venerdì 22 ottobre 2021 Boris Brejcha @ Fabrique Milano

boris brejcha @ fabrique 22.10.21 1200x800venerdì 22 ottobre 2021 Boris Brejcha @ Fabrique Milano

La vita sceglie la musica, noi scegliamo come ballarla. Quella sottile euforia che si crea all’interno dei club e che da sempre crea un’atmosfera unica e magica tornerà venerdì 22 ottobre 2021 al Fabrique di Milano con il set di Boris Brejcha. Un nuovo capitolo di una storia che negli anni ha portato a Milano ospiti speciali assoluti quali Fat Boy Slim, Loco Dice, Peggy Gou, Ricardo Villalobos, Seth Troxler, Solomun, Sven Väth, Tale Of Us, The Martinez Brothers e tantissimi altri ancora. Si tornerà ad essere uniti e catturati dalla potenza della musica, dall’energia e da un linguaggio comune che da sempre sa boris brejchaconnettere i clubber di tutto il mondo e del quale non è possibile fare a meno.

Milano, mercoledì 28 aprile 2021
Daniele Spadaro
(addetto stampa – tel. 335/6262260)
info@spadaronews.com

dottor
Daniele Spadaro
press agent
mobile +39.335.6262260
skype danielespadaro1
www.spadaronews.co.uk

Come in una casa di vetro……

AIREN KIDS 1Come in una casa di vetro……
A Firenze Kids Fashion Runway Show presentato da Fashion Vibes

Come per magia, una dopo l’altra, escono dalla trasparenza di una casa di vetro figure aggraziate, sognanti, ambientate in una Firenze che finalmente ritorna a vivere e dà il via alle più celebri fiere della moda – Pitti Uomo e Pitti Bimbo, in onore del quale, all’occasione della Giornata internazionale del bambino, Fashion Vibes ha lanciato sulla sua piattaforma la sfilata virtuale dedicata per la prima volta esclusivamente ai più piccoli.
Una fatina “moderna”, la testimonial dell’evento, Valentina Ottaviani ha aperto e chiuso da Firenze le giornate del Kids Fashion Runway Show dei brand provenienti dall’Est. Le 3 sfilate virtuali che sono andate in scena dal 1° al 3 giugno sulla piattaforma virtuale di Fashion Vibes hanno mostrato l’anteprima delle collezioni per bambini dei designer dell’Europa dell’Est, La testimonial Valentina Ottaviani crediti ph Andrea Faggifacendo emergere lo straordinario incubatore di tendenze, che ancora una volta investe su ricerca e trasversalità. Le sfilate si sono presentate come un racconto magico, ambientato in una città spettacolare come Firenze, location perfetta per il lancio e l’esposizione di nuovi progetti, che raccontano le mille sfaccettature del lifestyle e del dialogo che si instaura tra le frontiere creative dei concept store più sofisticati.
La piattaforma di Fashion Vibes introduce ancora una volta le sfilate in digitale a causa della pandemia, offrendo uno spazio nuovo virtuale per un progetto espositivo dal forte impatto visivo dedicato al lifestyle del bambino: dal design ai piccoli accessori, dai gadget semplici a quelli all’avanguardia tecnologica, ma l’elemento chiave che contraddistingue ogni sfilata è stata l’incredibile creatività nella realizzazione delle collezioni. Sfilate dell’universo dell’abbigliamento bimbi che si presentarono piene di energia e ricche di sorprese in vista del ritorno al formato fisico, sotto il segno della sicurezza e della voglia di tornare finalmente insieme.
PodiumKids ... (1)I designer arrivati dall’Est – AIREN KIDS, PODIUMKIDS, SOFIA TERESHINA, ELSA FAIRY DRESSES e il brand coreano DIMANCHE KIDS – hanno illustrato con grande successo un percorso di stile originale e all’avanguardia. Grazie al sostegno di molti media partner italiani e stranieri ed esperti di kidswear & lifestyle sono riusciti ad offrire una vetrina esemplare alle aziende che si impegnano sul fronte della sostenibilità.
Da questa magia virtuale è emerso il brand Airen. We Are Different – #wearedifferent è il motto del marchio, colorato e divertente, che si sta affermando rapidamente in Russia, creato portare allegria e gioia alle bambine e alle ragazze che lo indossano. Dimanche Kids ha presentato una linea di abbigliamento etico e senza tempo per i più piccoli; il main concept si può esprimere come “utopia Fantasy” dato che ogni pezzo della collezione vanta stampe esclusive che conferiscono una qualità pittorica al tessuto e, naturalmente, una sua originalità. La silhouette della collezione “My Mothers Love” di Elsa Fairy Dresses, iconica e leggera, ha presentato i look evanescenti con orli dalle diverse lunghezze sia per le mamme che per le figlie, connotati dai tessuti naturali dalle tonalità pastello e ornati con ricami a PODIUMKIDS la designer e le sue modellemano, pietre preziose, cristalli e Swarovsky. La collezione “Vesna 2021” di Podium Kids ha puntato sui colori accesi, brillanti, creando delle stampe che aiutano a sviluppare l’alfabetizzazione visiva e a potenziare la naturale curiosità dei bambini; i tessuti adoperati per la collezione sembravano una tela per il gioco illimitato dell’immaginazione. Ed infine, a chiudere la Kids Fashion Runway Show è stata la sfilata dell’enfant prodige Sofya Tereshina, giovanissima ma ormai conosciuta come designer completa in quanto segue tutte le fasi di produzione, dalla bozza fino alla completa realizzazione. Sofya ha presentato uno stile facilmente riconoscibile ed eclettico, capi che hanno una comoda vestibilità, creati con materiali di alta qualità adatti per ogni occasione.
FASHION VIBES TEAM
Press: Cristina Vannuzzi
IG @fashionvibesmilano
Yuliia Palchykova
+393283484027
www.fashion-vibes.com
@_fashionvibesmilano

Appuntamento con lo stile

Arianna Laterza acrilico Guido CorazziariAppuntamento con lo stile
Evento di Marina Corazziari e Guido Corazziari
RENDEZ VOUS CON LO STILE ALLO Spazio Art d’Or

