I grandi maestri dell’impressionismo a Treviso

I grandi maestri dell’impressionismo a Treviso

Dal 29 ottobre al 17 aprile 2017.

Non solo Rubens a Milano

Non solo Rubens a Milano

Dal 27 ottobre e fino al 29 febbraio 2017.

Una raccolta dei maggiori capolavori di Pieter Paul Rubens

A Palazzo Reale a Milano a partire

L’onda pop di Hokusai

L’onda pop di Hokusai

Dal 22 settembre e fino al 29 gennaio 2017
Palazzo Reale di Milano ospiterà più di duecento incisioni su legno, anche dette xilografie, di Hokusai e di altri grandi artisti del Sol Levane.

La Gioconda di latta

image004 (1)La Gioconda di latta

e altre 441 scatolette alimentari sigillate

dalla collezione di Paolo Stefanato

 

 

image003MOSTRA INSOLITA

allestita nello show-room Del Tongo

via Solferino 22, Milano

visitabile dal 30 novembre 2016 al 2 gennaio 2017

 

Vi invitiamo all’inaugurazione

mercoledì 30 novembre alle ore 18.00

Introduzione Emanuela Cavalca

La Venere di Urbino torna a casa

La Venere di Urbino torna a casa

Fino al 18 dicembre 2016

Per la prima volta, dopo cinque secoli, il capolavoro di Tiziano torna nella sua città natale.
Presso il Palazzo Ducale

Il boom dell’arte pop italiana

Il boom dell’arte pop italiana

Fino all’11 dicembre 2016
Schifano, Baj, Manzoni, Pistoletto, Fomez, Rotella, Adami, Mauri, Angeli, Mambor, Baruchello, Fioroni, Ceroli…..
Presso la Fondazione Magnani Rocca a Parma

Mostra internazionale Libri antichi e di pregio Milano

Mostra internazionale Libri antichi e di pregio Milano

Dal 11 al 13 marzo 2016

4° edizione

Associazione Librai Antiquari d’Italia presenta la Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio a Milano

Ri-edizione lampade E63 e LEM di Umberto Riva In mostra da Antonia Jannone Disegni di Architettura

Disegno E63Ri-edizione lampade E63 e LEM di Umberto Riva

In mostra da Antonia Jannone Disegni di Architettura

Dal 17 novembre al 9 gennaio 2015

Ricordiamo la mostra organizzata da Antonia Jannone in occasione della riedizione delle lampade disegnate da Umberto Riva dal 17 novembre presso la Galleria.

Le due lampade E63 e Lem disegnate da Umberto Riva – uno dei nostri maestri più schivi e geniali – ritornano in produzione con rinnovato vigore. La riedizione, che ha reso di nuovo disponibili sul mercato i due prodotti disegnati nel 1963 per un concorso e messe poi in produzione in fasi e con produttori differenti negli anni successivi, sarà presentata da Antonia Jannone dal 17 novembre al 9 gennaio 2016. Le nuove versioni di queste lampade, messe a punto grazie a un proficuo e constante lavoro di confronto con Riva, saranno esposte accanto a una selezione di disegni che ne documentano il processo progettuale e che consentiranno di approfondire la conoscenza di uno degli artefici italiani di un innovativo concetto Lemdell’abitare.

A raccontare la mostra il catalogo con testi di Beppe Finessi.

La E63 viene prodotta da Francesconi nel 1969. La sua struttura, con gli elementi di collegamento dei suoi tre blocchi funzionali ben delineati e in evidenza, insieme alla forma scelta per le sue componenti contribuiscono a renderla formalmente plastica. I materiali scelti per la riedizione di quest’anno – acciaio, rame e bronzo – sottolineano ancora di più questo riferimento formale e mettono in atto un interessante gioco di riflessi che amplifica il portato luminoso della lampada.

LemLa lampada Lem, originariamente prodotta in una resina semitrasparente da Francesconi e poi rieditata da FontanaArte nel 1991 con il nome Dilem, nella versione proposta dalla Galleria Jannone ha il diffusore, orientabile, in due colori opachi – verde acqua e arancione – ed è disponibile in due modelli: a morsetto e con piantana.

Proprio per sottolineare il carattere di unicità di questi due progetti di Umberto Riva, frutto di quell’eccezionaleperiodo creativo del design italiano che furono gli anni Sessanta che ha saputo produrre veri oggetti di culto, l’operazione promossa da Antonia Jannone prevede esclusivamente serie limitate: 9 pezzi per ogni variante materica e tipologica di ognuna delle due lampade. Ogni esemplare porterà la firma del designer e sarà provvista di certificato di autenticità.

