Torgnon d’outon 2014 Torgnon

Torgnon d’outon 2014 Torgnon
Dal 31 ottobre al 9 novembre 2014
Sagra gastronomica
Mercatino ricco di specialità enogastronomiche
Animazioni musicali

Inaugurata A San Giovanni d’Asso,La 28° Mostra mercato del tartufo bianco delle crete Senesi

Il territorio e la cerca in tartufaia ripresi anche dalle telecamere di “Geo&Geo”

Inaugurata questa mattina a San Giovanni d’Asso, con il convegno dedicato alla Legge Quadro sulla regolamentazione del mondo del tartufo, la 28° edizione della Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi.  Il primo dei due week end in cui si articola l’evento organizzato dal Comune di San Giovanni d’Asso in collaborazione con l’Associazione Tartufai di Siena, si è aperto nella Sala del Camino del trecentesco Castello con questo incontro tematico a cui è intervenuto, tra gli altri, anche il Presidente della Commissione Agricoltura della Camera Luca Sani.

 

L’evento ha quindi preso il via con le varie iniziative in programma: il Bussino del Gusto – che ha condotto i visitatori in un goloso tour alla scoperta dei prodotti tipici del territorio andando a scovarli e assaggiarli direttamente nelle aziende dei produttori – la degustazione dei pecorini senesi proposti in abbinamento con i vini del Corsorzio Orcia DOC nell’ambito della XVI edizione del  “Premio Sapori Senesi” – organizzato con il contributo e la collaborazione del Consorzio Agrario Provinciale di Siena – e quella del prezioso tubero accompagnato dalle bollicine dei gemellati francesi dello Champagne. Domani 10 novembre la festa continua, con altre degustazioni e abbinamenti con distillati e gelato artigianale al tartufo. 

Inizia oggi ma si ripeterà anche nei restanti giorni di manifestazione, il rito dell’apericena per le strade del Borgo di San Giovanni d’Asso con prodotti tipici del territorio e tanta buona musica, mentre i ristoranti del territorio comunale aderenti all’iniziativa “Novembre a Tavola” continueranno a proporre degustazioni di piatti al tartufo, che il pubblico potrà trovare anche negli stand gastronomici della Pro Loco di San Giovanni d’Asso e dell’Associazione Tartufai Senesi.

 San Giovanni d’Asso e il suo tartufo, in vista del secondo week end di festa, continueranno ad essere protagonisti per tutta la settimana con servizi televisivi anche sulle reti nazionali tra cui quello realizzato nei giorni scorsi dalla troupe di Geo & Geo che andrà in onda martedì 12 novembre alle ore 12 su Rai Tre. L’operatore e la regista Gabriella Lasagni hanno scelto di riprendere i luoghi più significativi del territorio e incontrare i tartufai proprio sul campo. Le riprese sono partite prima dalla Tas, una storica fornace produttrice di terrecotte, per poi spostarsi nel bosco esoterico della ragnaia, una combinazione di natura selvaggia delle Crete sposata appunto all’esotericità dell’artista statunitense Sheppard Craige. Poi è stata la volta dell’area tartufigena del Mabbione, dove gli operatori hanno documentato una cerca guidata. E sempre a proposito di cerche, una parte del servizio sarà dedicato ad una cerca di erbe spontanee di cui San Giovanni conserva una grande tradizione, poi tutti a Vergelle nella sede della omonima azienda agricola proprio per realizzare delle prelibatezze utilizzando le erbe raccolte non lontano dal castello trecentesco.

Per informazioni e prenotazioni contattare il 3497504247 – 0577718811 (Biancane Servizi al Turismo)

 

 

Ufficio Stampa Nazionale

 

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

 

Tel 335 6130800 – 320 6434045 Email marzia.morganti@gmail.com

 

www.martecomunicazione.com

 

Ufficio Stampa territoriale

 

Simone Rosario cell. 3349499730 Email comunicazione.crete@libero.it

 

Il massaggio Abyangam – Val Taleggio – (BG)

Dal 27 al 29 aprile 2013
 
Il massaggio che propongo in questo corso, è ricco di manualità e indicazioni utili per un’attenta valutazione dell’individuo che si sottopone. Considerando l’interazione dei 5 elementi alla base della creazione secondo l’antica dottrina Indiana, ho ideato un massaggio che con semplici considerazioni possa contribuire alla conoscenza di come questi elementi agiscono nell’uomo e intorno a noi. Nell’ayurveda i principi che costituiscono la natura di ognuno di noi, si chiamano “dosha” ed si possono definire principi metabolici, o più semplicemente tipologie.
Il massaggio Abyangam è in teoria la base dell’interpretazione ayurveda, nel senso che l’approccio generale al massaggio si può definire cosi. Ho inserito molte manualità e molti atteggiamenti che rendono il massaggio completo e funzionale, utile in molte situazioni. Funzionale per la circolazione linfatica, venosa e arteriosa, utile per migliorare il tono muscolare e sciogliere le tensioni, utilissimo per iniziare a prendere consapevolezza del tocco e della sua importanza, utilissimo per capire e trovare la precisione nelle manualità, per capire l’ergonomia del contatto.
Oltre a donare tutti i benefici classici del massaggio, il mio Abyangam introduce il percorso formativo Arte del massaggio che si propone di diffondere un concetto olistico del massaggio, valorizzando il rispetto, l’ascolto, le emozioni e l’amore incondizionato e non per ultimo la valorizzazione delle caratteristiche innate dell’operatore.
Nello specifico tratteremo manualità come frizioni, sfioramenti, allungamenti, pressioni, impastamenti, lavoro a punta di dito, lavoro con gli avambracci, postura, respirazione, musica e concentrazione.
Un massaggio che servirà a tutti e in qualsiasi situazione essendo un trattamento non troppo specifico e di approccio generale, molto utile anche all’operatore che potrà trovare il giusto equilibrio con tutto ciò che serve ad interpretare un vero massaggio olistico.
Il prezzo in pensione completa include:
• Pernottamento
• Piccola colazione a buffet
• Pranzo
• Cena
• Acqua minerale e naturale
• ¼ di vino a testa ai pasti
• N° 1 tea break con piccola pasticceria e frutta
• Utilizzo sala polifunzionale e attrezzatura richiesta
• N°1 ingresso gratuito alla nostra zona relax ( sauna e idromassaggio)
Gratuità : 1 ogni 15 paganti
Sono ammessi animali domestici, con un addebito finale di € 5,00 per l’igienizzazione delle camere.
Tutto quanto non espressamente elencato nell’offerta si intende escluso dalla presente.
COSTO TOTALE DEL CORSO : 380,00 CHE COMPRENDE :
ATTESTATO, DISPENSA TEO/PRATICA, cd MUSICALE DEDICATO E tutto quanto elencato nel servizio di pensione completa.
PER INFO ED ISCRIZIONI : Monica Faioli
 
Via Roma, 110 – Olda – Val Taleggio – (BG)
 
 

A Vinitaly racconti e ricette della Fattoria del Colle

Il nuovo quadernino di Donatella Cinelli Colombini con 16 ricette tradizionali della campagna senese, in certi casi rivisitate, a volte sconosciute ma sempre accessibili a tutti
 
Iniziativa originale per Donatella Cinelli Colombini a Vinitaly 2013. Allo stand D4 del Padiglione 6 di Veronafiere si degusterà e si parlerà di vino, ma non solo: si scopriranno tante ricette che con il Brunello, il Chianti e la Doc Orcia, da lei prodotti con tanta passione nelle cantine della Fattoria del Colle di Trequanda e del Casato Prime Donne a Montalcino, si sposano in una esaltazione di sapori puramente toscani, rustici ma anche autentici e con una storia curiosa da raccontare. Questo “piccolo manuale” dei sapori toscani che Donatella presenterà in anteprima a Vinitaly e che sarà prossimamente in vendita in italiano e inglese nelle due cantine di proprietà e nel negozio Toscana Lovers a Siena, rappresenta una ghiotta occasione per aprire una finestra sulla civiltà toscana moderna dove tradizione e voglia di novità si mescolano usando gli stessi ingredienti.
Nella campagna italiana più affollata di vip stranieri le antiche pietanze non bastano più e quindi si scava nella memoria per trovare ricette ancora sconosciute e contemporaneamente cresce la voglia di usare zafferano, cinta senese e ceci … in un modo diverso. Insomma una evoluzione della tradizione che a Donatella Cinelli Colombini non sembra un tradimento quanto piuttosto la fotografia di un territorio rurale dove nuovi residenti  e contadini doc (come lei si vanta di essere) spesso parlano inglese,  viaggiano, vanno ai concerti, leggono … insomma costituiscono il primo esempio di una civiltà rurale nuova affascinata dal passato ma intrigata dal nuovo. Ecco dunque che tra le pagine del curioso “ricettario” di Donatella, si leggono la ciancifricola o l’acqua cotta pasqualina e il peposo dei foncaciai che raccontano un passato di povertà e scaltrezza nel preparare piatti prelibati col poco che c’era.  Accanto, i pinci all’oro della Val d’Orcia che valorizzano la rinata produzione di zafferano dopo decenni di abbandono, oppure i maltagliati con il ragù di cinghiale dove l’intenso sapore della selvaggina è smorzato da un inedito uso dei ceci, per concludere con una serie di ricette che nessuno avrebbe mai pensato di preparare in casa, come il panforte, che si rivelano facilissime e straordinariamente diverse dal dolce industriale più diffuso.
 
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
 
Casato Prime Donne – Montalcino, SI
 
Fattoria del Colle – Trequanda SI
 
Alessia Bianchi 0577 662108 pr@cinellicolombini.it
 
 
 
Addetta stampa
 
Marzia Morganti Tempestini 3356130800
 

EcoSolPop La Terra il Cibo e la Città – Roma (RM)

Domenica 7 aprile 2013
 
Dalle 10.00 alle 19.00
 
Come ogni prima domenica del mese ritorna
 
EcoSolPop
Il mercatoNONmercato
ECOlogico, SOLidale e POPolare
 
Domenica 7 aprile presso SCuP rioccupato
Via Nola, 5 (San Giovanni)
 
dalle 10.00 alle 19.00
 
Il tema di questa edizione:
La Terra, il Cibo e la Città
 
Una sfida per l’ AltraEconomia a Roma
 
Promuovono Laboratorio Urbano Reset , S.Cu.P e Lucha y Siesta
 
Sono ancora aperte le adesioni: per info invia una email a ecosolpop@gmail.com, oppure visita la sezione “Partecipa” di questo sito http://ecosolpop.wordpress.com/
 
Scup-Ri-Occupato – Roma

Tra i vigneti sel Sannio – Torrecuso (BN)

Domenica 3 marzo 2013

Dalle 10.30 alle 18.00

La Mar.Vin vi invita a TRA I VIGNETI DEL SANNIO 2 –il ritorno-
Domenica 3 marzo 2013 torneremo in una delle location più apprezzate: la calorosa accoglienza dell’azienda “I Colli del Sannio” e le prelibatezze dello chef Antonio Morisco D’Ambrosio del ristorante “Il Capriccio”.
Programma
Ore 10.30 Passeggiata nell’affascinante borgo di Torrecuso (BN)
Ore 12.00 Visita ai vigneti dell’azienda “I Colli del Sannio” e degustazione in cantina di TRE vini, in abbinamento ai famosi “tarallucci alla falangina e all’aglianico ” di MariaPia, perfetta padrona di casa.
Ore 13.30 Pranzo a “Il Capriccio”. Lo chef Antonio Morisco D’Ambrosio preparerà per noi:
– antipasto di Breasaola, prosciutto e formaggi. In abbinamento “Albus” Bianco IGT Sannio
– Pappardelle con zucchine e speck. In abbinamento “Pentime” Aglianico DOC del Sannio 2008
– Cavitelli con salsiccia fresca. In abbinamento “Pentime” Aglianico DOC del Sannio 2008
– Brasato all’Aglianico del Taburno. In abbinamento “Tremisse” Aglianico DOC del sannio 2007
– Torta de Il Capriccio. In abbinamento Grappa di Aglianico barricata

Cantine”I COLLI DEL SANNIO”
Azienda Vitivinicola di Torrecuso (BN) Contrada Rivolta
e
“Il Capriccio” ristorante di Vitulano (BN)

Saranno ritenute valide solo le prenotazioni confermate via telefono.
Prenotazione obbligatoria 0815700358 – 3355710794
quota di partecipazione: 30 euro adulti (menù bambini euro 10)