The Show Must Go On (Lo spettacolo deve continuare) non è solo il meraviglioso brano che chiude l’ultimo album dei Queen. Lo spettacolo deve continuare è oggi, trent’anni dopo l’uscita di Innuendo, un messaggio di impegno, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia in corso.
Finalmente una svolta importante, si riprende, in parte, la vita normale a Bari, e riaprono anche gli eventi allo Spazio Art d’Or di Marina Corazziari che conferma sempre più la ALINA LICCIONE PRESENTATRICEsua identità di hub esperienziale con progetti in continuo divenire, che spaziano dall’ arte, al design, agli eventi culturali, all’artigianato ed infine all’ experience fashion di alto profilo.
La presenza delle opere d’arte alle pareti rende unica l’atmosfera dove moda, ricerca della bellezza, cultura e attenzione al gusto oggi fanno rima. Mood rilassato e newyorkese per questo spazio che propone una formula innovativa, un mix bilanciato inteso nell’accezione più internazionale del termine.
Dunque lo Spazio riapre e lo fa con un evento scintillante, dove una seducente Alina Liccione ha presentato con garbo e competenza la moda, quella bella, che vorremmo ricominciare a indossare, un Rendez-Vous che ha l’atmosfera di una magia, l’ironia e allegria degli acrilici di Guido Corazziari alle pareti per scoprire capolavori, uno ad uno, affascinando lo spettatore che si immerge in una atmosfera fatta di colore, luce, linee, forme, gioielli, dal bianco degli I foulard di Mariella Tissoneabiti da sposa di Maria Elena Di Terlizzi, alla miriade di brillanti che ornano gli abiti di Arianna Laterza Couture, lo stile e l’eleganza maschile su misura di GianPiero Cozza, i gioielli fantastici di Marina Corazziari, l’alta moda di Massimo Crivelli, i foulard di Mariella Tissone che sembrano leggiadre farfalle, la delicatezza dei vetri incisi a mano di Fabrizia Dentice di Frasso, i dolci allestimenti di Dominique Dellisanti.
Un pomeriggio dedicato allo “Stile” presenti personalità ed eccellenze del mondo della Moda, dell’ Arte e del Giornalismo che hanno dialogato interagendo con gli Ospiti dando loro consigli, suggerimenti e descrivendo i capi sartoriali esposti, portando in luce la professionalità e la competenza della bella Alina Liccione, presentatrice degli eventi allo Spazio Art d’Or.

Via Melo, 1888- Bari – spazioartdor@icloud.com
press: Cristina Vannuzzi

Podiumkids alla Giornata Internazionale del Bambino

AIREN KIDS ridottaPodiumkids alla Giornata Internazionale del Bambino
01-03 giugno a Firenze
su piattaforma di Kidwear Fashion Vibes

Parola d’ordine: ascoltare i ragazzi che sono gli opinion leader più importanti!.
Podiumkids sostiene l’idea di essere “sulla stessa onda” dei ragazzi, che è la voce più importante perché le collezioni sono create secondo i desideri dei ragazzi.
Tutto inizia dall’elaborazione della bozza del prodotto dove il designer, il capo della produzione, gli artigiani hand made sottopongono al test di un gruppo di bambini per avere la loro approvazione. L’Azienda segue i commenti dei ragazzi, ascoltando i loro giudizi in termini di vestibilità, colori e comodità.

PODIUMKIDS (2)La collezione “Vesna 2021” che sarà presentata a Firenze su piattaforma digitale del KidWear Show organizzato da Fashion Vibes punta sui colori accesi, brillanti, stampe che aiutano a sviluppare l’alfabetizzazione visiva e a potenziare la naturale curiosità dei bambini, fornendo una tela per il gioco illimitato dell’immaginazione.
Dalle stampe più “creative” ai binomi cromatici tra bianco e nero, passando per il lettering fino ai più classici grafismi, tra le stampe non mancano certo i fiori effetto macro, oppure illustrazioni acquerellate.
La tendenza prevede che i capi si accostano tra di loro per creare degli outfits “matchy-matchy” con la possibilità di spezzare i completi e accostare i diversi pattern in un mix&match di fantasie. La capacità di comunicare con i ragazzi attraverso il loro linguaggio aiuta a stabilire una connessione solida e un’ottima relazione, gli outfits sono PODIUMKIDS +++caratterizzati da una semplicità romantica, dalla funzionalità e da una straordinaria attenzione ai dettagli, tutto per una nostalgica mancanza di viaggi, luce, sole e spazi aperti, dati dalla pandemia.

Vesna 2021, una collezione dal design elegante e minimale abbinato a materiali organici e sostenibili, dove struttura, atmosfera, colore e luce vengono usati per creare un messaggio estetico unificato che sia sottile, funzionale e senza tempo.

contatti:
sito: www.Podiumkids.moda email: podiumkids.moda@yandex.ru
Telefono: +7 495 229 80 89 Fb: https://m.facebook.com/podiumkids.dress
IG: @moda.Podiumkids

FASHION VIBES TEAM
IG @fashionvibesmilano
Yuliia Palchykova
+393283484027
www.fashion-vibes.com
@_fashionvibesmilano

Il vino che fa bene ai bambini affetti da autismo

VS-0582Il vino che fa bene ai bambini affetti da autismo
Villa Saletta insieme a Tarta Blu per la raccolta fondi

In questo Natale il vino e l’olio extravergine sono nettare prezioso per i più piccoli, grazie alla collaborazione che si rinnova tra la cantina ed azienda agricola Villa Saletta di Palaia (Pi) e l’Associazione Tarta Blu della Valdera e Valdicecina, che ogni giorno aiuta i bambini con disturbi autistici ad avere una vita migliore.

Acquistando una o anche più etichette di Villa Saletta, tra rosato, bollicina e rossi da uve autoctone ed internazionali e olio extravergine biologico, si potrà potrà contrinuire alla raccolta fondi di Tarta Blu per l’acquisto di giochi e materiali per l’apprendimento della autonomia e per la stimolazione della motricità, dell’espressività linguistica, e dei sensi, il tutto volto ad un migliore rapporto con il mondo esterno.

Villa Saletta, infatti, devolverà parte del ricavato delle vendite all’Associazione Tarta Blu. Le etichette possono essere acquistate sia in cantina sia on line sul Sito di Villa Saletta

Villa Saletta

Di proprietà della famiglia inglese Hands, attivi nel mondo della finanza e dell’hotellerie, Villa Saletta, con oltre 720 ettari tra boschi, ulivi, vigne, coltivazioni, uno storico borgo trecentesco da cui prende il nome l’azienda, antichi casolari e ville per l’ospitalità, si sviluppa nella splendida ed incontaminata campagna collinare di Palaia, in provincia di Pisa.

La tenuta è amministrata dal 2015 dall’agronomo ed enologo David Landini, toscano di origini, che si occupa anche della direzione tecnica delle varie produzioni, tra cui in primis il vino, poi olio, grani, erbe, frutta ed ortaggi.

Risalente al 980 d.C., data del primo resoconto scritto sulla produzione di vino nella fattoria, è un’antica tenuta tornata oggi a nuovo splendore grazie alla famiglia Hands ed ai suoi collaboratori. La sua storia attraversa molti secoli che ne hanno forgiato e rafforzato l’anima agreste. La tenuta, in tutto questo lungo periodo, è appartenuta a 4 grandi famiglie: quella dei Gambacorta, che consolidò la proprietà delle terre attorno alla fattoria nel 1300, quella dei Riccardi, abbiente famiglia fiorentina di banchieri della potente casa dei Medici che trasformarono Villa Saletta in una vera e propria azienda rurale nel corso del 16° e 17° secolo e da cui è stato ereditato lo stemma, raffigurante una chiave, oggi logo della cantina e delle sue etichette, quella dei Castelli che susseguirono ai Riccardi ed infine la famiglia inglese Hands, a cui si deve la rinascita di questa bellissima realtà acquistata nel 2000.

