Nasce a Milano Donatello Coworking: lo spazio dedicato a freelance e start up digital

foto_donatello_coworkingNasce a Milano Donatello Coworking: lo spazio dedicato a freelance e start up digital

In Città Studi e a due passi da Lambrate, i quartieri storici di Milano dove studenti, lavoratori e nuove generazioni di “imprenditori operai” si incontrano quotidianamente, fonda le sue radici il Donatello Coworking
Il progetto promosso da Key-One, una delle più importanti digital factory a livello europeo, nasce con l’intento di aprire le porte a freelance e start up digital, condividendo spazi, idee e know how.
“Chi nella propria vita professionale ha la fortuna di occuparsi di innovazione ed evoluzione si accorge quotidianamente della forte trasformazione in atto nei modelli lavorativi e organizzativi – ha dichiarato Giulio “il capitano” Aloi Amministratore Delegato di Key-One. Idee e confronti, rapidità di movimento e relazione sono i fattori che vogliamo coltivare nel nostro Donatello Coworking, senza trascurare il valore dell’esperienza di società già affermate, come Key-One e le altre realtà aziendali cresciute con noi nel mondo della innovazione digitale. È una fortuna anche trovarsi a Milano, città per sua natura stimolante per idee e intraprendenza, che oggi corre verso sistemi sociali con crescente intensità di condivisione e relazione.”
Confronto, collaborazione e crescita professionale: questi i tre elementi fondamentali del coworking di via Donatello. La realtà di questa innovativa community, si inserisce in un microcosmo digital di originalità e professionalità, con uno sguardo attento al design, allo sviluppo e all’innovazione tecnologica.
Lo spazio di via Donatello si pone come un punto di riferimento stabile per chi ha un lavoro dinamico e in continua evoluzione, aprendo le porte a freelance e imprenditori in cerca di uno luogo in cui condividere le proprie esperienze lavorative e la loro creatività. I creativi trovano nel coworking l’ambiente ideale per dare spazio alle proprie idee, rafforzare il confronto ed esprimere la propria personalità.
L’iniziativa, nasce con il supporto di Key-One, da anni affermato interlocutore digital per grandi aziende, PMI e professionisti. DNA tecnologico unito a competenze strategiche e grande attenzione alle persone e alla community sono il denominatore comune tra la digital factory e il coworking.
L’ambiente del coworking favorisce lo scambio di opinioni trasversali tra i vulcanici esperti del digital marketing e i richiesti Web developers, ma non solo. Il coworking rappresenta un punto d’incontro tra la nuova frontiera dei programmatori, designers di modelli di intelligenza artificiale e i professionisti del business planning e del fare startup.
Le community nate principalmente online, trovano in questa struttura uno spazio reale per lo scambio di idee e conoscenze, dove poter sviluppare nuovi contatti e creare un network per il proprio business.

Opportunità di lavoro, ma soprattutto un luogo dedicato all’espressione di un approccio artistico e creativo nel campo della comunicazione digitale e non. Anche per questo è prevista, all’interno del coworking un’area interamente dedicata alla realizzazione di servizi fotografici.
La struttura prevede diverse modalità d’accesso commercialmente semplici e innovative, messe a disposizione di tutti i freelance, attivi nel territorio milanese e non solo. I piani mensili consentono di entrare a far parte dell’esclusiva community con facilità e flessibilità, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.
Questo tipo di soluzione dà l’accesso immediato alle iniziative della community. Le novità, gli eventi e gli incontri formativi in ambito digital organizzati dallo staff del coworking vengono condivisi di volta in volta con i membri attraverso newsletter dedicate.
In questo spazio condiviso dedicato ai professionisti del digital è possibile accedere (con innovativi sistemi di account e pagamento online) a numerosi servizi: oltre alla postazione di lavoro e connettività (wi-fi e fibra), accesso 24/7 semplicemente col proprio smartphone, customer service chat+email+phone, community & eventi, armadietto con chiave, cucina, meeting room, phone booth, videosorveglianza full hd 24/7.

La struttura ha già ospitato al suo interno eventi dedicati alla tecnologia e il web, come il meetup 3D+The Web della Khronos WebGL Milano, un’opportunità unica per scoprire Unity il game engine di riferimento per sviluppare su iOS/Android/consoles. I partecipanti all’evento hanno anche avuto modo di approfondire come realizzare Web app interattive con Unity WebGL.
Eventi, conferenze, meeting aziendali, servizi fotografici, seminari e workshop, trovano spazio nel Donatello Coworking . Si tratta di iniziative volte a sviluppare opportunità, attivare reti professionali e processi lavorativi esclusivi.
Per scoprire di più su Donatello Coworking:
Sito Web
Facebook: Donatello Coworking
Instagram: https://www.instagram.com/donatellocoworking/
Twitter: @donatellocowo

A Volterra serata d’autore con Beatrice Segoni del ristorante Konnubio di Firenze

Betarice Segoni

Betarice Segoni

A Volterra serata d’autore con Beatrice Segoni del ristorante Konnubio di Firenze

Giovedi 20 la chef incotrerà detenuti a studenti dell’alberghiero interno al carcere

Ad accompagnare il menu i vini offerti dalla Cantina Italo Cescon di Treviso.
L’incasso della serata sarà devoluto Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus,
per il progetto Casa San Marcos in Repubblica Dominicana

VENERDI’ 21 APRILE nuovo imperdibile appuntamento al carcere di Volterra, dove la brigata galeotta di cucina sarà impegnata nella realizzazione di una cena gourmet sotto la guida di BEATRICE SEGONI, chef del ristorante KONNUBIO di Firenze (www.konnubio.it).

La serata sarà preceduta GIOVEDI’ 20 da un altro importante momento, novità di questa edizione. Gli chef coinvolti infatti, come sempre a titolo gratuito, non solo affiancano i detenuti ai fornelli, ma tengono anche incontri inseriti nel calendario didattico dell’Istituto Alberghiero nato nel 2012 proprio all’interno del carcere di Volterra con classi miste formate dai carcerati e dagli oltre venti ragazzi che ogni giorno varcano le porte della struttura per seguire gli studi. Un’occasione unica per conoscere e scoprire dalla voce di rinomati professionisti del settore aneddoti, esperienze e consigli utili ad integrare il proprio bagaglio formativo, da utilizzare una volta terminato percorso didattico e, nel caso dei carcerati, pena detentiva.

Di origini marchigiane, che spesso fanno capolino nelle sue ricette, Beatrice Segoni – ormai fiorentina d’adozione – è tra gli chef più stimati del panorama cittadino e non solo. Ex allieva di Gianfranco Vissani, dalla lunga esperienza, è portavoce della semplicità e di una cucina pronta a rallegrare i sensi senza confonderli. E’ così che al Konnubio Beatrice porta a tavola sapori italiani interpretati con leggerezza ed eleganza, per regalare al visitatore un viaggio unico ed appagante attraverso la vista, l’olfatto ed il gusto.
Prestigioso ospite anche nel bicchiere: il menu sarà infatti accompagnato dai vini offerti dalla CANTINA ITALO CESCON di Treviso (www.cesconitalo.it), storica e fra le più apprezzate realtà del panorama enologico veneto.

In beneficenza come sempre l’intero incasso della serata, destinato in questa occasione alla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus (www.nph-italia.org), che aiuta l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo e che rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria internazionale, che dal 1954 salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue case orfanotrofio ed ospedali in 9 paesi dell’America. In particolare il ricavato della serata sarà destinato al progetto Casa San Marcos in Repubblica Dominicana, un centro di riabilitazione per 15 bambini disabili con patologie psichiatriche e neurologiche, strutturato all’interno della Casa NPH Sant’Ana e comprensivo di zona residenziale, aree riabilitative, e piscina terapeutica e dove i bambini sono seguiti giorno e notte da personale attento e dedicato.

Info: www.cenegaleotte.it
Prenotazioni: Agenzie Toscana Turismo, Tel. 055.2345040
Ufficio Stampa:
Marco Ghelfi – Studio Umami
347.0613646 – marco@studioumami.com
www.studioumami.com

Marco Ghelfi
347.0613646 | marco@studioumami.com
Studio Umami | www.studioumami.com
giornalismo, ufficio stampa, organizzazione eventi food

A Cantine Aperte 2017 il Movimento Turismo del Vino Umbria e A tavola con Bacco insieme per promuovere la cultura del vino

A Cantine Aperte 2017 il Movimento Turismo del Vino Umbria e A tavola con Bacco insieme per promuovere la cultura del vino

E’ nata una nuova partnership destinata a diventare una vera guida pratica per gli appassionati “wine lovers” umbri e per i turisti che verranno a visitare le cantine dell’Umbria.

A partire da “Cantine Aperte 2017” inizia un percorso culturale per la promozione del vino, mediante corsi di formazione, master e incontri di degustazione, che vedrà insieme il Movimento Turismo del Vino dell’Umbria e l’Associazione “A tavola con Bacco“, per condividere gli obiettivi comuni che muovono le due Istituzioni regionali.

“Sono molto soddisfatto” afferma il Presidente di A tavola con Bacco e Socio Fondatore Ennio Baccianella “della creazione di questa unione d’intenti con il Movimento Turismo del Vino Umbria.

Ho sempre creduto che la cultura del vino non vada riservata solo a chi ha la possibilità economica di avvicinarsi al suo mondo, ma deve essere alla portata di tutti, svolgendosi in un ambiente informale e ricco di cultura.

Che questa filosofia sia vincente lo dimostra il numero sempre più crescente di attività che la nostra Associazione porta avanti ormai da alcuni anni e ora con l’accordo stretto con MTV Umbria, trova un ulteriore stimolo a continuare su questa strada”.

“Il primo atto” continua Baccianella “è la nostra presenza a Cantine Aperte 2017 con punti informazione posti presso Aziende aderenti al circuito dell’evento, per illustrare agli interessati il programma dei nostri Corsi.

Inoltre, con l’occasione, offriremo un ulteriore sconto del 10% sulle iscrizioni ai nostri percorsi di formazione, e considerando che i nostri Corsi sono già molto convenienti, sono certo che questa sia una buona occasione per avvicinare alla cultura del buon bere gli appassionati del vino di qualità”.

L’accordo con MTV Umbria prevede, durante l’evento di Cantine Aperte 2017, alcune degustazioni guidate presso Aziende appartenenti al circuito, oltre alla possibilità di organizzare durante l’anno, Corsi di Avvicinamento al Vino, Birra, Olio e Distillati, nelle Cantine associate al Movimento Turismo del Vino Umbria, disponibili ad accogliere tali eventi.

“A tavola con Bacco”

La Segreteria

Via A. Manzoni, 217 – 06135 Perugia
segreteria@atavolaconbacco.it – www.atavolaconbacco.it

A Pasquetta riapre alle visite guidate la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda.

Crespi_centrale-idroelettrica_walter-carrera low

Crespi d’Adda.