La primavera del valdobbiadene DOCG Perlage D’Autore – Cristina

383446_458886880822680_1075878723_n.jpg26 marzo 2013
 
Col San Martino – Mostra Valdobbiadene DOCG – 26 marzo 2013 ore 20.30
 
La conoscenza da parte del consumatore è un passaggio essenziale finalizzato a favorire la penetrazione sul mercato di un determinato prodotto.
Questo step è quanto mai importante in ambito enogastronomico dove, a fronte di prodotti di assoluta eccellenza, non corrisponde un’adeguata conoscenza da parte del consumatore che quindi non è in grado di distinguere prodotti di diversa qualità, e accettare le differenze di prezzo. Alla secolare tradizione produttiva di un determinato cibo o vino non sempre corrisponde una reale consapevolezza delle caratteristiche e del valore qualitativo e culturale dello stesso da parte della popolazione locale.
 
285353_528078553903512_1876077677_n.jpgEcco quindi nascere, proprio partendo dal cuore della sua zona di produzione, l’idea di realizzare, nell’ambito della Primavera del Prosecco Superiore – Mostra del Valdobbiadene DOCG di Col San Martino, una serata tecnico – divulgativa di approfondimento sulla storia, le tecniche produttive e le caratteristiche gusto – olfattive delle diverse tipologie di questo importantissimo vino Italiano. 
La serata, condotta dal sommelier/degustatore AUGUSTO GENTILLI, direttore editoriale del portale di cultura enogastronomica World Wine Passion (www.worldwinepassion.itwww.worldwinepassion.com), affronterà inizialmente i più importanti aspetti inerenti il territorio, i vitigni, le tecniche di produzione e le diverse denominazioni e tipologie del prosecco. La serata continuerà con la degustazione alla cieca di tutte le tipologie di Valdobbiadene Prosecco Docg prodotte a Col San Martino.
 
 
 
Vini in degustazione:
1. Secco
2. Amabile
3. Frizzante Rifermentato in bottiglia
4. VALDOBBIADENE DOCG Spumante brut
5. VALDOBBIADENE DOCG Spumante Extra Dry
6. VALDOBBIADENE DOCG Spumante Rive di Col San Martino
7. Passito
 
Seguirà una degustazione di pesce con preparazioni a cura del Gruppo Ristorazione Tipica Caorlotta, il tutto abbinato ad un banco d’assaggio di tutti i vini di Col San Martino presenti alla Mostra, ad allietare la serata saranno le note Jazz dell’orchestra Blueberry Trio di Rovigo. La serata è rivolta ad appassionati, ristoratori, enotecari, degustatori, sommelier. L’evento si terrà martedi 26 marzo ore 20.30 presso gli storici locali della Mostra del Valdobbiadene DOCG a Col San Martino.
E’ previsto, nei 20 giorni dell’evento, l’arrivo di 20 mila visitatori.
Cristina Vanuzzi
PressOffices comunicazione

L’irresistibile fascino del biscottino con il vermouth di Prato – Ufficio Stampa Comune di Prato

I BISCOTTI DI PRATO PROTAGONISTI VENERDI 15 FEBBRAIO AL MUSEO DEL TESSUTO.jpgVenerdì 15 febbraio 2013
Terzo appuntamento con il gusto
 
Tutto esaurito al Museo del Tessuto per i sapori vintage della convivialità
 
La tradizione di accogliere amici e parenti attorno a una tavola imbandita con biscottini e vermouth bianco di Prato si racconta nel terzo incontro dedicato ai prodotti tipici pratesi 
 
Non è necessario che ci sia una festa per mettere in tavola un vassoio di fragranti biscottini di Prato con la mandorla, ma quel dolcetto conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per il suo gusto e la sua semplicità è un vero e proprio simbolo della convivialità, sublime da solo e ineguagliabile se accompagnato con un bicchiere di autentico Vermouth Bianco di Prato. Proprio al biscotto di Prato e al Vermouth Bianco sarà dedicato venerdì 15 febbraio alle 17.30 l’incontro “Prato e la cucina vintage: biscottini e Vermouth Bianco di Prato, i sapori della convivialità”, promosso e organizzato dall’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Prato – in collaborazione con le associazioni di categoria – che si terrà presso il Museo del Tessuto e già esaurito in ogni ordine di posti, a testimonianza del grande affetto manifestato dalla città per le sue tradizioni gastronomiche.
 
