La Slovenia e il Friuli gemellate in nome della Grande Guerra

La Slovenia e il Friuli gemellate in nome della Grande Guerra
Nel 2014 sarà ricordato il primo secolo dall’inizio della prima guerra mondiale: uno spunto per riflettere e per dedicarsi al turismo della memoria, tra sentieri, fortificazioni e sacrari. A ricordare questo importante anniversario e l’inizio del conflitto è la Slovenia e la Regione Friuli in particolare, che hanno messo in campo una iniziativa interessante chiamata “Itinerari della grande guerra”, che sceglie come mete i luoghi in cui la storia ha lasciato dei segni profondi. Vengono proposti 11 pacchetti, ognuno dei quali prevede un itinerario transfrontaliero con soggiorno in almeno due località, una in Slovenia ed una in Friuli Venezia Giulia. Di questo progetto ce ne ha parlato il Direttore dell’Ufficio del Turismo Sloveno (www.slovenia.info), Gorazd Skrt, che ci ha ricordato anche i festeggiamenti per i 2000 anni della città di Lubiana, l’antica città romana di Emona che, grazie alla sua posizione ebbe un importante ruolo nel sistema difensivo dell’impero romano.
Harry Di Prisco

L’Etna nel cinema. Un vulcano di celluloide

Di Sebastiano Gesù, Giuseppe Maimone Editore, Catania, 2005

Inserendosi nella tradizione letteraria, poetica e pittorica, anche il cinema ha raccontato l’Etna, utilizzandolo e descrivendolo nelle sue più svariate accezioni, mostrandone il suo magnifico scenario, adattandolo e trasformandolo a piacimento. Hanno attinto ispirazione dal nostro vulcano grandi autori (Pasolini, Straub-Huillet, Jean Epstein) e cineasti di maniera; ciascuno ha colto in esso le suggestioni che vi cercava: il mito, il mistero, il fuoco celeste o la spiritualità perduta nel mondo odierno, la natura orrida e verginale, oppure le intemperanze e le passioni della sua gente nell’incedere minuto del quotidiano. Il volume mette insieme, per la prima volta, una serie di riflessioni sulla cinematografia etnea e un’ampia costellazione di immagini documentarie e di fiction che si prestano a essere interpretate come momenti diversificati di approfondimento culturale o semplicemente come piacevole spettacolo di questo superbo attore che è l’Etna.

SOMMARIO

Presentazione
Pasquale Scimeca

L’Etna nel Cinema
L’Etna nel cinema muto
L’Etna nei cinegiornali L.U.C.E.
Il cinedocumentario e l’Etna
L’Etna di Ugo Saitta
Sotto il Vulcano
I figli dell’Etna. Vendetta di fuoco
Tra sacro e profano
Hölderlin, Empedocle e il fuoco celeste
Etna d’autore
L’Etna che non c’è
Giovanni Tomarcio, l’Etna negli occhi
La finestra di fronte: i catanesi e l’Etna

Appendice
“Dialoghetti” sul cinema e il teatro
Pier Paolo Pasolini

Il cinematografo visto dall’Etna
Jean Epstein

Testimonianze
Florestao Vacini, Paolo e Vittorio Taviani

21×28, pagg. 128, ill.
http://www.maimone.it/schedadinam1.asp?CodLib=200503

Cappella Bonajuto Catania

La cappella è l’unico monumento bizantino di Catania, essendo sopravvissuta miracolosamente intatta ai terremoti ed alle eruzioni che distrussero ripetutamente la città. Si trova, all’interno del barocco Palazzo Bonajuto, in via Bonajuto 7, una traversa di via Vittorio Emanuele II, nello storico quartiere Civita – dal Latino: civitas (città) – che corrisponde alla parte più antica del centro cittadino. Ha una pianta a croce greca, con un’ampia cupola e tre absidi (cellae trichorae), nello stile di una “cuba” arabo-bizantina. Oggi, rispetto al piano stradale, si trova interrata di circa 2 metri. La famiglia Bonajuto ne prese possesso nel Quattrocento e nel secolo successivo vi edificò la propria residenza. Nel XVIII secolo l’edificio fu meta del viaggio del pittore e storico francese Jean Houel. Quindi, negli anni Trenta del secolo scorso, la cappella fu restaurata dal grande archeologo Paolo Orsi.

 

Il complesso Nuragico di Matzanni – Vallermosa (CA)

Il complesso Nuragico di Matzanni si trova nel territorio del Comune di Vallermosa nei pressi del monte Cuccurdoni Mannu (circa 750 metri.s.l.m.)e del complesso del Monte Linas. L’importante area nuragica, purtroppo in stato di abbandono dopo gli scavi archeologici compiuti fino a qualche anno fà, è costituita da tre templi a pozzo e da un piccolo villaggio di capanne risalenti al 1300-730 a.C. Non lontano si trovano i resti del tempio punico di Genna Cantoni. L’area si raggiunge percorrendo un interessante sentiero da cui si domina sulle vallate del Campidano e del Sulcis Iglesiente.