Con la nuova proprietà ed il progetto di dare vita ad una tenuta dove il vino sarà il filo conduttore di una ospitalità a 360° che, grazie alla ristrutturazione dell’antico borgo di Villa Saletta e la messa a punto di un resort di lusso, alle ville che oggi già accolgono persone da tutto il mondo, alla costruzione di una trattoria e negozio di prelibatezze locali che sorgerà dove adesso è la cantina, ed alla nascita di un ristorante gourmet, diventerà un luogo unico in cui Bacco, la ristorazione di qualità e Madre Natura si fonderanno insieme per regalare esperienze uniche.

Dagli attuali 30 ettari vitati, di cui 17 a regime ed altri dieci che presto verranno piantati, vengono prodotte 7 etichette: una bollicina da uve sangiovese, un rosato da sangiovese, merlot e cabernet, un Chianti Superiore, un Sangiovese Igt Toscana e tre Igt Toscana da cabernet franc, cabernet sauvignon e merlot.

L’olio extravergine, ottenuto dalle oltre 6000 piante di leccino, frantoio, moraiolo, pendolino e razzo, da quest’anno si avvale della certificazione bio.

Per maggiori informazioni:mail Villa Saletta – Tel. 0587 628121
Per maggiori informazioni su Tarta Blu: Sito Tarta Blu

Press Kit Villa Saletta

Credit Foto Cartella Alessandro Ghedina

Villa Saletta
via Fermi 14 – Loc Montanelli – PALAIA (PI) – Tel +39 (0)587 628121 -Sito

Ufficio Stampa
Roberta Perna Comunicazione Enogastronomica
e Studio Umami

Roberta Perna – Mail– 329.9293459 – Sito Roberta Perna

Russian Fashion Dispaly

Russian Fashion Dispaly

Si spengono le luci sulla Milano Fashion Global Summit, evento nato in risposta alle limitazioni del Covid che ha ospitato le presentazioni di marchi dedicati alle collezioni SS 20/21.

^ Bottega No1La Digital Revolution sta cambiando il mondo con nuove paure ma anche infinte opportunità: per il lavoro, per la vita stessa. foto e brevi video ai testi. Questa tendenza sembra semplicemente seguire il motto secondo cui un’immagine vale più di mille parole prendendo conoscenza che la comunicazione immediata è dunque la forma del nostro tempo.
Tra i marchi presentati il Progetto Russian Global Fashion Display, un interessante viaggio immaginario attraverso un video emozionale in cui i capi della nuova next generation russa vengono svelati in una dimensione virtuale che vuole essere un tributo alla Russia. L’intento è chiaramente quello di trasmettere un chiaro messaggio di ottimismo, in un momento delicato per il mondo, un progetto di moda nato a Mosca con lo scopo di presentare al pubblico europeo i designers emergenti, oltre le produzioni, le aziende tessili e gli accessori, l’artigianato e il “fatto a mano” ponendo il focus su criteri di originalità dell’idea, la qualità dei tessuti, la cura e la ricercatezza dell’esecuzione oltre alla filosofia di brand.
Elena Iosifova(1)Il Progetto ha presentato 6 brand di abbigliamento donna, sposa e kidwear, marchi che hanno un grande potenziale in termini di creatività e artigianalità. Brand Bottega No1 (Eva Dorosh) – Brand Giaccata (Tatiana Nais) – La designer Victoria Nadolinskaya – Designer Elena Iosifova – Il brand Klimkova Kids (Evgenia Klimkova) – La designer Alla Jeltukhina.
Non si tratta solo di moda, l’outerwear sia donna che bimba oltre alla linea wedding si concentra sullo stile di vita e sulle attività che chi lo indossa, mostrando come la moda russa, presente alle fiere da qualche stagione, abbia un buon potenziale fatto da giovani pieni di idee e di talento, produzioni che hanno una manualità e una lavorazione eccellente.
Anche dai commenti del pubblico del web, di buyers e negozi viene rilevato che il mondo della moda Russa ha fatto passi da gigante negli ultimi anni nonostante le difficoltà di affermazione su mercati più competitivi ma reputano che sia un mercato pronto per l’ Europa occidentale. La fashion week quest’ anno ha dato grandi soddisfazioni sia in termini di pubblico che di buyer perché la moda ha bisogno di “idee e aria fresca” e i paesi dell’Est sono una terra di mezzo, crocevia di culture che oggi si riflettono nello stile dove ognuno è libero, pur continuando a riferirsi al passato, di sperimentare nuove idee e nuovi stili.
Per info:
milano@esque.su
IG: @russian_fashiondisplay_
Tel.: +79774461193
www.fashion-vibes.com

L’Italia del Turismo dell’Olio si mette in gioco: oltre 100 esperienze in gara al Primo Concorso nazionale promosso dalle Città dell’Olio

Turismo dell'olioL’Italia del Turismo dell’Olio si mette in gioco: oltre 100 esperienze in gara al Primo Concorso nazionale promosso dalle Città dell’Olio

Iniziativa promossa dalle Città dell’Olio con la direzione scientifica

della prof.ssa Roberta Garibaldi

L’Italia del Turismo dell’Olio si mette in gioco:

oltre 100 esperienze in gara al Primo Concorso nazionale promosso dalle Città dell’Olio

Logo_CNTOIl 50% delle esperienze in gara sono state proposte da frantoi e aziende olivicole. Tra le proposte innovative: sedute di yoga e meditazione, rappresentazioni teatrali e canti popolari tra gli ulivi, oil bar nei ristoranti

Oltre 100 esperienze in gara, 13 Regioni coinvolte, frantoi e aziende olivicole protagonisti assoluti dell’offerta turistica dedicata al mondo dell’olio extravergine in Italia, con più del con 50% delle proposte prevenute. Tra le categorie in gara, spiccano tour operator/agenzie di viaggio e altri enti come Pro Loco e Associazioni (il 25% delle esperienze in gara) seguono dimore storiche/hotel/B&B/agriturismi, ristoranti ed osterie e solo in fondo musei dedicati all’olio/frantoi ipogei/uliveti storici e oleoteche. I numeri del Primo Concorso nazionale dedicato al Turismo dell’Olio promosso dall’Associazione Città dell’Olio con la direzione scientifica della prof. Roberta Garibaldi, parlano chiaro: il turismo dell’olio è un settore in forte espansione che ha nei produttori ma anche negli operatori turistici e negli organizzatori di eventi, il suo motore principale.  La distribuzione dell’offerta turistica legata all’olio ha un andamento omogeneo da nord a sud. Sono le Regioni con la maggiore presenza di Città dell’Olio ad aver strutturato percorsi ed eventi dedicati alla scoperta dell’oro verde e del paesaggio olivicolo: Toscana e Liguria in testa, Puglia e Lazio a seguire. Nelle esperienze in aziende e frantoi la partecipazione alla raccolta delle olive, in totale sicurezza e passeggiata nell’oliveta con degustazioni del prodotto vanno per la maggiore. Ma sono suggeriti anche e pic-nic tra gli olivi, visite guidate al frantoio con spiegazione delle varie fasi di produzione dell’olio extravergine di oliva. Tra gli eventi speciale molti laboratori con le scuole, per bambini ed adulti e alcuni tour culinari.

Dimore storiche, hotel, B&B e agriturismi si sono organizzate con possibilità di assistere alla raccolta delle olive ma anche con alcune idee innovative: la possibilità di adottare un olivo e riceverne, ogni anno, l’olio prodotto; pacchetti benessere a tema olio: massaggi in spa con prodotti a base di olio extravergine di oliva, esperienze emozionali a piedi nudi nell’erba, meditazione, corsi di cucina con degustazione.

Gli organizzatori di viaggi ed eventi puntano tutto sulle su attività esperienziali negli oliveti e negli oliveti monumentali. Qui il visitatore viene accolto da bevande a base di foglie di olivo e può degustare l’olio evo abbinato a prodotti del territorio. Ma ci sono alcuni elementi molto curiosi oltre la tradizionale visita ai frantoi che non manca mai, come la possibilità di fare lezioni di yoga, di assistere a performance teatrali e letture di poesie sull’olio, fare pranzo sotto gli olivi accompagnati da musiche e canti della tradizione, partecipare a corsi di ceramica decorando le oliere.

La presenza e l’utilizzo della Carta degli Oli delle aziende del territorio è il punto di forza delle proposte dei ristoranti e delle osterie. Ma accanto alle più tradizionali proposte di abbinamento olio – cibo, olio e pizza gourmet e olio nell’elaborazione dei dessert come il gelato, ci sono interessanti soluzioni come la presenza di punti vendita e oil bar all’interno del ristorante.

“Siamo molto felici della risposta entusiastica delle 115 strutture che hanno scelto di partecipare al nostro Concorso Turismo dell’Olio. È un segnale di forte interesse che nella fase iniziale di un progetto ambizioso come questo ci conferma che siamo sulla buona strada, che abbiamo avuto una grande intuizione, che c’è voglia in questo settore di investire e fare la differenza con proposte turistiche e buone pratiche in grado di coniugare qualità, sostenibilità, innovazione. Noi sappiamo che è da uno sforzo sinergico di messa a sistema di tutte le esperienze e dei tanti expertise specifici su questo tema che può nascere un grande movimento per l’oleoturismo in Italia.”

Nei prossimi giorni la giuria di esperti presieduta dalla prof.ssa Roberta Garibaldi, tra i massimi esperti italiani del settore, autrice del Rapporto annuale sul Turismo Enogastronomico Italiano, Giorgio Palmucci Presidente di ENIT, Roberto Di Vincenzo Presidente di ISNART–Unioncamere, Michele Sonnessa Presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, Nicola D’Auria Presidente del Movimento Turismo del Vino e dell’Olio, Paolo Morbidoni Presidente Federazione italiana Strade del Vino e dei Sapori, Colombe McCarthy Director Europe div.- Destinations & Adventures (Usa), Fabiola Pulieri giornalista enogastronomica e sommelier dell’olio, Alberto Grimelli direttore di Teatro Naturale, la foodblogger Alice del Re (Pane Libri e Nuvole) e la travelblogger Elisa Orlando (In giro con Piccinaccia) decreteranno la rosa dei 3 finalisti per ogni categoria. La proclamazione dei vincitori finali, con evento dedicato, è prevista nei primi mesi del 2021. Intanto il pubblico sta votando la sua preferita attraverso il sito www.turismodellolio.com, dove tutte le esperienze in gara sono visibili per la votazione fino al 6 dicembre.

Associazione nazionale Città dell’Olio

C/o Villa Parigini

Strada di Basciano, 22 – 53035 Monteriggioni (Si)

Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042

Per contatti stampa e web

Natascia Maesi – 335 1979414

natascia.maesi@gmail.com

Il Milano Fashion Global Summit

LOCANDINAIl Milano Fashion Global Summit

RUSSIAN DIGITAL FASHION DISPLAY 2020
Lunedì 30 novembre ore 20.00

Il Milano Fashion Global Summit (MFGS) è il fondamentale momento di incontro e di analisi tra i protagonisti della moda, del design, del lifestyle e della finanza a livello internazionale, nella capitale della moda. MFGS riunisce ogni anno imprenditori, top manager, designer, stilisti ed esperti per discutere e condividere opinioni ed esperienze sulle nuove opportunità e sulle sfide che tutte le componenti di questa industry strategica per il made in Italy stanno affrontando, in uno scenario in continua trasformazione.
^^^Elena IosifovaNonostante la distanza sociale e le restrizioni di questo difficile momento, la Next Generations Russa presenta alla fashion-community italiana europea e internazionale l’interessante progetto di moda RUSSIAN DIGITAL FASHION DISPLAY 2020, che sarà presentato lunedì 30 novembre prossimo alle ore 20.00, in formato digitale, con una serie di sfilate di brillanti designer e brand russi.
RUSSIAN DIGITAL FASHION DISPLAY 2020 è un ambizioso progetto di moda nato a Mosca con lo scopo di presentare al pubblico europeo la next generation russa costituita dai designers emergenti, oltre le produzioni, le aziende tessili e gli accessori, formata attraverso una selezione peculiare e dettagliata effettuata in tutto il Pese ponendo il focus su molti criteri: l’originalità dell’idea, l’unicità della collezione, la qualità e la filosofia del brand.

Elena Iosifova(1)RUSSIAN DIGITAL FASHION DISPLAY 2020 è l’evento più importante sul tema dello sviluppo industriale nella moda russa e si svolge nell’ambito del progetto internazionale “Fashion bitva” (Fashion challenge). Sei brillanti designer provenienti da tutto il paese presentano le loro migliori collezioni ed innovazioni esclusive durante la sfilata presentata su piattaforma online.
Lo scopo di RUSSIAN FASHION DISPLAY non è una semplice presentazione delle collezioni, ma un progetto importante per
promuovere la Moda Russa e la sua produzione nel quadro della un promuovere il Prodotto Moda Russo, di alta qualità, con video effettuati dalle più belle location utilizzando tecniche sofisticate, proprio per dare l’immagine migliore sulla Next Generations Russa.
Tra i partecipanti della sfilata digitale i seguenti brand e designer:
• Brand Bottega No1 (Eva Dorosh) – abbigliamento d’autore per bambini e adolescenti.
Alla Zheltukhina 1(1)• Brand Giaccata (Tatiana Nais) – un inno alla vita per una collezione di abiti.
• La designer Victoria Nadolinskaya – una collezione di abbigliamento per bambini e adolescenti moderni.
• Designer Elena Iosifova – una Bridal Capsule Collection per una diversa prospettiva di abiti da sposa.
• Il brand Klimkova Kids (Evgenia Klimkova) – un brand di abbigliamento per bambini Indaco,
• La designer Alla Jeltukhina – una collezione Kids per piccoli “guerrieri”.
Una moderna prospettiva dei talenti fashion russi, combinando l’artigianato e l’alta moda, interpretano con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, in maniera innovativa, scintillante e poliedrica che sorprenderà il pubblico declinando in armonia le collezioni couture donna con abiti casual e da sposa, collezioni ^ Bottega No1kid e capsule collection.
Le sfilate saranno in onda lunedì 30 novembre alle ore 20.00 su piattaforma web www.fashion-vibes.com.
Per info:
milano@esque.su
IG: @russian_fashiondisplay_
Tel.: +79774461193
www.fashion-vibes.com

“Patto di Spello. Per l’Enoturismo e l’Oleoturismo italiani”

LOGO + ANCOPatto di Spello. Per l’Enoturismo e l’Oleoturismo italiani”

Un accordo tra le organizzazioni italiane: Città del Vino, Città dell’Olio, Movimento Turismo del Vino e dell’Olio e Federazione Italiana Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori, per lavorare nei prossimi anni in modo sinergico nel settore dell’eno e oleoturismo.

L’accordo verrà presentato al webinar di giovedì 26 novembre con i rappresentanti delle associazioni, il Ministro alle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova e la ricercatrice Roberta Garibaldi, autrice del Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano.

Si terrà giovedì 26 novembre alle ore 10.00 il webinar dal titolo “Patto di Spello. Per l’Enoturismo e l’Oleoturismo italiani” (Per partecipare all’evento collegarsi a: https://meet.starleaf.com/4997863142/browser).

Il Patto di Spello è un accordo tra le quattro più importanti organizzazioni italiane che si occupano di turismo enogastronomico, Città del Vino, Città dell’Olio, Movimento Turismo del Vino e dell’Olio e Federazione Italiana delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori. Il patto tra questi attori, vuole dare un contributo in termini di strategie, progettualità e idee per il futuro dell’eno-oleoturismo del nostro paese e nasce con l’obiettivo di individuare terreni comuni tra i vari organismi, alimentare un dialogo propositivo con il governo nazionale e con le regioni, disegnare una strategia di settore di medio e lungo periodo.

Il webinar sarà anche l’occasione per fare il punto su ciò che è stato fatto finora e gettare le basi di una futura e costruttiva collaborazione. L’evento è organizzato dalla Strada dell’Olio e.v.o. Dop Umbria, in occasione di Frantoi Aperti in Umbria, uno degli eventi che in Italia, ventitre anni fa, è stato precursore dell’oleoturismo e del turismo esperienziale. Introdurrà l’incontro Roberta Garibaldi, docente di Tourism Management ed autrice del Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano, che darà una fotografia dello stato dell’arte del turismo enogastronomico in Italia, dando spunti sui futuri approcci da intraprendere anche a seguito dell’emanazione della legge sull’enoturismo e della imminente legge sull’oleoturismo. A concludere l’incontro sarà l’Onorevole Teresa Bellanova, Ministroalle politiche agricole, alimentari e forestali.

Il Patto di Spello, prende il nome dal borgo medievale ad alta vocazione olivicola, un piccolo gioiello dell’Umbria ricco di storia, ma anche di eccellenze agroalimentari, dove avrebbe dovuto tenersi l’incontro in presenza. Al webinar interverranno Paolo Morbidoni, Presidente della Strada dell’Olio e.v.o. Dop Umbria” e della Federazione delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori, che rappresenta oltre 80 realtà di partenariato pubblico privato nel settore del vino, dell’olio e dell’agroalimentare; Michele Sonnessa – Presidente Associazione Nazionale Città dell’olio che rappresenta i comuni italiani ad alta vocazione olivicola, Floriano Zambon – Presidente Associazione Nazionale Città del Vino, organizzazione che raggruppa comuni italiani ed Enti territoriali e che si occupa della valorizzazione e promozione dei territori del vino; Nicola D’Auria – Presidente Nazionale
Movimento Turismo del Vino e dell’Olio che raggruppa le cantine italiane
selezionate per la qualità dell’accoglienza enoturistica, Moreno Landrini – Sindaco di Spello e Roberto Morroni – Assessore Agricoltura Regione Umbria.

Per partecipare all’evento collegarsi a: https://meet.starleaf.com/4997863142/browser

Per maggiori informazioni:
info@stradaoliodopumbria.it – www.frantoiaperti.net
www.stradaoliodopumbria.it

Ufficio Stampa ADD Comunicazione ed Eventi

Michela Federici – Giornalista

Tel. 328 0079662

press@addcomunicazione.it – www.addcomunicazione.it

Giovedì 26 novembre è la Giornata internazionale dell’Olivo

olivisecolarivenafroGiovedì 26 novembre è la Giornata internazionale dell’Olivo

Città dell’Olio: con l’olivo celebriamo le nostre radici ma anche il nostro futuro

sempre più improntato ad un turismo dell’olio e ad una agricoltura sociale

Ad un anno dal riconoscimento Unesco si torna a parlare dell’olivo e il suo ruolo

“In un momento storico di grande incertezza, l’olivo simbolo universale di pace, saggezza, armonia ed espressione di una civiltà millenaria che affonda le sue radici nel Mediterraneo, rappresenta la nostra solida identità. Noi delle Città dell’Olio vogliamo rendere omaggio a questa pianta sacra, rinnovando il nostro impegno nella sua valorizzazione e promozione. Un impegno che va avanti da più di 25 anni”.

Con queste parole Michele Sonnessa presidente delle Città dell’Olio ricorda la Giornata internazionale dell’olivo, istituita il 26 novembre 2019 dall’Unesco.

Un anno fa, infatti, con una risoluzione approvata all’unanimità, il Consiglio esecutivo dell’Unesco sanciva che l’olivo contribuisce allo sviluppo economico e sociale sostenibile dei popoli ed elemento di unità e diversità di tutte le culture, trascendendo i confini e consentendo scambi tra i popoli.

“L’Unesco ha riconosciuto all’olivo il suo ruolo culturale e il suo ruolo di volano nello sviluppo delle comunità rurali. Intorno all’olivo – spiega Sonnessa – nascono le città di identità come le conosciamo oggi, che attraverso l’insieme di saperi e mestieri ad esso collegati, promuovono prodotto e paesaggio insieme. L’olivo e l’olio sono un elemento identitario a cui non possiamo rinunciare, perché parla di chi siamo e delle nostre radici. Ma è anche una leva potente di sviluppo turistico ed occupazionale, attraverso un’offerta integrata di esperienze legate all’olio improntate alla conoscenza e alla convivialità e investimenti a sostegno dell’autoimprenditorialità legata all’agricoltura sociale”.

