A Cantine Aperte 2017 il Movimento Turismo del Vino Umbria e A tavola con Bacco insieme per promuovere la cultura del vino

A Cantine Aperte 2017 il Movimento Turismo del Vino Umbria e A tavola con Bacco insieme per promuovere la cultura del vino

E’ nata una nuova partnership destinata a diventare una vera guida pratica per gli appassionati “wine lovers” umbri e per i turisti che verranno a visitare le cantine dell’Umbria.

A partire da “Cantine Aperte 2017” inizia un percorso culturale per la promozione del vino, mediante corsi di formazione, master e incontri di degustazione, che vedrà insieme il Movimento Turismo del Vino dell’Umbria e l’Associazione “A tavola con Bacco“, per condividere gli obiettivi comuni che muovono le due Istituzioni regionali.

“Sono molto soddisfatto” afferma il Presidente di A tavola con Bacco e Socio Fondatore Ennio Baccianella “della creazione di questa unione d’intenti con il Movimento Turismo del Vino Umbria.

Ho sempre creduto che la cultura del vino non vada riservata solo a chi ha la possibilità economica di avvicinarsi al suo mondo, ma deve essere alla portata di tutti, svolgendosi in un ambiente informale e ricco di cultura.

Che questa filosofia sia vincente lo dimostra il numero sempre più crescente di attività che la nostra Associazione porta avanti ormai da alcuni anni e ora con l’accordo stretto con MTV Umbria, trova un ulteriore stimolo a continuare su questa strada”.

“Il primo atto” continua Baccianella “è la nostra presenza a Cantine Aperte 2017 con punti informazione posti presso Aziende aderenti al circuito dell’evento, per illustrare agli interessati il programma dei nostri Corsi.

Inoltre, con l’occasione, offriremo un ulteriore sconto del 10% sulle iscrizioni ai nostri percorsi di formazione, e considerando che i nostri Corsi sono già molto convenienti, sono certo che questa sia una buona occasione per avvicinare alla cultura del buon bere gli appassionati del vino di qualità”.

L’accordo con MTV Umbria prevede, durante l’evento di Cantine Aperte 2017, alcune degustazioni guidate presso Aziende appartenenti al circuito, oltre alla possibilità di organizzare durante l’anno, Corsi di Avvicinamento al Vino, Birra, Olio e Distillati, nelle Cantine associate al Movimento Turismo del Vino Umbria, disponibili ad accogliere tali eventi.

“A tavola con Bacco”

La Segreteria

Via A. Manzoni, 217 – 06135 Perugia
segreteria@atavolaconbacco.it – www.atavolaconbacco.it

A Volterra serata d’autore con Beatrice Segoni del ristorante Konnubio di Firenze

Betarice Segoni

Betarice Segoni

A Volterra serata d’autore con Beatrice Segoni del ristorante Konnubio di Firenze

Giovedi 20 la chef incotrerà detenuti a studenti dell’alberghiero interno al carcere

Ad accompagnare il menu i vini offerti dalla Cantina Italo Cescon di Treviso.
L’incasso della serata sarà devoluto Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus,
per il progetto Casa San Marcos in Repubblica Dominicana

VENERDI’ 21 APRILE nuovo imperdibile appuntamento al carcere di Volterra, dove la brigata galeotta di cucina sarà impegnata nella realizzazione di una cena gourmet sotto la guida di BEATRICE SEGONI, chef del ristorante KONNUBIO di Firenze (www.konnubio.it).

La serata sarà preceduta GIOVEDI’ 20 da un altro importante momento, novità di questa edizione. Gli chef coinvolti infatti, come sempre a titolo gratuito, non solo affiancano i detenuti ai fornelli, ma tengono anche incontri inseriti nel calendario didattico dell’Istituto Alberghiero nato nel 2012 proprio all’interno del carcere di Volterra con classi miste formate dai carcerati e dagli oltre venti ragazzi che ogni giorno varcano le porte della struttura per seguire gli studi. Un’occasione unica per conoscere e scoprire dalla voce di rinomati professionisti del settore aneddoti, esperienze e consigli utili ad integrare il proprio bagaglio formativo, da utilizzare una volta terminato percorso didattico e, nel caso dei carcerati, pena detentiva.

Di origini marchigiane, che spesso fanno capolino nelle sue ricette, Beatrice Segoni – ormai fiorentina d’adozione – è tra gli chef più stimati del panorama cittadino e non solo. Ex allieva di Gianfranco Vissani, dalla lunga esperienza, è portavoce della semplicità e di una cucina pronta a rallegrare i sensi senza confonderli. E’ così che al Konnubio Beatrice porta a tavola sapori italiani interpretati con leggerezza ed eleganza, per regalare al visitatore un viaggio unico ed appagante attraverso la vista, l’olfatto ed il gusto.
Prestigioso ospite anche nel bicchiere: il menu sarà infatti accompagnato dai vini offerti dalla CANTINA ITALO CESCON di Treviso (www.cesconitalo.it), storica e fra le più apprezzate realtà del panorama enologico veneto.

In beneficenza come sempre l’intero incasso della serata, destinato in questa occasione alla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus (www.nph-italia.org), che aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo e che rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria internazionale, che dal 1954 salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue case orfanotrofio ed ospedali in 9 paesi dell’America. In particolare il ricavato della serata sarà destinato al progetto Casa San Marcos in Repubblica Dominicana, un centro di riabilitazione per 15 bambini disabili con patologie psichiatriche e neurologiche, strutturato all’interno della Casa NPH Sant’Ana e comprensivo di zona residenziale, aree riabilitative, e piscina terapeutica e dove i bambini sono seguiti giorno e notte da personale attento e dedicato.

Info: www.cenegaleotte.it
Prenotazioni: Agenzie Toscana Turismo, Tel. 055.2345040
Ufficio Stampa:
Marco Ghelfi – Studio Umami
347.0613646 – marco@studioumami.com
www.studioumami.com

Marco Ghelfi
347.0613646 | marco@studioumami.com
Studio Umami | www.studioumami.com
giornalismo, ufficio stampa, organizzazione eventi food

Premio Gabelli 2018: elevata a 40 l’eta massima dei candidati al titolo di enologo più “gabelliano” dell’anno l’annuncio dato ieri al Vinitaly

Premio Gabelli 2018: elevata a 40 l’eta massima dei candidati al titolo di enologo più “gabelliano” dell’anno l’annuncio dato ieri al Vinitaly
La VI edizione presentata a Verona con gli interventi di Marco Remaschi, Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana,Andrea Natalini e Paolo Solini, rispettivamente Presidente e Coordinatore del Consorzio Vino Nobile di Montepulciano che quest’anno ospiterà la premiazione
E’ stata presentata al Vinitaly di Verona, presso lo stand del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, l’edizione 2018 del PREMIO GIULIO GAMBELLI. Con un’importante novità: il limite di età per l’ammissione al concorso sale da quest’anno da 35 a 40 anni per l’esplicita volontà degli organizzatori di rendere l’ambito riconoscimento più accessibile: “Viviamo in un’epoca – ha spiegato l’ideatore del premio e biografo di Giulio Gambelli, Carlo Macchi – in cui per un professionista è molto difficile “firmare” un proprio vino prima della fatidica soglia degli “anta”. Ecco perché, a fronte di un numero sempre più grande di “fuori quota” che ogni anno manifestavano il desiderio di candidarsi, abbiamo deciso di prendere atto di una tale realtà e innalzare la soglia anagrafica minima”.

Il Premio, istituito nel 2012 da ASET (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana – www.asettoscana.it) ed IGP (I Giovani Promettenti, la blog network costituita da Lorenzo Colombo, Roberto Giuliani, Carlo Macchi, Luciano Pignataro, Angelo Peretti, Andrea Petrini e Stefano Tesi), va all’enologo il cui lavoro, nell’anno solare, abbia saputo incarnare al meglio l’idea di vino portata avanti dal riconosciuto maestro del Sangiovese, Giulio Gambelli: esaltazione delle tipicità di ogni vitigno, delle caratteristiche del territorio e dell’annata vendemmiale.

Alla selezione dei candidati provvederanno i giornalisti di settore, ognuno dei quali potrà segnalare fino ad un massimo di cinque nominativi. A ciò si affiancherà come sempre la possibilità per gli enologi in possesso dei requisiti richiesti – compimento del 39° anno di età entro l’anno di riferimento del Premio e laurea in enologia – di inviare la propria autocandidatura.

La cerimonia di premiazione avverrà in occasione delle anteprime vinicole di Toscana in programma a febbraio 2018, ospite quest’anno del Consorzio Vino Nobile di Montepulciano. Al vincitore, oltre alla targa, la somma di 1.500 euro messa a disposizione anche grazie al sostegno di alcune delle aziende di cui Giulio Gambelli fu storicamente amico e consulente. Restano partner del concorso il Consorzio Vino Chianti Classico, il Consorzio Vino Nobile di Montepulciano, il Consorzio Vino Brunello di Montalcino e il Consorzio della Denominazione di San Gimignano.

La scadenza delle iscrizioni è fissata al 30 novembre 2017. Il bando è visionabile sul sito www.asettoscana.it.

I VINCITORI DELLE PASSATE DIZIONI:
Premio Gambelli 2013 – Fabrizio Torchio (Grape – Gruppo Ricerche Avanzate Per l’Enologia)
Premio Gambelli 2014 – Gianluca Colombo (Az. Segni di Langa, Roddi – CN / Cordero Consulenze)
Premio Gambelli 2015 – Francesco Versio (Az. Bruno Giacosa, Neive – CN)
Premio Gambelli 2016 – Sebastian Nasello (Az. Podere Le Ripi, Montalcino – SI)
Premio Gambelli 2017 – Diego Bonato (Az. Tolaini, Castelnuovo Berardenga – SI) e Luca Faccenda (Az. Valfaccenda, Canale – CN)

Studio Umami
Ufficio Stampa Aset Toscana

A Pasquetta riapre alle visite guidate la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda.

Crespi_centrale-idroelettrica_walter-carrera low

Crespi d’Adda.