Dopo i saluti istituzionali dell’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Prato Roberto Caverni e della curatrice e conservatrice del Museo del Tessuto Daniela Degl’Innocenti, il viaggio attorno a biscottini e vermouth inizierà – alla presenza anche di alcuni pasticcieri del Consorzio di Valorizzazione del Biscotto di Prato – con la storica dell’arte Nadia Bastogi, per proseguire poi con Elisabetta Pandolfini – erede della famiglia che lega il suo nome indissolubilmente al biscottificio “Mattonella”- con il presidente del Consorzio Pasticceri Pratesi e Vice Presidente del Consorzio di Valorizzazione dei Biscotti di Prato Massimo Peruzzi e Cristina Pagliai con Fabio Goti dell’Opificio Alla Gusteria Nunquam, unico produttore a Prato del Vermouth Bianco, secondo l’antica ricetta del 1750 a base di vino bianco toscano, erbe aromatiche e spezie. Una testimonianza che non poteva mancare, quella di Umberto Mannucci, esperto e storico di gastronomia del territorio, insignito del titolo onorifico di Cavaliere del Biscotto di Prato come riconoscimento di merito per l’impegno profuso nella riscoperta e  valorizzazione della tradizione dolciaria pratese. Inevitabile un richiamo alla moda, in omaggio alla location che ospiterà l’evento: un abito, tutto da mangiare, realizzato con i biscottini di Prato dalla Scuola di Moda Oltremari Loretta di Sonia Staccioli & Cristina Dellabella, che ha sede in Piazza Lippi.
 
 
 
Al termine dell’incontro, è previsto un assaggio di biscottini offerti dal Consorzio di Valorizzazione dei Biscotti di Prato e di Vermouth Bianco offerto dall’Opificio Alla Gusteria Nunquam.
 
 
 
A cura di Marte Comunicazione snc
 
Ufficio Stampa in collaborazione con Ufficio Stampa Comune di Prato           
 
Tel 335 6130800 – 320 6434045

La tavola delle occasioni si veste di vintage: Le Pesche di Prato protagoniste al Museo del tessuto insieme alla musica degli anni sessanta Ufficio Stampa Ufficio Stampa Comune di Prato

Pesche di Prato.jpg25 gennaio 2013
 
La tavola delle occasioni si veste di vintage: Le Pesche di Prato protagoniste al Museo del tessuto insieme alla musica degli anni sessanta 
 
Dopo il primo incontro dedicato al Sedano alla Pratese e ai ‘mangiari della fabbrica’, torna il ciclo di conferenze dedicate alle tradizioni culinarie pratesi del dopoguerra. Stavolta tocca alle Pesche di Prato, dolce tipico che affonda le sue origini negli anni dell’Unità d’Italia.
 
Un trionfo di sapore accompagnato da una sorpresa finale…
Pasta brioche, crema pasticcera, alkermes, zucchero semolato come copertura e frutta candita per decorazione: questi sono gli ingredienti della Pesca di Prato, uno dei dolci più golosi ed originali della tradizione toscana che il prossimo 25 gennaio alle 17.30 sarà al centro dell’incontro “Prato e la cucina vintage: le Pesche di Prato sulla tavola delle occasioni”, promosso e organizzato dall’Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Prato- in collaborazione con le associazioni di categoria – e che si terrà presso il Museo del Tessuto.
 
 
Il talk show, dopo i saluti istituzionali dell’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Prato Roberto Caverni e del Direttore della Fondazione Museo del Tessuto Filippo Guarini, prenderà il via con gli interventi della storica dell’arte Nadia Bastogi, dell’editore enogastronomico Claudio Martini, di un fornaio pasticcere e di un “volto del gusto” d’eccezione: Paolo Sacchetti del Caffè Nuovo Mondo, incoronato poche settimane fa Miglior Pasticcere d’Italia 2012, che preparerà in diretta, sulle note della musica anni Sessanta, la Pesca di Prato con l’Alkermes dell’Antica Farmacia di Santa Maria Novella. Al termine della dimostrazione di preparazione- durante la quale Sacchetti avrà al suo fianco gli allievi della scuola di pasticceria della FIL- una degustazione “multipla” delizierà il palato dei presenti: il goloso dolcetto verrà infatti proposto in abbinamento al Vinsanto, presentato dal Direttore del Consorzio Tutela Vini di Carmignano, il sommelier AIS Realmo Cavalieri mentre Manuela Nelli dell’Antica Farmacia di Santa Maria Novella guiderà un percorso polisensoriale alla scoperta dell’Alkermes, attraverso i profumi delle spezie con cui viene preparato e l’assaggio finale.
 
