Filling Empty Rooms e Far finta di essere umani Antonio Colombo Arte Contemporanea

image001Filling Empty Rooms e Far finta di essere umani Antonio Colombo Arte Contemporanea

Luke Pelletier | T.L. Solien _ Filling Empty Rooms
DAST _ Far finta di essere umani

Luke Pelletier | T.L. Solien

Filling Empty Rooms

Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Filling Empty Rooms, la doppia mostra personale degli artisti americani Luke Pelletier e T.L. Solien, a cura di Michela D’Acquisto e Renato Montagner.

image002Il giovane Luke Pelletier espone un corpo di lavori dalla vibrante energia pop, fortemente influenzati dalle culture punk e skate, in una celebrazione che al contempo è denuncia della società consumistica statunitense; sono una fresca contrapposizione alla maturità di T.L. Solien, protagonista dell’arte americana dell’ultimo trentennio, che nelle sue tele fonde con abilità astrattismo e figurazione, nella creazione di un linguaggio pittorico altamente personale attraverso il quale affronta i grandi temi della vita.

Luke Pelletier (California, 1993), vive e lavora a Los Angeles, CA.

T.L. Solien (Fargo (ND), 1949), vive e lavora a Madison, WI.

image003DAST

Far finta di essere umani

All’interno di Little Circus, lo spazio della galleria dedicato ai progetti speciali, l’artista italiano Dast, pioniere dell’underground nostrano, presenta una serie di lavori che, tramite l’archetipo del robot, esaminano i rapporti interpersonali e la solitudine dell’uomo moderno.

DAST (Vicenza, 1966) vive e lavora a Vicenza.

Le mostre inaugurano giovedì 6 Aprile alle ore 18.30

e resteranno aperte fino al 20 maggio 2017

da martedì a venerdì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 – sabato dalle 15.00 alle 19.00
Clara Buoncristiani PR&Communication Studio | viale MonteGrappa, 14 (Milano) – via Zuccari, 14 (Brescia) | studio@clarabuoncristiani.it | clarabuoncristiani.it

Filling Empty Rooms e Far finta di essere umani Antonio Colombo Arte Contemporaneaultima modifica: 2017-03-31T06:44:44+00:00da viaggiesvaghi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento