trasmettendo attraverso l’abbigliamento o attraverso la propria arte, la forza della creatività, dell’umore, della fantasia ,in totale libertà. Lo Stile si genera con la personalità , la personalità con il coraggio di essere se stessi .

La positività interiore è una caratteristica che accomuna sia Lei che Monteiro , questa è la motivazione che l’ha spinta a vestirlo per questa grande occasione?

Ho avuto la fortuna di incontrare nel mio cammino persone straordinarie che hanno aggiunto un grande valore alla mia Vita , cerco sempre di circondarmi di personalità positive. Sono cresciuta in una Famiglia che mi ha educata con grandi valori ma soprattutto con grande allegria e rispetto reciproco , ed è esattamente questo che cerco nelle persone che attiro. Leonardo è un grande Artista , ma soprattutto ha un’animo pulito e non ha filtri. Abbiamo molto in comune, Siamo artisti del Cuore . E’ proprio per questo che sono felice di collaborare con Lui! C’è una grande similitudine nel nostro lavoro ; Io creo con il cuore e chi indossa una mia creazione lo sente… cosi’ come la musica di Leonardo, quando è il cuore a dettare le parole e le note ..chi ascolta lo percepisce…e ne resta rapito.

Può descriverci i capi che indosserà Monteiro e a quale collezione appartengono?

Non svelo nulla, top secret. Posso soltanto dire che indosserà capi creati su misura per lui, ci saranno articoli della collezione invernale e articoli della nuova collezione estiva.

Quanto è importante il look di un Artista e quanto può influenzare i media ?

Viviamo in contesti dove l’occhio arriva prima del resto, non ci sono colpevoli per questo, l’evoluzione ci ha introdotto ad una realtà fatta di copia e incolla, di selfie , di piu’ profitto e meno contenuto , proprio per questo bisogna cercare di fare la differenza. Va comunque riconosciuta l’importanza dei social, la cosa importante è farne un buon uso senza diventarne dipendenti. Il look? si conta, devo ammetterlo, anche se credo che il look sia composto da tanti fattori , una tra tutti l’autenticità. Nel corso del tempo restano le personalità che hanno reso il loro look il proprio biglietto da visita ,senza maschere e in totale armonia.

Negli anni molti artisti hanno fatto del loro look un segno distintivo che li ha contraddistinti nel tempo , quali ricorda?

Ci sono tante personalità che ammiro , elencarle tutte sarebbe quasi impossibile . Tra tanti Artisti posso citare la bellissima Beatrix Ost , la sensualità di Dita Von Teese, la follia artistica di Iris Apfel , il rigoroso karl lagerfeld , lo stile inconfondibile di Steven Tyler , l’eleganza di Hedy Lamarr . E parlando di artisti nostrani , la Nostra Anna Piaggi , il rock style di Piero Pelù e ammetto di avere un debole per i divertenti accostamenti stilistici di Jovanotti. Mi piacciono gli artisti che sanno trasmettere , io sono sempre in ascolto e quando vengo colpita dalle loro frequenze li ringrazio, spesso hanno contribuito a visionarie ispirazioni.

Leonardo in questa nuova edizione di Sanremo Giovani è tra i concorrenti preferiti , cosa ne pensa a riguardo?

Credo che Leonardo abbia un talento rarissimo e la sua umiltà lo rende ancor più raro. Non mi stupisce che sia tra i concorrenti favoriti. Il brano è bellissimo e la sua interpretazione è da brivido. E’ un Artista completo, Canta come un professionista, è un grande ballerino e sorride sempre , ti contagia!

Scegliere di vestire un artista giovane ma altrettanto carismatico per una circostanza così importante come Sanremo cosa rappresenta per Lei?

Onorata, ecco come mi sento. Sono davvero felice . Lui ha osato nella sua Vita e questo ha fatto la differenza. Ha talento e coraggio perché crede in quello che fa e nelle sue passioni .
Quando si ha un talento come il suo bisogna Crederci..a rinunciare ci riescono tutti.

Se dovesse vestire una figura femminile chi sceglierebbe di vestire e perché?

Non riesco a fare nomi femminili o maschili che siano, credo nella fatalità. Credo che le persone mi trovino come io trovo loro.

Se dovesse definire Leonardo con tre aggettivi quali sceglierebbe?

CAPARBIO, SOGNATORE , CONTAGIOSO

Tre aggettivi che la rappresentano?