Inoltre, questa Giornata ci ricorda che la pianta di olivo oltre ad essere un elisir di lunga vita essendo l’alimento principe della Dieta Mediterranea, costituisce una barriera ambientale efficace contro la desertificazione e la protezione contro l’erosione ed è un agente nella lotta contro il riscaldamento globale, catturando più CO2 di quanta ne emette nell’atmosfera sotto forma di gas a effetto serra durante l’intero ciclo di coltivazione e durante il processo di produzione dell’olio d’oliva. Allo stesso tempo, riconosce l’impatto del settore olivicolo sull’occupazione e la salvaguardia dell’ambiente e il conseguente contributo allo sviluppo sostenibile, nonché le virtù dell’olio d’oliva per la salute, le sue proprietà terapeutiche e i suoi benefici alimentari.

Associazione nazionale Città dell’Olio

C/o Villa Parigini

Strada di Basciano, 22 – 53035 Monteriggioni (Si)

Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042

Per contatti stampa e web

Natascia Maesi – 335 1979414 info@cittadellolio.it

Ufficio Stampa Associazione nazionale Città dell’Olio

Natascia Maesi

Spazio Art d’Or Galleria multimediale del Made in Italy

LOGO (2)Spazio Art d’Or Galleria multimediale del Made in Italy

Inaugurato SPAZIO ART d’OR, la galleria multimediale del made in Italy,
domenica 18 ottobre 2020 in via Melo 188 a Bari.
Il nuovo Spazio Art d’Or, galleria multimediale delle eccellenze del made in Italy, vuole essere una innovativa realtà internazionale composta da creativi a 360° nel campo dell’arte, della moda e del design, sede di una Factory, incubatore di nuovi talenti, che si occuperà anche di formazione con corsi didattici specializzati tenuti da noti docenti affermati nelle varie discipline che ruotano intorno alla bellezza e a tutto quello che si muove intorno al mondo della moda e dell’arte.
ARIBEA 2Il concept, ubicato in una delle strade più frequentate di Bari, a due passi dal Teatro Petruzzelli, dalla libreria Feltrinelli e dal palazzo dell’Ateneo, avrà all’interno una galleria espositiva permanente formata dalle creazioni dei designer che hanno sostenuto il progetto dalla sua nascita, progetto fortemente innovativo per la città di Bari, che mira a creare una sinergia fra le eccellenze del “fatto a mano” e del bello, un punto di riferimento per la città grazie ad una ricca programmazione di eventi culturali, mostre, laboratori, eventi moda, nuovi talenti, con l’interscambio con associazioni ed Enti pubblici, una vetrina dunque nel centro di Bari connessa ad altre realtà su tutto il territorio nazionale e internazionale tra cui Roma, Firenze, Milano, GIUSEPPE FASANO nello Spazio Art d'OrMontecarlo, Parigi, Londra, New York, nel nome della cultura e della bellezza.
Gli stilisti designer che hanno aderito al progetto di Spazio Art d’Or e che formano la squadra di creativi iniziale sono gli artisti/designers Marina e Guido Corazziari, Pietro Paradiso, Massimo Crivelli, Nicola Introna, la principessa Fabrizia Dentice di Frasso, Arianna La Terza, Napoli Couture by GianPiero Cozza, Mariella Tissone, Aribea by Ambra Blasi, AD by Antonella Delfini, Giuseppe Fasano, Peppe Volturale e tanti altri seguiranno. Un progetto supportato da una puntuale comunicazione, interviste, commenti di opinion leader, stampa. Partner dell’iniziativa Eleganza del Gusto.

Per info: Spazio ART d’OR – Via Melo da Bari,188- 70121 Bari
spazioartdor@icloud.com – mcorazziari@libero.it – cell 347 8446967
Press: Cristina Vannuzzi

Da Venezia a Roma: L’ Accademia Italiana veste le star del Cinema. Premio a Daniela Ciancio, costumista dei film di Sorrentino.

bozzetto per Claudia ConteDa Venezia a Roma: L’ Accademia Italiana veste le star del Cinema. Premio a Daniela Ciancio, costumista dei film di Sorrentino.
www.accademiaitaliana.com

Ulteriori sviluppi del progetto “Dress the Stars”, ideato dal direttore dell’Accademia Italiana Vincenzo Giubba e che vede coinvolti i giovani designer impegnati nella progettazione e realizzazione dei vestiti per le stelle del cinema. Si consolida così la partnership fra WiCA (Women in Cinema Award) e la scuola, che ha sede a Firenze e a Roma.
Dopo l’evento di Venezia, in occasione dell’ultima Mostra del Cinema, sarà adesso la Festa del Cinema di Roma ad offrire un nuovo palcoscenico agli allievi della scuola, che potranno proporre al pubblico le loro creazioni.

Domenica 18 ottobre, in occasione della 15 edizione della Festa del Cinema di Roma, Accademia Italiana sarà nuovamente protagonista con l’attrice Claudia Conte: questa volta, a realizzare l’abito per l’attrice, sarà Marianna Merafina, neolaureata del corso in Fashion design presso Accademia Italiana.
L’evento avrà luogo all’Auditorium Parco della Musica.
In quest’occasione l’Accademia Italiana premierà Daniela Ciancio, celebre costumista dei maggiori successi di Paolo Sorrentino. Sono suoi gli abiti de Il Divo, e del mitico Jep Gambardella, protagonista del pluripremiato film La grande Bellezza.
A consegnare il premio sarà Ilenia Alesse, direttrice del dipartimento di Fashion design della sede romana di Accademia Italiana, accompagnata dalla giovane stilista Marianna Merafina.

Al via la IV edizione della Naples Shipping Week

downloadAl via la IV edizione della Naples Shipping Week
La quarta edizione della Naples Shipping Week presenterà un fitto calendario di eventi scientifici e culturali promossi da Università, Enti di Ricerca e Associazioni

