Un ponte di Ognisanti a passo di Treking urbano a Siena e Asciano, tradegustazioni e visite guidate in cantina

Ponte di Ognissanti alla Fattoria del Colle con percorsi di trekking urbano e degustazioniUn ponte di Ognisanti a passo di Treking urbano a Siena e Asciano, tra degustazioni e visite guidate in cantina

Dal 28 ottobre al 1 novembre, una serie di itinerari da scoprire a piedi pernottando alla Fattoria del Colle di Trequanda
La campagna toscana tutta da scoprire, i sapori del territorio da degustare, un centro benessere per chi vuole approfittare di Ognissanti per rilassarsi e, per chi si lascerà travolgere dalle gioie della tavola, senso di colpa zero grazie agli itinerari di trekking urbano studiati per scoprire a piedi due gioielli storico-culturali come Siena e Asciano. E’ la proposta di Donatella Cinelli Colombini per un Halloween all’insegna dei sapori tipici toscani e delle camminate alla scoperta di se stessi e del circondario senese: due notti da scegliere all’interno del lungo ponte di Ognissanti a 204€ a persona, comprensivo di colazione, due cene degustazione a base di piatti tradizionali del territorio, visita guidata della Fattoria del Colle e itinerario enomusicale al Casato Prime Donne di Montalcino con degustazione di 4 vini e lezione di cucina dedicata ai sapori dell’autunno ed in particolare ai dolci senesi.

La giornata nazionale del trekking urbano 2016 è fissata per il 31 ottobre e tra le 51 città partecipanti, Donatella ha scelto di suggerire ai suoi ospiti Asciano e Siena, rispettivamente 4 e 5 km di percorso pedonale per tonificare i muscoli e aprire la mente. Ad Asciano (15 km dalla Fattoria del Colle), si ritrovano testimonianze romane e medievali con gli affreschi del Museo Cordoli e i polittici della chiesetta di Sant’Ippolito tra i quali si narra possa nascondersi la prima opera di Raffaello Sanzio in mezzo alle figure eseguite da giovani artisti umbri della fine del Quattrocento; a Siena, capitale del gotico a 40 km dalla Fattoria, ad attendere i turisti ci saranno i percorsi studiati sulle orme dei pellegrinaggi giubilari che toccano lo Spedale di Santa Maria della Scala, San Raimondo al Refugio – luogo quasi inaccessibile anche ai senesi con un ciclo di tele del primo Seicento – la basilica di Provenzano con la sua storia di miracoli e il convento di San Francesco con il ritratto di Bonifacio VIII dipinto da Ambrogio Lorenzetti.

Il programma messo a punto da Donatella per i suoi ospiti prevede dunque escursioni culturali ma anche enogastronomiche, a iniziare da quella al Casato Prime Donne di Montalcino dove è in programma una degustazione itinerante di Brunello accompagnata da brani musicali selezionati da Igor Vazzaz e la visita, facoltativa, del centro storico di Montalcino con la Fortezza e i camminamenti sulle mura dalle quali si può osservare il panorama delle Crete Senesi e della Valdorcia. O l’escursione al borgo di Montisi (8 km dalla Fattoria del Colle) dove si svolge l’annuale festa dell’olio nuovo o ancora San Giovanni d’Asso con il Museo del Tartufo nel castello medievale o ancora la Ragnaia di Shepperd, premiato come uno dei tre giardini più belli d’Europa.

Interessanti attività sono in programma anche alla Fattoria del Colle, dove si potrà visitare la cinquecentesca villa e la cantina con spiegazione del processo produttivo e della maturazione del vino in botte oppure partecipare alla degustazione del Piccolo Enologo, ovvero la creazione ad opera degli ospiti stessi, di un proprio vino Supertuscan da tagliare a proprio piacere con i vini di diversi vitigni. Per chiudere il ponte in bellezza, martedì 1 novembre è prevista la degustazione itinerante con assaggio di 4 vini lungo il percorso che dalle sale storiche della Fattoria conduce alla Cappella cinquecentesca e alla cantina in cui si trovano l’Infernotto del Brunello, la Vinsantaia e la Bottaia di Cenerentola Orcia DOC.

Info e prenotazioni: +39 0577 66 21 08 – info@cinellicolombini.it – www.cinellicolombini.it

Addetta stampa
Marzia Morganti Tempestini

Domenica 27 settembre torna a Modena Acetaie aperte con una preview sabato 19 settembre alla Palazzina Vigarani

loghi per acetaie (1)Domenica 27 settembre torna a Modena Acetaie aperte con una preview sabato 19 settembre alla Palazzina Vigarani con consegna delle guide ufficiali, degustazione teatrale e aperitivi balsamici

Durante l’anteprima di sabato 19 saranno distribuite anche le guide ufficiali con tutte le Acetaie aderenti all’evento dedicato all’Aceto Balsamico di Modena IGP e al Tradizionale di Modena DOP

Un weekend in cui l’oro nero di Modena sarà il protagonista assoluto: domenica 27 settembre, in tutta la provincia di Modena torna infatti Acetaie Aperte, l’evento organizzato dal Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena e dal Consorzio Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP per far conoscere al pubblico come nasce questo prezioso alimento dalla storia secolare.

Nell’attesa di poter entrare nelle stanze segrete del “Balsamico” in occasione di Acetaie Aperte, una suggestiva anteprima è in programma per sabato 19 settembre alla Palazzina Vigarani nei Giardini Ducali di Modena; dopo la presentazione dell’evento e la consegna della guida ufficiale con le acetaie aderenti alla giornata di domenica 27, verrà proposta, in collaborazione con l’associazione Koiné – teatro sostenibile – una “degustazione teatrale” che immergerà i partecipanti “in un racconto di storia e sapori, una narrazione capace di introdurre all’arte del “sentire e gustare”, con tutti i sensi, i colori, i profumi, gli aromi, il corpo, la voce dell’Aceto Balsamico di Modena IGP e dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, un’esperienza unica, un balsamo per il corpo e per lo spirito”. La serata si concluderà con un’altra esperienza sensoriale all’insegna dell’Aceto Balsamico di Modena: un momento conviviale a base di alcuni nuovi aperitivi balsamici.

La giornata clou di Acetaie Aperte rimane comunque domenica 27 settembre, con un programma comune a tutte le acetaie partecipanti fatto di degustazioni e visite guidate ai locali di produzione. Una occasione sia per i consumatori, che in questo modo potranno conoscere più da vicino il prezioso alimento e la sua storia in alcuni casi secolare, sia per i produttori, che potranno mettere in campo iniziative personalizzate con l’obiettivo condiviso di trasmettere il valore di questo prodotto – culturale e spirituale prima ancora DOMENICA 27 SETTEMBRE TORNA ACETAIE APERTE A MODENAche economico – e accrescerne ulteriormente la notorietà. Con l’edizione 2015 di Acetaie Aperte, Modena e tutto il territorio provinciale si inseriscono a pieno titolo nel circuito degli itinerari turistici creati ad hoc per i visitatori di Expo, i quali avranno la possibilità in questo modo di conoscere da vicino come nascono questi prodotti di eccellenza del nostro agroalimentare esportati in oltre 120 paesi.

Per informazioni tel. 059-208621; www.acetaieaperte.com; www.consorziobalsamico.it

Ufficio stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Email marzia.morganti@gmail.com;
www.martecomunicazione.com – www.consorziobalsamico.it

Camminata sulle orme dei pellegrini

Camminata sulle orme dei pellegrini

Domenica 7 giugno 2015

Camminata sulle orme dei pellegriniI via romea nonantolana
Passeggiata con Guida Ambientale Escursionistica, con inizio da Castelvetro raggiungendo il Monte Tre Croci, balcone panoramico di particolare suggestione, incamminandosi in un paesaggio ricco di costruzioni antiche, di essenze vegetali autoctone e con paesaggi di particolare bellezza. A metà del percorso merenda contadina a base di prodotti tipici ed essenze vegetali, accompagnati da un buon bicchiere di Lambrusco Grasparossa di Castelvetro.

Al termine, su prenotazione, APERITIVO A KM O presso Bicér Pîn boutique gourmet.