A Pasquetta riapre alle visite guidate la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda.

La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda, posizionata tra l’edificio dell’ex Cotonificio Benigno Crespi e il fiume Adda, riapre alle visite guidate in occasione di Pasquetta.

Dopo avere riaperto al pubblico l’edificio delle Scuole Asilo S.T.I. la scorsa domenica, da Pasquetta un altro luogo crespese riapre, finalmente, a tutti. Da lunedì 17 aprile sarà infatti possibile visitare la meravigliosa struttura ristrutturata in ogni suo dettaglio da Adda Energi S.p.A. e riconsegnata anche al pubblico lo scorso anno.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla convenzione sottoscritta tra Adda Energi S.p.A., l’Amministrazione Comunale di Capriate San Gervasio e l’Associazione Crespi d’Adda e permetterà di rendere l’edificio accessibile per due domeniche al mese e per tutti i giorni festivi fino a Ottobre.

L’accordo prevede che lunedì 17 aprile (dalle 14.00 alle 17.00), e, anche il 25 aprile (dalle 14.00 alle 17.00) ed il 1 maggio (dalle 14.00 alle 17.00), e poi fino a fine Ottobre a domeniche alternate, in un calendario che sarà disponibile sul sito www.crespidadda.it, sarà attivo un punto informazioni collocato all’interno dell’edificio del custode della centrale, che permetterà di offrire, in aggiunta a quello collocato presso le Scuole Asilo S.T.I., a tutti i visitatori una adeguata assistenza informativa e turistica.

Crespi_ex-cotonificio-esterni_walter-carrera low

Crespi d’Adda.

Personale abilitato accompagnerà per tutto il pomeriggio (visite con partenza alle ore 14:00, 14:30, 15:00, 15:30, 16:00, 16:30; 17.00) i visitatori alla scoperta della centrale, mentre, all’interno degli spazi allestiti appositamente dalla Amministrazione Comunale sarà possibile anche partecipare a laboratori dedicati alla memoria con l’utilizzo di immagini storiche inedite del villaggio operaio.

Il progetto si propone l’ambizioso obiettivo di rimettere la cultura al centro della attenzione dell’unico sito Unesco bergamasco affinché la valorizzazione del luogo possa generare opportunità professionali stabili e creare un circolo virtuoso in cui la promozione della cultura possa abbinarsi allo sviluppo dell’economia.

Giorgio Ravasio, presidente della Associazione Crespi d’Adda dichiara: “È un enorme motivo di orgoglio poter riaprire al pubblico luoghi fino a poco tempo fa inaccessibili di Crespi d’Adda. La centrale idroelettrica è stata il motore del cotonificio e del villaggio operaio intero e sarà bello poter raccontare anche la sua storia a tutti i visitatori, i turisti e anche ai nostri concittadini.

Il progetto che stiamo mettendo in campo insieme alla Amministrazione Comunale ha grandi ambizioni e vuole chiamare a raccolta tutti i cittadini crespesi e tutte le realtà operanti sul territorio, nessuno escluso. Ci sono persone e soggetti che hanno già aderito ma ci sono ancora reticenze che speriamo di poter vincere, al fine di creare un sistema coordinato di gestione che porti beneficio al Paese intero come ai suoi singoli cittadini.

Abbiamo un sogno: fare di questa esperienza un modello per tutto il Paese attraverso una attività visionaria, innovativa, competente e professionale, perché credo che l’Italia non debba più vergognarsi delle sue bellezze ma farle diventare il motore della sua ripartenza economica. Mi piace ripetere che la bellezza salverà il mondo se sapremo, prima, salvarla noi. Ringrazio il nostro Sindaco, Valeria Radaelli, e l’Amministratore Delegato di Adda Energi S.p.A., Luca Gnali, per la disponibilità dimostrata e la fiducia che ha riposto nel nostro gruppo di lavoro per questo nuovo Rinascimento Crespese”.

Valeria Radaelli, Sindaco del Comune di Capriate San Gervasio, dichiara: “Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, successiva alla inaugurazione della centrale idroelettrica, sono felice che anche quest’anno un luogo di enorme valore storico e architettonico possa tornare ad accogliere i visitatori del nostro territorio. Ringrazio Luca Gnali per la disponibilità a rendere poroso uno spazio delicato e di pregio come questo che tanto significato ha per il nostro villaggio operaio e per i nostri cittadini. Siamo consapevoli ancora più di prima della cura necessaria e delle opportune gentilezze che dovremo adottare per “invadere gentilmente” la centrale e scoprirne il cuore pulsante e sarà la nostra maggiore attenzione quella di musealizzare responsabilmente un così delicato spazio lavorativo”.

Le visite guidate alla centrale idroelettrica ed i laboratori didattici saranno disponibili anche su prenotazione. Per informazioni, consultare il sito www.crespidadda.it, oppure scrivete a info@crespidadda.it, oppure chiamate il telefono sempre attivo 02/90939988.

Le visite guidate al villaggio operaio ed i laboratori didattici saranno disponibili anche su prenotazione. Per informazioni, consultare il sito www.crespidadda.it, oppure scrivete a info@crespidadda.it, oppure chiamate il telefono sempre attivo 02/90939988.

Clara Buoncristiani PR&Communication Studio | Milano, Viale Monte Grappa 14 • Brescia, Via Zuccari 14 (Italy) | clarabuoncristiani.it | info@clarabuoncristiani.it

Centro Vacanze Prà delle Torri

draft_58b551c8d26e54fb628b4568_58c937e3a3b6a56e055a8264_0Centro Vacanze Prà delle Torri affacciato sul mare di Caorle direttamente sulla spiaggia è complesso un turistico 4 stelle è un importante struttura turistica in un contesto europeo Premio Travellers Choice 2017 da parte di Trip Advisor, la massima onorificenza in termini di prestigio da parte del portale di recensioni n.° 1 al mondo. Il Premio qualifica la struttura come 15^ Hotel in tutta Italia ideale per Famiglie, con riconoscimenti a 5 stelle da ANWB e ADAC, primi su 95 hotel a Caorle su Trip Advistor, 92,6% di clienti pienamente soddisfatti secondo i dati provenienti da Trip Advisor, Facebook, Google, HolidayCheck, Zoover, Camping è la meta ideale per le vacanze.

5=4 Un’offerta valida per i periodi di bassa stagione, fino al 31.05 e dal 08.09, per tutte le tipologie do soggiorno (campeggio, hotel e villaggio), ogni 5 notti di permanenza, 1 notte è gratis.

Centro Vacanze Prà delle Torri è Campeggio, hotel, villaggio e appartamenti è un tutto in uno, disposto su una superficie di 120 ettari, offre varie tipologie di soggiorno accontenta praticamente tutti da chi vuole stare in hotel in camere recentemente ristrutturate, dalla amante del Campeggio, una grande zona con piazzole attrezzate con fondo erboso di varie metrature, a chi preferisce gli appartamenti Aparthotel villette a schiera con tutti i servizi dell’Hotel . Non manca il pacchetto Villaggio con gli Home Suite lussuosi appartamenti completi e rifiniti o Apartment Comfort, appartamenti spaziosi ed eleganti draft_58b551c8d26e54fb628b4568_58c938a0a3b6a56e25301cdc_0Bungalow villette a schiera in diverse dimensione (Bungalow Standard,Bungalow Gold Bungalow Silver) ma tutti con patio affacciato su un grande parco verde inoltre ci sono anche gli Chalet . Il Nuovo villaggio di case mobili denominato Easy prima fila con nuovi Lodge Openspace e Marine Village e i primi per vivere in un ambiente aperto con l’esterno e i secondi posizionati fronte mare

Centro Vacanze Prà delle Torri è la location ideale per tutti vi puo offrire una vacanza all’insegna della natura, del relax, dello sport e del divertimento tra gli amici e la famiglia ci si può rilassare in ampi spazi verdi e fioriti godendo di un’ atmosfera tranquilla ma al contempo una vacanza divertente con intrattenimento e sport

Punto di forza del Centro Vacanze è il grande Parco Acquatico a disposizione degli ospiti,con la piscina piscina olimpionica (50 metri) e semi-olimpionica (25 metri) e l’Isola dei Pirati riscaldate fino a metà maggio e da metà settembre, un grande parco acquatico con scivoli, giochi d’acqua, zona idromassaggio e un’ulteriore piscina caratterizzata dal Galeone dei Pirati, per il divertimento dei piccoli ospiti.

Centro Vacanze Prà delle Torri dispone di un grande Impianto Sportivo unico nel suo genere nella zona ed utilizzabile gratuitamente dagli ospiti con campi da tennis, beach volley in spiaggia, tiro con l’arco, tavoli da ping pong, campi da calcio e calcetto 5c5, pallacanestro e pallavolo, mini tennis, paddle tennis, foot tennis, street soccer, il badminton, il paddle badminton, una palestra

Centro Vacanze Prà delle Torri offre un fitto programma di appuntamenti per riempire le giornate e le serate di tutti grandi e piccini servizi di intrattenimento proposti dal competente staff di animatori dal mini club per i più piccoli, alle serate animate con spettacoli di ballo, cabaret e musical organizzati nel Teatro alle attività motorie corsi sportivi come l’aquagym, lo yoga, l’aerobica e tornei i balli di gruppo..

Centro Vacanze ospita una moderna sala giochi, con tutte le ultime novità dal mondo dei videogames.
Offre ai suo ospiti percorsi per il jogging e un meraviglioso campo da Golf con 18 buche
Ha inoltre un Activity Park, un centro d’incontro e divertimento per i giovani, composto da skatepark, un percorso per il parkour, una parete bouldering, 2 slackline e una gabbia per il panna football.

Non mancano nemmeno i giochi fronte mare
– Scivoli e ponti tibetani, la grande zona luna park, con pista per le macchine, bruco mela
– Zona di gonfiabili
– Grande parco giochi con scivoli e altalene

Discoteca del Villaggio per concludere le serate ascoltando buona musica godendosi un drink

La spiaggia attrezzata del Centro misura 1 km, il mare che digrada dolcemente e l’acqua poco profonda permettono rilassanti nuotate, garantendo anche ai piccoli ospiti un bagno in tutta sicurezza grazie allo staff di salvataggio.