A Pasquetta riapre alle visite guidate la centrale idroelettrica di Crespi d’Adda.

La centrale idroelettrica di Crespi d’Adda, posizionata tra l’edificio dell’ex Cotonificio Benigno Crespi e il fiume Adda, riapre alle visite guidate in occasione di Pasquetta.

Dopo avere riaperto al pubblico l’edificio delle Scuole Asilo S.T.I. la scorsa domenica, da Pasquetta un altro luogo crespese riapre, finalmente, a tutti. Da lunedì 17 aprile sarà infatti possibile visitare la meravigliosa struttura ristrutturata in ogni suo dettaglio da Adda Energi S.p.A. e riconsegnata anche al pubblico lo scorso anno.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla convenzione sottoscritta tra Adda Energi S.p.A., l’Amministrazione Comunale di Capriate San Gervasio e l’Associazione Crespi d’Adda e permetterà di rendere l’edificio accessibile per due domeniche al mese e per tutti i giorni festivi fino a Ottobre.

L’accordo prevede che lunedì 17 aprile (dalle 14.00 alle 17.00), e, anche il 25 aprile (dalle 14.00 alle 17.00) ed il 1 maggio (dalle 14.00 alle 17.00), e poi fino a fine Ottobre a domeniche alternate, in un calendario che sarà disponibile sul sito www.crespidadda.it, sarà attivo un punto informazioni collocato all’interno dell’edificio del custode della centrale, che permetterà di offrire, in aggiunta a quello collocato presso le Scuole Asilo S.T.I., a tutti i visitatori una adeguata assistenza informativa e turistica.

Crespi_ex-cotonificio-esterni_walter-carrera low

Crespi d’Adda.

Personale abilitato accompagnerà per tutto il pomeriggio (visite con partenza alle ore 14:00, 14:30, 15:00, 15:30, 16:00, 16:30; 17.00) i visitatori alla scoperta della centrale, mentre, all’interno degli spazi allestiti appositamente dalla Amministrazione Comunale sarà possibile anche partecipare a laboratori dedicati alla memoria con l’utilizzo di immagini storiche inedite del villaggio operaio.

Il progetto si propone l’ambizioso obiettivo di rimettere la cultura al centro della attenzione dell’unico sito Unesco bergamasco affinché la valorizzazione del luogo possa generare opportunità professionali stabili e creare un circolo virtuoso in cui la promozione della cultura possa abbinarsi allo sviluppo dell’economia.

Giorgio Ravasio, presidente della Associazione Crespi d’Adda dichiara: “È un enorme motivo di orgoglio poter riaprire al pubblico luoghi fino a poco tempo fa inaccessibili di Crespi d’Adda. La centrale idroelettrica è stata il motore del cotonificio e del villaggio operaio intero e sarà bello poter raccontare anche la sua storia a tutti i visitatori, i turisti e anche ai nostri concittadini.

Il progetto che stiamo mettendo in campo insieme alla Amministrazione Comunale ha grandi ambizioni e vuole chiamare a raccolta tutti i cittadini crespesi e tutte le realtà operanti sul territorio, nessuno escluso. Ci sono persone e soggetti che hanno già aderito ma ci sono ancora reticenze che speriamo di poter vincere, al fine di creare un sistema coordinato di gestione che porti beneficio al Paese intero come ai suoi singoli cittadini.

Abbiamo un sogno: fare di questa esperienza un modello per tutto il Paese attraverso una attività visionaria, innovativa, competente e professionale, perché credo che l’Italia non debba più vergognarsi delle sue bellezze ma farle diventare il motore della sua ripartenza economica. Mi piace ripetere che la bellezza salverà il mondo se sapremo, prima, salvarla noi. Ringrazio il nostro Sindaco, Valeria Radaelli, e l’Amministratore Delegato di Adda Energi S.p.A., Luca Gnali, per la disponibilità dimostrata e la fiducia che ha riposto nel nostro gruppo di lavoro per questo nuovo Rinascimento Crespese”.

Valeria Radaelli, Sindaco del Comune di Capriate San Gervasio, dichiara: “Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, successiva alla inaugurazione della centrale idroelettrica, sono felice che anche quest’anno un luogo di enorme valore storico e architettonico possa tornare ad accogliere i visitatori del nostro territorio. Ringrazio Luca Gnali per la disponibilità a rendere poroso uno spazio delicato e di pregio come questo che tanto significato ha per il nostro villaggio operaio e per i nostri cittadini. Siamo consapevoli ancora più di prima della cura necessaria e delle opportune gentilezze che dovremo adottare per “invadere gentilmente” la centrale e scoprirne il cuore pulsante e sarà la nostra maggiore attenzione quella di musealizzare responsabilmente un così delicato spazio lavorativo”.

Le visite guidate alla centrale idroelettrica ed i laboratori didattici saranno disponibili anche su prenotazione. Per informazioni, consultare il sito www.crespidadda.it, oppure scrivete a info@crespidadda.it, oppure chiamate il telefono sempre attivo 02/90939988.

Le visite guidate al villaggio operaio ed i laboratori didattici saranno disponibili anche su prenotazione. Per informazioni, consultare il sito www.crespidadda.it, oppure scrivete a info@crespidadda.it, oppure chiamate il telefono sempre attivo 02/90939988.

Clara Buoncristiani PR&Communication Studio | Milano, Viale Monte Grappa 14 • Brescia, Via Zuccari 14 (Italy) | clarabuoncristiani.it | info@clarabuoncristiani.it

Centro Vacanze Prà delle Torri

draft_58b551c8d26e54fb628b4568_58c937e3a3b6a56e055a8264_0Centro Vacanze Prà delle Torri affacciato sul mare di Caorle direttamente sulla spiaggia è complesso un turistico 4 stelle è un importante struttura turistica in un contesto europeo Premio Travellers Choice 2017 da parte di Trip Advisor, la massima onorificenza in termini di prestigio da parte del portale di recensioni n.° 1 al mondo. Il Premio qualifica la struttura come 15^ Hotel in tutta Italia ideale per Famiglie, con riconoscimenti a 5 stelle da ANWB e ADAC, primi su 95 hotel a Caorle su Trip Advistor, 92,6% di clienti pienamente soddisfatti secondo i dati provenienti da Trip Advisor, Facebook, Google, HolidayCheck, Zoover, Camping è la meta ideale per le vacanze.

5=4 Un’offerta valida per i periodi di bassa stagione, fino al 31.05 e dal 08.09, per tutte le tipologie do soggiorno (campeggio, hotel e villaggio), ogni 5 notti di permanenza, 1 notte è gratis.

Centro Vacanze Prà delle Torri è Campeggio, hotel, villaggio e appartamenti è un tutto in uno, disposto su una superficie di 120 ettari, offre varie tipologie di soggiorno accontenta praticamente tutti da chi vuole stare in hotel in camere recentemente ristrutturate, dalla amante del Campeggio, una grande zona con piazzole attrezzate con fondo erboso di varie metrature, a chi preferisce gli appartamenti Aparthotel villette a schiera con tutti i servizi dell’Hotel . Non manca il pacchetto Villaggio con gli Home Suite lussuosi appartamenti completi e rifiniti o Apartment Comfort, appartamenti spaziosi ed eleganti draft_58b551c8d26e54fb628b4568_58c938a0a3b6a56e25301cdc_0Bungalow villette a schiera in diverse dimensione (Bungalow Standard,Bungalow Gold Bungalow Silver) ma tutti con patio affacciato su un grande parco verde inoltre ci sono anche gli Chalet . Il Nuovo villaggio di case mobili denominato Easy prima fila con nuovi Lodge Openspace e Marine Village e i primi per vivere in un ambiente aperto con l’esterno e i secondi posizionati fronte mare

Centro Vacanze Prà delle Torri è la location ideale per tutti vi puo offrire una vacanza all’insegna della natura, del relax, dello sport e del divertimento tra gli amici e la famiglia ci si può rilassare in ampi spazi verdi e fioriti godendo di un’ atmosfera tranquilla ma al contempo una vacanza divertente con intrattenimento e sport

Punto di forza del Centro Vacanze è il grande Parco Acquatico a disposizione degli ospiti,con la piscina piscina olimpionica (50 metri) e semi-olimpionica (25 metri) e l’Isola dei Pirati riscaldate fino a metà maggio e da metà settembre, un grande parco acquatico con scivoli, giochi d’acqua, zona idromassaggio e un’ulteriore piscina caratterizzata dal Galeone dei Pirati, per il divertimento dei piccoli ospiti.

Centro Vacanze Prà delle Torri dispone di un grande Impianto Sportivo unico nel suo genere nella zona ed utilizzabile gratuitamente dagli ospiti con campi da tennis, beach volley in spiaggia, tiro con l’arco, tavoli da ping pong, campi da calcio e calcetto 5c5, pallacanestro e pallavolo, mini tennis, paddle tennis, foot tennis, street soccer, il badminton, il paddle badminton, una palestra

Centro Vacanze Prà delle Torri offre un fitto programma di appuntamenti per riempire le giornate e le serate di tutti grandi e piccini servizi di intrattenimento proposti dal competente staff di animatori dal mini club per i più piccoli, alle serate animate con spettacoli di ballo, cabaret e musical organizzati nel Teatro alle attività motorie corsi sportivi come l’aquagym, lo yoga, l’aerobica e tornei i balli di gruppo..

Centro Vacanze ospita una moderna sala giochi, con tutte le ultime novità dal mondo dei videogames.
Offre ai suo ospiti percorsi per il jogging e un meraviglioso campo da Golf con 18 buche
Ha inoltre un Activity Park, un centro d’incontro e divertimento per i giovani, composto da skatepark, un percorso per il parkour, una parete bouldering, 2 slackline e una gabbia per il panna football.

Non mancano nemmeno i giochi fronte mare
– Scivoli e ponti tibetani, la grande zona luna park, con pista per le macchine, bruco mela
– Zona di gonfiabili
– Grande parco giochi con scivoli e altalene

Discoteca del Villaggio per concludere le serate ascoltando buona musica godendosi un drink

La spiaggia attrezzata del Centro misura 1 km, il mare che digrada dolcemente e l’acqua poco profonda permettono rilassanti nuotate, garantendo anche ai piccoli ospiti un bagno in tutta sicurezza grazie allo staff di salvataggio.

Centro Vacanze Prà delle Torri offre 5 Ristoranti-Pizzerie, tutti con possibilità di take away, un chiosco ed un ristorante direttamente sulla spiaggia, un bar-gelateria nella piazzetta principale.

Nel Centro Vacanze Prà delle Torri troverete anche un supermercato,una parafarmacia,un giornalaio-tabaccaio,lavanderie automatiche (con lavatrici e asciugatrici) un fotografo, un negozio di articoli sportivi e abbigliamento casual, un parrucchiere ed un bazar

Servizio di un noleggio biciclette per ospiti di tutte le età, anche dotate di seggiolino per i più piccoli, e di risciò
percorsi di jogging
Disponibili a pagamento: minigolf e svariati sport acquatici in spiaggia.

Il Wi-Fi si estende nella piazza centrale, nel parco acquatico e in una parte di spiaggia, a pagamento si potrà scegliere se usare i computer a disposizione presso l’Internet Point o acquistare una connessione da usare su tablet, smartphone e computer personali.

Centro Vacanze Prà delle Torri è a Caorle un caratteristico borgo marinaro situato vicino alla splendida Venezia ricca di atmosfere e stori un museo a cielo aperto con le sue calli, campi e campielli e i palazzi d’epoca affacciati sul Canal Grande.
L’Ufficio Informazioni vi guiderà alla scoperta del Veneto una regione ricca di meraviglie storiche, culturali, enogastronomiche il mare, le sue lagune, la grande pianura, i laghi, le colline e le montagne molteplici escursioni organizzate direttamente dal Villaggio.
L’apertura della Laguna è prevista per la metà di maggio e la chiusura per la metà di settembre

Offerta interessante da cogliere al volo 5=4 Un’offerta valida per i periodi di bassa stagione, fino al 31.05 e dal 08.09, per tutte le tipologie do soggiorno (campeggio, hotel e villaggio), ogni 5 notti di permanenza, 1 notte è gratis.Apertura a Pasqua, dal 12.04 al 24.09.

Visitate il SITO

#pradelletorri

IG e FB @pradelletorri

Buzzoole

Crociere stellate: alta Cucina a bordo

MSC Meraviglia

MSC Meraviglia

Crociere stellate: alta Cucina a bordo. Sulle navi del futuro MSC ci saranno Cracco, Eataly, Yamaguchi, Leung e Maury. Tra servizi giurmet, cucine a vista e ATELIER di cioccolato

Msc Crociere punta su un nuovo concetto di ristorazione e arricchisce ulteriormente l’offerta enogastronomica

MSC Meraviglia e MSC Seaside includeranno un’ampia gamma di proposte food e una maggiore flessibilità riguardo scelta e orari

MSC Crociere – la più grande Compagnia di crociere a capitale privato al mondo, basata in Svizzera e leader di mercato in Europa, Sud America e Sud Africa – svela i dettagli dell’innovativo concetto di ristorazione pensato per le navi di nuova generazione, prima per gli ospiti di MSC Meraviglia (in arrivo a giugno) e poi per quelli di MSC Seaside (a dicembre).
Progettate per soddisfare le esigenze del crocierista contemporaneo, le due navi – le prime di un totale di 11 nuove mega-unità che entreranno in servizio a partire da quest’anno – introdurranno un nuovo concetto di dining altamente flessibile e una scelta di pacchetti “food” prenotabili in qualsiasi momento, sia prima dell’imbarco, sia a bordo. Tutto ciò significa che sulle navi MSC Crociere sarà possibile cenare come e quando si desidera, con una gamma ancora più ampia di ristoranti tematici ed esperienze gastronomiche internazionali.

Andrea Gangale, Head of Product Development and Guest Experience della Compagnia, ha commentato: “In MSC Crociere i nostri sforzi si concentrano nel creare esperienze di vacanza indimenticabili. E la ristorazione è sempre stata una caratteristica fondamentale della nostra offerta”.

Gangale ha continuato: “Stiamo guidando l’innovazione del settore crociere estendendola a molti livelli, compresa l’esperienza enogastronomica. I nuovi concetti di ristorazione sono stati introdotti per soddisfare le esigenze dei clienti di oggi, alla ricerca di flessibilità e possibilità di scelta. Già con l’arrivo di MSC Meraviglia e MSC Seaside abbiamo introdotto nuove modalità per gestire le proprie scelte e preferenze, attraverso una tecnologia all’avanguardia, e una vasta gamma di ristoranti internazionali per vivere al meglio la propria vacanza con esperienze culinarie provenienti da tutto il mondo.”

Un nuovo concetto di Dining

Una delle proposte di punta è rappresentata da Flexi Dining, un pacchetto che permetterà agli ospiti di prenotare anticipatamente una fascia oraria prestabilita per la loro cena, con la possibilità di modificare tale scelta in ogni momento, in base alle esigenze del viaggio. Ciò significa che i crocieristi potranno godersi al meglio la vacanza collocando le cene sulla base dei loro impegni quotidiani. Oppure potranno mantenere l’approccio classico, beneficiando di due opzioni di turni serali a un tavolo riservato, in modo che possano godere di un servizio personalizzato offerto dallo stesso cameriere che li conosce per nome e in base alle loro preferenze, mantenendo anche lo stesso tavolo – e gli stessi vicini di tavolo – ogni sera.

Gli ospiti di MSC Yacht Club potranno pranzare e cenare senza vincolo di fascia oraria nel ristorante dedicato; il tutto con l’ulteriore possibilità di prenotare un particolare tavolo se lo desiderano.

I punti di ristoro più informali invece saranno a disposizione di tutti gli ospiti per 20 ore al giorno, con una vasta gamma di piatti preparati al momento. Il buffet – già uno dei più ricchi in mare – è stato ulteriormente arricchito con una vasta gamma di esperienze enogastronomiche internazionali, ricca di piatti pensati per soddisfare tutti i gusti. MSC Seaside, in particolare, ne avrà due, uno dei quali sarà dedicato alle famiglie, con opzioni adatte alle loro specifiche esigenze e dotato di posti a sedere a misura di bambino.

Ancora più ristoranti tematici internazionali
I ristoranti internazionali sono ormai un prodotto di punta delle navi MSC, che permette agli ospiti di beneficiare dell’opportunità di sperimentare cucine di tutto il mondo.

MSC Meraviglia e MSC Seaside includeranno ancora più ristoranti tematici. All’interno dei locali gli ospiti avranno a disposizione innovative “cucine a vista”, secondo il trend attuale del design di ristorazione: la finalità è rendere il pasto una vera esperienza sensoriale, permettendo ai clienti di vedere, pregustare attraverso i profumi e ascoltare il ritmo con cui gli esperti chef organizzano il lavoro di una cucina “galleggiante”. I ristoranti selezionati a bordo di MSC Meraviglia e MSC Seaside disporranno anche del “tavolo dello chef”, offrendo un concetto di pranzo progettato per coloro che cercano una vera esperienza gastronomica.
Nello specifico, sulla scia del successo di Kaito Sushi Bar, eletto “Il migliore Sushi Bar sul mare”, specializzato in pesce fresco, sashimi e tempura, MSC introdurrà un nuovo brand a bordo di MSC Meraviglia: il ristorante Kaito Teppanyaki.

Con una moderna virata verso la cucina Orientale, gli ospiti potranno sedersi presso uno dei quattro punti ristoro per pregustare deliziosi piatti giapponesi che prendono forma davanti ai loro occhi. Chef esperti cucineranno sui fuochi di una griglia a vista – uno spettacolo per gli occhi e per i sensi: fiamme e ingredienti sfrigolanti mescolati con sapienza per creare gustosi piatti di ogni tipo.
Un altro esempio di offerta all’avanguardia sarà proposto da un vero e proprio Steakhouse Americano: The Butcher’s Cut, che celebra l’eredità culinaria d’America unita alla sapiente maestria dei macellai. I clienti potranno scegliere la loro bistecca preferita direttamente dalla vetrina. In seguito, gli ospiti potranno osservare con i loro occhi i cuochi preparare i loro gustosissimi piatti nelle cucine a vista. Anche la lista dei vini è audace e offre un’ottima selezione di prodotti americani, adatti ad accompagnare le pietanze. Anche i cocktails sono ispirati alla tradizione del “Nuovo Continente” e non mancherà neppure la possibilità di sorseggiare le migliori birre artigianali.

Un altro highlight dei pasti a bordo di MSC Seaside è rappresentato dall’Asian Market Kitchen di Roy Yamaguchi. I tre diversi ristoranti voluti dal rivoluzionario chef nippo-americano si presenteranno così: un Fusion Restaurant affacciato sul mare che propone un menu à la carte ricco di piatti gourmet serviti in un ambiente affascinante e modaiolo; un Sushi Food Bar e il Ristorante Teppanyaki, entrambi volti a proporre a bordo un’autentica esperienza di cena pan-asiatica.

Su MSC Seaside sarà presente anche Ocean Cay, il caratteristico ristorante specializzato nella proposta di frutti di mare. Questo elegante ristorante servirà piatti di pesce in stile americano, ma con un tocco mediterraneo. Un semplice menu con deliziosi piatti d’autore, compresi lo Stone Crabs, tipico granchio piatto prelibato nella zona di Miami, un delizioso branzino proveniente dalle acque del Mediterraneo e spaghetti alle vongole fatti in casa.

Ancora più collaborazioni con chef rinomati

MSC Crociere è da tempo impegnata nell’assicurarsi partnership con eccellenze appartenenti a diversi settori e quello culinario non fa eccezione neppure a bordo delle nuove unità. La collaborazione con lo chef di fama mondiale Roy Yamaguchi sulla MSC Seaside si estende ben oltre la creazione dei menu. Come parte della partnership, chef Yamaguchi sarà personalmente coinvolto nella concettualizzazione e nella progettazione di ogni elemento del nuovo ristorante pan-asiatico, portando il suo estro e la sua visione creativa in ogni singolo dettaglio dell’esperienza del cliente: dalla creazione delle ricette, alla selezione delle porcellane che ne valorizzino l’impiattamento, fino alla selezione della musica per creare l’atmosfera giusta, all’abbinamento dei vini per accompagnare i pasti e anche la scelta del tipo di carta per i menu.
Oltre alla collaborazione con il rinomato chef Roy Yamaguchi su MSC Seaside, anche Carlo Cracco, premiato con due stelle Michelin, dopo anni di collaborazione con la Compagnia firmerà i menu dei principali ristoranti di MSC Meraviglia, così come le proposte di Natale e Capodanno. Contemporaneamente, a bordo di MSC Meraviglia Jean-Philippe Maury, uno dei migliori chocolatier e pasticceri francesi, tenterà gli ospiti con incredibili e dolcissime creazioni. Jean-Philippe Chocolate&Coffee offrirà un atelier di cioccolato a vista, mentre Jean-Philippe Crêpes & Ice Cream servirà stuzzicanti proposte che potranno essere gustate lungo la piacevole passeggiata della nave pensata in “pieno stile mediterraneo”.

Le collaborazioni con gli chef non riguardano solo le nuove navi, ma rappresentano un focus dell’offerta MSC Crociere, concentrato sulla cucina raffinata e internazionale. Ad esempio la collaborazione con lo chef cinese internazionale, Jereme Leung. Riconosciuto a livello mondiale per la sua interpretazione contemporanea della cucina cinese, l’approccio moderno dello chef Leung ha da tempo catturato l’attenzione dei migliori critici gastronomici globali. Ora la sua cucina è presente anche a bordo di MSC Lirica. Chef Leung ha finora collaborato con MSC Crociere per la progettazione di nuovi e innovativi concetti di ristorazione su misura dei clienti cinesi, una gamma esclusiva di piatti d’autore, oltre a migliorare i menu esistenti con il suo estro creativo e distintivo.