Per maggiori informazioni visita il sito all’indirizzo:
http://www.visitcastelvetro.it

visitCastelvetro

Valorizzazione Integrata Territorio Ambiente
Piazza Roma, 5 – 41014 Castelvetro di Modena (MO)
Tel. +39 059 758880

Scopri le colline tra Modena e Bologna con city Red Bus

Scopri le colline tra Modena e Bologna con city Red Bus

Sabato 30 Maggio, Sabato 6 Giugno e Domenica 7 Giugno 2015

Tour alla scoperta delle colline tra Bologna e Modena a bordo di City Red Bus tra panorami suggestivi, borghi antichi e sapori autentici.
Per maggiori informazioni visita il sito all’indirizzo:
http://www.visitcastelvetro.it

visitCastelvetro

Valorizzazione Integrata Territorio Ambiente
Piazza Roma, 5 – 41014 Castelvetro di Modena (MO)
Tel. +39 059 758880

 

Week end in red – Castelvetro di Modena (MO)

1430987027800-JAS2MTOC-thumbnail-18660Week end in red – Castelvetro di Modena (MO)

30-31 maggio 2015

In occasione dell’evento “A Vignola è tempo di Ciliegie”
ITEXISTS propone Weekend in Red.
Un vero e proprio “Tour del Gusto” nel cuore dell’Emilia, dove potrai scoprire il mito della Ferrari, visitare i favolosi borghi di Castelvetro e Vignola
e gustare i sapori dei prodotti tipici che questa terra offre.
Per tutto il tour sarai accompagnato da guide specializzate e certificate e soprattutto amanti del territorio.

il TOUR include

1 notte in Hotel ****
2 pranzi con cucina emiliana tradizionale
1 cena con cucina emiliana tradizionale
Degustazioni enogastronomiche guidate
Biglietti ingresso Museo Ferrari
Visita guidata alla Rocca di Vignola
Clicca qui e scopri tutto su Weekend in Red
ITEXISTS – Unconventional Italy
Tour Organizer, Partner del Consorzio Visit Castelvetro

Per informazioni sulla prenotazione
telefono: +39 327 305 4649
email: info@itexists.it
web: www.itexists.it
Per maggiori informazioni visita il sito all’indirizzo:
http://www.visitcastelvetro.it/scoprire/proposte/weekend_in_red.htm

visitCastelvetro

Valorizzazione Integrata Territorio Ambiente
Piazza Roma, 5 – 41014 Castelvetro di Modena (MO)
Tel. +39 059 758880

Email: info@visitcastelvetro.it
Web: www.visitcastelvetro.it

Scopri le colline tra Modena e Bologna con City Red Bus

Scopri le colline tra Modena e Bologna con City Red Bus
Sabato 30 Maggio, Sabato 6 Giugno e Domenica 7 Giugno

Tour alla scoperta delle colline tra Bologna e Modena a bordo di City Red Bus tra panorami suggestivi, borghi antichi e sapori autentici.

Per maggiori informazioni visita il sito all’indirizzo:
http://www.visitcastelvetro.it/eventi/tour_city_red_bus.htm

visitCastelvetro

Valorizzazione Integrata Territorio Ambiente
Piazza Roma, 5 – 41014 Castelvetro di Modena (MO)
Tel. +39 059 758880

Email: info@visitcastelvetro.it

Week end Terre di Castelli: fascino, creativit ed enogastronomia

DSC_9163-1024x680Week end Terre di Castelli: fascino, creativit ed enogastronomia

Cosa fare nel primo weekend di Giugno?
Lasciati sedurre da un emozionante soggiorno alla scoperta di borghi medievali, ricchi di castelli, tradizione ed enogastronomia.

Itexists propone un tour di 2 giorni per scoprire la magia, il fascino e la follia delle Terre di Castelli: Castelvetro con “Mercurdo – il mercato dell’assurdo”, diventa luogo dell’immaginazione dove tutto diventa possibile: spettacoli, performances, attori, personaggi, musicisti, poeti e ballerini; Vignola con il suo evento “a Vignola, è tempo di ciliegie!” dove la succosa Ciliegia Moretta IGP conquista il centro storico che si tinge di rosso in un festival enogastronomico dedicato.
Ma non è tutto. Il programma prevede un tour all’interno del meraviglioso Castello di Levizzano e le ricchezze enogastronomiche del territorio, dal Lambrusco Grasparossa all’Aceto Balsamico Tradizionale attraverso degustazioni e visite guidate.

Scarica qui il programma completo

Per prenotare hai tempo fino al 22 Maggio!

Il tour include:
– 1 notte in Hotel (4*)
– 2 pranzi con cucina emiliana tradizionale menù tipico tradizionale, bevande incluse
– Visita guidata in Acetaia con degustazione di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
– Visita guidata al Castello di Levizzano Rangone
– Degustazioni enogastronomiche di Lambrusco di Grasparossa DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Aceto Balsamico Tradizionale, il Prosciutto di Modena DOP e Ciliegia Moretta IGP
– Biglietto d’ingresso con visita guidata alla Rocca di Vignola
– Accompagnatore enogastronomico per tutta la durata del soggiorno
– Visita guidata a un produttore di Ciliegia Moretta di Vignola con degustazione

Per informazioni sulla prenotazione
www.itexists.it/contattaci

Museo d’Arte Olearia e l’Agorà tra gli ulivi Orsi Coppini a San Secondo

Museo d’Arte Olearia e l’Agorà tra gli ulivi Orsi Coppini a San Secondo

A partire dal 6 aprile sarà possibilile visitare ogni domenica, dalle 15,00 alle 18,00 il Museo d’Arte Olearia e l’Agorà tra gli ulivi Orsi Coppini a San Secondo Parmense. In una zona da sempre vocata all’agroalimentare, il Podere Fieniletto e un caseificio ottocentesco per la produzione del Parmigiano Reggiano sono stati trasformati per accogliere un percorso dedicato all’olivo, albero sacro in tutte le civiltà, simbolo di pace e dialogo, fonte di sostentamento, sapore, cura del corpo e dello spirito, luce.

Per le scuole e i gruppi organizzati sarà possibile visitare il museo anche durante la settimana su prenotazione scrivendo a cecilia.bergamaschi@coppini.it o chiamando al numero 0521 877633.

Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 – 43121 Parma
Tel.: +39.0521.821139 / +39.333.2362839
Fax: +39.0521.931881

Inaugura il Musa, il primo Museo in Italaia dedicato all’Arte Salumiera – Ufficio stampa Musa

_MG_3002 (885 x 590).jpgA Castelnuovo Rangone (MO) nasce un nuovo “Tempio del gusto” unico nel suo genere : tre piani di spazio espositivo per un tuffo fra tradizioni, manualità e storia salumiera del Bel Paese.

Dove se non nella “terra dei salumi” per definizione, in quel comprensorio modenese al tempo stesso fucina e custode di saperi e sapori che hanno marchiato la tradizione gastronomica del Bel Paese, poteva nascere il MUSA, il primo museo in Italia interamente dedicato alla secolare arte salumiera.

_MG_3080 (885 x 610).jpgTre piani ed oltre 200 metri quadrati di spazio espositivo, un imperdibile itinerario del gusto scandito da immagini, video, testi descrittivi con storie e aneddoti delle singole produzioni, esposizione di antichi macchinari, focus sui mestieri legati alla lavorazione – dall’arte del taglio a quella della legatura passando per la salatura – e ancora sulle materie prime quali spezie ed aromi utilizzati in produzione.

Insomma, un percorso didattico e al tempo stesso una possibilità davvero unici: veder raccolte le eredità e le diverse espressioni regionali che formano quel giacimento gastronomico senza uguali che tutto il mondo ci invidia.

Un sogno che prende finalmente forma quello della Villani spa (www.villanisalumi.it), realtà attiva dal 1886 e da anni riconosciuta come punto di riferimento per la qualità nel mondo del Salume: un’azienda familiare, oggi alla quinta generazione, che ha saputo saldare e rinnovare nel tempo il fortissimo legame con questo territorio, con le sue tradizioni e le sue genti. Tutti “ingredienti” il cui ruolo, non a caso, trova posto lungo il percorso espositivo.

Uno luogo unico dunque, ma in futuro – questa l’idea che sta dietro al progetto – anche una sorta di agorà del gusto aperta a tutti, uno spazio in cui proporre iniziative e incontri legati al settore, laboratori, corsi di degustazione e di formazione professionale. Una sorta di vera e propria “scuola del salume” pronta ad accogliere curiosi ed appassionati, ma anche chi da questo mondo cerca spunti per intraprendere un percorso lavorativo.

Il museo sarà per ora visitabile con visite guidate su prenotazione: per info e prenotazioni telefonare all’URP del Comune di Castelnuovo Rangone al numero 059.534810 o scrivere a urp@comune.castelnuovo-rangone.mo.it.