Centro Vacanze Prà delle Torri offre 5 Ristoranti-Pizzerie, tutti con possibilità di take away, un chiosco ed un ristorante direttamente sulla spiaggia, un bar-gelateria nella piazzetta principale.

Nel Centro Vacanze Prà delle Torri troverete anche un supermercato,una parafarmacia,un giornalaio-tabaccaio,lavanderie automatiche (con lavatrici e asciugatrici) un fotografo, un negozio di articoli sportivi e abbigliamento casual, un parrucchiere ed un bazar

Servizio di un noleggio biciclette per ospiti di tutte le età, anche dotate di seggiolino per i più piccoli, e di risciò
percorsi di jogging
Disponibili a pagamento: minigolf e svariati sport acquatici in spiaggia.

Il Wi-Fi si estende nella piazza centrale, nel parco acquatico e in una parte di spiaggia, a pagamento si potrà scegliere se usare i computer a disposizione presso l’Internet Point o acquistare una connessione da usare su tablet, smartphone e computer personali.

Centro Vacanze Prà delle Torri è a Caorle un caratteristico borgo marinaro situato vicino alla splendida Venezia ricca di atmosfere e stori un museo a cielo aperto con le sue calli, campi e campielli e i palazzi d’epoca affacciati sul Canal Grande.
L’Ufficio Informazioni vi guiderà alla scoperta del Veneto una regione ricca di meraviglie storiche, culturali, enogastronomiche il mare, le sue lagune, la grande pianura, i laghi, le colline e le montagne molteplici escursioni organizzate direttamente dal Villaggio.
L’apertura della Laguna è prevista per la metà di maggio e la chiusura per la metà di settembre

Offerta interessante da cogliere al volo 5=4 Un’offerta valida per i periodi di bassa stagione, fino al 31.05 e dal 08.09, per tutte le tipologie do soggiorno (campeggio, hotel e villaggio), ogni 5 notti di permanenza, 1 notte è gratis.Apertura a Pasqua, dal 12.04 al 24.09.

Visitate il SITO

#pradelletorri

IG e FB @pradelletorri

Buzzoole

L’Egitto vi aspetta a braccia aperte Alla riscoperta della Napoli egiziana

il-museo-egizio-Tutankhamon

Il museo egizio Tutankhamon

L’Egitto vi aspetta a braccia aperte Alla riscoperta della Napoli egiziana

Antico Egitto Giza Sfinge

Antico Egitto Giza Sfinge

Napoli è stata sempre legata da epoca remota all’Egitto. Reperti si trovano non solo nel Museo Nazionale, la cui collezione egiziana è stata da poco riaperta al pubblico, ma anche passeggiando per il centro storico. Un esempio notissimo è quello del “Corpo di Napoli”, emblematica statua raffigurante il fiume Nilo – più volte danneggiata e restaurata – poco distante dalla Cappella Sansevero e Piazza San Domenico in cui sono ancora misteriosi i simboli voluti dal Marchese per la Cappella funebre dei suoi avi. Caratteristici poi i luoghi dell’antica Regio Nilensis, quartiere Alessandrino di Neapolis, con le chiese intitolate al Nilo.
Gli Egiziani: un popolo misterioso e glorioso che per millenni ha fatto parlare di sé e continua a farlo in ogni angolo della Terra.
Negli ultimi tempi nel nostro paese si è considerata questa meta come da scartare perché ritenuta non sicura. L’Egitto non è meno sicuro di tante altre destinazioni, che mai hanno avuto rinunce da parte dei turisti e attende con fiducia gli italiani, da sempre considerati i migliori turisti che l’Egitto possa avere. I turisti giapponesi, cinesi, tedeschi, francesi, spagnoli e tanti altri hanno continuato a visitare l’Egitto, anche in numero rilevante.
Proprio per sfatare questa paura, l’Ente del Turismo Egiziano in Italia ha predisposto dal sei al tredici marzo un Fam Trip nell’Egitto Classico, in tutta sicurezza data dai massimi controlli negli hotel, nei musei e in aeroporto, organizzato dal tour operator Interline International Travel, a cui hanno partecipato oltre venti agenti di viaggio del Lazio, della Sardegna, della Sicilia, della Basilicata, delle Marche, dell’Emilia Romagna, del Veneto, della Lombardia e del Piemonte, in pratica provenienti quasi da ogni dove dello stivale.
Un programma di otto giorni durante il quale i nostri connazionali hanno navigato sul Nilo per 4 notti, scendendo dalla nave per visitare gli splendidi siti di Karnak, Luxor, Edfu, Komombo e rimanere stupiti non soltanto davanti a tutti quegli antichi monumenti ricchi di storia, ma anche di fronte alle bellezze naturali di Assuan, soprattutto quando l’imbarcazione si è diretta da Luxor verso la città dove è sepolto l’Aga Khan con le stupende case nubiane multicolori.
Una escursione al monumento di Ramses II ad Abu Simbel, che fu trasportato in un luogo sicuro per non essere sommerso dalle acque della grande diga.
Il Cairo affascina poi per i tesori che racchiude: le piramidi di Cheope, Kefren e Micerino; la sfinge; la barca solare del faraone Cheope; la piramide a gradoni a Sakkara; la piccola sfinge e la grandiosa statua di Ramses II a Menphis.
Il viaggio non poteva essere completo senza la visita al Museo Egizio, con i suoi cinquemila reperti ritrovati quali corredo funebre del faraone-ragazzo Tutankhamon.
Ma il Cairo è anche una città moderna con palazzi di pregio che quasi nascondono la moschea blu e il vasto mercato del Khan el Khalili, dove è consuetudine offrire ai visitatori il tè alla menta.
L’Ente del Turismo Egiziano in Italia, al fine di promuovere il paese, sta organizzando numerosi eventi che stanno riscuotendo molto interesse da parte degli italiani. Gli agenti di viaggio che hanno partecipato all’educational hanno così potuto vedere con i propri occhi le stupende bellezze che questa terra racchiude e constatare il livello di sicurezza assicurato ai turisti, anche se passeggiando da soli. Certamente vedremo gli italiani tornare alla scoperta di quelle che furono le nostre comuni origini europee in un paese che merita di essere visitato.

Guarda gli altri articoli di Harry di Prisco

Dr. Harry di Prisco
Giornalista-GIST Gruppo Italiano Stampa Turistica
Ispettore On. Ministero dei Beni
e delle Attività Culturali e del Turismo
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

Profumo di cavatappi

Profumo di cavatappi
Sempre nelle sale del museo dall’8 maggio sarà nuovamente allestita la mostra dal titolo “Profumo di cavatappi – l’aristocrazia del cavatappi, tra profumi e medicinali”, con preziosi esemplari di cavatappi in miniatura realizzati in materiali preziosi.

Museo dei Cavatappi
Piazza Castello, 4 – 12060 BAROLO (CN) ITALY
Tel. +39 0173 560539 – Fax: +39 0173 560539
E-mail: info@museodeicavatappi.it
Sito internet: www.museodeicavatappi.it
Facebook: www.facebook.com/museodeicavatappi

I grandi maestri dell’impressionismo a Treviso

I grandi maestri dell’impressionismo a Treviso

Dal 29 ottobre al 17 aprile 2017.

San Lazzaro Food & beer fest

FOOD & BEER FEST 2016 - porchettaSan Lazzaro Food & beer fest
Cibi di strada, birre artigianali, musica, animazione, Legnogiocando:
in Piazza Bracci cinque giorni di gusto e divertimento per tutta la famiglia!

A San Lazzaro di Savena (BO) si rinnova l’appuntamento con il SAN LAZZARO FOOD & BEER FEST, cinque giorni di gusto e divertimento che DA VENERDI’ 21 A MARTEDI’ 25 APRILE 2017 a partire DALLE ORE 11 a TARDA NOTTE animeranno Piazza Bracci.
Protagonisti i cibi di strada della tradizione italiana, con una gustosa carrellata di specialità da varie parti della Penisola: fra queste il fritto e le olive all’ascolana dalle Marche, il pesce fritto e alla griglia dalla Romagna, che porterà in Ludobus al FOOD & BEER FESTassaggio anche l’originale piadina di filiera certificata; e ancora il lampredotto e la trippa da Firenze, i borlenghi della montagna modenese, gli arrosticini abruzzesi, la porchetta dall’Umbria e molto altro ancora..
Nel bicchiere ampio spazio dedicato alle birre di qualità, con una decina di spine che ospiteranno le creazione di piccoli produttori del comparto artigianale, bolognese e non solo, oltre ad ospiti stranieri. E poi vino, cocktails, bibite e succhi di frutta.
Il tutto da gustare comodamente seduti ai tavoli coperti posizionati in piazza, con un super calendario di musica live – dal Rock’n’roll allo swing passando per la canzone dialettale
con il grande Fausto Carpani – e animazione: da non perdere martedì 25 aprile l’appuntamento pomeridiano a cura di Legnogiocando, con oltre 40 originali giochi di legno a disposizione per il divertimento di bambini, ragazzi, genitori e nonni..
L’evento è organizzato da La Frasca On The Road (https://www.facebook.com/lafrascaontheroad/), versione itinerante della storica osteria bolognese di Via Andrea Costa attiva da diversi anni nella realizzazione di appuntamenti birrari, e Studio Umami (www.studioumami.com), agenzia operante a livello nazionale nell’ambito della comunicazione ed organizzazione eventi di settore enogastronomico, con il patrocinio del Comune di San Lazzaro di Savena.

Facebook:
https://www.facebook.com/sanlazzarofoodandbeerfest/
Info: lafrascaontheroad@gmail.com

PROGRAMMA EVENTI:
VENERDI’ 21 APRILE
Ore 21: Live Music – FRANKSPARA
Pop d’autore. Amante della birra, scrittore di canzoni

SABATO 22 APRILE
Ore 21: Live Music – SUPER SOUND
Un tuffo fra 50 anni di Rock’n’roll: chi non salta è perduto..