Nuovi pacchetti per tutti i gusti
Per aiutare gli ospiti a pianificare meglio le loro esperienze culinarie a bordo, MSC Crociere introduce una serie di pacchetti prenotabili prima della crociera. Per esempio:

I clienti di MSC che viaggeranno su MSC Meraviglia potranno prenotare il pacchetto Dinner&Show dove potranno godere di un menu a prezzo fisso ad un tavolo esclusivo, e quindi sperimentare la spettacolare Cirque du Soleil at Sea nella suggestiva Carousel Lounge appositamente costruita.
Uno speciale pacchetto Dining è disponibile per l’Eataly Chef Table a bordo di MSC Meraviglia, che include uno chef e un sommelier dedicato per la serata, sette piatti gourmet cucinati alla perfezione e tutti perfettamente abbinati con sette vini.
Coloro che vogliano esplorare tutti i ristoranti tematici hanno la possibilità di prenotare in anticipo uno speciale pacchetto, beneficiando di uno sconto sui prezzi di bordo.

Fabio Miceli
Havas PR Milan

t +39 02 85457001
m +39 342 8083100
w havaspr.it

Lo chef Mirko Ricci vince l’XI concorso del Festival della Cozza Tarantina

il piatto vincente di Mirko Ricci

Cozza Tarantina

Lo chef Mirko Ricci vince l’XI concorso del Festival della Cozza Tarantina
All’Hotel Dora di Pozzilli la tavolo rotonda “Le Pietanze della Memoria”

La finale del “Festival della cucina italiana con la Cozza Tarantina” si è svolto presso l’Hotel Dora di Pozzilli (Isernia). Tanti chef di tutto lo stivale si sono contesi il trofeo di campione 2016.
Il vincitore è risultato MIRKO RICCI del Park Hotel Ricci di San Giorgio del Sannio (Benevento)che ha vinto con la pietanza “Cavatelli con julienne di zucchine, cozze tarantine e gorgonzola dolce”, seguito da Gaetano Minervini del Ristorante L’Affresco di Isernia con la pietanza “Chicchi di riso mantecati alle cozze tarantine e pachino su vellutata di patate al sentore di zenzero, sfoglia di pane e broccoli” e, al terzo posto, da Gianfranco Anzini della Villa Aristea di Frasso Telesino (Benevento) con la pietanza “Cavatelli, cozze e asparagi”. Il giovane chef Alberto Cozzolino, già concorrente al Festival, ha presentato un piatto fuori concorso mentre lo chef Pino Marino ha offerto un dolce di sua creazione con crema al limoncello. La commissione giudicatrice, composta da giornalisti ed esperti di settore, ha dovuto impegnarsi al massimo per assegnare la palma della vittoria allo chef Ricci, data l’alta preparazione degli altri concorrenti.
il vincitore Mirko RicciIl concorso gastronomico è stato ideato dal Cav. Cosimo Lardiello, Presidente del Centro di Cultura Renoir di Taranto, con lo scopo di divulgare la conoscenza della cozza tarantina, eccellenza tipica locale, per valorizzare e promuovere il turismo enogastronomico e l’immagine complessiva della città in cui viene allevato il mitile. Il Festival è una manifestazione che si svolge in varie città della nostra penisola, imitato da operatori interessati alla promozione di altri prodotti del territorio, e si è affermato come valido mezzo di comunicazione delle specificità del mollusco tarantino, allevato nel Mar Piccolo di Taranto, in aree sottoposte a rigidi controlli da parte delle autorità preposte che ne certificano la provenienza, la qualità e l’igienicità. La protagonista della serata è stata quindi la cozza tarantina, di cui sono state appositamente portate a Pozzilli ben 350 chili, e che è stata utilizzata nell’agguerrita gara dagli chef concorrenti i quali si sono avvalsi di tutta la loro esperienza e fantasia per mettere in risalto le qualità organolettiche proprie del mollusco nelle sei pietanze in gara. La città di Taranto in tal modo si presenta con uno dei suoi prodotti di eccellenza per invogliare sempre più turisti a riscoprire i suoi tesori di arte e paesaggistici. La manifestazione è stata preceduta da una tavola rotonda dal tema: “Le pietanze nella memoria” introdotta dalla relazione del Prof. Gavino Maresu, già docente di gestione delle imprese e degli eventi turisti all’Università degli Studi di Genova. Hanno partecipato: il sindaco di Pozzilli Stefania Passarelli (Is);il sindaco di Scapoli Renato Sparacino;i giornalisti Cristina Latessa, Maria Teresa Lamberti, Luigi Torelli, Anna Goffi; Emilia Vitullo del Rotary Club Isernia, Giovanna May studiosa della cucina di tradizione; il direttore agrario Mario Stasi;l’enogastronomo Pasquale Di Lena e docenti dell’IPSAR Le Streghe di Benevento.Gli chef partecipanti alla finale (vincitori delle varie tappe eliminatorie) sono stati collaborati dai padroni di casa: l’executive chef Adriano Cozzolino e lo chef Pino Marino dell’Hotel Dora di Pozzilli.
Il trentacinquenne vincitore Mirko Ricci è figlio d’arte, il padre è il notissimo chef executiv Nicola, opera nel locale di proprietà Ricci Park Hotel di San Giorgio del Sannio, ove propone una cucina tipica locale, mediterranea, per le intolleranze alimentari, vegetariana nonché vegana. Mirko è anche un bravo pasticciere, famosa la sua delizia allo Strega, la pastiera napoletana, la torta ricotta e pere nonché la crostata al torrone, una vera delizia. Diplomato all’IPSAR di Benevento, ha lavorato presso prestigiosi locali come: Sportinclub di Pampeago e Villa Artimino di Signa (Fi) allievo dello chef stellato Fabio Rossi.

Dr. Harry di Prisco
Giornalista
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

La grappa tra passato, presente e futuro

e2b129f9-d03c-4fca-81a5-cba67f9d4081 (1)La grappa tra passato, presente e futuro: Da Vinitaly buone prospettive per il distillato di bandiera

Sempre più determinante il fattore packaging per i consumatori al momento della scelta

Cronaca di un Vinitaly all’insegna della positività e dell’ottimismo: quella che si è conclusa ieri a Verona è stata per l’Istituto Nazionale Grappa l’edizione del Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati che ha confermato il trend positivo del comparto, particolarmente rappresentativo della cultura del distillato più tipico e rappresentativo del Made in Italy nel mondo.Con un bilancio che raggiunge i 300 milioni di euro e una produzione che raggiunge i 20 milioni di litri, l’acquavite di bandiera si conferma prodotto di valore e allo stesso tempo un modello di consumo che accanto al consumatore tradizionale ispira ed appassiona un crescente numero di giovani e donne: “Il mercato interno che negli ultimi anni ha evidenziato segni di maturità – spiega il Presidente dell’Istituto Nazionale Grappa Elvio Bonollo – oggi evidenzia modalità di approccio al prodotto molto più attente ed interessate. Si percepisce chiaramente un interesse crescente per la grappa da parte dei nuovi segmenti di consumatori che vogliono capire e godere a fondo l’unicità dei caratteri della grappa. Oltre a ciò a dare una spinta ed energica al comparto si è aggiunto l’export, prevalentemente concentrato sui mercati europei in cui, accanto ai consolidati mercati di lingua tedesca iniziano ad acquisire un aumento di importanza anche dei mercati dell’Est Europa e della Russia. Il nord America e nicchie interessanti sui mercati Asiatici sono importanti ed ulteriori aree territoriali in cui vi è possibilità di sviluppo internazionale per i consumi di grappa che ad oggi sono concentrati per oltre il 70% sul mercato interno.

Sulle potenzialità che la presenza al Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati può esprimere per le distillerie aderenti ad ING, il giudizio è più che positivo: “Abbiamo avuto con tutte le aziende socie che hanno partecipato a Vinitaly un buon riscontro di contatti – aggiunge Bonollo – ancora una volta quello di Verona si conferma un appuntamento importante e strategico per incontrare partner internazionali, con l’obiettivo di consolidare le relazioni già in essere e altresì aprirsi all’opportunità di allacciarne di nuove. Il prossimo appuntamento promozionale da non perdere sarà la prima domenica di ottobre Grapperie Aperte: se Vinitaly rappresenta l’eccellenza del B2B, l’evento di ottobre da molti anni è punto di riferimento per il B2C”.

Vinitaly 2017 per la Grappa è anche sinonimo di storicità, ricerca, scienza e tradizione: “Per molte grapperie – continua il Presidente di ING – l’attività rappresenta la prosecuzione di una tradizione familiare che si tramanda da generazioni. Ognuna racconta una sua storia attraverso personaggi, etichette celebrative o semplicemente riproponendo in versione distillata i terroir di riferimento e oggi più che mai chi sceglie di consumare grappa vuole conoscere la storia di chi sta dietro ad essa”.

Un ruolo di primo piano nell’evoluzione del prodotto Grappa spetta al packaging, elemento sempre più importante ed identificativo di aziende innovative e altresì coerenti con la sua storia pregressa. Per costruire il futuro è infatti importante leggere il passato e renderlo contemporaneo, in linea con i trend di mercato. “Rispetto al passato – aggiunge ancora Bonollo – la grappa si è evoluta e ciò ha contribuito a raggiungere nuovi target di consumatori, più competenti e sempre più declinati al femminile, soprattutto con la versione invecchiata. Alcune aziende che oggi aderiscono all’Istituto Nazionale Grappa, hanno radici storiche in taluni casi riconducibili addirittura al XVIII secolo, tuttavia con il passare degli anni ad affinarsi non è stata solo la Grappa ma anche il suo modo di presentarsi: oggi il packaging, anche il più minimal, ha dietro uno scrupoloso studio di concept in cui ogni produttore racchiude il proprio stile. L’importante è dimostrarsi all’avanguardia con i moderni trend senza perdere la propria identità storica e mettere al centro i concetti di personalità e finezza”.
Ufficio stampa Istituto Nazionale Grappa

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

 Email press@istitutograppa.org marzia.morganti@gmail.com

www.istitutograppa.org – www.martecomunicazione.com

La foto di Giulia Sozzi vincitrice del contest fotografico legato a Grapperie Aperte 2016

Marte Comunicazione snc
Via Grocco 5
Prato, Toscana 59100

Pasqua alla fattoria del Colle, tra spiritualità e peccati di gola

cinelliPasqua alla fattoria del Colle, tra spiritualità e peccati di gola

Il programma del fine settimana pasquale in Val d’Orcia nella pace della tenuta di Donatella Cinelli Colombini