MUSA – Museo della Salumeria

Via E. Zanasi 24, Castelnuovo Rangone (MO)

ww.museodellasalumeria.it (sito a breve online)

 

 

OMNIA RELATIONS

UFFICIO STAMPA MUSA – Il primo Museo in Italia dedicato all’antica Arte di fare Salumi

Omnia Factory T. + 39 051 6939166_6939129

Omnia Lab T. +39 051 261449

Media Relations: Chiara Caliceti chiara.caliceti@omniarelations.com

Press Office: Marco Ghelfi musa@omniarelations.com M. 347 0613646

Press Office: Barbara Mazzocco barbara.mazzocco@omniarelations.com

 

Il 20 settembre Girolio D’Italia parte da Ragusa – Ufficio Stampa Nazionale Girolio d’Italia 2013

pane e olio nuovo.jpgFino a dicembre 2013

Presentato stamani a Ragusa il tour del gusto dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, che da settembre a dicembre attraverserà sedici Regioni italiane olivetate

GIROLIO 2013, il viaggio alla scoperta dell’olio nuovo organizzato dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con i coordinamenti regionali quest’anno anticipa la partenza al 20 settembre da Ragusa, in Sicilia. Il tour del gusto, che attraverserà sedici regioni olivetate italiane prima di concludersi il 21 dicembre a Bitonto in Puglia, è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa che si è tenuta proprio a Ragusa, sede della tappa inaugurale. 

Tre mesi di eventi, in cui protagonista assoluto sarà l’olio nuovo appena franto e i prodotti tipici dei vari territori, da gustare e degustare nelle feste di piazza che saranno precedute dalla cerimonia ufficiale di inaugurazione con alzabandiera del Tricolore e del vessillo delle Città dell’Olio, taglio del nastro e inno nazionale intonato dai bambini delle scuole locali.

L’edizione 2013 del Girolio d’Italia avrà un sapore ancora più intenso, in quanto  per celebrare questa importante occasione si è scelto di dedicarla alla Dieta Mediterranea – Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2010 – dove tuttavia l’olio extra vergine di oliva – alimento trasversale e necessario affinché si evidenzino tutti gli aspetti benefici di uno stile di vita celebrato in tutto il mondo – non è l’unico protagonista, ma insieme a lui ci sono anche il patrimonio culturale, storico, paesaggistico e sociale rappresentato dai vari territori delle Città dell’Olio. E proprio in virtù di questo “legame” con la Dieta Mediterranea che si presta a esaltare in modo eccellente il mondo della cucina e dei saperi antichi della gastronomia regionale, anche il passaggio di testimone tra una tappa e l’altra sarà innovativo: un vero e proprio gemellaggio elaio-gastronomico, consistente nella realizzazione di una cena a base di olio extravergine di oliva a cura di uno chef proveniente dalla tappa precedente il quale, in ccollaborazione con un ristoratore del posto, preparerà un menù da abbinare con oli dei due territori.

La prima tappa del 2013 sarà dunque a Ragusa, in Sicilia, dove i rappresentanti di tutte e 16 le città coinvolte sfileranno con la fascia tricolore nella loro veste istituzionale prima di assistere alla cerimonia inaugurale e al convegno dedicato alla Dieta Mediterranea e Alimentazione in vista dell’Expo 2015. Tutto l’evento sarà comunque un ricco contenitore di ghiotte occasioni di degustazione e conoscenza dell’oro giallo, partendo dalle sessioni di assaggio e i panel per bambini, i “Ristoranti dell’Olio” con menù dedicati alla Dieta Mediterranea e la predisposizione di Carte dell’Olio, lo shopping “premiato”, l’Happy Hour con l’Olio fino all’evento conclusivo in programma a Chiaramonte Gulfi, ovvero una mostra e degustazione di prodotti tipici e un interessante incontro dibattito su Opportunità Programmi UE 2014-2020 e Expo 2015. 

Da quest’anno Girolio sperimenta la sua nuova dimensione “social”, invitando tutti ad essere protagonisti delle tappe del tour del gusto immortalando i momenti più belli delle tappe Girolio scattando una foto con il cellulare, geolocalizzandola e condividendola su Instagram, Twitter e Facebook. L’’hashtag da utilizzare è #Girolio2013. 

Due giorni dopo, il 22 settembre, la carovana del Girolio d’Italia attraverserà tutta l’Italia per giungere fino a Duino (TS) dove è in programma la tappa friulana. Terza tappa ad Arco (TN) in Trentino sabato 5 ottobre, mentre sabato 12 ottobre sarà San Paolo di Jesi (AN) ad ospitare la tappa marchigiana, a cui seguirà Lerici in Liguria sabato 19 e la Calabria con Saracena (CS) domenica 27 ottobre. Novembre sarà il mese in cui si concentrerà il maggior numero di tappe: domenica 3 novembre la carovana di Girolio sbarcherà in Sardegna a Dolianova (CA), per fare ritorno poi sul Continente per la tappa lucana di Melfi di sabato 9 novembre, a cui seguiranno nell’ordine la Campania con Caiazzo (CE) sabato 16 novembre, l’Emilia Romagna con Parma sabato 23 novembre e subito il giorno dopo, domenica 24 novembre, a Pove del Grappa (VI) in Veneto. A chiudere il ricco mese di novembre sarà la tappa toscana di Castagneto Carducci (LI), in programma per sabato 30 novembre. Domenica 1 dicembre toccherà invece all’Umbria, con Giano dell’Umbria (PG), mentre la festa dell’Immacolata dell’8 dicembre è la data scelta per l’Assemblea Annuale dei Soci di Città dell’Olio che quest’anno si terrà a Canino (VT). Sabato 14 dicembre sarà poi la volta dell’Abruzzo con Pescara, prima della tappa di chiusura di sabato 21 dicembre in Puglia, a Bitonto (BA).

 

Ufficio Stampa Nazionale Girolio d’Italia 2013

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

Tel 335 6130800 – Tel 320 6434045 Email marzia.morganti@gmail.com

www.cittadellolio.it – www.martecomunicazione.com

 

La Fabbrica del cioccolato di ChocoMoments torna nelle piazze italiane con la pasticceria d’autore di Domenico Spadafora

Domenico Spadafora(1).jpgFino a dicembre 2013

Da settembre a dicembre un ricco calendario di eventi con degustazioni, show cooking e tanta animazione per adulti e bambini

La Fabbrica del cioccolato di ChocoMoments torna nelle piazze italiane con la pasticceria d’autore di Domenico Spadafora

Felino, Cortona, Casteggio, Porto Recanati, Prato, Vigevano, Pisa e Lucca sono solo alcune delle città in cui farà tappa la Fabbrica del Cioccolato itinerante

lezioni di cioccolato(1).jpgRiparte il tour de La Fabbrica del Cioccolato firmata ChocoMoments che porterà in piazza l’arte del cioccolato artiginale con la partecipazione eccezionale dello Chef patissier Domenico Spadafora, protagonista del programma televisivo “Detto Fatto” in onda su Rai 2. La collaborazione con il maestro dolciario conosciuto da tutti gli italiani grazie ai suoi consigli culinari e alle ricette che presenta nel programma tv Rai e incoronato nel 2009 Campione del Mondo alla Fiera Internazionale della Pasticceria di Rimini, è solo una delle novità del tour del gusto dedicato al cioccolato artigianale che partirà a metà settembre e proseguirà fino a dicembre toccando diverse regioni italiane con degustazioni, laboratori per adulti e bambini, show cooking e workshop. 

Laboratori per bambini(1).jpgFelino (PR) presso il complesso commerciale Val Baganza il 21 e 22 settembre, Cortona (AR) il 28 e 29 settembre, Casteggio (PV) il 5 e 6 ottobre, Porto Recanati (MC) dall’11 al 13 ottobre, Prato dal 24 al 27 ottobre, Vigevano (PV) dal 1 al 3 novembre, Pisa dal 22 al 24 novembre nell’ambito della Notte Bianca e Lucca dal 29 novembre al 1 dicembre sono le tappe autunnali di un dolce viaggio che grazie ad un ricco calendario di eventi speciali, degustazioni, workshop e animazione per adulti e bambini, ci condurrà alla scoperta delle radici e della lavorazione del vero cioccolato artigianale.

Downloader(2).jpgNella Fabbrica del Cioccolato del mestro cioccolatiere Giancarlo Maestrone ci si può diplomare cioccolatieri per un giorno  partecipando ai mini-corsi di cioccolateria artigianale attraverso i quali tutti – adulti e bambini –  possono imparare a realizzare nel proprio piccolo laboratorio casalingo gustosi e raffinati cioccolatini artigianali. 