DOMENICA 23 APRILE
Ore 20: Live Music – FAUSTO CARPANI CON IL GRUPPO EMILIANO
Canzoni, dialetto, musiche e strumenti della nostra terra

LUNEDI’ 24 APRILE
Ore 21: Live Music – THE MONKEY SWINGERS
Un viaggio tutto da ballare fra le sonorità swing anni ’30
MARTEDI’ 25 APRILE
Dalle ore 14 alle 18: Ludobus – LEGNOGIOCANDO
Oltre 40 giochi di legno a disposizione per il
divertimento di bambini, ragazzi, genitori e nonni!
http://www.ludobus.org/

Napoli e Marrakech : gemelle diverse non più divise

DSCF0144

Napoli e Marrakech : gemelle diverse non più divise
Inaugurato il volo diretto della Royal Air Maroc Napoli Casablanca

Marrakech e Napoli cosa hanno di comune queste città? Hanno una Medina vecchia con stradine strette e tortuose brulicanti di venditori con le loro bancarelle; entrambe sono state capitali di un regno, la prima, città – affascinante e bellissima – fondata nel 1062 presenta forti influenze andaluse nei suoi edifici, come del resto Napoli, costruiti in pietra arenaria dando alla città il soprannome di “città rossa” o “città d’ocra”; hanno poi un aeroporto internazionale. Questo facilita i collegamenti grazie alla compagnia di bandiera del Marocco Royal Air Maroc che, continuando nel suo programma di espansione in Italia, ha aperto nei giorni scorsi il collegamento diretto da Napoli a Casablanca. I voli vengono effettuati il martedì, giovedì e sabato con partenza alle 17,35 e arrivo alle 20, l’offerta lancio a/r è di euro 120 tasse incluse. La coincidenza per Marrakech, attraverso il terzo terminal inaugurato a dicembre 2016 per far fronte alla crescita dei traffici passeggeri, si prende poco dopo l’arrivo dell’aereo e in meno di un’ora si giunge nella stupenda città rossa, la più importante delle quattro città imperiali. Marrakech è una città di profondi contrasti, in cui la modernità è all’insegna della tradizione e nella quale convivono a stretto contatto l’estrema povertà dignitosa dei suoi oltre un milione di abitanti, con l’agiatezza di ricchi e facoltosi turisti che alloggiano in alberghi extra lusso o che frequentano i due campi da Golf. Royal Mansour, La Sultana, Le Méridien N’Fis, Jardins de la Medina, La Mamounia solo per citarne alcuni, nei quali gli standard europei sono ampiamente superati, dotati di ogni confort anche per il turismo d’affari, con un quid in più: la disponibilità di tutto il personale, di ogni livello, a contatto con gli ospiti per soddisfare ogni esigenza prima ancora che venga manifestata. Dagli alberghi ai locali notturni il passo è breve, ci si trova a visitare una città by night che non ci si aspetta di trovare. Il tour non può che iniziare dal Jad Mahal, nel quartiere dei grandi hotel dell’Hivernage, il quale più che un luogo è un’esperienza. Il ristorante è illuminato da tante candele ed è fra i più trendy, glamour, sensuale ed elegante della città: ballerine russe in succinti costumi che richiamano i cosacchi e danzatrici del ventre si esibiscono fra i tavoli per la gioia dei clienti, mentre dei mangiafuoco propongono i loro numeri nella veranda, ma le sorprese non finiscono e gli spettacoli vengono continuamente rinnovati. Al centro della Medina si trova il grande bazar del Souk. Qui si discute il prezzo con trattative spossanti, ma, come dicono in Marocco, un terzo del prezzo iniziale è già un furto! Le strade del mercato hanno come copertura una tettoia fatta di canne intrecciate, allo scopo di filtrare la luce solare. Migliaia i piccoli negozi e le botteghe artigianali che offrono i loro articoli: spezie colorate e profumate; specchi luccicanti; pentole di terracotta per preparare il piatto tipico tajine; babbucce in pelle;oggetti in argento; tappeti fatti a mano; lanterne di ferro battuto; lampade in ottone; mestoli in legno di cedro; supporti per candele; teiere in ottone incise e vassoi da tè utilizzati nel servizio tradizionale. Di veramente tipico è la lavorazione di borse e sandali da parte di esperti artigiani che utilizzano vecchi copertoni di auto. La specialità del luogo è l’originale olio di Argane, che si può acquistare nelle tante erboristerie nei due tipi: per cucinare, ricco di vitamina C e omega 3, o per uso cosmetico da utilizzare per i capelli e per il massaggio del corpo. Nei negozi di erboristeria si possono comprare anche i “grani del paradiso” con effetto – dicono – del nostro viagra. Nel mentre si contratta viene offerto tè alla menta che viene servito già zuccherato, versato da una teiera a becco ricurvo in piccoli bicchieri. Con il tè si accompagnano i dolci shebakia (biscotti con sesamo e spezie, in genere serviti durante il Ramadan), tortine di pasta con frutta secca o torte al formaggio.
La piazza Djemaa El-Fna è il cuore della Medina, il cui nome arabo significherebbe “raduno dei morti”, in ricordo delle esecuzioni capitali che vi avevano luogo. Un vero circo a cielo aperto, di notte è un grande ristorante dove vengono arrostite vari tipi di carne su braci di legno. Di giorno tutto cambia, si incontrano: acrobati, danzatrici, incantatori di serpenti, musicisti, dentisti ambulanti, cantastorie, disegnatrici di tatuaggi con henné e venditori di acqua nei loro caratteristici costumi sgargianti con tanti campanelli e capienti otri. Allora perché non approfittare dei nuovi voli diretti della Royal Air Maroc in partenza da Napoli? E’ possibile andare la mattina in ufficio, passare da casa a prendere la valigia, ed eccoci pronti a partire per l’avventura sognata sin dalla nostra infanzia: a Marrakech si vedranno: strutture architettoniche arabeggianti, danza del ventre, un’esplosione della natura nel palmeto ricco di 180 mila piante e poco distante l’immenso deserto. Fantaviaggi? ma no, al costo di poco più di una gita fuori porta eccoci proiettati in un mondo in cui gli usi e le tradizioni millenarie sono cosi diversi e pur così simili.

Guarda gli altri articoli di  Harry di Prisco

visita i siti
www.royalairmaroc.com
www.visitmorocco.com
 www.marrakech.travel

email info@turismomarocco.it

Dr. Harry di Prisco
Giornalista-GIST Gruppo Italiano Stampa Turistica
Ispettore On. Ministero dei Beni
e delle Attività Culturali e del Turismo
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

Crociere stellate: alta Cucina a bordo

MSC Meraviglia

MSC Meraviglia

Crociere stellate: alta Cucina a bordo. Sulle navi del futuro MSC ci saranno Cracco, Eataly, Yamaguchi, Leung e Maury. Tra servizi giurmet, cucine a vista e ATELIER di cioccolato

Msc Crociere punta su un nuovo concetto di ristorazione e arricchisce ulteriormente l’offerta enogastronomica

MSC Meraviglia e MSC Seaside includeranno un’ampia gamma di proposte food e una maggiore flessibilità riguardo scelta e orari

MSC Crociere – la più grande Compagnia di crociere a capitale privato al mondo, basata in Svizzera e leader di mercato in Europa, Sud America e Sud Africa – svela i dettagli dell’innovativo concetto di ristorazione pensato per le navi di nuova generazione, prima per gli ospiti di MSC Meraviglia (in arrivo a giugno) e poi per quelli di MSC Seaside (a dicembre).
Progettate per soddisfare le esigenze del crocierista contemporaneo, le due navi – le prime di un totale di 11 nuove mega-unità che entreranno in servizio a partire da quest’anno – introdurranno un nuovo concetto di dining altamente flessibile e una scelta di pacchetti “food” prenotabili in qualsiasi momento, sia prima dell’imbarco, sia a bordo. Tutto ciò significa che sulle navi MSC Crociere sarà possibile cenare come e quando si desidera, con una gamma ancora più ampia di ristoranti tematici ed esperienze gastronomiche internazionali.

Andrea Gangale, Head of Product Development and Guest Experience della Compagnia, ha commentato: “In MSC Crociere i nostri sforzi si concentrano nel creare esperienze di vacanza indimenticabili. E la ristorazione è sempre stata una caratteristica fondamentale della nostra offerta”.

Gangale ha continuato: “Stiamo guidando l’innovazione del settore crociere estendendola a molti livelli, compresa l’esperienza enogastronomica. I nuovi concetti di ristorazione sono stati introdotti per soddisfare le esigenze dei clienti di oggi, alla ricerca di flessibilità e possibilità di scelta. Già con l’arrivo di MSC Meraviglia e MSC Seaside abbiamo introdotto nuove modalità per gestire le proprie scelte e preferenze, attraverso una tecnologia all’avanguardia, e una vasta gamma di ristoranti internazionali per vivere al meglio la propria vacanza con esperienze culinarie provenienti da tutto il mondo.”

Un nuovo concetto di Dining

Una delle proposte di punta è rappresentata da Flexi Dining, un pacchetto che permetterà agli ospiti di prenotare anticipatamente una fascia oraria prestabilita per la loro cena, con la possibilità di modificare tale scelta in ogni momento, in base alle esigenze del viaggio. Ciò significa che i crocieristi potranno godersi al meglio la vacanza collocando le cene sulla base dei loro impegni quotidiani. Oppure potranno mantenere l’approccio classico, beneficiando di due opzioni di turni serali a un tavolo riservato, in modo che possano godere di un servizio personalizzato offerto dallo stesso cameriere che li conosce per nome e in base alle loro preferenze, mantenendo anche lo stesso tavolo – e gli stessi vicini di tavolo – ogni sera.

Gli ospiti di MSC Yacht Club potranno pranzare e cenare senza vincolo di fascia oraria nel ristorante dedicato; il tutto con l’ulteriore possibilità di prenotare un particolare tavolo se lo desiderano.

