Il Magico Bosco – Ruvo di Puglia

Dal 4 al 25 marzo 2012

Proseguono le domeniche all’insegna delle attività ludico-eduvative dedicate ai bambini di ogni età. La rassegna “Il Magico Bosco” anche per il mese di marzo propone un calendario ricco di attività, letture animate, spettacoli, giochi e laboratori. Il costo di ogni attività è di 5 eruo. La prenotazione è obbligatoria per garantire un’organizzazione a prova di imprevisti.

 

Programma:

– Domenica 4 marzo – Andiam… a passeggiar nel Bosco

(Visita guidata nel Bosco con l’esperto che, in maniera divertente, descriverà le piante e gli splendidi animali del Parco. A fine percorso i bambini realizzeranno bellissimi lavoretti che porteranno a casa)

– Domenica 11 marzo – Giovannino senza paura

(Dopo il successo riscosso nel giorno dedicato alla Befana, ritorna l’Associazione A sud di Macondo con un altro divertentissimo spettacolo di burattini)

 – Domenica 18 marzo – Arturo e Giovannino, due gnomi alla riscossa

(Arturo e Giovannino sono due gnomi molto coraggiosi e non vedono l’ora di raccontare le loro incredibili avventure. Lo faranno durante la lettura animata nel Bosco)

 Domenica 25 marzo – La luna addormentata nel Bosco

(Lettura animata del racconto sulla luna più pigra del Firmamento ripresa dal libro “La luna addormentata nel Bosco” di Nicoletta Costa)

Per info e prenotazioni: 080 89.71.011 – 346 60.70.190 – info@selvareale.it

Visita il sito www.selvareale.it

Per chi volesse rimanere a pranzo, l’Agriturismo Selva Reale propone un ricco menù a base dei prodotti tipici del territorio e di ricette tradizionali. Costo adulti 35 euro, costo bambini 20 euro

Per info e prenotazioni: 080 89.71.011 – 346 60.70.190 – info@selvareale.it

 

Parco Naturale Selva Reale

S.p. 238 

Corato/Gravina al Km 25,400

Ruvo di Puglia

Nel parco della Reggia di Caserta

Il viaggio alla scoperta del Palazzo Reale by night cambia radicalmente concezione e contenuto: più suggestivo, più spettacolare, più creativo, arricchito da collaborazioni artistiche d’eccezione.
Il percorso dell’edizione 2010 è infatti narrato e musicato da Peppe Servillo, Fausto Mesolella e gli Avion Travel, con le fantastiche visioni di Giuseppe Ragazzini, animatore pittorico che ha già realizzato video e performance live
per Paolo Conte, Gianna Nannini, Paolo Virzì. Inoltre l’evento si avvale della partnership con Rai Teche: l’archivio della Tv di Stato ha messo a disposizione filmati e documentari sulla storia dei Borbone, che saranno parte integrante dell’itinerario.

L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Ente Provinciale per il Turismo diCaserta, in collaborazione con la Soprintendenza per i beni architettonici,paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Caserta e Benevento, con il finanziamento dell’assessorato al Turismo della Regione Campania con fondi dell’Unione Europea.
L’itinerario prevede performance dal vivo e spettacoli di forte impatto scenografico, che evocano emozioni di grande intensità, tra giochi di luci,acqua e fuochi barocchi, con l’obiettivo di esaltare la maestosità del Parco della Reggia, vincitore dell’edizione 2009 del concorso “Il Parco più bello d’Italia”.

L’ITINERARIO
Le nuove atmosfere partono dalla rievocazione di Ercole e del suo mito ad opera di Peppe Servillo, attraverso la storia dell’Ercole Latino, la grande statua collocata a metà del “Cannocchiale” realizzato dal Vanvitelli, proprio di fronte  al monumentale scalone d’ingresso di Palazzo Reale. L’Ercole Latino faceva coppia con un’altra statua, identica ma contrapposta. Entrambe, copie romane di un originale greco, provenivano dal Palazzo Farnese di Roma. L’Ercole Latino fu creduto perduto, finché una studentessa non lo identificò proprio con la grande statua all’interno della Reggia.
Il percorso porterà poi per la prima volta i visitatori alla scoperta del “bosco vecchio” e della Castelluccia (realizzata tra il 1769 ed il 1773 per il divertimento del giovane Ferdinando IV, che la utilizzava per organizzare finte battaglie terrestri) recentemente restaurata e aperta al pubblico.I turisti saranno condotti fino alla Peschiera Grande, dove il sovrano preparava i suoi assalti giocando alla battaglia navale. Qui la sfarzosità dello spettacolo finale di magie d’acqua e di fuochi su musiche barocche segnerà il culmine dello stupore scenografico e vuole essere anche un omaggio alla magnificenza dell’epoca dei re, quando tutte le più importanti feste di corte terminavano con lo scintillio di fuochi capaci di far brillare il cielo in piena notte.
“Le tante novità ideate – sottolinea il presidente dell’Ept, Enzo Iodice – e l’entusiasmo che avvertiamo ci fanno auspicare che i nuovi Percorsi di Luce s’inseriranno tra gli appuntamenti più attesi della stagione estiva campana e tra i più esclusivi a livello nazionale”

Scanno (AQ)

Il paradiso dei fotografi…

Scanno è uno spettacolo della natura, tra i più belli d’Italia, un canyon stupendo. Il primo paese del Parco nazionale d’Abruzzo. Il nome deriva dalla sua posizione, poichè è costruito su uno sperone roccioso che sembra uno sgabello (scanno appunto). Consiste in un nucleo di case, stile montagna in pietra, molto bello da visitare. Il borgo è molto antico, se ne è sentito parlare per la prima volta ufficialmente ,intorno all’anno 1000, e se ne trova la memoria in un documento dell’Abbazia di Montecassino. All’interno è pieno di scorci meravigliosi, quanto i palazzi di pietra che li disegnano. Un posto unico per fotografare e nel complesso si tratta di uno dei borghi più belli d’Abruzzo.