Tra le curiosità della Fabbrica c’è anche il progetto “Conoscere il cioccolato” un percorso che coinvolge le scuole e fornirà agli studenti informazioni e curiosità sulla storia del cioccolato attraverso una serie di incontri con i maestri cioccolatieri di Chocomoments e  i “Laboratori per bambini” nei quali i più piccoli possono divertirsi e improvvisare con il cioccolato, cimentandosi nella realizzazione di cioccolatini e lavoretti con il cioccolato dotati di tutte le attrezzature necessarie: grembiuli, cappellini, guanti e attrezzi per la lavorazione; in più potranno divertirsi in compagnia degli animatori clown con musica e giochi o sperimentarsi nel cake design. Per gli appassionati delle degustazioni, c’è il programma di appuntamenti ”Cioccolato & Co…” che propone gustosi abbinamenti caffè e cioccolato, pane dolci e cioccolato e degustazioni di vino, grappa o birra artigianale e cioccolato. Anche quest’anno la Fabbrica del Cioccolato metterà a disposizione dei cittadini una choco-card che permetterà loro di avere sconti negli esercizi commerciali convenzionati. 

 

LE TAPPE DEL TOUR DI CHOCOMOMENTS:

Felino – PR presso il Complesso Commerciale Val Baganza / 21 – 22  settembre

Cortona – AR (Piazza Signorelli)  / 28 – 29  settembre:                      

Casteggio – PV (Viale Giulietti)  / 5 – 6 ottobre                             

Porto Recanati – MC (Corso Matteotti) / 11 -13 ottobre            

Prato (Piazza Duomo)  / 24 – 27 ottobre                            

Vigevano – PV (Piazza Ducale) / 1 – 3 novembre                       

Pisa (Logge di Banchi) nell’ambito della Notte bianca / 22 – 24 novembre

Lucca (Piazza Napoleone) / 29 novembre – 1 dicembre                  

 

ChocoMoments sarà presenti come espositore anche a: 

Alessandria / 4- 6 ottobre

Marino – RM / 11- 13 ottobre

Genova (Piazza De Ferraris) e Vicenza (Piazza Dei Signori) / 18 – 20 ottobre

Rimini / 25 – 27 ottobre

Sestri Levante – GE / 2 – 3 novembre

Savona / 8 – 10 novembre

Sanremo – IM (Corso Matteotti) / 22 – 24 novembre

Torino (Piazza S. Carlo) / 22 ottobre – 1 novembre

Vercelli  / 6 – 8 dicembre

Napoli (Piazza Plebiscito) / 6 – 15 dicembre

 

 

per contatti stampa

Natascia Maesi 

Giornalismo & Comunicazione

+39 335 1979414

natascia.maesi@gmail.com 

Grapperie aperte, Dieci e Lode -Ufficio Stampa Istituto Nazionale Grappa

Domenica 6 ottobre torna Grapperie Aperte.JPGL’appuntamento in distilleria verso la decima edizione 

Grapperie Aperte verso la decima edizione: l’appuntamento promozionale organizzato dall’Istituto Nazionale Grappa e rivolto agli associati di tutta Italia per valorizzare e far conoscere il distillato di bandiera spegnerà dieci candeline domenica 6 ottobre 2013. Un evento seguito ogni anno da oltre 30.000 appassionati che hanno l’opportunità di entrare in contatto diretto con l’affascinante mondo della grappa, un focus sulla nostra acquavite di bandiera e sulle sue appassionanti peculiarità che rappresentano un’ importante ed utile occasione di visibilità per tutti i produttori.

Downloader.jpgL’abbondante afflusso di visitatori riscontrato nelle precedenti edizioni – commenta il Presidente dell’Istituto Nazionale Grappa Elvio Bonollo – è la testimonianza della bontà della formula individuata per creare un momento di aggregazione attorno alla grappa ed è la conferma del grande interesse per la sua cultura e la sua tradizione, raccontata con suggestione e curiosità da ogni singolo maestro distillatore. Il merito del successo di questa ormai collaudata iniziativa è naturalmente di tutti coloro che negli anni hanno aderito e contribuito allo svolgimento della giornata mettendo a punto, presso le proprie distillerie, iniziative originali a fianco di degustazioni e visite guidate”. 

Insieme per la grappa dunque, con la massima fiducia nelle potenzialità di questo progetto di valorizzazione e promozione. “Per dieci anni ci abbiamo creduto ed è nostra ferma intenzione continuare a farlo – ha aggiunto Bonollo – soprattutto in momenti congiunturali difficili come questo è importante che dalla grappa venga un segnale forte di presenza, di vitalità e di stretto legame con la cultura del proprio territorio. I consumatori confermano di apprezzare la grappa e di volerne scoprire le molteplici peculiarità sia sensoriali che produttive. Ricercano occasioni per un approfondimento tecnico e culturale al fine di conoscere meglio la nostra acquavite di bandiera e di poterla sceglie con sempre più competenza e consapevolezza”.

Per questa edizione numero dieci il tema conduttore sarà l’abbinamento e la valorizzazione della Grappa in relazione alle tipicità gastronomiche dei rispettivi territori, che ogni distilleria potrà interpretare nel modo che ritiene più opportuno: affiancando alle degustazioni in distilleria assaggi guidati direttamente da un produttore del luogo di riferimento o proponendo ricette proprie realizzate con prodotti tipici locali, invitando uno chef o proponendo una ricetta ‘casalinga’ in cui la grappa è protagonista come ingrediente o come miglior abbinamento.

 

Ufficio Stampa Istituto Nazionale Grappa

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini

Tel. 335 6130800 Email: marzia.morganti@gmail.com

www.istitutograppa.org

 

Chianti and Castles tour- San Giminiano (SI)

Lunedì- martedì- Giovedì e sabato

Associazione Pro Loco Tourist Office
0577 940008

A Girogustando 2013 la cultura vien mangiando – Ufficio Stampa e Comunicazione Confesercenti Siena

 Sformatino spinaci e calendula BASSA.jpgFino a novembre

 Fino a novembre i nuovi appuntamenti con i menù “a quattro mani” degli chef di tutta Italia protagonisti della rassegna enogastronomica nata a Siena che ha fatto registrare un successo da record con oltre 200 menù realizzati e più di 20mila presenze

A Girogustando 2013 la cultura vien mangiando 

I ristoranti si trasformano in “temporary space della cultura” per ospitare piéce teatrali, reading letterari, performance d’artista e incursioni musicali. Ad aprile l’abstract dello spettacolo dramma della Concordia firmato dagli isolani del Giglio

Con Girogustando la cultura vien mangiando. La rassegna enogastronomica nata a Siena che in 12 anni di vita ha fatto registrare un successo da record con oltre 200 menù realizzati e più di 20mila presenze, si presenta nell’edizione 2013 con un nuovo e originale format nel quale si incontrano mondi diversi: food, arte e letteratura.  

Nel menù delle serate in programma fino a novembre in Toscana, Umbria e Veneto, oltre alle ricette realizzate “a quattro mani” dagli chef gemellati provenienti da tutta Italia, ci saranno altri ingredienti a sorpresa. 

 Pièce teatrali, reading letterari, performance d’artista e incursioni musicali che daranno ancora più gusto al piacere della buona tavola. 

 I ristoranti si trasformano in “temporary space della cultura”, dove l’arte della cucina e la cultura di un territorio si raccontano non solo nel piatto ma anche attraverso un libro, un’esposizione, uno spettacolo, diventando fonte di ispirazione e territorio di esplorazione per cuochi, artisti, scrittori, attori, editori e musicisti che insieme, mescolando saperi e sapori, daranno vita ad eventi unici. 

Girogustando 2013 è anche un viaggio alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche delle regioni italiane, con un format che va oltre i confini di Siena e tiene banco anche in Umbria (dal 11 al 29 aprile) e in provincia di Padova (nei mesi di maggio e giugno, e poi ancora in autunno) con i rispettivi calendari di appuntamenti.   

GIROGUSTANDO bassa.jpgQuattro gli eventi inediti previsti nel mese di aprile. A partire dal gemellaggio tra la Valdorcia e la perla dell’arcipelago toscano in programma mercoledì 10 aprile con il ristorante Dal Falco di Pienza che ospiterà il ristorante La Paloma dell’Isola del Giglio nel quale troverà spazio anche l’abstract dello spettacolo teatrale “La bella addormentata sull’Isola”, la storia del naufragio della Concordia che diventa teatro, una poesia corale recitata dagli stessi isolani che vissero quella tragica notte del 13 gennaio. Alla serata del 10 aprile saranno presenti il regista Andrea Giannoni e lo scrittore Cristiano Pellegrini autore del libro “Quella notte al Giglio”.