I punti di ristoro più informali invece saranno a disposizione di tutti gli ospiti per 20 ore al giorno, con una vasta gamma di piatti preparati al momento. Il buffet – già uno dei più ricchi in mare – è stato ulteriormente arricchito con una vasta gamma di esperienze enogastronomiche internazionali, ricca di piatti pensati per soddisfare tutti i gusti. MSC Seaside, in particolare, ne avrà due, uno dei quali sarà dedicato alle famiglie, con opzioni adatte alle loro specifiche esigenze e dotato di posti a sedere a misura di bambino.

Ancora più ristoranti tematici internazionali
I ristoranti internazionali sono ormai un prodotto di punta delle navi MSC, che permette agli ospiti di beneficiare dell’opportunità di sperimentare cucine di tutto il mondo.

MSC Meraviglia e MSC Seaside includeranno ancora più ristoranti tematici. All’interno dei locali gli ospiti avranno a disposizione innovative “cucine a vista”, secondo il trend attuale del design di ristorazione: la finalità è rendere il pasto una vera esperienza sensoriale, permettendo ai clienti di vedere, pregustare attraverso i profumi e ascoltare il ritmo con cui gli esperti chef organizzano il lavoro di una cucina “galleggiante”. I ristoranti selezionati a bordo di MSC Meraviglia e MSC Seaside disporranno anche del “tavolo dello chef”, offrendo un concetto di pranzo progettato per coloro che cercano una vera esperienza gastronomica.
Nello specifico, sulla scia del successo di Kaito Sushi Bar, eletto “Il migliore Sushi Bar sul mare”, specializzato in pesce fresco, sashimi e tempura, MSC introdurrà un nuovo brand a bordo di MSC Meraviglia: il ristorante Kaito Teppanyaki.

Con una moderna virata verso la cucina Orientale, gli ospiti potranno sedersi presso uno dei quattro punti ristoro per pregustare deliziosi piatti giapponesi che prendono forma davanti ai loro occhi. Chef esperti cucineranno sui fuochi di una griglia a vista – uno spettacolo per gli occhi e per i sensi: fiamme e ingredienti sfrigolanti mescolati con sapienza per creare gustosi piatti di ogni tipo.
Un altro esempio di offerta all’avanguardia sarà proposto da un vero e proprio Steakhouse Americano: The Butcher’s Cut, che celebra l’eredità culinaria d’America unita alla sapiente maestria dei macellai. I clienti potranno scegliere la loro bistecca preferita direttamente dalla vetrina. In seguito, gli ospiti potranno osservare con i loro occhi i cuochi preparare i loro gustosissimi piatti nelle cucine a vista. Anche la lista dei vini è audace e offre un’ottima selezione di prodotti americani, adatti ad accompagnare le pietanze. Anche i cocktails sono ispirati alla tradizione del “Nuovo Continente” e non mancherà neppure la possibilità di sorseggiare le migliori birre artigianali.

Un altro highlight dei pasti a bordo di MSC Seaside è rappresentato dall’Asian Market Kitchen di Roy Yamaguchi. I tre diversi ristoranti voluti dal rivoluzionario chef nippo-americano si presenteranno così: un Fusion Restaurant affacciato sul mare che propone un menu à la carte ricco di piatti gourmet serviti in un ambiente affascinante e modaiolo; un Sushi Food Bar e il Ristorante Teppanyaki, entrambi volti a proporre a bordo un’autentica esperienza di cena pan-asiatica.

Su MSC Seaside sarà presente anche Ocean Cay, il caratteristico ristorante specializzato nella proposta di frutti di mare. Questo elegante ristorante servirà piatti di pesce in stile americano, ma con un tocco mediterraneo. Un semplice menu con deliziosi piatti d’autore, compresi lo Stone Crabs, tipico granchio piatto prelibato nella zona di Miami, un delizioso branzino proveniente dalle acque del Mediterraneo e spaghetti alle vongole fatti in casa.

Ancora più collaborazioni con chef rinomati

MSC Crociere è da tempo impegnata nell’assicurarsi partnership con eccellenze appartenenti a diversi settori e quello culinario non fa eccezione neppure a bordo delle nuove unità. La collaborazione con lo chef di fama mondiale Roy Yamaguchi sulla MSC Seaside si estende ben oltre la creazione dei menu. Come parte della partnership, chef Yamaguchi sarà personalmente coinvolto nella concettualizzazione e nella progettazione di ogni elemento del nuovo ristorante pan-asiatico, portando il suo estro e la sua visione creativa in ogni singolo dettaglio dell’esperienza del cliente: dalla creazione delle ricette, alla selezione delle porcellane che ne valorizzino l’impiattamento, fino alla selezione della musica per creare l’atmosfera giusta, all’abbinamento dei vini per accompagnare i pasti e anche la scelta del tipo di carta per i menu.
Oltre alla collaborazione con il rinomato chef Roy Yamaguchi su MSC Seaside, anche Carlo Cracco, premiato con due stelle Michelin, dopo anni di collaborazione con la Compagnia firmerà i menu dei principali ristoranti di MSC Meraviglia, così come le proposte di Natale e Capodanno. Contemporaneamente, a bordo di MSC Meraviglia Jean-Philippe Maury, uno dei migliori chocolatier e pasticceri francesi, tenterà gli ospiti con incredibili e dolcissime creazioni. Jean-Philippe Chocolate&Coffee offrirà un atelier di cioccolato a vista, mentre Jean-Philippe Crêpes & Ice Cream servirà stuzzicanti proposte che potranno essere gustate lungo la piacevole passeggiata della nave pensata in “pieno stile mediterraneo”.

Le collaborazioni con gli chef non riguardano solo le nuove navi, ma rappresentano un focus dell’offerta MSC Crociere, concentrato sulla cucina raffinata e internazionale. Ad esempio la collaborazione con lo chef cinese internazionale, Jereme Leung. Riconosciuto a livello mondiale per la sua interpretazione contemporanea della cucina cinese, l’approccio moderno dello chef Leung ha da tempo catturato l’attenzione dei migliori critici gastronomici globali. Ora la sua cucina è presente anche a bordo di MSC Lirica. Chef Leung ha finora collaborato con MSC Crociere per la progettazione di nuovi e innovativi concetti di ristorazione su misura dei clienti cinesi, una gamma esclusiva di piatti d’autore, oltre a migliorare i menu esistenti con il suo estro creativo e distintivo.

Nuovi pacchetti per tutti i gusti
Per aiutare gli ospiti a pianificare meglio le loro esperienze culinarie a bordo, MSC Crociere introduce una serie di pacchetti prenotabili prima della crociera. Per esempio:

I clienti di MSC che viaggeranno su MSC Meraviglia potranno prenotare il pacchetto Dinner&Show dove potranno godere di un menu a prezzo fisso ad un tavolo esclusivo, e quindi sperimentare la spettacolare Cirque du Soleil at Sea nella suggestiva Carousel Lounge appositamente costruita.
Uno speciale pacchetto Dining è disponibile per l’Eataly Chef Table a bordo di MSC Meraviglia, che include uno chef e un sommelier dedicato per la serata, sette piatti gourmet cucinati alla perfezione e tutti perfettamente abbinati con sette vini.
Coloro che vogliano esplorare tutti i ristoranti tematici hanno la possibilità di prenotare in anticipo uno speciale pacchetto, beneficiando di uno sconto sui prezzi di bordo.

Fabio Miceli
Havas PR Milan

t +39 02 85457001
m +39 342 8083100
w havaspr.it

Giro Giro Tondo

15image002Triennale Design Museum 10
Giro Giro Tondo
1 aprile 2017 – 18 febbraio 2018

Stefano Giovannoni ha progettato l’allestimento e riveste anche il ruolo di Art Director di Giro Giro Tondo. Design for Children. La decima edizione del Triennale Design Museum, ideata e diretta da Silvana Annicchiarico, è tutta incentrata sul tema dell’infanzia. Un’esposizione che è anche un viaggio nel mondo dei bambini, attraverso il design, l’architettura, i giochi, le immagini, gli spazi e gli oggetti a loro dedicati e rappresentati in 10 sezioni tematiche, ciascuna affidata a uno specifico curatore.
Un allestimento magico e sorprendente per i piccoli visitatori, e non solo. Sarà infatti per tutti anche l’occasione di incontrare i grandi nomi del design e di scoprire la loro fantasia e la sottile ‘delicatezza’ nel loro approccio al progetto del design per i bimbi. Attraverso image001l’interpretazione narrativa di Stefano Giovannoni il Triennale Design Museum diventa così espressione della memoria e dell’immaginario legati all’infanzia (qui illustrata con una preview).

“Incise sul pavimento dell’Ouverture le parole memoria e immaginario si incrociano in un sistema di assi cartesiani: sono i riferimenti alla base del progetto di allestimento, fondamentali in ogni progetto di comunicazione.” Stefano Giovannoni.
L’allestimento ha una forte componente figurativa, con un’anima pop, ed è punteggiato da stazioni in cui i visitatori possono interagire, giocare e imparare. Un percorso sinestesico che si snoda tra suggestioni visive, sonore e percettive. All’ingresso, il visitatore verrà accolto dalla gigantografia di Quadratino (fumetto di Antonio Rubino del 1910) – attraverso la quale si giunge alla sala Ouverture. In questa grande sala introduttiva le pareti sono rivestite con un film nero specchiante che riflette all’infinito gli oggetti fuori scala, più rappresentativi del design ludico. Fa da sfondo sonoro “Reflections” di Brian Eno. Da qui parte un vero e proprio playground, cammino esperienziale lungo un morbido manto antitrauma verde, tipico delle aree di gioco per bambini che ricopre il pavimento e gli elementi espositivi di tutti gli ambienti. Accolti in questa cornice, come un Giardino incantato, gli oggetti fuori scala diventano metafora della crescita del bambino intesa come ridimensionamento del mondo circostante.
Stefano Giovannoni è a disposizione per eventuali approfondimenti sul suo progetto.