Classe 1928, milanese, Umberto Riva ha studiato architettura a Venezia. Dal 1960 progetta edifici, interni e oggetti animato da uno stesso approccio pragmatico da “architetto-artigiano”, partendo dal disegno, dallo studio del contesto e dalla sperimentazione con i materiali, accostati in modo da esaltarne le caratteristiche intrinseche, ognuno valorizzato per le proprie potenzialità. Nelle sue lampade il rispetto per i materiali e la cura dei dettagli, frutto di un lavoro in sinergia con gli artigiani espressione di una produzione lontana dai principi dell’omologazione, le trasforma in pezzi preziosi, da collezione, opere d’arte in formato domestico.
I due modelli presentati in occasione della mostra sono affini per le scelte estetiche adottate, evidenti soprattutto nella foggia del diffusore, e sono entrambi caratterizzati da una ricchezza formale che li rende presenze domestiche forti, sculture atemporali.

La Mostra sarà inaugura martedì 17 novembre – ore 18:30

Galleria Antonia Jannone – Corso Garibaldi 125 – Milano

Aperta dal martedì al sabato: 15:30-19:30 la mattina su appuntamento

info@antoniajannone.it – tel. +39 02 29002930

Clara Buoncristiani PR&Communication Studio | via Zuccari 14 – 25127 Brescia (Italy) | clarabuoncristiani.it

Sguardi sul Novecento Collezionismo privato tra gusto e tendenza

Sguardi sul Novecento Collezionismo privato tra gusto e tendenza

Dal 9 maggio al 31 dicembre 2014

Collezione Terruzzi

Villa Regina Margherita
Bordighera(IM)

Gotha 2014 a Parma, mostra di antiquariato

Gotha 2014 a Parma, mostra di antiquariato

Dal 15 al 23 Novembre 2014
Presso Fiere di Parma
12°edizione di Gotha
L’l’evento dedicato all’antiquariato di qualità.
Evento per collezionisti, investitori ed esperti d’arte

A confronto con l’antico Carlo Guarienti. Pittura e scultura 1990-2014

AutoritrattoA confronto con l’antico Carlo Guarienti. Pittura e scultura 1990-2014

Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto”

sabato 10 maggio 2014, ore 18.30
A confronto con l’antico Carlo Guarienti. Pittura e scultura 1990-2014

Bari, Pinacoteca Provinciale, 10 maggio – 28 settembre 2014

 

Sabato 10 maggio, presso la Pinacoteca Provinciale di Bari, sarà inaugurata la mostra “A confronto con l’antico Carlo Guarienti. Pittura e scultura 1990-2014”.

Donna con cani affamati(1)Una raffinata selezione di opere di Carlo Guarienti (Treviso, 1923), si confronterà con le opere medievali e rinascimentali della Pinacoteca.

Sculture e pitture appartenenti alla produzione più recente dell’artista, caratterizzate da una materia scabra, consunta, incenerita, come restituita dagli abissi e non ancora liberata dalle concrezioni che il tempo vi ha accumulato, intesseranno un affascinante dialogo con le straordinarie testimonianze di scultura pugliese medievale, con le pale a fondo oro medievali e rinascimentali, con i dipinti barocchi conservati all’interno del museo, traendo da esse nuovi, sorprendenti significati e cedendone contemporaneamente altri.

Donna DominiPromossa dall’Assessorato per i Beni e le Attività Culturali della Provincia di Bari la mostra, a cura di Clara Gelao, sarà accompagnata da un catalogo edito dalla casa editrice Arte’m di Napoli.

Carlo Guarienti (Treviso, 1923), “Donna domini”, 2012, bronzo, cm 283x120x135

Carlo Guarienti (Treviso, 1923), “Autoritratto”, 2004, bronzo, cm 58x24x22

Carlo Guarienti (Treviso, 1923), “Testa con chiodi”, 2009, tecnica mista, cm 67×40,5×21

Testa con chiodiCarlo Guarienti (Treviso, 1923), “Donna con cani affamati”, 2011, tecnica mista su pannello in polistirolo, cm 200x200x3

Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto”

Via Spalato 19 / Lungomare Nazario Sauro 27 – Bari – Tel. 080/ 5412420-2-3-4-5-7 pinacotecaprov.bari@tin.it www.pinacotecabari.it

Alla Pinacoteca Provinciale di Bari si può arrivare in treno (dalla stazione 10/15 minuti a piedi), in aereo (30 minuti per giungere in centro città col taxi o col terminal), pullmann provenienti da varie destinazioni. Diversi autobus cittadini si fermano dinanzi al Palazzo della Provincia.

Se si giunge in auto, è consigliabile lasciare la vettura nel grande parcheggio comunale “Pane e Pomodoro”, ubicato nel tratto sud del Lungomare, e di lì prendere la navetta B, che si ferma all’altezza del Palazzo della Regione, distante pochi metri dal Palazzo della Provincia dove ha sede la Pinacoteca. Il parcheggio per 24 h e la navetta costano € 1,00.

Ufficio Stampa Pinacoteca: Tel: 080/5412427 – Fax 080/5583401 pincorradogiaquinto@tiscali.it;