Negli eventi successivi saranno  i libri a fare da sfondo alle serate di Girogustando. Giovedì 11 aprile, a Bettolle (Sinalunga) l’Opera Teatro del Gusto ospiterà il ristorante La Nave di Castiglion Fiorentino (Arezzo): tra un’uscita in tavola e l’altra delle pietanze preparate a quattro mani in cucina, i commensali potranno apprezzare alcuni gustosi estratti da “700 anni di salse”, un volume fresco di stampa scritto da Angiolino Berti valorizzando una ricerca condotta da Gianmichele Casiraghi. Tra marinate, mostarde, farce e galantine, il testo ricostruire più di 1300 salse entrate in uso nelle cucine di tutto il mondo tra il XIV° e il XX° secolo. 

Girologio - Grazi.jpgMercoledì 17, il ristorante San Marco di Pontedilegno (Brescia) arriverà a L’Angolo, accogliente locale di Acquaviva di Montepulciano: la tradizione chianina si confronterà con genuini sapori d’alpeggio. In sala, il portale della cultura senese Sienalibri.it introdurrà Lello Ginanneschi, in libreria da pochi mesi con “Francigena da Losanna a Siena sulle orme dei pellegrini”, un “piccolo abbecedario per l’anima” composto dopo un suggestivo viaggio in bicicletta. 

Giovedì 18 aprile, sarà ancora co-protagonista il territorio della ‘Leonessa d’Italia”, grazie al ristorante La Foresta di Montisola, il suggestivo ‘scoglio’ che spartisce le acque nel lago d’Iseo. Ad ospitarlo sarà il ristorante Da Mario – la Valle di Piancastagnaio, dove per l’occasione sarà Matteo Cresti ad esporre intriganti estratti dai suo libri “Draghi, streghe e fantasmi della Toscana” e “Fate e folletti”, appassionanti viaggi alla scoperta delle  leggende toscane. 

girogustando concerto trumpet.jpgUn fitto calendario di serate che prosegue anche a maggio e giugno, e poi di nuovo in autunno.  Giovedì 9 maggio nel Chianti, si comincia con un serata di emozioni da alta quota. La Taverna della Berardenga ospiterà il Rifugio Col Alt di Corvara in Badia (Bolzano), una vera e propria terrazza sulle Dolomiti che dall’alto dei suoi Duemila metri accoglie sciatori d’inverno ed escursionisti  in estate. La selvaggina della Valbadia e quella Chiantigiana saranno il filo conduttore del menu a quattro mani: attesi, tra gli altri, l’”Ossobuco di cervo con quenelle di orzotto e zafferano” e le “pappardelle fatte in casa al cinghiale”. La forte connotazione delle pietanze, e la passione per i rispettivi territori che anima le due cucine protagoniste, offriranno lo spunto per una serata di grandi suggestioni paesaggistiche. Con Giampaolo Betti (CAI – sezione di Siena) il pubblico potrà ascoltare la testimonianza diretta di chi si trova costantemente a contatto con la montagna, le sue bellezze ed i suoi rischi, in concomitanza con i 150 anni dalla fondazione del Club Alpino Italiano; Gianni Resti, recente autore del libro “Ad occhi aperti” (Nuova Immagine editrice) riporterà la visuale del pubblico su un paesaggio senese conteso “tra armonia e cemento”.

La settimana seguente, mercoledì 15 maggio, di nuovo il Chianti protagonista, ma in versione “capitale”. A Castagnoli, piccolo e antico borgo splendidamente smarrito nei pressi di Gaiole, dove si incontreranno due giovani e dinamici interpreti della ristorazione contemporanea che ambisce a coniugare tradizione e ricercatezza. Massimiliano Adorno, ‘regista’ del ristorante Il Celliere accoglierà in cucina da Roma Dino De Bellis ovvero “il Salotto Culinario”: l’ospite di turno è l’ideatore di un raffinato ‘bistrot di periferia’, che nel suo spazio-loft lungo la strada che porta ai Castelli Romani sperimenta ostriche, carbonara, “tapas de noantri” ed altri piatti dall’origine lontana ‘spolverati’ con nuovi accorgimenti. Gli eleganti spazi del Celliere propizieranno una serata ispirata alla bellezza dei cinque sensi: il vicino Parco Sculture del Chianti curerà un suggestivo allestimento ad hoc per l’occasione, mentre Davide Bonucci (Enoclub Siena) condurrà l’attenzione dei presenti su alcuni gustosi approfondimenti legati ai vini serviti in tavola.

Un giorno ancora, e si torna nel capoluogo. Giovedì 16 maggio Girogustando 2013 si riporta a Siena, per una serata dai toni azzurro mare. Anzi, blues: il ristorante Da Michele ospita l’Osteria Pacianca di Follonica (Grosseto): l’approdo balneare per eccellenza del pubblico senese si sposta per una sera in città, approdando in un…porto sicuro per condividere passioni e professionalità. Nel curriculum di Michele Vitale come in quello di Massimo Bucci c’è tanto pesce, interpretato secondo sensibilità diverse e complementari. Stabilmente incluso tra le osterie Slow Food, il Pacianca si presenterà a Siena con credenziali tipo il “tortino di riso venere con gamberetti e carciofi” ed il “fritto di calamari e verdure”. Lo stile eclettico e vivace del locale costiero, spesso animato da esibizioni musicali live, risuonerà da Michele con i Brooklin best flat, attesi per l’occasione con un carico di musica blues.  

A giugno Girogustando avrà ancora tanti appuntamenti da offrire. Mercoledì 5 giugno il Ristorante Alcide di Poggibonsi che ospiterà l’Osteria di San Cerbone di Massa Marittima (Grosseto) con l’evento “Meraviglie in tavola: Wine & Food 3D”. Il giorno dopo, giovedì 6 Giugno, presso il Ristorante Pesce d’Oro di Chiusi ospiterà il Torlo Vini – Enoteca con cucina di Torino dove si discuterà di: “Tradizioni in tavola: Chianina e Fassone a confronto”. Mercoledì 12 giugno, infine, la Trattoria Il Libridinoso di Murlo, infine, ospiterà la Locanda dei Briganti di Gropparello (Piacenza) con un divertente intermezzo sul tema “Briganti, poeti e…buongustai”.

Nata per iniziativa di Confesercenti Siena, e sostenuta da sempre da Camera di Commercio, Girogustando 2013 in terra di Siena sarà resa possibile grazie e prestigiose realtà private (alcune nuove, altre ‘affezionate’: Caffè Batani, Gruppo Dinamico Italiano, Banca Mediolanum, Pasquini Alisea, Solex,  La Sovrana, Simply) anche in forma di partner (AIS, Sienalibri.it, Enoteca Italiana), con il patrocinio di Provincia di Siena e Vetrina Toscana. Tutti i particolari sulle iniziative, al pari dei menu e dettagli delle serate, saranno disponibili sul sito internet  www.girogustando.tv, oltre che sui social network facebook e twitter.

Il cartellone di eventi Girogustando per il 2013 proseguirà fino al mese di novembre. Tutti i particolari sulle iniziative, al pari dei menu e dettagli delle serate, saranno disponibili sul sito internet  www.girogustando.tv, oltre che sui social network facebook e twitter.

 Girogustando 2013 – Informazioni per la stampa:

 

Ufficio Stampa e Comunicazione  Confesercenti Siena

 Tel 0577/252226 Fax 0577/252261  mail girogustando@confesercenti.siena.it 

web www.girogustando.tv – fbk Girogustando Cuochi Italia – twit @girogustando1

 Per la stampa specializzata 

 Natascia Maesi

 Giornalismo & Comunicazione

 mobile +39 338 3423462 – 335 1979414

 natascia.maesi@gmail.com 

 maesinatascia@gmail.com

Museo dei Cavatappi a Barolo (CN)

Da venerdì 1 marzo riapre il Museo dei Cavatappi a Barolo, con alcune importanti novità. 