Clara Buoncristiani
Ufficio stampa

Triennale Design Museum 10

image001Triennale Design Museum 10
Giro Giro Tondo
Design for Children
1 aprile 2017 – 18 febbraio 2018

Ideazione e direzione: Silvana Annicchiarico
Progetto di allestimento e Art Direction: Stefano Giovannoni con Tian Jin
Progetto grafico: Giorgio Camuffo con CamuffoLab
A cura di: Maria Paola Maino, Luca Fois con Renato Ocone, Fulvio Irace, Pietro Corraini, Monica Guerra e Franca Zuccoli, Alberto Munari, Enrico Ercole, Maurizio Nichetti, Francesca Picchi in collaborazione con Studio Dalisi, Francesca Balena Arista

Triennale Design Museum ogni anno racconta il design italiano attraverso un sistema di rappresentazioni che cambiano tematiche, ordinamenti scientifici e allestimenti per cercare image002di rispondere alla domanda primaria “Che Cosa è il Design Italiano?”, offrendo punti di vista e percorsi inediti sulla disciplina.

Giro Giro Tondo. Design for Children, decima edizione del Triennale Design Museum, presenta una nuova storia del design italiano dedicata al mondo dell’infanzia e ai bambini, al design e all’architettura che hanno lavorato per loro, ai giochi e alle immagini che li hanno divertiti e raccontati, agli spazi in cui si sono mossi, agli oggetti che hanno manipolato.

Il percorso parte con una Ouverture, a cura di Stefano Giovannoni, dedicata al design ludico dalla forte componente figurativa e con un’anima pop. Da qui l’allestimento, sotto l’Art Direction di Giovannoni, si snoda attraverso suggestioni visive, sonore e percettive che accompagnano e guidano i visitatori alla scoperta delle varie sezioni tematiche: Arredi, a cura di Maria Paola Maino; Giochi, a cura di Luca Fois con Renato Ocone; Architetture, a cura di Fulvio Irace; Segni, a cura di Pietro Corraini; Animazioni, a cura di Maurizio Nichetti, e Strumenti, a cura di Francesca Balena Arista. Queste sezioni sono intervallate da focus dedicati a figure di spicco e di rilievo nella storia del design in relazione all’education, come Bruno Munari, a cura di Alberto Munari, e Riccardo Dalisi, a cura di Francesca Picchi in collaborazione con Studio Dalisi, alla pedagogia e ai Maestri, a cura di Franca Zuccoli e Monica Guerra, o alla iconicità dell’affabulazione, come Pinocchio, a cura di Enrico Ercole.

Triennale Design Museum
Comunicazione
Damiano Gullì
tel. 02 72434241
damiano.gulli@triennale.org

Vini d’autore – Terre d’Italia

Logo Terreditalia (1868 x 1357) (1)Vini d’autore – Terre d’Italia
V edizione

Domenica 21 e lunedì 22 maggio – Una Hotel Lido di Camaiore (Lu)
via Sergio Bernardini 335/337

Torna Vini d’Autore – Terre d’Italia, l’attesissima kermesse toscana, alla sua quinta edizione, dedicata all’eccellenza vinicola nazionale. Saranno 80 le cantine presenti ai banchi di assaggio ed oltre 400 le etichette in degustazione, per un excursus vitivinicolo davvero intrigante che porterà i visitatori dall’estremo nord fino al sud, passando per le isole e toccando distretti anche meno conosciuti.

TERRE D'ITALIA (1)Sede prestigiosa dell’evento l’hotel Una di Lido di Camaiore, a pochi passi dal mare, dove sarà possibile apprezzare nel bicchiere una selezione prestigiosa, eclettica e non scontata “d’autore” capace di offrire ad appassionati ed operatori uno spaccato vitivinicolo più che variegato, grazie anche alla diversità che caratterizza ogni singolo vignaiolo negli approcci di vigna e di cantina.

La manifestazione è ideata ed organizzata dal gruppo che dal 1999 dà forma e sostanza alla testata on line L’AcquaBuona (www.acquabuona.it) specializzata nell’informazione e nell’approfondimento su enogastronomia ed agroalimentare di qualità. Un gruppo che è TERRE D'ITALIA2 (1)anche ideatore ed organizzatore, da dieci anni, di Terre di Toscana, una tra le più importanti manifestazioni dedicate al vino toscano, dove ogni anno prendono parte 130 produttori ed oltre 3300 visitatori tra giornalisti, buyer, ristoratori, enotecari, distributori, sommelier ed appassionati.
La manifestazione si avvale del Patrocinio del Comune di Camaiore.
Orari:
domenica dalle 11.30 fino alle 19 e lunedì dalle 11.30 fino alle 18.30

Ingresso:
ingresso €25 (l’ingresso dà diritto a degustare tutti i vini presenti)
Ingresso ridotto (€20) per i soci AIS, FISAR, ONAV, AIES, SLOW FOOD, TOURING, ASPI e abbonati al notiziario de L’AcquaBuona

Per accrediti operatori e stampa: info@acquabuona.it – tel. 3356814021
VINI D’AUTORE – TERRE D’ITALIA – UNA Hotel Versilia –
via Sergio Bernardini ex Viale Colombo, 335/337
Per informazioni: info@acquabuona.it, 335.6814021 – 339.1177267 -328.6486660
www.acquabuona.it

Ufficio Stampa – Studio Umami
Roberta Perna – pr.enogastronomia@gmail.com – 329 9293459

A cena con i Jazzisti *Pozza, conte, bianchetti Trio

A cena con i Jazzisti *Pozza, conte, bianchetti Trio

L’evento si terrà all’ora, data e località seguenti:

Venerdì 14 aprile 2017 dalle 20:00 alle 23:00 (CEST)

Hotel Due Torri 4 Piazza Sant’anastasia 37121 Verona Italia
Eccoci al 4° appuntamento della rassegna ‘A CENA CON I JAZZISTI’ 2017 al Due Torri Hotel***** di Verona, dove Artisti e Pubblico hanno l’occasione di condividere passione e conoscenza della musica Jazz, gustando una cena d’eccellenza seguita dall’esibizione live, nella magnifica Hall trecentesca.

E’ possibile partecipare alla cena + concerto o anche al solo concerto.

Ospite della serata un trio di protagonisti della scena Jazz italiana, a partire dal pianista Andrea Pozza.

h 20:00 | Cena al Due Torri Lounge&Restaurant

CENA STELLATA

• RISO AL SALTO ragout di ossobuco in gremolata

• COSCIO D’AGNELLO sfornato di piselli, salsa di prosciutto e misticanze primaverili

• TERRINA DI YOGOURT con minestra di frutta fresca

• Vini in abbinamento Selezione Due Torri inclusi
h 21:30 | Live Concert

POZZA, CONTE, BIANCHETTI Trio

• ANDREA POZZA piano

• LORENZO CONTE contrabbasso

• GIANCARLO BIANCHETTI batteria

Si conoscono da tanti anni e amano il campo di gioco della musica jazz. Prendendo spunto sia dalla tradizione che da influenze più moderne, amano creare insieme atmosfere delicate o più energiche giocando con i ritmi che caratterizzano i brani della tradizione e i grandi standards, inseguendosi ed ispirandosi vicendevolmente, per raggiungere esecuzioni sempre nuove, caratterizzate dalla freschezza della prima volta! Pozza è uno dei massimi esponeni del piano Jazz italiano.

Fine serata gustando un piacevole calice di vino offerto dalle Cantine Cesari

** Ingressi **

Cena al Due Torri Lounge & Restaurant: € 45,00 (si paga al ristorante)

Concerto: € 15,00 | Ridotto € 10,00 musicisti e minori 15 -18 | Free 0-14 (si paga all’ingresso)

Ingresso con Tessera Soci da fare alla biglieteria
** Info e prenotazioni **

jazzandmore.verona@gmail.com

Tutti gli approfondimenti su www.jazzandmoreverona.com

Un ringraziamento particolare va ad AGSM, Cantine Cesari, Tenuta Fontanara, Circolo Jazz Verona, ACE Consulting, Doc Servizi, Musical Box, Agenzia Perdonà, FederManager Verona, Accademia A. F. Musicale, Il Pianoforte e Target.sdv.

SAVE THE DATE

* O LIVE JAZZ FEST 2017 | Jazz-Food-Solidarity *

28 – 30 Giugno a Cavaion V.e | 2^ Edizione

E’ in arrivo “O LIVE JAZZ FEST 2017” 2^ Edizione, a Cavaion sul Lago di Garda. Una grande Festa di respiro Europeo ad inizio estate, nella meravigliosa cinquecentesca Corte Torcolo, in cui si fondono la bella atmosfera del Lago di Garda, i Vini e i Sapori dell’entroterra, le Proposte Musicali di alcuni tra i più interessanti Talenti del Jazz Italiano e nord Europeo, con attenzione ai temi dell’Accessibilità e dell’Inclusione.

La manifestazione di 3 giornate, prenderà il via Mercoledì 28 Giugno con un’Artista a cui teniamo molto: il trombettista PAOLO FRESU, accompagnato da due grandi giovani Artisti. A seguire, altre due serate da non perdere con pluripremiati jazzisti.

Maggiori info sul nostro sito: www.olivejazzfest.com

Discepoli di Artusi cercasi: Premio Marietta 2017

Piatti finalisti 2016

Piatti finalisti 2016

Discepoli di Artusi cercasi: Premio Marietta 2017

Premio Marietta 2017 cuochi dilettanti cercasi

Torna il concorso nazionale sulle orme di Pellegrino Artusi riservato ai cuochi per passione. A promuoverlo il Comune di Forlimpopoli in occasione della XXI° Festa Artusiana (24 giugno – 2 luglio 2017)

Scadenza 5 giugno 2017. La partecipazione è gratuita. 1000 euro in palio

Forlimpopoli (Fc) – La città natale di Pellegrino Artusi e la Festa Artusiana rendono omaggio a tutte le Mariette di oggi: agli appassionati (senza distinzioni di sesso) dei fornelli che prendono ispirazione da “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”. Si rinnova l’appuntamento con il Premio Marietta riservato a cuochi dilettanti, omaggio della città artusiana alla celebre governante (Marietta Sabatini) che ha condiviso tutto il percorso culinario dell’Artusi.

Un concorso decisamente nazionale confermato dalla geografia dei vincitori delle ultime edizioni (Vicenza, Udine, Sassari, Lecco, Bergamo), con i partecipanti dalle professioni più diverse (pensionato, fisioterapista, giornalista, bancario, disoccupato). Senza dimenticare i riflettori della ribalta nazionale, come nel caso di Andrea Marconetti (Premio Marietta 2010), tra i protagonisti di Masterchef 2013. Ricco il montepremi: 1000 euro offerti da Conad. La partecipazione è gratuita.

Il Premio Marietta è un concorso nazionale promosso dal Comune di Forlimpopoli, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette, dedicato a Marietta Sabatini. Governante di Artusi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, Marietta ricoprì un ruolo centrale nella vita del gastronomo contribuendo all’impresa culinaria ed editoriale La Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, insieme al cuoco Francesco Ruffilli.

Come partecipare al Premio Marietta

Le iscrizioni al concorso sono aperte fino a lunedì 5 giugno 2017: tutte le ricette devono pervenire al Comune di Forlimpopoli (P.zza Fratti 2, 47034 Forlimpopoli) indicando “Festa Artusiana – Premio Marietta 2017” entro le ore 13 dello stesso giorno. La ricetta può essere inviata anche via mail (in formato .pdf) all’indirizzo: protocollo@comune.forlimpopoli.fc.it

Per partecipare occorre inviare massimo due ricette originali di un primo piatto (pasta fresca o secca o riso) eseguibile in un tempo massimo di due ore. Requisito indispensabile, la presenza di riferimenti alla cucina domestica regionale, alla filosofia e all’opera dell’Artusi, tanto negli ingredienti quanto nella tecnica di preparazione e di presentazione.

La partecipazione (gratuita) è esclusivamente riservata a cuochi dilettanti, ovvero a tutti gli appassionati di cucina e di enogastronomia che non svolgono attività professionale nel settore. Le ricette eseguite devono contenere gli ingredienti (per 5 persone), il tempo di preparazione e il tipo di cottura (forno, fornello, altro), i riferimenti all’opera artusiana (stagionalità delle materie prime, curiosità storiche, tipicità territoriale). All’interno della busta l’autore dovrà indicare le proprie generalità, un numero di telefono, un indirizzo di posta elettronica, e l’attività lavorativa che attesti lo status di “dilettante” di eno-gastronomia.

Una giuria di esperti selezionerà, fra tutte le ricette pervenute, le cinque finaliste. I cuochi finalisti saranno invitati a cucinare i loro piatti (per 5 persone) nella mattinata di domenica 25 giugno nel corso della Festa Artusiana, in calendario dal 24 giugno al 2 luglio 2017 a Forlimpopoli.

Al vincitore va un premio di 1.000 euro, ai finalisti 5 Kg di pasta. I premi sono offerti da Conad. La giuria presieduta da Verdiana Gordini, Presidente dell’Associazione delle Mariette, sarà composta da esperti del settore.
I vincitori delle ultime cinque edizioni

Il premio Marietta ha sempre richiamato partecipanti da tutta Italia, basti ricordare la provenienza dei vincitori delle ultime edizioni: Mario Maurizi pensionato di Vicenza con le sue “Linguine risottate alla spatola con pomodori datterino” (edizione 2016); Nadia Tessitori fisioterapista di Tolmezzo (Udine) con la ricetta “Cjarsons alla luganega e sclopit” (edizione 2015); Francesco Canu disoccupato di Sassari con la ricetta “Culurgiones a ispighitta cun pumata” (edizione 2014); il giornalista Rolando Repossi di Casatenovo (Lecco) con il piatto “Ravioli di nonna Costantina” (edizione 2013); la responsabile di una filiale di banca Raffaella Bugini di Valbrembo (Bergamo) con il “Risotto al moscato di scanzo con biligòcc e fonduta di strachitund” (edizione 2012).

Chi era Marietta Sabatini

La ‘fedele Marietta’ a cui è dedicato questo concorso, è sempre stata una figura centrale nell’opera di Artusi. In ombra se l’angolo di visuale è la ribalta letteraria, in primo piano se si guarda alla sostanza gastronomica e alla solidità del successo de ‘La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene’.

Pellegrino Artusi sapeva di dovere molto a Marietta, tanto che si sentì in dovere di lasciarle in eredità, oltre al lascito di ben Lire 8000, i diritti di autore sul manuale, assieme al cuoco Ruffilli Francesco, in quanto aveva coadiuvato al buon esito del libro.

Alla fedele Marietta, Pellegrino Artusi dedicò anche la ricetta del panettone che si trova nel manuale perché “è brava cuoca e tanto buona ed onesta da meritare che io intitoli questo dolce col nome suo, avendolo imparato da lei”.

E’ proprio alle Mariette d’oggi, quelle persone che custodiscono l’amore e l’abilità del sapere artusiano, che la città di Forlimpopoli omaggia con questo concorso.
Info Premio Marietta: tel. 0543 749235, scuola@comune.forlimpopoli.fc.it; www.festartusiana.it www.casartusi.it

Ufficio Stampa – Agenzia PrimaPagina

Filippo Fabbri – Alice Magnani

(tel. 0547.26664; 347.1567681)

Dott.ssa Alice Magnani
Agenzia PrimaPagina
Giornalista professionista
Via Sacchi 31 – 47521 Cesena (FC)
Tel. 0547 24284 – Fax 0547/27328
Cel. 348 7525094
comunicazione@agenziaprimapagina.it
www.agenziaprimapagina.it

Croazia Ful Of Stars

Croazia Ful Of Stars
Il ristorante Monte di Rovigno in Croazia ottiene la prima stella Michelin

Ottimi vini, squisito tartufo bianco e pregiato olio di oliva, questi gli ingredienti base della straordinaria cucina mediterranea della Croazia che entusiasma buongustai di tutto il mondo grazie alla sua varietà di piatti e la qualità degli ingredienti. L’ottima offerta gastronomica locale ora è stata resa ufficiale, il ristorante Monte a Rovigno, nella foto fornita dall’ Ente Nazionale Croato per il Turismo, è il primo in Croazia ad aver ottenuto una stella dalla prestigiosa Guida Michelin e sicuramente conquisterà ancora di più gli amanti della buona tavola. Inoltre, i visitatori hanno la possibilità di scegliere tra una varietà straordinaria di ristoranti della Croazia che sono elencati nella guida Michelin.
“Siamo orgogliosi che i ristoranti croati sono consigliati ed elencati in questa guida. In particolare, siamo felici che uno dei ristoranti della Croazia riceva la stella Michelin, un prestigioso riconoscimento della nostra proposta gastronomica e della nostra offerta turistica in generale.
Un tale riconoscimento sarà un grande incentivo per tutti nel settore del turismo, in particolare per i ristoratori, perché è il modo migliore per promuovere sulla scena internazionale la gastronomia croata. Il vantaggio dell’offerta gastronomica croata è la disponibilità, durante tutto l’anno, d’ingredienti freschi che offrono l’opportunità per la creazione di menù eccellenti.”
ha detto il Ministro del Turismo croato, Gari Cappelli, congratulandosi con il ristorante per il premio ricevuto. “La prima stella Michelin e l’inserimento di altri ristoranti in questa Guida è un grande riconoscimento per l’intero settore del turismo croato, ed è uno stimolo per incrementare la promozione del turismo enogastronomico e per la Croazia in generale. Siamo particolarmente entusiasti per la prima stella Michelin assegnata al ristorante Monte, con il quale ci congratuliamo sia con i proprietari sia con lo chef. Il criterio per ottenere l’assegnazione della stella Michelin è un processo complesso e il sistema di monitoraggio è tenuto segreto, il che rende tale riconoscimento
ancora più prestigioso. Consideriamo questa una grande opportunità per realizzare e sviluppare ulteriormente lo scenario gastronomico croato e sarà una grande motivazione per tutti gli chef “, ha aggiunto il Direttore dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo, Ratomir Ivicic.

La Croazia distesa lungo il Mare Adriatico, vicina all’Europa Centrale, è un Paese che vanta un ricco patrimonio culturale. Oggi, la storia si combina alla perfezione con uno spirito giovane e un’energia vibrante, che la rendono irresistibile a coloro che cercano un’esperienza di soggiorno diverso. Per tutto l’anno, si può godere di una bellezza naturale mozzafiato, di coste sconfinate, di una gastronomia variegata, di avventura, sport e wellness. Che si esplori il centro storico di Dubrovnik, Sito del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, si passi da un’isola all’altra nell’arcipelago di Spalato, si vada a caccia di tartufi in Istria, si faccia parapendio intorno ai Laghi di Plitvice, ci si addentri per le stradine e i passaggi nascosti di Zagabria, si faccia birdwatching a Kopacki rit, si faccia festa per tutta la notte sulla spiaggia Zrce di Novalja o si passi del tempo in famiglia sulla spiaggia di Zlatni Rat, la Croazia soddisfa davvero ogni esigenza di vacanza.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito: http://croatia.hr

Harry di Prisco
Giornalista
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

A Firenze il centro ippico Toscano è anche questo….

centro-ippico-toscana-bigA Firenze il centro ippico Toscano è anche questo….