Dalle degustazioni itineranti di Chianti Superiore e Orcia DOC ai canti gregoriani dell’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, dalle verticali di Brunello al trekking nel parco della Fattoria del Colle: questo e molto altro nel programma di Pasqua pensato da Donatella Cinelli Colombini per quanti sceglieranno di trascorrere con lei il ponte primaverile per eccellenza. Un mix tra sacro e profano per una esperienza indimenticabile adatta a tutta la famiglia, quattro zampe compresi.
Un soggiorno che accontenta allo stesso tempo i gourmet, gli enoappassionati e gli amanti del relax nel verde, comprendente tre giorni e due notti a scelta (con possibilità di notte aggiuntiva) dal venerdì 14 aprile al lunedì 17 con colazione a 187€ a persona in camera doppia o 172€ in appartamento con due camere.
Protagonista assoluto del pacchetto è naturalmente il vino, nelle sue migliori espressioni: tra le attività previste infatti, l’esperienza multisensoriale nella Cantina del Casato Prime Donne di Montalcino, ovvero una degustazione itinerante con 4 assaggi di Chianti Superiore, Rosso di Montalcino, Brunello e Passito, accompagnati da spiegazioni e ascolto di brani musicali selezionati appositamente da Igor Vazzaz, oltre alla possibilità di visionare nella nuova tinaia l’installazione artistica di Roberto Turchi The Dove’s Flight.
Ma non solo: Montalcino continua ad essere protagonista altresì in una esclusiva degustazione verticale in programma nella giornata di Pasqua nella cantina storica della Fattoria del Colle: dal 2016 appena nato, Rosso di Montalcino DOC 2015, futuro Brunello riserva 2012, Brunello di Montalcino DOCG 2012, Brunello di Montalcino riserva 2008. Una ulteriore occasione di degustazione itinerante – sempre alla Fattoria del Colle – è in programma anche nel giorno di Pasquetta e a fare la loro parte nel bicchiere saranno in tal caso altri 4 vini ovvero Leone Rosso Orcia Doc, IGT Il Drago e le 8 colombe, Cenerentola Doc Orcia, Brunello riserva.
Tra le attività previste durante il soggiorno, anche una piccola lezione sui pinci – la tipica pasta fresca senese – una visita guidata della villa cinquecentesca, un assaggio di olio nuovo DOP Terre di Siena e la tradizionale scarpinata di Pasquetta lungo i percorsi di trekking segnalati intorno alla Fattoria del Colle, da cui si scorgono suggestivi panorami.
Piatti della tradizione del territorio e assaggi di cucina creativa si propongono nel Pranzo di Pasqua all’Osteria di Donatella (costo a parte 38€ a persona, vini esclusi), preceduto da un aperitivo nella cantina della Fattoria con la tradizionale schiacciata di Pasqua della Valdichiana con uova benedette e rose di capocollo. Tuttavia non sono previsti solo peccati di gola nel lungo week end pasquale alla Fattoria del Colle: assaggi di profonda spiritualità si potranno vivere partecipando alla Santa Messa all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore accompagnata da canti gregoriani (12 km dalla Fattoria) la domenica mattina.
Per chi invece cerca il relax più assoluto, può sempre approfittare del centro benessere della Fattoria del Colle ricavato nei sotterranei settecenteschi della villa e attrezzato con bagno turco, sauna, jacuzzi panoramica, sala massaggi di coppia e vasca in ginepro per la vinoterapia.

Per informazioni e prenotazioni
Fattoria del Colle, Località Colle 53020 Trequanda (SI)
0577662108 info@cinellicolombini.it

Addetta stampa
Marzia Morganti Tempestini Tel 335 6130800
marzia.morganti@gmail.com

La Fattoria del Colle a Trequanda-Siena
Copyright © 2017 Marte Comunicazione snc, All rights reserved.
Siete presenti nella lista perchè giornalisti di rilievo nazionale del settore turistico enogastronomico

Our mailing address is:
Marte Comunicazione snc
via Grocco 5
Prato, Toscana 59100
Italy

Dalla Sardegna a Parma, cinque giorni dedicati alle IG nel segno di AICIG

Dalla Sardegna a Parma, cinque giorni dedicati alle IG nel segno di AICIG

Il Segretario Generale Leo Bertozzi incontrerà domani a Macomer consorzi e produttori di formaggio Pecorino Romano, Pecorino Sardo e Fiore Sardo DOP, poi rappresenterà l’Associazione al convegno sulle IG ad ORIGO martedì 11 aprile

Cinque giorni nel segno delle IG: da venerdì 7 a martedì 11 aprile l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche sarà protagonista in veste istituzionale di una serie di eventi in tutta Italia. Il primo appuntamento sarà domani venerdì 7 aprile a Macomer (NU) presso la sede del Consorzio di Tutela del formaggio Pecorino Romano DOP ed interesserà il Segretario di AICIG Leo Bertozzi che in siffatta occasione incontrerà oltre ai rappresentanti dei rispettivi consorzi, 80 produttori provenienti da tutta la Sardegna di formaggi DOP – dal Pecorino Romano DOP al Pecorino Sardo DOP fino al Fiore Sardo DOP. Quello di domani è solo uno di una serie di incontri di formazione sulla difesa delle IG organizzati da AICIG, tuttavia la riunione rappresenta una importante occasione per valutare insieme programmi di promozione e valorizzazione delle IG territoriali.

L’attenzione si sposterà poi a Parma, dove martedì 11 aprile lo stesso Segretario Generale Leo Bertozzi interverrà come relatore al Primo Forum mondiale delle indicazioni geografiche ORIGO, evento nato con l’obiettivo di creare una nuova consapevolezza del valore strategico delle produzioni di qualità sia nel contesto europeo, sia nei mercati internazionali. In particolare, ad ospitare l’intervento di Bertozzi sarà il convegno scientifico dedicato alle sfide e alle opportunità globali del sistema delle Indicazioni Geografiche dell’Unione Europea che si terrà alle 9.30 presso l’Auditorium Paganini nella città ducale e a cui ha altresì anticipato la propria presenza il Ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina. In questo primo grande evento fieristico B2B promosso da Regione Emilia Romagna e Ministero delle Politiche Agricole con il patrocinio della Commissione Europea ed in collaborazione con l’Unione Parmense degli Industriali e Fiere di Parma, il Segretario di AICIG Leo Bertozzi parlerà del ruolo dei Consorzi di Tutela ed in particolare di realtà e prospettive delle IG, venti anni dopo il riconoscimento comunitario delle DOP e IGP. “Oggi la normativa UE – spiega Bertozzi – riconosce finalmente il ruolo dei gruppi di produttori per la gestione, tutela, salvaguardia e valorizzazione delle IG. Tali organismi sono la struttura portante di tutto il sistema perché rappresentano, attraverso i produttori associati, il patrimonio socio-culturale ed economico del territorio. È auspicabile che per ogni Indicazione Geografica ci sia un consorzio e che questi siano stimolati ad aggregare le proprie strutture in modo da contenere i costi ed ottenere sinergie operative. Fondamentale per i Consorzi – chiude – è l’attività di vigilanza per la repressione frodi, in tutte le fasi della produzione fino alla messa in commercio”.

Nei successivi 12 e 13 aprile, in collaborazione con Cibus Connect, l’importante fiera internazionale dell’alimentazione dedicata quest’anno in particolare alla promozione di incontri B2B, uno spazio sarà a disposizione per la promozione di relazioni tra le DOP e IGP europee ed extraeuropee e i top buyers internazionali presenti a Parma.

Origo. è quindi un’opportunità sia per i Consorzi che presiedono ai prodotti di qualità regolamentata, sia per le aziende associate di partecipare agli incontri presso la business-lounge che sarà messa a disposizione, da parte Fiere di Parma, riservata ai soli iscritti alla manifestazione. Si tratta di un “numero 0” per una nuova iniziativa d’incontro internazionale dai tratti fortemente innovativi e che, anche per questo, non poteva che essere ospitata nella città e nella regione, punti di riferimento mondiale per il cibo di qualità.

Ufficio Stampa AICIG
Marte Comunicazione snc. – via Grocco 5, 59110 Prato, ph./fax 0574 464837, cell. 3356130800, 3398655400;
Email: marzia.morganti@gmail.com; ntempestini@gmail.com

Il Vinitaly di Carpene Malvolti dal prosecco ai distillati

 Carpene Malvolti

Carpene Malvolti

Il Vinitaly di Carpene Malvolti dal prosecco ai distillati

Dal prosecco ai distillati – Il Vinitaly di Carpene Malvolti attraversi il progetto di ricerca ” Generazione D.O.C.G.”

L’edizione numero “50+1” della più importante manifestazione internazionale di settore è ormai alle porte
Sarà l’edizione che di fatto avvierà il count down verso le celebrazioni del 150° anniversario dalla fondazione dell’attività d’Impresa – che ricorre nell’ormai prossimo 2018 – ed altresì l’occasione per Carpenè Malvolti di accendere i riflettori sulle sue selezioni enologiche.
Al Vinitaly 2017 – che si terrà a Verona dal 9 al 12 Aprile – sta per andare in scena l’ennesima rappresentazione dello spirito pionieristico ed innovatore che da cinque Generazioni contraddistingue il marchio coneglianese.

Basandosi infatti sull’assunto di quanto sia necessario rispettare il passato per determinare il futuro dell’attività d’Impresa, anche quest’anno Carpenè Malvolti sceglie la vetrina del Vinitaly per introdurre un nuovo progetto di marketing strategico e di restyling d’immagine.
E lo fa ospitando in anteprima, Lunedì 10 Aprile alle ore 11.00, la presentazione di un progetto di ricerca – condotto dagli Studenti della Scuola Enologica e della Fondazione ITS Cerletti di Conegliano – dedicato alla Grappa di cui ripercorre l’excursus storico dalle origini sino alle più recenti dinamiche evolutive, intervenute nel processo della distillazione piuttosto che nelle logiche comunicative e marketing.
Ed in questo senso, la stessa Carpenè Malvolti è tra i protagonisti più attivi sin da fine Ottocento, essendo stata anche in tale categoria “antesignana e pioniera” con la storica distilleria a vapore – Licenza U.T.F. n°77 – con sede proprio a Conegliano.
Così come è stata antesignana nel packaging della grappa medesima, introducendo per prima la bottiglia a zucchetta con il tappo a tutolo in sughero ed un pezzo di pannocchia alla sommità, che voleva richiamare la tradizione contadina del Territorio e l’usanza di utilizzare per la conservazione dei “liquidi”, durante la dura attività lavorativa dei Contadini del tempo nei campi, vere e proprie zucche secche svuotate e chiuse con un torsolo di pannocchia di mais.
Come nelle edizioni precedenti, anche siffatto progetto vede la luce, proseguendo nel solco della storia della Famiglia Carpenè, dalla volontà di Rosanna Carpenè – Presidente della Fondazione e Quinta Generazione della Famiglia più longeva della Spumantistica Italiana – di accompagnare e sostenere gli Studenti in un percorso di formazione sempre più sinergico con il mondo delle Imprese, attraverso il continuo approfondimento della cultura enologica e vitivinicola.
Per tutta la durata del Salone Internazionale del vino e dei distillati, lo storico Marchio di Conegliano sarà presente al Padiglione 5 Stand B5 con l’obiettivo di incontrare nuovi operatori ed altresì consolidare le relazioni commerciali già in essere con i Partners storici, al fine di sviluppare ulteriormente la brand awareness ed il core business dell’attività d’Impresa, il cui fulcro rimane sempre la produzione spumantistica del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G.