Manifestazione marittima di riferimento nel bacino del Mediterraneo
Tutto pronto per la IV edizione della Naples Shipping Week, il Forum Internazionale sull’innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo, che si terrà a Napoli dal 28 settembre al 3 ottobre prossimi. La settimana è da sempre un importante momento di incontro riservato alla comunità marittima nazionale e internazionale con conferenze e incontri dedicati alle novità e alle soluzioni in ambito shipping, logistica e innovazione tecnologica.
«Il Propeller Club Port of Naples insieme a Cllickutility Team, co-organizzatore della manifestazione, ha deciso di proporre nel 2020 il consueto appuntamento con la Naples Shipping Week come grande segnale di resilienza e ripartenza di tutto il cluster marittimo napoletano» sottolinea Umberto Masucci, Presidente del Propeller Club Port of Naples. «Sarà un’edizione molto interessate, con il pubblico in sala e in streaming, con una regia televisiva che assicurerà a migliaia di persone, anche fuori da Napoli e dall’Italia, la possibilità di partecipare. Tutti gli stakeholder istituzionali, oltre il comparto marittimo, sono convinti che questa edizione sarà un successo. Ringrazio infine Assoporti per aver scelto di organizzare la propria assemblea pubblica di mercoledì 30 settembre durante la nostra kermesse e a cui presenzierà, tra l’altro, anche la ministra Paola De Micheli».
Giovedì 1 e venerdì 2 ottobre il centro congressi della Stazione Marittima di Napoli ospiterà Port&ShippingTech, la main conference della manifestazione tradizionalmente dedicata al confronto tra professionisti sulle innovazioni tecnologiche d’avanguardia, che esplorerà le tematiche più attuali e innovative del settore dello shipping. Tra le sessioni affrontate per favorire lo sviluppo del sistema logistico portuale si segnalano: Green Shipping Summit, Smart Port & Logistics, Technology Trend del Settore Marittimo, Ports and Finance, Safety & Welfare, Pandemic Shipping e Cruise Turism.
La Naples Shipping Week è destinata quindi a ricoprire il ruolo di manifestazione marittima di riferimento nel bacino del Mediterraneo in questo complicato 2020. Non solo per l’audacia e la persistenza degli organizzatori, ma anche per le innovazioni di formato e di contenuto che offrirà. La presenza internazionale sarà infatti favorita dal format adottato: conferenze con un’audience mista in presenza e live streaming che, grazie alla sofisticazione delle soluzioni adottate, mutuate dal mezzo televisivo, consente l’intervento a distanza di relatori e, all’occorrenza, persino di moderatori. Completerà il tutto un servizio di traduzione simultanea che in alcune sessioni congressuali viaggerà su un canale audio-video digitale.
Per informazioni: www.nsweek.com

Harry di Prisco
Giornalista
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

Mangiacinema e Mangiamusica 2020: è qui la Festa

2cfe0533-5388-4cbb-b87f-db1df832de53Mangiacinema e Mangiamusica 2020: è qui la Festa
Da mercoledì 16 a mercoledì 23 settembre a Salsomaggiore Terme il meglio del Made in Salso, del Made in Borgo (Fidenza), delle Terre Verdiane e della Food Valley
SALSOMAGGIORE TERME (Parma) – Il cibo d’autore – quello buono, quello genuino, quello che, oltre al gusto, contiene una storia ed un’anima – è sempre stato il “cuore” di Mangiacinema – Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso, fin dalla prima edizione del 2014 dedicata a Ugo Tognazzi. Lo sarà ancora, nonostante le problematiche causate dal Covid, in questa settima edizione del Festival di Salsomaggiore Terme, ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri ed in programma da mercoledì 16 a mercoledì 23 settembre, con alcuni necessari “adeguamenti”.
“Non si terranno, per chiare ragioni, le nostre tradizionali degustazioni gratuite – afferma Negri – ma le grandi storie del gusto (raccontate nell’inconfondibile stile Mangiacinema) rimarranno centrali nella nostra Festa. E quello che è capitato nei mesi 60b25622-8b1c-4d8b-98cf-a3f6eabb46dbscorsi ci ha fatto comprendere, ancor più, quanto sia importante il rispetto di chi mette la qualità al primo posto nel proprio lavoro: sarà un ulteriore stimolo, negli otto giorni del Festival, per prendere contatti e andare a trovare i nostri artisti del gusto direttamente nei luoghi e nei laboratori nei quali quotidianamente producono”.

CIBI D’AUTORE 2020: IL MEGLIO DEL MADE IN SALSO, DEL MADE IN BORGO, DELLE TERRE VERDIANE E DELLA FOOD VALLEY
Per il Made in Salso, in primo piano ci saranno il gelato all’azoto liquido e tradizionale di Corrado e Costantino Sanelli (Gelateria Sanelli, tra le migliori d’Italia per tutte le guide), il Parmigiano Reggiano di Scipione Passeri di Paolo Butteri (Caseificio Butteri) e quello di Contignaco della famiglia Lanfredini (Caseificio Lanfredini), la pizza Mangiacinema e la pizza alta di Salsomaggiore di Luca Cattani (Ristorante Pizzeria L’Incontro), la torta fritta ed il salame nostrano di Nadia Meli e Luciano Carpena (Agriturismo Il Colore del Grano), la torta non fritta di Romina Ferrarini (Barlumeria Pandos di Tabiano).
Per il Made in Borgo (Fidenza), il Parmigiano Reggiano di Fabio Serventi (Caseificio Sociale Coduro, il migliore d’Italia per “Gambero Rosso”) e quello biologico di Giuliano Persegona (Caseificio Biologico Persegona di Pieve Cusignano), le mezze maniche di Cristina Cerbi (chef dell’Osteria di Fornio).
841000bd-a49f-46bb-ae49-7cc82fd61dfaPer le Terre Verdiane, le dolci delizie di Angelo Pezzarossa (Nuova Pasticceria Lady di San Secondo Parmense), il pregiato extravergine di Francesco Coppini (Coppini Arte Olearia di San Secondo Parmense), i vini guareschiani (più una barbera a sorpresa) di Luca Bergamaschi (Cantine Bergamaschi di Samboseto di Busseto), il salmone di Gianpaolo Ghilardotti (Foodlab di Polesine Parmense).
Per la Food Valley, la monoporzione Mangiacinema del maestro pasticciere Alessandro Battistini (Pasticceria Battistini di Parma), il Cotto ’60 (miglior cotto italiano per “Gambero Rosso”), la Spalla ’60 e una novità di queste ultime settimane di Franco Branchi (Branchi Prosciutti di Felino), i vini premiati a Vinitaly di Federico Amadei (Azienda Vitivinicola Amadei di Fontanini di Parma).

SHOW COOKING, CHEF E VISITE GUIDATE
Inoltre il pubblico potrà assistere agli show cooking di Daniele Persegani (chef de “La prova del cuoco”), Nadia Meli (Agriturismo Il Colore del Grano), Cristina Cerbi (Osteria di Fornio), Corrado e Costantino Sanelli (Gelateria Sanelli), Alessandro Battistini (Pasticceria Battistini), Gianpaolo Ghilardotti (Foodlab).
È prevista, poi, la partecipazione straordinaria di Nicola Bertinelli (presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano), Mario Marini (presidente dei Musei del cibo della provincia di Parma e chef)
Sandro Piovani (responsabile dell’inserto “Gusto” della “Gazzetta di Parma”).
Infine, nei quattro caseifici (Butteri, Lanfredini, Coduro e Persegona) si potranno effettuare visite guidate su prenotazione.

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI
NORMATIVA ANTI-COVID E MODALITÀ DI ACCESSO AL FESTIVAL
Il Festival si svolgerà in sicurezza nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Tutti gli eventi di Mangiacinema e Mangiamusica – Mangiacinema Edition sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti a sedere disponibili, con accesso consentito 30 minuti prima di ogni evento. Vietato l’ingresso a evento in corso. I posti saranno distanziati di un metro per tutti, ad esclusione dei congiunti. Obbligatorio l’uso della mascherina in tutti gli spazi del Festival.
Per accedere alle Terme Berzieri, il pubblico utilizzerà l’ingresso laterale dell’edificio.