ECLETTICA , AUTENTICA E GRATA. La vita è un sogno in divenire e mi reputo fortunata, perché faccio il lavoro che amo, ovviamente non è facile, ci sono innumerevoli sacrifici da fare ogni giorno ma tante soddisfazioni, per questo non smetto mai di dire e dirmi GRAZIE !

Shop Online Limited Edition Marta Jane Alesiani : www.martajanealesiani.com

Cesena in Bolla fa poker

Cesena in Bolla fa poker

Lunedì 5 febbraio al Teatro Verdi serata gourmet dedicata a winelovers, gastronauti e addetti ai lavori.
In degustazione oltre 100 etichette di bollicine top abbinate alle eccellenze gastronomiche del territorio organizzate in 10 corner food

Cesena – Tornano a Cesena le Bollicine top del Belpaese enoico. L’appuntamento è lunedì 5 febbraio al Teatro Verdi con Cesena in Bolla, quarta edizione della fortunata serie di eventi che in tutta la Romagna sta diffondendo il fascino e la cultura della migliore produzione spumantistica italiana. Oltre 100 effervescenti etichette, di terroir diversi, Franciacorta e Trento Doc in testa, specialità gourmet organizzate in 10 corner food, dai salumi ai formaggi, dai risi al cioccolato, dalle carni pregiate ai pani della tradizione, rappresentano il gran circo del gusto allestito al Teatro Verdi da Taste Production, la società organizzatrice che attraverso gli eventi ‘In Bolla’ si pone l’obiettivo di far conoscere al pubblico il variegato mondo delle bollicine italiane, ma anche di mettere in contatto operatori romagnoli del settore horeca con i produttori. A loro infatti è dedicata, su invito, la prima parte della giornata con inizio alle 15,00 e che proseguirà dalle 18.00 alle 23 con la ‘carica’ degli appassionati, ogni anno sempre più numerosi e competenti.

La manifestazione, giunta alla quarta edizione, punta quest’anno su 60 cantine, lungo un ideale percorso del gusto che porta alla scoperta dei migliori spumanti italiani: dal Franciacorta all’Oltrepò Pavese, al Trento Doc, passando per Piemonte, Liguria Veneto Umbria Friuli, Alto Adige, Marche, Sicilia e ovviamente Emilia e Romagna.

Dedicata per la stragrande maggioranza al ‘Metodo Classico’ con aziende top come Bellavista o Ferrari, Cesena in Bolla accende però i riflettori anche su piccole produzioni e terroir particolari, strizzando l’occhio alle cantine emiliano romagnole o ai progetti innovativi. Un esempio per tutti il progetto Oi di Franciacorta, che nella più blasonata regione spumantistica italiana produce una birra agricola ‘di cantina’ realizzata con cereali bio a km 0 e in degustazione esclusiva.

A duettare con gli effervescenti calici di bollicine, dieci corner food di qualità: le carni pregiate della cooperativa agricola Bio-Valbidente, produttrice di carne bovina rigidamente biologica proveniente da animali allevati al pascolo, con il suo carpaccio marinato in trito di erbe aromatiche e battuta al coltello, i salumi e le specialità gastronomica della Bottega 4 Babbi di Calabrina di Cesena, i formaggi freschi e stagionati della Centrale del Latte di Cesena, il cioccolato d’autore pluripremiato dei Fratelli Gardini di Forlì. E ancora, i salumi a km 0 dell’azienda agricola Bertozzi di San Cristoforo, i risotti bianchi e neri di Robo che verranno cucinati con l’aiuto degli chef di ICoook e serviti a più riprese dalle 18.00 alle 20.00, i formaggi stagionati della Fattoria Le Guide di Tredozio, le diverse tipologie di focacce e pani di F.lli Bassini 1963, le tradizionali piade del Franchising Piadina Marina, le ‘bolle di luppolo’ di BVS, Birra Viva di Toscana e le miscele della BioCaffetteria di Forlì.

Molti gli attori del territorio che hanno collaborato con Taste Production per rendere possibile la manifestazione, realizzata con il patrocinio del Comune di Cesena: fra queste Banca Fideuram con l’organizzazione di Giuseppe Fabbri, Viaggi Manuzzi, Edil Più Porte e Finestre di Lugo, Ravenna, Imola e Forlì e la concessionaria Ricci Volkswagen di Cesena, si sono rese protagoniste di una simpatica iniziativa accettando l’invito di Taste Prodaction ad utilizzare i palchi del Teatro per incontrare amici, soci e clienti con il calice in mano. Gallerie palchi e loggione del Verdi diventeranno quindi per una sera il ‘teatro’ di un piacevole ritrovo aziendale a cui il ristorante Flora Bio-Caffetteria di Forlì dedicherà in esclusiva, solo per ospiti e sponsor, i suoi piatti unici vegani e vegetariani, servite direttamente ai piani superiori dai giovani allievi dell’Istituto Alberghiero di Cesenatico. Fra gli sponsor tecnici anche la Sun Ice che assicurerà il ghiaccio, Mokador con le selezioni di Caffè, ICook, la Balestri&Balestri e la Cavalieri Security.