Ufficio Stampa Carpenè Malvolti SpA
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel 335 6130800 Email marzia.morganti@gmail.com, press-office@carpene-malvolti.com
visitate il sito

Carpenè Malvolti Spa – Via A. Carpenè 1 – 31015 – Conegliano (TV) – P.I. 00174380261

Marte Comunicazione snc
Via Grocco 5
Prato, Toscana 59100

#OpenLobby – 10 aprile 2017 – via degli Scialoja 18 – Roma

#OpenLobby – 10 aprile 2017 – via degli Scialoja 18 – Roma

Reti e Running aprono, per il secondo anno, i propri uffici a chi vuole osservare da vicino come lavora un lobbista. I partecipanti avranno l’opportunità di vivere la giornata tipo del lobbista all’interno degli uffici di una delle maggiori società di Public Affairs e Comunicazione in Italia, confrontandosi con tre professionisti di aziende e con i consulenti di Reti e Running.
Troppo spesso il termine lobby viene utilizzato con un’accezione negativa, per indicare una professione oscura e ai limiti della legalità. Nulla di più falso, quello del lobbying è un mondo aperto e trasparente, in cui i rappresentanti di interessi e i loro interlocutori si muovono e lavorano, proprio come tutti gli altri professionisti, all’interno di contesti culturalmente e professionalmente stimolanti. È per questo motivo che abbiamo deciso di aprire i nostri uffici ( Via degli Scialoja 18 – Roma) lunedì 10 aprile alla curiosità degli studenti che si avvicinano per la prima volta a questo mondo.

#OpenLobby rappresenta un momento per imparare e ascoltare direttamente da lobbisti di aziende e dai consulenti di Reti e Running cosa significa rappresentare e comunicare gli interessi particolari di realtà italiane e internazionali.

Chi è interessato a partecipare a #OpenLobby può registrarsi in una delle 3 fasce orarie:

10.00 – 12.15

10.00 – 10.15 – Welcome coffee
10.15 – 10.45 – Saluti di benvenuto e presentazione di Reti e Running
10.45 – 11.15 – A tu per tu… Gianluca Ansalone, Responsabile Affari Istituzionali e Comunicazione – Area Sud Europa British American Tobacco a colloquio con Mario de Pizzo, Giornalista Rainews24
11.15 – 12.15 – Tour degli uffici

12.45 – 15.30
13.00 – 13.30 – A tu per tu… Giuliano Frosini, Public Affairs Director Lottomatica a colloquio con Andrea Picardi, Giornalista Formiche.net
13.30 – 14.30 – Presentazione di Reti e Running e pranzo
14.30 – 15.30 – Tour degli uffici

16.00 – 18.30
16.00 – 16.30 – Welcome coffee
16.30 – 17.00 – Saluti di benvenuto e presentazione di Reti e Running
17.00 – 17.30 A tu per tu… Francesco Delzio, Direttore Relazioni Esterne, Affari Istituzionali e Marketing (Executive Vice President) del gruppo Atlantia e di Autostrade per l’Italia a colloquio con Carlo Puca, Giornalista – Panorama
17.30 – 18.30 Tour degli uffici

18.45 – 19.45
#LobbyHour: l’aperitivo dei lobbisti (evento aperto ai partecipanti di tutte e tre le fasce orarie)

I posti sono limitati, essendo l’evento a numero chiuso.
E’ necessario registrarsi inviando un’email a Matteo La Stella – m.lastella@retionline.it – con il tuo cv segnalandoci la tua preferenza di orario.

………………………….
Matteo La Stella
m.lastella@retionline.it
Via degli Scialoja, 18
00196 Roma
Ph + 39 06 67545214

Svolta storica nel prosecco ad Asolo,dal bello presenta una verticale

2012Svolta storica nel prosecco ad Asolo,dal bello presenta una verticale

La cantina Dal Bello con 50 anni di storia alla conquista del mondo con CELĔBER. Al Vinitaly una degustazione verticale del Prosecco extra brut premiato al Concours Mondial de Bruxelles. Antonio Dal Bello: “In questa bottiglia troviamo la passione per il nostro lavoro”

E nel cuore di Asolo, terra vocata per la produzione del Prosecco Docg, la famiglia Dal Bello da cinquanta anni produce Vini  di qualità. L’ultimo nato è un tesoro con le bollicine: l’innovativo CELĔBER, il Prosecco in versione extra brut.

Il primo a presentarlo sul mercato, fin dal 2015, è stata appunto l’azienda Dal Bello. “Il nostro vino  nasce da un atto di coraggio, e dal caranto, la terra magra d’Asolo”, dice Mario Dal Bello. Abbiamo avuto l’intuizione di proporre un Asolo Superiore dal basso residuo zuccherino per esaltare il Terroir”. Prodotto a più di 250 metri d’altitudine, sul colle di Sant’Anna, CELĔBER è il primo Prosecco extra brut, ossia la versione più secca del prosecco che tutti conosciamo.

Il fenomeno delle bollicine d’oro chiamato Prosecco ha conquistato il mondo, registrando negli ultimi anni un boom dell’esportazione colossale. E dentro questo ecosistema è sempre più alta l’attenzione degli addetti ai lavori per del Prosecco “segreto” di Asolo.

Stando a dati diffusi da Avepa, l’ente regionale che definisce i numeri sugli imbottigliamenti, nell’ultima vendemmia, l’uva Glera rivendicata ad Asolo Prosecco Docg è stata di 126.000 quintali. Le bottiglie immesse nel mercato sono così passate da poco più di un milione del 2013 alle quasi otto milioni di oggi. La percentuale di crescita rende l’idea del fenomeno: +569 % dal 2013 ad oggi. Numeri che comunque rappresentano una eccellenza “rara” e “segreta” in un mondo, quello del Prosecco, che se analizzato nel suo complesso vende nel mondo circa mezzo miliardo di bottiglie.

“CELĔBER rappresenta un nuovo modo di bere”, incalza Antonio Dal Bello. “Si tratta di un vino sapido e secco, che profuma di sambuco, melo e glicine bianco e che racconta l’amore per un territorio e la sua tradizione”. Un’intuizione rivoluzionaria che ha già conquistato l’Europa e la Svizzera, per approdare poi negli Usa e in Canada. E i premi non mancano, nel 2015 ha ricevuto la medaglia d’argento al Concours Mondial de Bruxelles.

Il Vinitaly si avvicina (Verona dal 9 all’11 di Aprile) e quale migliore occasione per assaggiare (e celebrare) questo nuovo fenomeno? Si terrà infatti una straordinaria degustazione verticale del Prosecco Extra Brut CELĔBER riservata alla stampa lunedì 10 aprile alle ore 11 (Padiglione 5 Stand A1) alla quale parteciperà il sommelier Alessandro Scorsone.

Un’occasione unica che racchiude tre anni di vinificazione, gusto e passione. E 50 anni di storia.

Ufficio Stampa Velvet Media

Alla LUISS a Roma workshop sul Made in Italy “Occorre creare un’identità globale”

c65b22fe-f53b-4819-8eb5-bd0e7cf4df89Alla LUISS a Roma workshop sul Made in Italy “Occorre creare un’identità globale”

Protagonista l’avvocato Federico Desimoni, Direttore Generale del Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP “fondamentale veicolare principi, autenticità, origine, gusto e tutela. Per questo è fondamentale il ruolo dei Consorzi DOP E IGP

Roma – Costruire un’identità attraverso la definizione di contenuti, valori e confini per offrire trasparenza, affidabilità e chiarezza: questo il concetto chiave espresso da Federico Desimoni, Direttore Generale del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP nel corso dell’intervento che lo ha visto protagonista al workshop da titolo “Made in Italy, nuove forme di tutela e strategie di promozione” tenutosi sabato 4 marzo alla School of Law dell’Università Luiss di Roma nell’ambito del Master in Food Law.

L’intervento del Direttore del Consorzio ABM si è inserito come History Case di eccellenza nella tutela del Made in Italy e dell’economia del Paese, stigmatizzando in particolare la necessità di costruire un’identità globale basandola sui drivers di autenticità, origine, gusto, tutela e garanzia. “Il Made in Italy è un concetto difficile da tutelare, da comunicare e da promuovere – ha sottolineatoFederico Desimoni – e proprio per questo si rende necessario delineare un’identità più precisa: attraverso il Branding nel caso di marchi privati oppure attraverso l’identificazione di Marchi pubblici e collettivi come le DOP, le IGP e le STG. Nel secondo caso, che io mi pregio di rappresentare in questo contesto, diventa di primaria importanza il fattore comunicazione – con cui si veicolano di fatto definizioni, principi, garanzie e certificazioni – che sta altresì alla base di un altro asset fondamentale ovvero la tutela di un’identità sempre più scaltramente “rubata” da tentativi di contraffazione, evocazione ed imitazione. Il ruolo dei Consorzi di Tutela – ha continuato Desimoni – è quello di vigilare su siffatti crimini, controllare il rispetto delle procedure amministrative, intraprendere azioni legali laddove se ne presenti la necessità e promuovere procedure UE ex officio che permettano, di fronte a un evidente caso di imitazione, evocazione o di contraffazione di un marchio Dop o Igp e dietro la segnalazione del rispettivo Consorzio di tutela, di chiamare ad intervenire le stesse autorità del paese nel quale la contraffazione è stata ravvisata. Detto questo, c’è ancora molto da lavorare – ha concluso il Direttore del Consorzio ABM – in particolare sulla conoscenza del prodotto, sulle diverse tipologie ed usi, sulle caratteristiche nutrizionali e salutistiche e sulla trasparenza del mercato, oltre a trasmettere al consumatore affidabilità e fiducia”.

Più che una lezione accademica dunque, un confronto sullo stato dei lavori in materia di promozione e tutela del Made in Italy agroalimentare, organizzato in due sessioni. La prima, moderata dalla Coordinatrice del Master in Food Law Daniela Corona, dedicata agli scenari internazionali a cui sono intervenuti Cesare Galli dell’Università di Parma a proposito del regime di protezione delle IG all’indomani dell’approvazione del CETA e a livello di scambi internazionali, Mauro Rosati Direttore Generale della Fondazione Qualivita sullo scenario delle DOP e IGP in Italia ed Europa, il Capo Dipartimento delle Politiche competitive e della qualità agroalimentare, ippiche e della pesca del Mipaaf Luca Bianchi che ha dettato le linee per una strategia italiana per la qualità dell’agroalimentare, e il Direttore Generale ISMEA Raffaele Borriello, il quale si è espresso sul posizionamento del Made in Italy agroalimentare all’estero e le nuove sfide della globalizzazione.

La seconda sessione – in cui si è inserito altresì l’intervento di Desimoni – è stata invece moderata dal Coordinatore del Master in Food Law Ercole De Vito e dedicata alle testimonianze dirette, precedute dallo speech del Segretario Generale International Chamber of Commerce Italia Maria Beatrice Deli sull’importanza del dialogo normativo tra pubblico e privato per l’adeguata tutela del Made in Italy e dal focus sul ruolo del servizio pubblico nella promozione dello stesso con l’autore di Linea Verde Rai Marco Luci. A portare la propria testimonianza, anche Carlotta Gori per il Consorzio Chianti Classico e Giulia Rossi del Future Food Institute.
Ufficio Stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP

Marte Comuniazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

Tel. 335 6130800 Email: marzia.morganti@gmail.com

www.consorziobalsamico.it

Our mailing address is:
Marte Comunicazione snc
via grocco 5
prato, Toscana 59100
Italy

Trattoria Nuova Magherno è una location unica per una gita fuori porta

Trattoria Nuova Magherno

Trattoria Nuova Magherno

Trattoria Nuova Magherno è una location unica per una gita fuori porta

#RistoranteTrattoriaNuova #unascopertanelpavese

Trattoria Nuova Magherno è una location unica per una gita fuori porta, un incontro romantico grazie ad una saletta interna romanticamente scaldata da un camino o ad una cena o pranzo in famiglia o con amici.

Il locale recentemente ristrutturato è pronto ad accogliere i vostri ospiti una location alternativa ideale anche per gli eventi, le cerimonie, banchetti, aperitivo cene pranzi aziendali o cene per gruppi.

Trattoria Nuova Magherno immersa nel verde della Pianura Padana (a circa 16 km da Pavia)  è la struttura ideale per il tuo evento immersa nel verde, tra coltivazioni di riso, frumento, granoturco.

Trattoria Nuova Magherno

Trattoria Nuova Magherno

Ottimi piatti della cucina tradizionale lombarda con quel tocco creativo riproposti in chiave creativa con  ingredienti genuini e accuratamente selezionati. Da provare la vera pizza napoletana con ingredienti di alta qualità cotta nel forno a legna.
Un’ampia varietà di antipasti
Da provare la pasta fresca
Eccellenti anche i secondi di pesce e di carne
In ultimo per chiudere in bellezza ottimi dolci rigorosamente fatti in casa.
Specialità della casa sono i risotti (come quello con salsiccia sgranata e crema Montasio) senza glutine le rane provenienti dalle risaie che circondano il paese

Punti di forza : cucina genuina e di qualità, il personale gentile e veloce, location alternativa  e prezzo adeguato

Visitate il sito

FB @Trattorianuova2015

Buzzoole

Palazzo Borghese la location ideale per il vostro evento

salotto-di-mezzoPalazzo Borghese rimane uno degli edifici più rilevanti della città, mantenendo lo splendore ed il fasto di un tempo, per l’unicità della location, la preziosità degli ambienti l’arredamento sfarzoso e un’atmosfera fiabesca nonché la versatilità del Palazzo Storico è il luogo ideale per organizzare eventi  raffinati e di classe,  eventi di prestigio e a presentazioni d’immagine di alto livello la location ideale per qualsiasi tipo di evento cene aziendali o di gala o di auguri, concerti, esposizioni, sfilate, matrimoni, degustazioni, cooking show, gala dinner, congressi, aperitivi, eventi a tema, after dinner,meeting, servizi fotografici,convegni, ..

Palazzo Borghese #palazzoborghesefirenze #weddinglocationfirenze #specialeventsfirenze

Palazzo Borghese è una  perla nascosta nel pieno centro storico di Firenze,a due passi da Piazza del Duomo e Piazza della Signoria è un palazzo in pieno stile neoclassico, gioiello architettonico e artistico, resterete a affascinati dall’imponente scalone d’onore, la “Galleria” o “Salone delle Feste” e la Sala degli Specchi sono meravigliose manel suo complesso sfarzoso tutto affreschi, stucchi, nicchie, statue,colonne e tendaggi,bassorilievi vi lascerà senza parole

allestimento-eventiLe Serate Rinascimentali sono uniche, gli ospiti potranno assaporare l’emozione di una notte rinascimentale nella cornice del palazzo con musiche e costumi tipici dell’ epoca. La cena servita da camerieri in costume,fa riassaporare l’atmosfera tipica degli antichi banchetti fiorentini del XV secolo, la cena seguirà il tema dell’ epoca verrà allietata da musicisti, ballerini ed un divertente giullare coinvolgendo i partecipanti facendoli indossare ad alcuni di loro i tipici costumi e di accompagnarli in piccoli, semplici passi di danza.

Oltre all’esclusività del palazzo e la cura negli allestimenti , il catering interno di eccellente livello offrirà una proposta culinaria ampia e adatta a soddisfare ogni esigenza con materie prime d’eccellenza e la presentazione impeccabile dei piatti da una cucina internazionale di alto livello ma all’occorrenza anche a menù personalizzati

Palazzo Borghese è una location ideale per organizzare un matrimonio esclusivo e
indimenticabile, un matrimonio da favola, incorniciando la promessa d’amore in un contesto unico Ogni evento acquista così un gusto elegante, raffinato, storico grazie alla location caratteristica.

http://storage.vgs-video.it/_Virtual/T022/_tour/tour.html

FB @palazzoborghese

www.palazzoborghese.it

Buzzoole

‘Pummà’: nuovo corso per gli atelier della pizza di Bologna

fotopizza1

Foto pizza

‘Pummà’: nuovo corso per gli atelier della pizza di Bologna e Milano Marittima. Entro aprile lo sbarco a Ibiza con proposte gourmet rigorosamente made in Italy

Antiche farine macinate a pietra e Lievito Madre per gli impasti, ingredienti eccellenti
per le farciture, collaborazioni al top in cucina e davanti al forno, menù stagionali
con incursioni stellate e un innovativo stile dentro i locali.
Ecco la ricetta che rende Pummà punto di riferimento per i nuovi trend
della pizza gourmet in Emilia Romagna

Forni e bancone come sul palcoscenico. Tutt’attorno un anfiteatro di tavoli… E sua eccellenza le Pizza a fare da prim’attore. Pensati come un ‘teatro del gusto’ dal designer Adriano Cucca che ne ha firmato il recentissimo restyling interno, i due locali a marchio Pumma’ di Bologna (via Murri) e Milano Marittima (viale Romagna) raccontano una nuova storia tutta italiana di pizza d’autore. Antiche farine macinate a pietra e Lievito Madre per gli impasti, ingredienti eccellenti per le farciture, collaborazioni al top in cucina e davanti al forno, menù stagionali con incursioni stellate, sono gli ingredienti di un successo che da Bologna e dalla Romagna la Grifondoro, società titolare di marchio e gestione, è in procinto di esportare in altre regioni d’Italia e all’estero.
Dopo la separazione da ‘O’ Fiore Mio’ di Faenza, c’è tanta adrenalina e aria di nuove aperture. La prima, entro il mese di aprile, nel centro di Ibiza sulla banchina del porto vecchio dove tutto l’anno attraccano gli yatch più esclusivi e fiorisce la movida. La seconda a Milano la cui apertura nel timing della Grifondoro è fissata per l’inizio dell’autunno. Tutti i locali saranno a marchio Pumma’ e gestione diretta, condivideranno cura degli interni, filosofia delle preparazioni, esclusività di ingredienti e fornitori, carta del beverage con birre artigianali, vini e bollicine, formazione del personale, estro e professionalità davanti a forni e fornelli, consulenze e collaborazioni stellate. E naturalmente la ‘gestione del fresco’ tramite spedizioni aeree settimanali. Il tutto grazie a un accordo con la piattaforma ‘Adriatica Logistics’ di Forlì di proprietà di uno dei soci del gruppo Pummà, che garantirà sulle tavole di Ibiza e Milano gli stessi prodotti e la stessa freschezza di quelli serviti a Bologna e Milano Marittima ma soprattutto il Lievito Madre.
A coordinare l’intero progetto Pizza, in Italia e in Europa, dallo scorso 15 marzo è stato chiamato Beniamino Bilali, uno dei più grandi maestri pizzaioli italiani che, partendo da ‘O’ malomm’ di San Patrignano, in dieci anni di rivoluzionario lavoro ha saputo trasformare la qualità della pizza, utilizzando materie prime eccellenti e applicando tecniche innovative di lievitazione e fermentazione naturale. Bilali ha deciso di fermarsi a Bologna e di mettere il suo estro e la sua esperienza a servizio del progetto Pummà, sposandone rigore e filosofia. Insieme a lui a formare la ‘brigata di pizza Pummà’ Giulio Rinaldi, maestro pizzaiolo ‘residente’ del locale di via Murri a Bologna, Marco Baldassarri a Milano Marittima e collaborazioni importanti come il maestro panificatore Giuliano Pediconi, docente in numerosi ed importanti corsi nazionali ed internazionali di specializzazione sugli impasti base, le paste lievitate e l’utilizzo del lievito naturale.

Bologna
Tutto vetri e dehor con 100 coperti all’interno e 50 all’aperto, Pummà Bologna occupa l’intero pianoterra di un bel palazzo fine ottocento che sta proprio al centro del nuovo distretto gourmet della città, a pochi passi dal ristorante dello chef stellato Bruno Barbieri e del prestigioso Acqua Pazza. Nel locale, impasti, creatività e farciture sono affidate al mastro pizzaiolo Giulio Rinaldi che vanta in curriculum esperienze a tre stelle alla mitica Francescana dello chef Bottura e alle Calandre dei fratelli Alajmo. In menù, ad integrare la pizza, anche specialità della tradizione che strizzano l’occhio alla Romagna con le paste fresche fatte in casa del laboratorio artigiano ‘Antichi Sapori’ di Modigliana e i cappelletti in brodo di memoria artusiana in perenne disfida con il bolognesissimo tortellino.
Inaugurato lo scorso giugno al civico 103 di via Murri, il locale eredita una tradizione che si intreccia con la storia della città. Proprio lì al 103 c’erano i tavolini e i bigliardi dello storico Bar Bologna che trentacinque anni fa si trasformò nella panineria di Franco e Beppe, la prima ‘paninoteca’ della città, per poi diventare l’inglesissimo Bobby’s pub dal monumentale bancone. Lo scorso anno la svolta con la completa ristrutturazione che ha trasformato il locale nel santuario bolognese della Pizza gourmet.