 

Le Lune di Pompei

Suggestivo itinerario notturno di gruppo con guida dell’area archeologica di Pompei

Quante volte hai sognato di avere una macchina del tempo? Magari per passeggiare per le strade di Pompei, immerso tra la folla dell’antica città, prima della terribile eruzione del Vesuvio. Lì dove s’intrecciavano storie di passioni e carriere politiche di gente comune e personaggi mitici e leggendari di altri tempi e civiltà, per scoprire la vita quotidiana delle abitazioni e delle
botteghe, il fermento dei luoghi pubblici, la devozione per gli dei e la pietas per i genitori, il gusto raffinato per l’arte e i piaceri della vita, il valore del talento, dell’ingegno e dell’operosità…

I parametri del viaggio sono già stati impostati, non ti resta che azionare il dispositivo e, come nei migliori film di fantascienza, ti ritroverai proprio in quell’epoca!

Emozioni ricche di cultura

Il percorso dura circa 90 minuti. Consigliate calzature comodeOgni gruppo è composto da circa 40 persone con relativa guida
Ogni gruppo parte a distanza di 20 minuti

Le Lune di Pompei
Piazza Bartolo Longo 36
80045 Pompei (NA)
http://www.lelunedipompei.com/

Ingresso da Porta Anfiteatro
Condizioni:
Il percorso inizia un’ora dopo il tramonto.
Prenotazione obbligatoria da martedì a domenica 10-20 al numero 081.19303885.

Nel parco della Reggia di Caserta

Il viaggio alla scoperta del Palazzo Reale by night cambia radicalmente concezione e contenuto: più suggestivo, più spettacolare, più creativo, arricchito da collaborazioni artistiche d’eccezione.
Il percorso dell’edizione 2010 è infatti narrato e musicato da Peppe Servillo, Fausto Mesolella e gli Avion Travel, con le fantastiche visioni di Giuseppe Ragazzini, animatore pittorico che ha già realizzato video e performance live
per Paolo Conte, Gianna Nannini, Paolo Virzì. Inoltre l’evento si avvale della partnership con Rai Teche: l’archivio della Tv di Stato ha messo a disposizione filmati e documentari sulla storia dei Borbone, che saranno parte integrante dell’itinerario.

L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Ente Provinciale per il Turismo diCaserta, in collaborazione con la Soprintendenza per i beni architettonici,paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Caserta e Benevento, con il finanziamento dell’assessorato al Turismo della Regione Campania con fondi dell’Unione Europea.
L’itinerario prevede performance dal vivo e spettacoli di forte impatto scenografico, che evocano emozioni di grande intensità, tra giochi di luci,acqua e fuochi barocchi, con l’obiettivo di esaltare la maestosità del Parco della Reggia, vincitore dell’edizione 2009 del concorso “Il Parco più bello d’Italia”.

L’ITINERARIO
Le nuove atmosfere partono dalla rievocazione di Ercole e del suo mito ad opera di Peppe Servillo, attraverso la storia dell’Ercole Latino, la grande statua collocata a metà del “Cannocchiale” realizzato dal Vanvitelli, proprio di fronte  al monumentale scalone d’ingresso di Palazzo Reale. L’Ercole Latino faceva coppia con un’altra statua, identica ma contrapposta. Entrambe, copie romane di un originale greco, provenivano dal Palazzo Farnese di Roma. L’Ercole Latino fu creduto perduto, finché una studentessa non lo identificò proprio con la grande statua all’interno della Reggia.
Il percorso porterà poi per la prima volta i visitatori alla scoperta del “bosco vecchio” e della Castelluccia (realizzata tra il 1769 ed il 1773 per il divertimento del giovane Ferdinando IV, che la utilizzava per organizzare finte battaglie terrestri) recentemente restaurata e aperta al pubblico.I turisti saranno condotti fino alla Peschiera Grande, dove il sovrano preparava i suoi assalti giocando alla battaglia navale. Qui la sfarzosità dello spettacolo finale di magie d’acqua e di fuochi su musiche barocche segnerà il culmine dello stupore scenografico e vuole essere anche un omaggio alla magnificenza dell’epoca dei re, quando tutte le più importanti feste di corte terminavano con lo scintillio di fuochi capaci di far brillare il cielo in piena notte.
“Le tante novità ideate – sottolinea il presidente dell’Ept, Enzo Iodice – e l’entusiasmo che avvertiamo ci fanno auspicare che i nuovi Percorsi di Luce s’inseriranno tra gli appuntamenti più attesi della stagione estiva campana e tra i più esclusivi a livello nazionale”