Nel grande spazio enoteca, che propone oltre 150 etichette di Barolo, Barbaresco e grandi vini di Langhe e Roero (disponibili anche online), ogni giorno 8 BAROLO sono disponibili per l’assaggio in tutta tranquillità. Grazie infatti ad un impianto di mescita di ultima generazione, i vini vengono serviti sempre in condizioni ottimali, corredati di note  tecniche sulle loro caratteristiche e con l’assistenza sempre disponibile del personale pronto a soddisfare le vostre curiosità. L’angolo degustazione è ormai divenuto un vero punto di incontro, dove gli assaggi si intrecciano ad interessanti scambi di opinioni tra appassionati e produttori. 

 

Barolo Wine Tasting Journeys

 

venerdì 3 Maggio

 

Ripartono da venerdì 3 Maggio le degustazioni guidate presso il Museo dei Cavatappi. Un vero e proprio viaggio sensoriale nel territorio, narrato attraverso la degustazione di diversi Barolo di grandi annate prodotti nei suoi più prestigiosi crus. Ogni venerdì ore 18.30 – Durata un’ora circa.

Per info e prenotazioni:  info@museodeicavatappi.it – tel +39 0173 560539

 

 

Profumo di cavatappi

 

29 marzo al 23 giugno 2013.

 

 

L’aristocrazia del cavatappi tra profumi e medicine  

Il cavatappi nasce nel 1600, ma inizialmente non viene utilizzato solo per  bottiglie di vino: fino all’invenzione del tappo ‘a corona’, alla fine dell’Ottocento, tutti i 

liquidi erano venduti al dettaglio con il tappo in sughero così che il cavatappi era utilizzato anche, nella sua versione mignon, per bottigliette da profumo e 

medicine… Alcuni di questi erano realizzati da artigiani di grande fama che creavano piccoli capolavori in oro, argento o altri materiali preziosi, oggi quasi 

introvabili sul mercato. Il Museo dei Cavatappi svela per la prima volta al pubblico prestigiosi esemplari di questa tipologia appartenenti alla collezione privata.

 

 

 

 

Tra le principali iniziative della primavera 2013 nel territorio di Barolo  segnaliamo la V edizione di “A cena con il Barolo di Barolo a Barolo”. Venerdì 12, 19 e 26 

Aprile nei ristoranti di Barolo potrete deliziare il vostro palato con la grande cucina di Langa e degustare le ultime annate di vino Barolo prodotte nel comune che 

è stato la culla di questo grande vino e che vanta alcuni tra i migliori e pià famosi “cru”. 

 

A breve troverete maggiori dettagli su www.museodeicavatappi.it e su www.barolodibarolo.com , dove potete inoltre trovare il calendario completo degli eventi 2013.

 

Barolo e le Langhe sono pronti ad accogliervi!

 

Museo dei Cavatappi a

Piazza Castello, 4

12060 – Barolo(CN)

Tel e Fax: +39 0173 560539

email: info@museodeicavatappi.it

website: www.museodeicavatappi.it

facebook: www.facebook.com/museodeicavatappi

Una Pasqua di sacralità, grandi vini, antichi piatti e fiabe alla Fattoria del Colle – Cristina

donatella.JPGSpiritualità e tradizione per ritrovare la carica con tanti eventi, visite, assaggi, fiabe, il pesce d’aprile e un esclusivo laboratorio di decorazione delle uova

Un week end lungo, da trascorrere nel verde con tutta la famiglia, amici a 4 zampe compresi: ecco la proposta per la Pasqua 2013 di Donatella Cinelli Colombini alla Fattoria del Colle di Trequanda, incastonata nella campagna più bella, suggestiva e intatta d’Italia in cui i panorami sembrano dipinti medioevali e dove è possibile vivere nelle case degli antichi contadini con i confort dei nostri giorni. 

Questo fine settimana che va da venerdì 29 marzo a lunedì 1 aprile, inizierà il Venerdì Santo, con una lezione su come preparare i pinci,  pasta fresca tipica della campagna senese da servire poi in tavola per cena con sughi di magro – aglione e briciole – insieme alle acciughe sotto pesto e il baccalà alla fratina. Ma prima di cena, visita nella storica cantina per l’Happy Wine a base di vino bianco Sanchimento e crostini con tartufo bianco delle crete senesi. Dopo cena, veglia in cantina a lume di candela con Donatella che racconterà ai presenti le fiabe della Fattoria del Colle.

staff.jpgSabato 30 marzo, vigilia di Pasqua, inizierà con una ricca colazione a base di torte fatte in casa, salumi e formaggi tipici, prima di trasferirsi al Casato Prime Donne a Montalcino – con auto propria – per la visita guidata alla cantina di Brunello con assaggi dei celebri vini rossi Rosso e Brunello di Montalcino e Brunello riserva e la possibilità – su prenotazione – di un brunch con formaggio pecorino di diversa stagionatura, salumi di cinta senese e crostata fatta in casa accompagnati da Rosso di Montalcino (15€ a persona). Nel pomeriggio, possibilità di spostarsi a Montisi per la Pasqua Eco Trail, corsa campestre in sentieri che traversano boschi e campi coltivati, oppure di rientrare alla Fattoria del Colle per partecipare al laboratorio di decorazione delle uova con la praghese Jana Kurucova, da attaccare ai rami fioriti di laburno come simbolo festoso della Resurrezione e della rinascita della natura collegata con la primavera. Una visita guidata della Fattoria del Colle, con le sue sale storiche, la cucina con il camino monumentale e la cappella farà da anteprima alla visita della cantina storica, dove prima di cena si svolgerà il secondo Happy Wine, stavolta con il “Drago e le 8 colombe IGT” abbinato a un assaggio di ciancifricola, zuppa di pane senese. A seguire, cena all’Osteria di Donatella a base di pappardelle allo zafferano “Oro della val d’Orcia”. 

Domenica di Pasqua dedicata alla spiritualità della mente ma anche del corpo, con la Santa Messa all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore concelebrata con canti gregoriani e – in alternativa – il trekking nei 4 percorsi segnalati della Fattoria del Colle. Il pranzo di Pasqua sarà un trionfo di sapori della tradizione toscana: uovo benedetto con capocollo, zuppa pasqualina, agnello arrosto, schiacciata di Pasqua (dolce di Montalcino) e molte altre specialità tipiche del territorio. Nel tardo pomeriggio, possibilità di partecipare a una piccola lezione di cucina sulla zuppa pasqualina e la ciancifricola, due antiche zuppe toscane. Per chi non lo avesse fatto il sabato, anche il giorno di Pasqua visita guidata della fattoria con le sale storiche, la cucina con il camino monumentale, la cappella e la cantina dove – a partire dalle 19 – si terrà un nuovo Happy Wine con il Cenerentola Doc Orcia abbinato alla schiacciata di Pasqua salata della Val di Chiana, prima della cena a base di cacciagione con terrina di fagianella, pappardelle con ceci e cinghiale. 

Lunedì I° aprile, giornata di Pasquetta alla scoperta dei borghi e delle città più suggestive del circondario: la mattina a Buonconvento (circa 20 km dalla Fattoria del Colle) per visitare il mercatino antiquario sotto le mura medioevali a Siena, poi pranzo a base di pappardelle al sugo di “nana” tradizionale di Trequanda e “pesce finto” e a seguire, nel pomeriggio, visita a Siena con ritrovo (arrivo con auto propria) in Piazza del Campo davanti a Fonte Gaia dove i bambini potranno partecipare al percorso giocoso “L’angelo e il pesce” con i simboli della primavera, al costo di 6€ a persona.

Il costo del pacchetto è di 195€ a persona e comprende: 2 pernottamenti in camera doppia, 2 colazioni, 2 pranzi o cene vini esclusi, happy wine, visite e assaggi previsti nel programma. Per le famiglie che soggiornano in appartamento, 50€ per ogni bambino sotto i 12 anni. A pagamento e su prenotazione, eventuali massaggi e accesso al percorso benessere nello spazio wellness attrezzato con bagno turco, sauna, docce emozionali, sala relax e una panoramica jacuzzi affacciata sui vigneti circostanti e sulla Valdorcia.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Casato Prime Donne – Montalcino, SI

Fattoria del Colle – Trequanda SI

Alessia Bianchi 0577 662108 pr@cinellicolombini.it

 

Addetta stampa 

Marzia Morganti Tempestini 3356130800 

marzia.morganti@gmail.com 

 

Il tour del cioccolato nelle piazze italiane – Ufficio Stampa ChocoMoments

fabbrica.jpgFino al 14 aprile 2013

Con la Fabbrica del Cioccolato di ChocoMoments, nelle piazze italiane i laboratori a cielo aperto

Un ricco calendario di eventi con degustazioni, workshop e tanta animazione per adulti e bambini

cioccolatini Chocomoments.jpgCon la Fabbrica del Cioccolato di ChocoMoments,nelle piazze italiane arrivano i laboratori a cielo aperto

Arenzano, Casalpustarlengo, Porto San Giorgio, Jesi, Siena e San Benedetto del Tronto sono le tappe del tour 2013 che proseguirà fino a aprile 

Un laboratorio artigianale di cioccolato a cielo, nei borghi e nelle piazze italiane. E’ la Fabbrica del Cioccolato firmata ChocoMoments che da gennaio ad aprile riprenderà il tour del gusto che nel 2012 ha portato l’arte del cioccolato artigianale in tutta Italia.

macchina del cioccolato.jpgSono tante le nuove tappe dell’appassionante viaggio alla scoperta delle radici del “cibo degli dei”. Per tutto il 2013 la carovana del gusto dedicata al cioccolato toccherà diverse regioni italiane con un ricco calendario di eventi, degustazioni, workshop e tanta animazione per adulti e bambini.