Milano Marittima
Aperto in viale Romagna dalla primavera del 2013 Pummà Milano Marittima è stato oggetto nel gennaio scorso di un attento restyling realizzato dal design Adriano Cucca, lo stesso che ha firmato il locale di via Murri a Bologna, riprendendone, anche dal punto di vista strutturale linee e filosofia. Protagonisti, al centro dello spazio, sono banconi e forno a vista, mentre i tavoli organizzati in un centinaio di coperti sono disposti ad anfiteatro, all’interno e nel dehor estivo. In poco tempo accreditato tra i locali più apprezzati e recensiti della modaiola località romagnola per la grande qualità delle pizze, la filosofia degli impasti e delle materie prime usate per le farciture, Pummà Milano Marittima si è imposto anche per la continuità del servizio scommettendo su una proposta di apertura serale tutto l’anno, scelta pressoché unica a Milano Marittima. A firmare le pizze d’autore il maestro Marco Baldassarri, il ‘pizzaiolo-ingegnere’ che a tre esami dalla laura magistrale ha lasciato il libro dei calcoli per abbracciare le severe tecniche di lievitazione e impasto e la filosofia delle farciture. Ma Baldassarri alla corona d’alloro non ci ha voluto rinunciare e la sua ‘laurea’ se l’è presa nel 2015, guadagnandosi il podio come secondo miglior pizzaiolo d’Italia nel concorso milanese ‘Pizza Chef Emergente’

I punti di forza

Venticinque le pizze in carta, 10 della tradizione 15 da degustazione, una spiccata stagionalità nei menù proposti, una carta degli oli extravergine da varie regioni italiane, grande attenzione al bio e al gluten free, con i prodotti del pastificio Verrigni di Roseto degli Abruzzi, una puntuale selezione di vini e bollicine con Champagne, Franciacorta e Lambruschi emiliani, e una carta stagionale delle migliori birre artigianali italiane e del territorio. E, da Pasqua a settembre un bar corner esterno, a Milano Marittima ogni week end e a Bologna, montato su un carrettino vintage, ogni giovedì sera, per gustare all’aperto cocktails e frullati.
Ma quali sono i punti di forza di Pummà? In primis la qualità top dei prodotti utilizzati per le farciture delle pizze, che attingono alle eccellenze gastronomiche del Belpaese con richiami ai presidi slow food appositamente selezionati, come i pomodori pelati di Terra Amore e Fantasie di Sant’Antonio Abate, la mozzarella fior di latte e la bufala campana del Caseificio Casolare di Alvignano, la burrata pugliese del Caseificio Palazzo di Putignano i capperi di Salina, le olive di Gaeta e molti altri Presidi Slow Food. Eccellenze abbinate ai prodotti stagionali del territorio, le verdure freschissime acquistate direttamente nei mercati di Cesena e Bologna, i formaggi della Romagna Toscana della Fattoria Le Guide di Tredozio, il prosciutto di Parma Dop di Casa Graziano, i salumi di Mora Romagnola e la mortadella di Silvio Scapin, una bottega artigiana, un po’ macelleria un po’ norcineria aperta dagli anni settanta all’ombra dei portici bolognesi. Discorso analogo vale per gli impasti, realizzati con farine integrali macinate a pietra di soli grani italiani come quelle del Mulino Paolo Mariani di Barbara in provincia di Ancona; farine utilizzate senza additivi aggiunti per mantenere la presenza del germe di grano e Lievito Madre, realizzato con farina di grano tenero, acqua e diverse antiche varietà di frutta con lievitazione e maturazione prolungata dalle 24 alle 48 ore al fine di ottenere impasti leggeri e facilmente digeribili. Ad accompagnare qualità e innovazione nel piatto la grande cura dell’ospitalità che fra i tavoli dei locali significa comunicazione e racconto dei prodotti e del territorio da parte di un personale in formazione continua. Una filosofia che nei locali Pummà farà scuola anche all’estero.
Arricchiti dal tocco glamour della illustratrice Agnese Baruzzi che cura l’immagine degli interni, dagli elementi della mise en place al packaging, i locali a marchio Pummà offrono anche un corner dedicato allo shopping dei prodotti del food e degli accessori di cucina che li trasformano in bottega artigiana dalle mille opportunità. Istallazioni e mostre d’arte ceramica che si alternano di sei mesi in sei mesi regalano agli ambienti la capacità di rinnovarsi con gusto e originalità.

Ufficio Stampa – Agenzia PrimaPagina

Maurizio Magni – Filippo Fabbri- Cristina Zani

zani@agenziaprimapagina.it – tel. 0547 26664

Dott.ssa Cristina Zani – Agenzia PrimaPagina
Responsabile eventi e produzioni tv
Via Sacchi 31 – 47023 Cesena
tel. 0547 24284 – fax 0547 27328
zani@agenziaprimapagina.it
http://www.agenziaprimapagina.it

Teatro Filodrammatici: la trattativa Stato-mafia con Bebo Storti

Il TestimoneTeatro Filodrammatici: la trattativa Stato-mafia con Bebo Storti

Il giorno domenica 26 marzo si terrà un nuovo imperdibile appuntamento con la Rassegna teatrale “Il Punto in Movimento” organizzata dal Teatro Filodrammatici di Treviglio, per la direzione artistica di Lele Gaballo, dedicato alla memoria dei crimini di mafia.

Si tratta dello spettacolo “Il Testimone” diretto e interpretato da Bebo Storti e Fabrizio Coniglio. Dopo il loro fortunato lavoro teatrale “Suicidi” i due attori continuano il percorso di indagine raccontando un episodio tristemente dimenticato dalla memoria collettiva: l’assassinio di Giacomo Ciaccio Montalto, primo magistrato a indagare i rapporti fra la mafia di Trapani, legata a doppio filo con quella statunitense, e i narcotrafficanti.

Lo spettacolo è stato scritto insieme al giudice Mario Almerighi, ex presidente del tribunale di Civitavecchia, che ha combattuto una battaglia personale per dare giustizia all’uccisione dell’amico magistrato, un’azione che ha condotto alla scoperta di inquietanti rapporti tra pezzi di stato e potere mafioso.

Si tratta di un’occasione importante per meditare su un racconto, a tratti ironico, dedicato alle intromissioni dei vertici più alti delle istituzioni in un processo tramutatosi in un cammino tortuoso verso la verità su un omicidio mafioso.

Già in cartellone al Teatro Franco Parenti di Milano lo scorso anno, “Il Testimone” arriva sul territorio e diventa un appuntamento da non perdere anche in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie del 21 marzo.

Lo spettacolo avrà inizio alle ore 21.00 presso Teatro Filodrammatici, Piazza Santuario, 3. Ingresso 20€, ridotto 14€ con un delizioso aperitivo a fine serata nel foyer. E’ possibile prenotare o acquistare il proprio biglietto on-line al link: https://filodrammatici.18tickets.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.teatrofilodrammaticitreviglio.it o scrivere a info@teatrofilodrammaticitreviglio.it

Treviglio Arte e Cultura
Viale Ortigara, 32/a – 24047 Treviglio (BG)
C.F. e P.IVA 04029810167

Teatro Filodrammatici
Piazzale del Santuario, 3 – 24047 Treviglio (BG)

info@teatrofilodrammaticitreviglio.it
www.teatrofilodrammaticitreviglio.it

FenImprese Firenze adotta la piattaforma digitale FenPlace

Top Model anni '90 (1)FenImprese Firenze adotta la piattaforma digitale FenPlace

Ritrovarsi insieme è un inizio, restare insieme è un progresso, ma riuscire a lavorare insieme è un successo.
(Henry Ford)

FenPlace, piattaforma digitale di comunicazione diretta tra imprese, rappresenta un modo nuovo per creare reali opportunità di crescita territoriale per le aziende associate al circuito FenImprese.
Grazie a questa piattaforma di e-commerce, a cui gli associati FenImprese possono richiedere gratuitamente l’iscrizione, le aziende hanno l’opportunità di creare rapporti prosciutto di parma (1)commerciali di collaborazione diretta, creando delle vere e proprie sinergie nazionali che, a lungo andare, possono generare una rete di rapporti su larga 13335749_476782459184501_3166765191064142078_nscala.
Si tratta di una novità assoluta, nel campo associativo datoriale, in quanto, per la prima volta, non si discute di convenzioni cartacee visualizzabili da un sito internet, bensì, attraverso FenPlace, la singola azienda del circuito FenImprese avrà la possibilità di proporre agli associati di tutta Italia una interessante scontistica sui propri prodotti/servizi, infatti la tessera attiva FenImprese permetterà alla pastastessa azienda associata di beneficiare degli sconti proposti dagli altri associati, creando delle nuove relazioni imprenditoriali a costo praticamente nullo.
Infatti le aziende associate, fornendo a tutti i tesserati uno sconto sul proprio listino ufficiale, avranno la possibilità di ampliare il proprio raggio di vendita, aumentando le relazioni di fornitura e accedendo al network a prezzi realmente vantaggiosi, creando un vantaggio competitivo sia per costi aziendali, che per prezzi di vendita del prodotto finale.
prosciutto di parma (1)Si aprono così per gli associati forme commerciali più veloci, una sorta di strategia di le trecciaiole della pagliamarketing proprio per facilitare i propri settori di impresa, che ha come obiettivo quello di dare risalto ed aumentare le visite, gli accessi, le utenze e quindi le conversioni ad uno specifico sito web per la vendita di prodotti o servizi specifici, permettendo così di aumentare il numero di clienti e fidelizzare i clienti già acquisiti. Verranno ottimizzati così, attraverso la piattaforma FenPlace, i settori del fashion per diventare una fashioncommunity, settore del turismo, settore del food che si trasformerà in una foodcommunity, dell’artigianato nelle sue variabili per diventare una Vetreria Muranoartisancommunity, la piattaforma FenPlace diventerà per gli associati una sorta di social network nel processo di vendita, strumento operativo di un sistema dinamico e giovane Vetreria Muranocome è FenImprese, Associazione fatta da giovani, indispensabile in un mondo diventato sempre più veloce e competitivo.
Un network importante, attivato dal marketing diretto, promosso dai tecnici del comparto ITC FenImprese, che avranno il compito di promuovere l’associato anche attraverso l’applicazione dedicata agli smartphone: il singolo associato FenImprese potrà effettuare in tempo reale transazioni commerciali su tutto il territorio nazionale.
L’iscrizione è estremamente semplice: l’associato potrà richiedere il modulo di adesione gratuito presso l’ufficio zonale più vicino di FenImprese, fornendo una breve descrizione della propria attività e sarà l’Associazione stessa, grazie al proprio Team tecnico, che curerà l’inserimento dell’azienda nel mercato digitale, dando così la maggiore visibilità possibile agli associati potenziali fruitori di prodotti offerti dal mercato.