Scanno (AQ)

Il paradiso dei fotografi…

Scanno è uno spettacolo della natura, tra i più belli d’Italia, un canyon stupendo. Il primo paese del Parco nazionale d’Abruzzo. Il nome deriva dalla sua posizione, poichè è costruito su uno sperone roccioso che sembra uno sgabello (scanno appunto). Consiste in un nucleo di case, stile montagna in pietra, molto bello da visitare. Il borgo è molto antico, se ne è sentito parlare per la prima volta ufficialmente ,intorno all’anno 1000, e se ne trova la memoria in un documento dell’Abbazia di Montecassino. All’interno è pieno di scorci meravigliosi, quanto i palazzi di pietra che li disegnano. Un posto unico per fotografare e nel complesso si tratta di uno dei borghi più belli d’Abruzzo.

Bologna

Una città come Bologna ricca di storia, di arte e di tradizioni. Città fra le più monumentali e pittoresche, caratterizzata dalle lunghe vie a portici, dalle torri medioevali, da superbi palazzi dei sec. XIV-XVII e dal caldo colore dei suoi edifici. Il centro monumentale di Bologna è piazza Maggiore, ove sorgono grandiosi edifici che compongono un insieme di grande nobiltà: il tempio di S. Petronio, il palazzo del Podestà, il palazzo Comunale, il Palazzo dei Notai, il palazzo dei Banchi, la Fontana del Nettuno. Assai caratteristiche sono le Torri pendenti, le più famose restanti delle torri medioevali che vantava la città: la torre degli Asinelli , alta m. 97.60, e la torre Garisenda, eretta alla fine del sec. XI come torre di vedetta civica…

Castiglione del Lago

Il centro storico di Castiglione del Lago, ancora tutto compreso dentro le mura medievali, è in pratica diviso in due grandi sezioni: la metà ad est è totalmente occupata dal Palazzo Ducale e sue pertinenze, e dalla Fortezza. Nell’800 vi si è aggiunto il complesso ospedaliero di Sant’Agostino. La metà ad ovest è il centro abitato, la cui disposizione, anche questa come la fortezza stabilita da frate Elia da Cortona – lo stesso che innalzò la prima Basilica di Assisi – si rifà interamente al numero 3. Tre infatti le porte di accesso al paese, tre le strade principali, tre le piazze, e perfino il Mastio ha soltanto tre lati.
Palazzo Ducale e Fortezza sono oggi un grande percorso Monumentale, ma estremamente piacevole è anche il percorso panoramico sotto delle mura esterne, lungo il Poggio olivato. All’interno del paese, lungo la via del Forte, si trova la seicentesca chiesa di San Domenico, mentre la parrocchiale dedicata a Santa Maria Maddalena, lungo la direttrice principale, è del tardo 800, ma conserva pregevoli tavole della precedente chiesa romanica. Nella piazza principale si affaccia l’antico Palazzo del Popolo con la torretta e la campana di avvistamento.

Gameshow Summer Tour 2011

Da sabato 16 luglio al 25 agosto 2011

Partirà il 16 luglio, dall’idroscalo di Milano, il SUMMER TOUR 2011 by GAME STOP. evento che si terrà in tutta l’Italia, seguendo la riviera Adriatica, raggiungendo la Puglia, per poi spostarsi in Calabria e risalire passando per Campania e Lazio per poi concludersi il 25 Agosto in Versilia..è un evento da non perdere, per i più appassionati, ai semplici curiosi..

15 -16-17 LUGLIO ~ MILANO IDROSCALO ~ PUNTA DELL’EST

22 -23-24 LUGLIO ~ RIVIERA ROMAGNOLA (località de definire)

25 -26-27 LUGLIO ~ PESCARA ~ PIAZZA I MAGGIO

29-30-31 LUGLIO ~ VIESTE ~ LUNGOMARE MATTEI FRONTE HOTEL MADISON

2-3-4 AGOSTO ~ BARI ~ ROTONDA DIAZ

5-6-7 AGOSTO ~ CALABRIA ~ (località de definire)

9-10-11 AGOSTO ~ CASAL VELINO ~ VIA LUNGOMARE/ZONA TRIANGOLO

12-13-14 AGOSTO ~ AGROPOLI (SA)

19-20-21 AGOSTO ~ LAZIO ~ (località de definire)

22-23-24 AGOSTO ~ MARINA DI CARRARA ~ FIERA CARRARA/VIALE COLOMBO