Si parte dalla Liguria, con la Fabbrica del Cioccolato che fa tappa ad Arenzano in provincia di Savona, dal 18 al 20 gennaio. Seguiranno poi gli appuntamenti di Casalpustarlengo in provincia di Lodi (1 – 3 febbraio), Porto San Giorgio in provincia di Fermo (22 – 24 febbraio), Jesi in provincia di Ancona (1 – 3 marzo), Siena (7 – 10 marzo) e San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli Piceno (12 – 14 aprile). Inoltre ChocoMoments sarà presente con il proprio stand anche a: Udine (27 – 29 gennaio), Bergamo (1 – 3 febbraio) Firenze (8 – 17 febbraio) Terni  (9 – 14 febbraio) Modena (15 – 17 febbraio) Livorno (22 – 24 febbraio) Brescia (1 – 3 marzo).

Alla Fabbrica di Cioccolato di ChocoMoments con l’esposizione e vendita  delle raffinate creazioni e produzioni artigianali, si legano altri eventi nell’evento come “Conoscere il cioccolato”, il percorso che coinvolge le scuole e fornirà agli studenti informazioni e curiosità sulla storia del cioccolato attraverso una serie di incontri con i maestri cioccolatieri di Chocomoments; lo spazio Babychoco nel quale i più piccoli possono divertirsi e improvvisare con il cioccolato, partecipando ai laboratori e cimentandosi nella realizzazione di cioccolatini e lavoretti con il cioccolato con tutte le attrezzature necessarie: grembiuli, cappellini, guanti e attrezzi per la lavorazione e divertirsi in compagnia degli animatori clown con musica e giochi; per gli appassionati delle degustazioni, il programma di appuntamenti ”Cioccolato &…” che propone gustosi abbinamenti caffè e cioccolato, pane dolci e cioccolato e degustazioni di vino, grappa e cioccolato. Inoltre, con la Fabbrica del Cioccolato ci si può diplomare cioccolatieri per un giorno partecipando ai mini-corsi di cioccolateria artigianale attraverso i quali tutti possono imparare a realizzare nel proprio piccolo laboratorio casalingo gustosi e raffinati cioccolatini artigianali. Infine, la Fabbrica del Cioccolato metterà a disposizione dei cittadini una choco-card che permetterà loro di avere sconti negli esercizi commerciali convenzionati. 

Natascia Maesi

Ufficio Stampa ChocoMoments

Giornalismo & Comunicazione

mobile +39 338 3423462 – 335 1979414

natascia.maesi@gmail.com

Aspettando il 2013…alla Fattoria del Colle di Trequanda – Ufficio stampa Casato Prime Donne

Fattoria del Colle albero di Natale dell'agriturismo.JPGDa sabato 29 a lunedì 31 dicembre 2012
 
 
Capodanno suggestivo tra le Crete Senesi, con lezioni di cucina, giochi della tradizione contadina, wine tasting e riti di buon auspicio delle campagne toscane
 
 
Ottimo vino, cucina toscana e tanto divertimento, sono gli ingredienti che la Fattoria del Colle di Trequanda mette a disposizione per trascorrere il Capodanno nella Valdorcia toscana, immersi tra le Crete Senesi. Giochi della tradizione contadina, lezioni di cucina, wine tasting e un gran falò delle “cose vecchie” faranno da cornice al Cenone a base di piatti tipicamente toscani così come i vini delle cantine di Donatella Cinelli Colombini – la Fattoria del Colle e il Casato Prime Donne – saranno protagonisti nei bicchieri della notte più lunga dell’anno. Un Capodanno lungo ben 5 giorni – dal 29 dicembre al 2 gennaio – con gli ospiti che potranno scegliere la data di arrivo e di partenza secondo le proprie esigenze.
Il programma inizia sabato 29 dicembre con l’aperitivo nella cantina storica con il Sanchimento IGT Toscana Bianco e crostini con tartufo bianco (10€ a persona) seguito da una cena presso L’Osteria di Donatella a base di antiche carni senesi come ad esempio le pappardelle al sugo bianco di cinta senese (32€ a persona, bevande escluse). Domenica 30 dicembre, dopo la prima colazione a buffet con torte fatte a mano, salumi, formaggi, pinzimoni e frittate accompagnati con bevande calde (inclusa per le sistemazioni in camera, 8,30€ a persona e 5€  per i bambini sotto i 12 anni, per coloro che hanno prenotato la soluzione in appartamento), possibilità di partecipare alla lezione di cucina con la pasticcera Patrizia che insegnerà a fare i ricciarelli, famosi biscotti senesi a base di pasta di mandorle (8€ a persona). A partire dalle 18.30 aperitivo nella cantina storica con il Chianti Superiore DOCG insieme a salsiccia toscana e pecorino fresco delle Crete Senesi (10€ a persona) e a seguire cena presso L’Osteria di Donatella con la polenta tagliata al filo in abbinamento con i sughi tradizionali, come il sugo bugiardo (un ragù con carne di maiale) o il sugo di funghi (32€ a persona, bevande escluse). Durante la cena, gioco con in palio un percorso di due ore per due persone nel Centro Benessere della cinquecentesca villa, affacciato sulle Crete Senesi.
 
Lunedì 31 dicembre, l’ultimo giorno dell’anno inizierà con il trasferimento, dopo la colazione, a Montalcino al Casato Prime Donne (con auto propria) per una visita guidata alla cantina, tra l’innovativa Tinaia del Vento e la cantina di affinamento, dove tra le botti si alternano gli affreschi che raccontano la storia di Montalcino e del suo famoso vino, il Brunello. Al termine della visita, spuntino (al costo di 10€ a persona) con prosciutto di cinta senese e salsiccia di cinghiale in abbinamento a un calice di Rosso di Montalcino DOC. Tempo permettendo, visita al percorso di trekking nei vigneti in mezzo alle sculture e ai cippi di travertino installati ogni anno in occasione del Premio Casato Prime Donne. Per chi lo vorrà, tempo a disposizione per visitare Montalcino con il borgo medievale, la fortezza del XIV secolo e le numerose enoteche, ma anche. l’Abbazia di Sant’Antimo, suggestivo complesso monastico romanico tra i più importanti in Toscana, che si trovava sul percorso di pellegrinaggio della Via Francigena. Chi preferirà rilassarsi, troverà ad attenderlo al rientro alla Fattoria del Colle, un suggestivo percorso benessere con bagno turco doccia emozionale, percorso Kneipp, Jacuzzi, e sala relax dove poter sorseggiare un buon calice di Rosso di Montalcino DOC, contemplando il tramonto sulle Crete Senesi immersi nella Jacuzzi. Su richiesta è possibile anche prenotare varie tipologie di massaggio viso e corpo, tra cui il trattamento “La Natura ti fa bella”, esclusivo della Fattoria del Colle. I massaggi sono da prenotare in anticipo, costi alla reception, mentre il percorso benessere di due ore costa 25€ a persona. In attesa del gran Cenone di Capodanno – a cui seguirà una festa nella cantina storica per assaggiare il Brunello di Montalcino DOCG e il Cenerentola Orcia DOC – aperitivo a base di cartoccini di verdure fritte, selezione di pecorini di diversa stagionatura e bruschettine con olio extra vergine di oliva di produzione propria, raccolto 2012, accompagnati da un Rosa di Tetto IGT Toscana Rosato 2011.La cena a base di prodotti tipici dell’inverno trequandino rivisitati in chiave moderna sarà “innaffiata” da Chianti Superiore Docg  2010, Rosso di Montalcino Doc 2010, Cenerentola Orcia Doc 2008, Brunello di Montalcino Docg Riserva 2004 e Vinsanto del Chianti Doc 2005. Il dopo-cena nella cantina storica prevede il gioco del panforte, dolci natalizi fatti in casa, ricciarelli e cavallucci, uva e frutta secca accompagnati da Vinsanto e spumante.Il costo della cena, vino e caffè inclusi è di 90€ a persona (45€ per i bambini sotto i 12 anni).
 