Info serata: Sede Teatro Verdi, via Sostegni, Cesena – Orario 15,00/22,00.
Ingresso € 20 con calice e portacalice, degustazione libera vino + 3 ticket food.
€ 2 di sconto prenotando sul sito e scaricando la cartolina
Altre degustazioni in vendita € 5
Prevendite ingresso e tavoli: 3471355083

Molfetta ha il ristorante giapponese in centro. Si chiama Origami il nuovo progetto nipponico

Origami 3Molfetta ha il ristorante giapponese in centro. Si chiama Origami il nuovo progetto nipponico dello staff di Roberto Maggialetti. Origami sorge in pieno centro, con ingresso da via Amente 12 nella sede di Palato adattato in atmosfera orientale.

Il menù creativo realizzato con il miglior pesce soddisfa i palati più fini, i piatti sono preparati tutti al momento, l’estetica è assolutamente giapponese, con intagli e tagli precisi e armoniosi.

Origami propone una cucina fusion di qualità, adatta a tutti. Oltre ai classici uramaki, sushi e sashimi, si trovano anche piatti caldi, tartare di pesce fresco e dolci prelibati. Grande attenzione anche per vegetariani, vegani e celiaci. L’obiettivo di Origami è quello di arricchire il centro città di una nuova proposta ristorativa – dichiara Roberto Maggialetti – una sfida che lanciamo anche per soddisfare il flusso turistico che si sta affacciando a Molfetta. Origami arricchisce l’offerta di Palato con il ristorante italiano a cui è dedicato tutto il secondo piano del Palazzo a cui si affianca al terzo piano riservato all’organizzazione di eventi e manifestazioni, conclude Maggialetti.

Ampia la selezione di spumanti, vini e champagne; per accompagnare la cena o per l’aperitivo. Per info, prenotazioni 080.6452576 – via Amente 12 – Molfetta

Giulia Murolo

349.5283664

Al Fashion Frames al Pitti live Movie

26220087_1748188815200846_7816165183996274213_n(1)Al Fashion Frames al Pitti live Movie

Autunno Inverno 2018/2019

Una Firenze desiderabile e aristocratica si è presentata a tutto il mondo, dal 9 al 12 gennaio, magica città dove il mood è stato solo uno, Pitti Live Movie, ovvero cinema & moda, costumi & scene, sfilate & film, ovviamente la MODA dove qui è tutto, quindi tendenze Autunno Inverno 2018/2019, tutti al Film Festival di Pitti Uomo, per le collezioni maschili dell’inverno 2019, per il red carpet dello stile contemporaneo di Zardozi2(2)1.230 marchi dei quali 541 provenienti dall’estero (il 44% del totale) con 227 tra nuovi nomi e rientri al salone) che ha occupato più di 60.000 mq in Fortezza da Basso e in tutta la città, dove si sono avute manifestazioni non meno importante e di tendenza come il Salon Of Excellence & Fashion Frames organizzato dalla DeGorsi Luxury Consulting di Alexander Djordjevic e Cristina Egger che si confermano così come uno dei contenitori di ricerca di nuovi brand emergenti più interessanti di Pitti Immagine Uomo.
Cristina Egger, per la 9° edizione del Fashion Frames, ha presentato una sezione completamente dedicata a nuovi designer/brand con un’importante dose di ricerca stilistica nel proprio DNA con un solido background strutturale che ne possa consentire il successo distributivo e commerciale, infatti i ALEF(4)Brand presentati in questa edizione sono concentrati nelle merceologie relative agli accessori, luxury comfort, accessori, borse, calzature o elementi di abbigliamento che vivono indipendentemente da un total look, mixando abilmente gli accessori fatati a cui non si può rinunciare, come Berg gioielli, monili per una donna di grande classe, le calzature gioiello di Giorgia Caovilla per O Jour, fatte con pellame di grande qualità, dotate di una ventata di luce, bagliori e raffinatezza per illuminare in modo glamour i passi delle fashion addicted, le borse di Alef, caleidoscopio di colori per scaldare le giornate invernali, pellame pregiato e produzione totalmente made in Italy, le sete, velluti, damaschi e ricami d’amore di stile orientale dei caftani di Nadir Mamut per far sentire una donna regina, fuori e in casa, Zardozi, dal Kazakhstan l’artigianato indiano e arte orientale per pigiami da sera, un raffinato casual per stare in casa, a cena con gli amici, cappotti vestaglia ampi e fluidi, annodati da morbide cinture, colori notturni ma BERG GIOIELLI(2)anche inattesi per un luxury comfort con punte di underground londinese. tra gli smoking di velluto nero o blu – assolutamente inediti – è stato proprio il velluto la risposta alla moda maschile classica, sfumature di colore e morbida eleganza, un nuovo mood per abbinare il lusso nei materiali e lo chic di un prodotto finito.
Chiude così anche questa edizione del Pitti Uomo 2018, con un pazzo shooting che ha dato la cifra di questa edizione del Fashion Frames, un flash di nuvole di colore di Seta Atelier, volti ammalianti curati da HM di Luciano Carino, l’immagine sorprendente, folle e perfetta, data dal mago dell’obiettivo Edoardo Tranchese, donne leggiadre come farfalle che hanno ammutolito i passanti sul Ponte di Santa Trinita sfidando il freddo pungente…..aspettando la prossima Primavera.
Fashion Frames
Press: Le Salon de La Mode
shooting: Seta Atelier, Nadir Mamut, O Jour, Alef, Berg
Art Director & Ph. Edoardo Tranchese
assistant: Umberto de Rosa
MUA HM Makeup Italy di Luciano e Miriam Carino
Models: Gresya Acanfora Naomi Buonomo Maria Della Volpe Veronica Maria
Cantine Mediterranee
Organizzation: Cris Egger

Una sera….al Ristorante Corsini aspettando la notte della grande boxe al Mandela Forum

23795190_165574457517674_7625324122931084469_n-1-300x300Una sera….al Ristorante Corsini aspettando la notte della grande boxe al Mandela Forum

Feste, cene, shopping, auguri veri o falsi, di cuore o di comodo, il mondo si ferma dietro al Natale, ai messaggio, ai cenoni ma ci sono anche i professionisti che guardano solo al loro lavoro, medici negli ospedali, la cura degli anziani, gli chef……ogni nostra gioia a tavola è cadenzata dal lavoro del personale e degli chef.
E Raffaele Petrucci, lo chef del “nuovo” Ristorante Corsini, contrariamente alle ormai innumerevoli ondate fusion, vegane, etc dimostra che il vero cool è tornare alle origini, mixare dettagli di cucina gourmet in una atmosfera calda e accogliente.

25348658_177331243008662_7762495997530984425_n (1)Di giorno il ristorante, con l’affaccio sull’Arno, è chiaro e luminoso, la sera invece lascia spazio all’intimità delle luci soffuse e lo chef, viaggiando tra risotti e cappellacci, filetti e pecorino, tartufo e crème brûlée crea una cucina che da vita ad una proposta gastronomica che attinge al dna, alla storia, bellissima, di una fetta di territorio nostrano, infatti lo chef pone sempre un prodotto dominante al centro del piatto a definirne l’identità, più due, massimo tre complementi vegetali-aromatici ad arricchirne, senza snaturarli, i sapori, di per sé esaltati da cotture essenziali.

E in questi giorni di grandi cenoni ecco che lo chef Raffaele Petrucci incontra un altro professionista che lavora, anche lui per le feste di Natale, il pugile kossovaro Vigan Mustafà che si allena quotidianamente per l’evento della notte de La Grande Boxe a Firenze al Mandela Forum, il prossimo 2 febbraio per i cento anni dalla nascita di Nelson Mandela.

Facendo una sosta gourmet al Ristorante Corsini Vigan Mustafà racconta la sua terra, la neve e i suoi cavalli così lontani, i ricordi dell’aria gelida e quasi ferma, miliardi di stelle e una gigantesca luna in un mondo magico dove le slitte ancora sono trainate dai cavalli, un altopiano selvaggio al centro della Serbia più profonda, un mare di neve per un salto nel passato, l’enorme distanza tra l’uomo e la natura, sentirsi circondati, assediati, dall’immensità dei boschi di abeti, larici, lecci e betulle che coprono le decine di colline del territorio del Parco Nazionale del Monte Golija dove ancora il lupo regna incontrastato.

Ristorante Corsini, Firenze – Lungarno Corsini, 36
Press: www.styleagency.net