 
L’incontro, con prenotazione obbligatoria al 335 6130800 o 320 6434045, oltre alla partecipazione all’incontro – offre anche l’opportunità dell’assaggio vintage – le Pesche di Prato e della visita guidata alla mostra “Vintage. L’irresistibile fascino del vissuto” in svolgimento fino al 31 maggio al Museo del Tessuto.
 
 
 
A cura di Marte Comunicazione snc
 
Ufficio Stampa in collaborazione con Ufficio Stampa Comune di Prato
 
Tel 335 6130800 – 320 6434045

Audizione al Museo – Les Violons du Roi -Cremona (CR)

Domenica 20 gennaio

I capolavori della famiglia Amati

Giovanni Angeleri suona il violino Andrea Amati Carlo IX 1566

ore 11.00 Sala San Domenico

Museo Civico Ala Ponzone
cremona

Cremona Musei
via Ugolani Dati 4
Cremona

MilleFiori: dai prodotti locali la ricetta della rinascita – Cristina – Eboli (SA)

manifesto MILLEFIORI.jpg16 dicembre 2012
 
ore 10/22
 
Mancano pochi giorni alla terza edizione di MilleFiori, la kermesse firmata dall’Associazione Puro Gusto, dedicata a due eccellenti produzioni della Piana del Sele e dell’intera provincia salernitana: il miele ed i fiori.
Due prodotti del settore primario poco noti al pubblico che, invece, hanno grandi numeri ed un indubbio livello qualitativo. Basti pensare che la maggior parte dei fiori della Piana del Sele, che crescono al riparo dagli sguardi dei passanti tra le migliaia di serre, vanno a rafforzare le fila dei più noti fiori sanremesi.
Quest’anno sarà una sola giornata – ricchissima di ospiti – a raccontare dunque un territorio e le sue eccellenze, attraverso la sapienza delle mani degli chef e dei pasticceri che prenderanno parte alla lunga serata-spettacolo.
L’apertura si terrà alle ore 10, un momento simbolico per dare il via all’apertura del Mercatino “Mieli, Tipici ed Artigianato” nella centrale Piazza della Repubblica.
A partire dalle ore 19 una lunga serata spettacolo dedicata al gusto. Per cominciare con dolcezza e spirito goliardico si disputerà una sorta di gara “Sfogliatella bellosguardese versus Sfogliatella napoletana” (conoscitiva e degustativa) volta alla conoscenza delle due tradizioni dolciarie campane.
Una delegazione proveniente da Bellosguardo, piccolo borgo cilentano, presenterà il proprio dolce tipico, certamente differente dal cugino partenopeo, ma altrettanto ricco di gusto e sapienza. A presentare – invece – la sfogliatella napoletana ci sarà il pasticcere Lucio La Torraca.
Dalle ore 20, invece, partirà una degustazione con cucina a vista in cui si potranno degustare piatti e dolci, nel mentre se ne racconteranno le preparazioni ed i particolari direttamente di fronte al pubblico.
Gli chef impegnati nella realizzazione del menù a base di fiori saranno Fabio Pesticcio, del ristorante stellato “Il Papavero”, e i ristoratori aderenti all’Associazione “Le Tavole del Borgo”, nello specifico Gustavo Sparano de “Il Panigaccio”, Carmelo Vignes di “Vico Rua”, Dino Marchetta di “Piazzetta Santa Sofia” ed Antonietta Boffa di “Porta Dogana”.
Ospite d’onore della serata il maestro pasticcere Giuseppe Manilia della Pasticceria L’Orchidea di Montesano sulla Marcellana (SA), tra i migliori 9 pasticceri italiani secondo la guida “Pasticceri&Pasticcerie” 2013 di Gambero Rosso.
Il mercatino è libero. La serata spettacolo con degustazione solo su invito.
 
Ufficio Stampa Associazione “Puro Gusto
 
 
 
…la cucina dei fiori e i dolci del miele
tra tipici ed artigianato
 
16 dicembre 2012
Museo Archeologico Nazionale – Eboli (SA)
III^ edizione
 
                                           PROGRAMMA
 
                                    Ore 10 Inaugurazione
 
Ore 10/22 Mercatino “Mieli, Tipici ed Artigianato”
(Piazza della Repubblica)
 
Ore 19 Sfogliatella napoletana VS Sfogliatella bellosguardese
I due dolci tipici si sfideranno fino all’ultima briciola in un simpatico incontro/scontro che approfondirà le rispettive conoscenze.
Ospite una delegazione di Bellosguardo (SA)
ed il pasticcere Lucio La Torraca
 
Ore 20 Cena con cucina a vista
a cura dell’Associazione dei Ristoratori “Le Tavole del Borgo” e del ristorante “Il Papavero” di Eboli (SA)
 
Il tema della serata culinaria sarà l’utilizzo dei fiori in cucina,
un mondo meno misterioso e difficile di quanto si pensi.
Una straordinaria risorsa che sottolinea una necessità dei nostri tempi “Si mangia prima con gli occhi”, e la produzione di fiori della Piana del Sele può rivelarsi una risorsa non solo per il settore florovivaistico
Gustavo Sparano, chef Il Panigaccio
 
Dino Marchetta, chef Piazzetta Santa Sofia
 
Carmelo Vignes, chef Vico Rua
 
Antonietta Boffa, chef Porta Dogana
 
Fabio Pesticcio, chef Il Papavero
 
Ospite il maestro pasticcere (tra i migliori 9 pasticceri italiani secondo la guida “Pasticcerie e Pasticceri” 2013 di Gambero Rosso):
 
Giuseppe Manilia
della Pasticceria L’Orchidea di Montesano sulla Marcellana (SA)
presenta
“Babà con salsa di miele”
 
Durante la cena interverranno:
– Il presidente dell’Associazione “Puro Gusto”, Attilio Astone
– Il senatore Alfonso Andria
– Il presidente della Camera di Commercio di Salerno, Guido Arzano
– Il presidente di Confesercenti Salerno, Enrico Bottiglieri
– La direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Eboli, Giovanna Scarano
– Il responsabile dell’AMI Campania, Carmine Alvino
 
Presenta la giornalista enogastronomica, Antonella Petitti – direttore di Rosmarinonews.it
 
*La serata sarà allietata dall’intrattenimento musicale al vivo a cura di …
**Il mercatino è aperto al pubblico, la dolce sfida delle sfogliatelle e la cena a vista solo su INVITO.
 

……passeggiata in carrozza – Soncino (CR)

Domenica 4 nivembre 2012

Per “Essenze di fiume”……passeggiata in carrozza
 

Ufficio turistico comune di Soncino 
Largo Salvini – Soncino (CR)
0374 83188 340 6611257
per info sul sito:
www.soncino.org/
turismo@comune.soncino.cr.it

 

Dj Piero Biaggi – Courmayeur (AO)

Martedì 14 agosto 2012

Aperto tutti i sabati di luglio ed agosto, il Cormaclub si concede una data speciale conl’ apertura per la notte di Ferragosto. Martedì 14 in consolle il dj Piero Biaggi, questa estate protagonista con la sua house music al Castello di Legnano, Milano, e già resident del Courmaclub sino allo scorso aprile. Già fissata nel frattempo la data di inaugurazione della stagione 2012/13: venerdì 7 dicembre 2012.  

Courmaclub,
via Des Forges 5
Telefono 0165/843766
www.courmaclub.it
Courmayeur (AO)

Re Lear – Milano (MI)

Dal 3 Maggio al 3 Giugno 2012
 

Re Lear
di William Shakespeare

adattamento e regia Riccardo Magherini

foto di Irene Magherini
con Francesco Paolo Cosenza, Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Annig Raimondi, Antonio Rosti
luci e audio Giuliano Almerighi – scene e costumi Alessandro Aresu, Mirella Salvischiani
produzione PACTA . dei Teatri

“Noi dobbiamo accettare il peso di questo tempo triste: dire ciò che sentiamo e non ciò che conviene dire”
È ciò che dichiara Edgar sul finire di una tra le più grandi tragedie della storia del teatro, che il Bardo scrive intorno al 1605. Ma per raggiungere questa consapevolezza capace di distinguere la parola falsa dalla parola vera, l’uomo ha dovuto passare attraverso la violenza, il dolore, la sopraffazione, la follia e la morte.
Ecco cos’è e cosa rappresenta oggi il Re Lear: un cammino crudele verso il centro dell’uomo. L’uomo si libera, dolorosamente, degli strati di cui egli stesso si è vestito per sembrare “uomo” e scopre che, al termine, libero da fi nzioni, non c’è nulla, non c’è nient’altro che l’uomo nudo e solo, un verme della terra. È un viaggio senza speranza né redenzione né ritorno. Lear da re non vede, non sente, non distingue la vuotezza e la falsità dal vero, né riusciranno Kent, Cordelia e il Matto a far sì che egli veda. Il medesimo destino per Gloucester che non distingue il figlio buono da quello cattivo. Entrambi vedranno e capiranno solo quando saranno ciechi e folli. Quando alla fine della loro iniziazione vedranno la luce e proveranno gioia, sarà solo per ricadere nel buio e per morire.

Spettacolo inserito nell’abbonamento Invito a Teatro

PACTA . dei Teatri – Teatro Oscar
Via Lattanzio, 58 – Milano

orari spettacoli: mart – sab ore 21:00, dom ore 17:00
 
prenotazioni:
tel. 02/36503740 – mail. biglietteria@pacta.org
abbonamenti:
Invito a Teatro – Oscar – Card AMICI di PACTA – Merry Theatre
convenzionato:
Esselunga – A teatro con Fidaty elenco completo al seguente link Convenzioni PACTA – Teatro Oscar
promozione studenti universitari:
tutti i mercoledì ingresso a 10,00€ presentando il tesserino alla cassa del teatro

Bedros o il resto della spada – Perlage Srl

Giovedì 19 aprile 2012

Giovedì 19 aprile a partire dalle ore 20.30 in Fondazione Benetton la compagnia teatrale Zelda debutterà in provincia con “Bedròs o il Resto della Spada”, spettacolo teatrale dedicato al genocidio armeno. Per l’occasione sarà presente la Prof.ssa Antonia Arslan che aprirà la serata presentando il suo nuovo libro, Il libro di Mush, ed introducendo la rappresentazione.

Al termine della serata sarà allestito un buffet accompagnato dal vino offerto da Perlage.

Maggiori informazioni sul sito della Compagnia Teatrale Zelda.  http://www.zeldasrl.com/index.php?pag=agenda&nid=442

 

Perlage Srl  

Via Cal del Muner 16

Farra di Soligo (TV) 

Tel.39 0438 900203      

Fax +39 0438 900195

info@perlagewines.com

 

Giovedì d’estate – Cremona (CR)

L’evento “i Giovedì d’estate”, giunto alla 15° edizione, è una manifestazione ormai consolidata a Cremona e provincia.
Le migliaia di persone, provenienti anche dalle città limitrofe, che affollano il centro il giovedì sera ne sono la prova tangibile.
La prossima edizione (2012) si svolgerà appena prima dell’inaugurazione del Museo del Violino.
Il nascente museo è destinato a diventare per Cremona un simbolo, oltre che il fulcro dell’attività musicale, culturale e artistica in senso lato.

L’idea è quella di utilizzare il già consolidato format dei “Giovedì d’Estate” trasformandolo e adattandolo al tema artistico/musicale, creando così i “GIOVEDì D’estARTE”.

Il tradizionale appuntamento del giovedì diventa quindi un’occasione per fare il pieno di cultura, imparando a conoscere Cremona e a vivere i suoi spazi.

L’apertura serale dei negozi del centro sarà arricchita da diversi eventi riguardanti la sfera delle arti visive, della musica e della liuteria. Per fare ciò saranno selezionati diversi artisti che arricchiranno la città esponendo opere nelle vetrine dei negozi, allestendo mostre personali in alcuni spazi pubblici, e proponendo alcune installazioni ambientali negli spazi più belli del centro cittadino.

Ognuno degli artisti selezionati avrà diversa visibilità in base alla tipologia e alla qualità dell’arte che propone, ma tutti parteciperanno allo stesso titolo ad un concorso ed avranno il diritto/dovere di disegnare i nuovi gadget per la città.

Non mancheranno attività e percorsi volti a scoprire le bellezze architettoniche di Cremona e la storia della città.