 La mattina di Capodanno, falò delle cose vecchie nel bosco dei giochi antichi, visita guidata della villa padronale con la sala degli stemmi, la cucina con camino monumentale, la camera del Granduca di Toscana e la Cappella cinquecentesca e, a seguire,visita nelle cantine di produzione del Chianti Superiore e DOC Orcia con degustazione finale di 4 vini in abbinamento a bruschettine all’olio nuovo, pecorini e salumi di cinta senese (15,20€ a persona). In alternativa, visita all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore dove alle 11:00 sarà celebrata la Santa Messa in gregoriano. Il pomeriggio, libero per visite individuali a Monteriggioni – dove alle 15:30 si terrà “Under the light of the star: New Year’s Concert”, un concerto di Nehemiah H Brown & The Celebration Gospel Choir – o a Pienza, si concluderà con l’aperitivo nella cantina storica a base di Cenerentola Orcia DOC e pecorini delle Crete Senesi (10€ a persona) e la cena presso L’Osteria di Donatella con la tagliata di bue chianino all’uso della Valdichiana (32€ a persona, bevande escluse) o in alternativa, la famosa bistecca fiorentina, al costo di 45€ al kg.
 
 
Check out la mattina del 2 a partire dalle ore 10, dopo la colazione.
 
 
I prezzi sono variabili a seconda del pacchetto scelto: 110 euro a persona per tre giorni e due notti comprendente il pernottamento in camera doppia con bagno, colazione a buffet con prodotti tipici, aperitivo a tema, falò delle cose vecchie del 1° gennaio e tutte le animazioni del programma, più la visita guidata della fattoria con degustazione di 4 vini in abbinamento a prodotti locali. Da aggiungere  per una cena (bevande escluse) e il Cenone di Capodanno all’Osteria di Donatella 122€ a persona.
 
C’è anche l’opzione dedicata alle famiglie (2 adulti + 2 bambini sotto i 12 anni) che per 3 giorni e 2 notti in appartamento per 4 persone con due camere doppie, bagno e soggiorno con angolo cottura più le animazioni e la visita guidata in cantina con degustazione si propone al prezzo di 392€, a cui vanno aggiunti per il Cenone di Capodanno e una seconda cena (bevande escluse) 364€.
 
 
 
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
 
Casato Prime Donne – Montalcino, SI
 
Fattoria del Colle – Trequanda SI
 
Alessia Bianchi 0577 662108 pr@cinellicolombini.it
 
 
 
Addetta stampa
 
Marzia Morganti Tempestini 3356130800

Girolio d’Italia 2012 presenta le 18 tappe regionali – Ufficio Stampa Nazionale Girolio d’Italia 2012

calendario.jpgDal 13 ottobre al 22 dicembre 2012

Il paesaggio Olivicolo filo conduttore degli eventi

Presentata questa mattina a Roma al Ministero delle Politiche Agricole l’edizione 2012 dedicata al paesaggio, alla presenza dei rappresentanti delle diciotto tappe che dal 13 ottobre al 22 dicembre attraverseranno l’Italia delle regioni olivetate

Girolio d’Italia 2012 ai nastri di partenza. La manifestazione organizzata dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con i coordinamenti regionali è stata presentata questa mattina a Roma nel Parlamentino del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, alla presenza del Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Enrico Lupi, delle istituzioni, dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Puglia – tappa inaugurale – Dario Stefano, del Coordinatore Regionale delle Città dell’Olio della Puglia Benedetto Miscioscia e dei rappresentanti di tutte le tappe regionali che dal 13 ottobre al 22 dicembre attraverseranno lo stivale, collegate dal testimone ideale che è il paesaggio olivicolo.

“Abbiamo scelto di dedicare l’edizione 2012 del Girolio d’Italia al paesaggio olivicolo perché è un patrimonio inestimabile da tutelare – commenta il Presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Enrico Lupi – sia per l’importante contributo che fornisce all’agricoltura italiana con i suoi frutti sia per la cultura millenaria che racconta.Il progressivo abbandono delle aree olivetate con le ripercussioni che sappiamo sia a livello paesaggistico che idrogeologico, evidenzia la necessità di intervenire da subito con strategie di tutela, di promozione e valorizzazione. Per riportare l’attenzione e l’interesse su questa attività, dobbiamo fornire ai territori, ai cittadini ed agli olivicoltori tutti gli strumenti che permettano la conservazione ed il miglioramento del paesaggio olivicolo affinché diventi reddito, come strumento di marketing per le aziende e come strumento turistico per le nostre Città dell’Olio”.

Il via sabato 13 ottobre con una staffetta tra Otranto e Uggiano La Chiesa, nel Salento, mentre l’arrivo è fissato per il 22 dicembre a Tenno, in provincia di Trento. Oltre mille km separano in linea d’aria le due Città dell’Olio, ma molti di più saranno quelli che la carovana dell’oro verde percorrerà in undici settimane per toccare tutte e 18 le regioni olivetate ospitanti una tappa del Girolio d’Italia 2012. Dalla Puglia, il testimone – sia quello ideale sia quello “reale” disegnato da Ro Marcenaro appositamente per la manifestazione con i colori del Mediterraneo che gli assessori regionali all’agricoltura firmeranno a ogni tappa – passerà a Selci Sabina nel Lazio, poi a Falerone nelle Marche, a Montecchio in Umbria, a Muggia in Friuli Venezia Giulia, a Marone in Lombardia, a Sestri Levante in Liguria, a Brisighella e Imola in Emilia Romagna, a Oliena in Sardegna, a Cerreto Sannita in Campania, ad Arquà Petrarca in Veneto, a Seggiano in Toscana, a Ficarra e Sant’Angelo di Brolo in Sicilia, a Matera in Basilicata, a Vallefiorita in Calabria, a Larino in Molise e a Pescara in Abruzzo, prima di arrivare alla tappa finale trentina di Tenno.

Ogni tappa presenta un programma personalizzato, ferma restando la formula generale che prevede la cerimonia istituzionale con l’alzabandiera del Tricolore e del vessillo delle Città dell’Olio e l’intonazione dell’inno nazionale seguito dalla firma della pergamena da parte dell’assessore all’agricoltura della regione che ospita la tappa. Convegni tecnico scientifici e divulgativi dedicati al paesaggio olivicolo e alla tutela del territorio, degustazioni di olio nuovo in abbinamento ai pani della tradizione e ad altri prodotti dell’eccellenza enogastronomica locale, mostre dedicate alle civiltà dell’olivo, visite ai frantoi, eventi musicali, antichi mercatini, spettacoli di piazza, manifestazioni folcloristiche, corsi di cucina con olio extravergine, coinvolgimento delle scolaresche in percorsi di conoscenza del mondo dell’olio extravergine e premiazioni dei migliori uliveti saranno comunque un comune denominatore a tutte le piazze in cui la carovana verde farà sosta.

Oltre alla cerimonia di apertura e la “festa” in piazza, il passaggio della carovana di Girolio porterà in ogni tappa anche un messaggio per le nuove generazioni perchè imparino a conoscere e rispettare il patrimonio culturale e paesaggistico dell’olivicoltura: un ulteriore passaggio di testimone, consistente nella consegna di una pianta di cultivar tipica della regione ospitante la tappa precedente – da donare a una scuola.

Quella del 2012 sarà inoltre una edizione all’insegna della tecnologia e dei new media: tutte le tappe saranno seguite da foodblogger e per non perdere nessuno degli eventi collegati al Girolio d’Italia l’Associazione Nazionale Città dell’Olio lancerà l’applicazione per smart-phones che permetterà di scoprire le eccellenze del territorio italiano attraverso olivi secolari, itinerari legati alla rappresentazione dell’olivo e dell’olio nell’arte e nella cultura, ristoranti dell’olio e produttori di eccellenza.

Ufficio Stampa Nazionale Girolio d’Italia 2012

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini

Tel 335 6130800 – Tel 320 6434045 Email marzia.morganti@gmail.com

www.cittadellolio.it – www.martecomunicazione.com