Intermezzo fiorentino pulsante di bellezza, di relax, di poetica evocazione, lontano dal ritmo frenetico e dall’ovvietà leisure, istanti di sospensione temporale nel landscape disegnato dal respiro del vento, dal verde delle piante, dal profumo dell’erba. Se la passione ridefinisce i sogni il Centro Ippico Toscano ha saputo ridare anima, fascinazione, eleganza e incredibile bellezza a questo straordinario luogo dove non si può non cedere al fascino poetico della sensibilità emotiva scatenata dalla natura e dalla struttura, una giornata per immergersi in un mondo fatato, a due passi dalla città, nel verde acceso dell’erba, respirare l’azzurro del cielo ottimizzata anche dalla possibilità di vivere la famiglia tutti insieme….oggi, con il primo sole primaverile Charlie Sue Fani ci porta per mano, metaforicamente, con i bimbi del gruppo Pony e i loro genitori, per immergersi nel mondo incantato del cavallo, nel verde acceso dell’erba, respirare l’azzurro del cielo, questo luogo magico che ci vede insieme, grandi e piccini, lentamente, tutti in fila, una passeggiata costeggiando l’Arno….questo è anche il Centro Ippico Toscano.

https://www.centroippicotoscano.it

Il fascino del Sahara nell’ Oasi di Tozeur

image001 (1)Il fascino del Sahara nell’ Oasi di Tozeur

Un viaggio incantevole nel grande sud tunisino

La Tunisia si sta preparando alla stagione estiva con tante iniziative per rilanciare la destinazione. La nuova Tunisia democratica, nata dopo la “rivoluzione del Gelsomino”, ha come prima regola la sicurezza e il rispetto l’uno dell’altro. La Tunisia si conferma il paese del nord Africa più vicino a noi per le tradizioni del nostro sud e a cui siamo legati da vincoli di antica amicizia. Un Paese tranquillo che fa sognare, dove il cielo è sempre limpido ed azzurro, dove si può scoprire l’eccezionale patrimonio culturale e le tradizioni originarie, dove si possono apprezzare i paesaggi inondati di luce e le meraviglie del mare. la Tunisia guarda con fiducia al futuro e i dati forniti dall’Ente del Turismo Tunisino degli arrivi dei turisti sono confortanti: nel 2015 hanno visitato la Tunisia 1.304.253 turisti europei (compresi i russi); nel 2016 il numero è salito a 1.415.334, con un significativo più 8,5%. Il turismo da lavoro ad un milione di persone che si sono trovate in difficoltà a causa della crisi del comparto.

image004Il Festival delle oasi alle porte del Sahara

Confortanti anche i dati del turismo verso il Grande Sud del paese, nella regione di Tozeur/Gafsa: arrivi 5461 visitatori, grazie all’aeroporto internazionale, dal primo gennaio 2016 al primo gennaio 2017, con un incremento del 41,03%, la durata media del soggiorno è stata di 1,70. Per le strade di Tozeur, cittadina alle porte del deserto, si è svolto in questi giorni il trentottesimo Festival delle Oasi, coinvolgendo gli abitanti e i visitatori che hanno ballato insieme al ritmo di antichi strumenti musicali delle tribù nomadi. Tamburi e pifferi sono stati suonati da gruppi folcloristici in vistosi costumi, provenienti anche da altri paesi africani. Di sera mille luci hanno rischiarato le cupole e i palazzi della tranquilla cittadina che per quattro giorni è stata la capitale della danza, della musica e delle espressioni artistiche più vere, in uno dei luoghi più attraenti del Paese. Il turismo sahariano è fra quelli più suggestivi: si può infatti praticate il quad tra le dune di Onk Jmel; il carro a vela sullo Chott el-Jerid; il trekking a piedi sulle piste dell’Atlas o in cammello di un’ora oppure di otto giorni, tra un’oasi e l’altra; il golf in un impressionante scenario di rocce e di palme; è possibile poi provare l’emozione di sciare sulle dune. La sabbia è come il mare, nasconde tesori e segreti e andarli a scoprire crea emozioni affascinanti.

image005 (1)Il colori della Medina

Una emozione del tutto particolare si prova nel visitare l’antico quartiere “Ouled Hadef” con le sue viuzze strette, gli alti muri, i passaggi a volta che formano un dedalo di ombre e luci. I biondi mattoni di argilla e sabbia sono posizionati con una particolare tecnica per sfruttare una maggior superficie ombrata, formando disegni geometrici davvero bellissimi. Una curiosità: le porte d’ingresso delle case sono a due battenti; quello destro ha due battiporta, uno in alto per gli uomini e uno in basso per i bambini. La porta di sinistra ha un solo battente ed è per le donne. I battiporta hanno dei suoni diversi, in tal modo il padrone di casa potrà sapere chi bussa alla porta.
image002 (2)Museo Dar Cherait

In questo singolare museo privato si possono vedere numerose testimonianze della civiltà tunisina, nonché visitare la galleria d’arte con una collezione di pitture antiche e moderne. Il museo, sicuramente il più interessante di tutto il Sud del paese, ospita una collezione di oggetti d’arte del periodo che va dal XVII sec. al XX sec., provenienti dalla Tunisia e dalle principali regioni dell’impero Ottomano. Inoltre tutte le sere viene presentato uno spettacolo che racconta la storia delle Mille e una Notte.

image003 (2)Le palme da dattero

La visita ai palmeti, fra i più belli della Tunisia, è davvero suggestiva, si può effettuare in calesse o in bici; vi sono centinaia di migliaia di palme da dattero, alcuni dicono siano centomila alberi, altri trecentomila. Per avere dei frutti che raggiungano una dolcezza ottimale, occorre che per la maturazione vi sia una temperatura di circa trenta o quaranta gradi. I datteri freschi sono più salutari e meno calorici. Quelli essiccati hanno una concentrazione zuccherina più elevata e possono essere conservati fino a sei mesi. I datteri sono ricchi di sali minerali e vitamine, nonché di fibre, da sempre vengono utilizzati dalle popolazioni africane per combattere la fatica.

image008Il set di Guerre Stellari

Il set cinematografico dove sono state girate alcune scene di uno degli episodi di Star Wars: “Una nuova speranza”, è poco distante da Tozeur. Il luogo è da anni abbandonato. Sono in tutto circa venti costruzioni su 10mila metri quadrati dove George Lucas ambientò il “porto spaziale” di Mos Espa, dove visse su Tatooine Shmi e Anakin Skywalker, più noto come Dart Fener.

Harry di Prisco

Matera Capitale Europea della Cultura palcoscenico dell’Alta Moda Internazionale

PREMIO MODA 2017Matera Capitale Europea della Cultura palcoscenico dell’Alta Moda Internazionale

Premio Moda® “Città dei Sassi”

Concorso Internazionale per stilisti

9^ edizione – Matera (Italy), 10 giugno 2017

Scadenza iscrizioni (21 febbraio 2017),

Sabato, 10 giugno 2017 è in programma il Premio Moda® “Città dei Sassi”, concorso internazionale per stilisti giunto alla 9^ edizione e che anche quest’anno celebra l’evento attraverso il tema “moda, eleganza e creatività”.

Il premio è una competizione di stilisti di alta moda istituito per promuovere artigiani/creativi della moda in total look femminile provenienti da ogni parte del mondo che partecipano all’evento per mettere in luce le proprie capacità artistiche e farsi conoscere attraverso i media ad un pubblico internazionale grazie alla presenza di esponenti della moda, degli organi di stampa, delle reti televisive e del pubblico.

Il concorso ha lo scopo di selezionare e premiare creatori e fashion designers per promuovere e valorizzare il talento attraverso la presentazione in passerella di originali creazioni d’alta moda nella città di Matera, Città Unesco e designata a Capitale Europea della Cultura nel 2019.

Sono ammessi:
diplomati di Accademie, Università e/o scuole statali e private, professionisti disegnatori, stilisti di moda, modellisti, operatori moda e autodidatti che abbiano compiuto il 18° anno di età e che non abbiano superato il 40° anno di età.

Saranno attribuiti i seguenti premi:

Premio Moda® “Città dei Sassi” – Premio Moda® al Cinema (dedicato all’attrice Ingrid Bergman), Premio Moda® della Critica – Premio Moda® “Matera 2019” – Premio Moda® Giornalistico – Premio Moda® Serikos
Successivamente, a chiusura dei termini di iscrizione (21 febbraio 2017), una giuria tecnica, appositamente nominata, decreterà gli otto stilisti finalisti che avranno la possibilità di presentare una collezione di creazioni di moda, nello specifico di Alta Moda Donna, sezioni Abbigliamento e Accessori.

Nella serata dell’evento, davanti a una giuria speciale composta da esperti e rappresentanti illustri del mondo della moda italiana, dell’imprenditoria locale e delle associazioni di categoria, affiancata da una giuria composta da rappresentanti della stampa, gli stilisti proporranno le proprie originali creazioni nella suggestiva Città dei Sassi.

Concluso il premio, l’evento continua sul sito web www.premiomoda.it attraverso una vetrina virtuale del “Premio Moda®” per far rivivere non solo la serata, ma anche il fascino della città dei Sassi.

Il successo del Premio Moda Città dei Sassi va ricercato nel sempre maggiore impegno profuso dall’organizzazione nel migliorare la manifestazione, sempre più apprezzata dalla stampa specializzata.
Al Premio Moda® 2017 si registra la presenza di numerose personalità provenienti dal mondo istituzionale, della moda, del giornalismo, della tv e del cinema. In proposito gli organizzatori hanno avviato importanti collaborazioni con stilisti e personaggi illustri del panorama italiano i cui nomi verranno resi pubblici durante la conferenza stampa che si terrà a Matera nei primi giorni del mese di giugno 2017.

La consapevolezza di avere come cornice dell’evento in oggetto una location di altissimo livello culturale rafforza la grande attrazione da parte degli addetti ai lavori nei confronti del Premio Moda® promosso da nove anni consecutivi nella Città dei Sassi dalla Publimusic.com di Matera in collaborazione con l’Associazione Culturale “Officina della Cultura”.

Il concorso scade il 21 febbraio 2017.

Regolamento e condizioni per la partecipazione al concorso sono disponibili su richiesta a: concorso@premiomoda.it

Presidente

Officina della Cultura
Dott. Vincenzo Scasciamacchia

PREMIO MODA® – CITTA’ DEI SASSI
Press Office: Nicola Altomonte
Mobile: + 39 340 5402210
Website: www.premiomoda.it
Email : premiomodamatera@libero.it