I PARTNER DI MANGIACINEMA E MANGIAMUSICA 2020
Main partner della settima edizione di Mangiacinema (che ospiterà al proprio interno anche la quinta edizione di Mangiamusica) è Gas Sales Energia. Tra i media partner, Film Tv, Radio 24 (con il programma “La rosa purpurea” di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), Gazzetta di Parma, Italia a Tavola, Gusto24H. Il Festival si svolge con il sostegno di Comune di Salsomaggiore Terme, Consorzio Terme Berzieri e Cinema Odeon.
I Premi Mangiacinema 2020 sono opera dell’artista Lucio Nocentini.

A Lamberto Bava e a Claudio Simonetti il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi

62dfb23b-e6ee-43d2-a6eb-9e343932d19cA Lamberto Bava e a Claudio Simonetti il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi
L’autore di “Dèmoni” festeggia 40 anni di carriera da regista, i 35 anni del suo cult del 1985 e presenta in anteprima nazionale il suo nuovo libro “Il terzo giorno”
Il fondatore dei Goblin celebra i 45 anni di “Profondo rosso” e regalerà ai fan un live “da paura”
SALSOMAGGIORE TERME (Parma) – Una serata da incubi (per il genere cinematografico che entrambi i maestri rappresentano), ma soprattutto una serata da sogno: con due nomi che hanno fatto la storia del cinema horror e del cinema fantastico, amici da una vita, pronti a dividere lo stesso palco tra anniversari dei loro capolavori, anteprime assolute e, soprattutto, la consegna del Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi. Tra gli eventi più attesi di Mangiacinema – Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, Festival ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri, la cui settima edizione si terrà a Salsomaggiore Terme dal 16 al 23 settembre, c’è senza dubbio la serata “Il mio cinema fantastico, le mie note di paura” con Lamberto Bava e Claudio Simonetti. L’evento si terrà venerdì 18 settembre Terme Berzieri.

9dfc9caf-a1ee-4bea-89f1-642eda33db1bBAVA FESTEGGIA QUARANT’ANNI DI CINEMA FANTASTICO
L’esordio “vero”, come regista, di Lamberto Bava avviene nel 1980 con “Macabro”. Negli anni precedenti era stato al fianco del padre Mario, maestro del cinema tra i più studiati al mondo, girando alcune scene di “Schock” (1977) e del film per la televisione “La Venere d’Ille” (1978). “Macabro” è prodotto e co-sceneggiato da Pupi e Antonio Avati.
Nell’anno in cui il Festival di Salsomaggiore assegna il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi a Pupi Avati, lo stesso riconoscimento viene consegnato a Lamberto Bava, che festeggia quarant’anni da regista. Bava presenterà in anteprima assoluta il suo nuovo libro “Il terzo giorno” (Cut-Up) ed introdurrà la visione del suo capolavoro “Dèmoni” (1985), di cui ricorre il trentacinquesimo anniversario. L’imperdibile evento sarà condotto da Gianluigi Negri e della regista Paola Settimini.
La sera prima, giovedì 17 settembre, sempre alle Terme Berzieri, verrà proiettato il documentario “Bava puzzle” di Daniele Ceccarini e Paola Settimini, con testimonianze, tra gli altri, dello stesso Bava, Pupi e Antonio Avati, Alessandra Martines, Erika Blanc, Veronica Logan.

SIMONETTI E I 45 ANNI DI “PROFONDO ROSSO”
Nel 2018 ha aperto la terza stagione di Mangiamusica, al Teatro Magnani di Fidenza, con lo straordinario show “Brividi d’Argento”. A distanza di due anni (e con un paio di tour mondiali in mezzo), Claudio Simonetti è ora uno dei grandi nomi di Mangiamusica 64b292a9-7ab5-440e-bb5b-d014b356d317– Mangiacinema Edition.
Simonetti ritirerà il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi e, insieme a Bava, racconterà la sua straordinaria carriera. Trentacinque anni fa ha realizzato le indimenticabili musiche di “Dèmoni”. E dieci anni prima, con il gruppo dei Goblin che aveva appena fondato, l’album “Profondo rosso”. A Mangiacinema festeggerà, dunque, i 45 anni di un disco epocale, che ha venduto la bellezza di quattro milioni di copie nel mondo.
Con un record tuttora ineguagliato, Claudio Simonetti ed i suoi Goblin rimasero al primo posto della Hit Parade per sedici settimane. E, alla diciassettesima, storia incredibile, venne scalzato dal padre Enrico Simonetti, indimenticato compositore e pianista, con il 45 giri di “Gamma”, storico sceneggiato Rai.
Il pioniere della musica progressive rock e della dance italiana anni ’80 (sue le note di “Gioca jouer” di Cecchetto), prima della proiezione di “Dèmoni”, sarà protagonista di uno spettacolare live “da paura”, con le musiche più spaventose – eseguite sulle scene dei film proiettate sul grande schermo – che ha composto per Bava, per Dario Argento (oltre a “Profondo rosso”, “Suspiria”, “Phenomena” e “Opera” tra i tanti) e per George A. Romero (“Zombi”).

I PARTNER DI MANGIACINEMA E MANGIAMUSICA 2020
Main partner della settima edizione di Mangiacinema (che ospiterà al proprio interno anche la quinta edizione di Mangiamusica) è Gas Sales Energia. Tra i media partner, Film Tv, Radio 24 (con il programma “La rosa purpurea” di Franco Dassisti, da sempre al fianco di Mangiacinema fin dalla prima edizione del 2014), Gazzetta di Parma, Italia a Tavola, Gusto24H. Il Festival si svolge con il sostegno di Comune di Salsomaggiore Terme, Consorzio Terme Berzieri e Cinema Odeon.
I Premi Mangiacinema 2020 sono opera dell’artista Lucio Nocentini.

Una tavola lunga come un… museo

119609386_2701966723376065_6132932761821131555_nMancano solo pochi giorni all’inaugurazione della mostra “Una tavola lunga come un… museo” realizzata grazie al contrubuto di tanti amici che hanno seguito i nostri laboratori online durante il lockdown e ci hanno mandato degli splendidi disegni. L’esposizione sarà visitabile all’interno del Museo del Parmigiano Reggiano a partire dalle 15 di sabato 19 settembre. Per l’occasione l’ingresso al Museo sarà gratuito per tutti e, dopo la presentazione della mostra, sarà possibile partecipare al gioco “Un safari al museo”. Per info e prenotazioni: didattica@museidelcibo.it – 0524 507205.Vi aspettiamo!!! https://www.museidelcibo.it/event/19-settembre-sabato-museo-del-parmigiano-reggiano-una-tavola-lunga-come-un-museo/

Eccellenza di Toscana , prova di fiducia nel futuro

858e0da6-7104-437a-9ed9-1bd50ed9b8d9Eccellenza di Toscana , prova di fiducia nel futuro

Il 5 e 6 dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze

Il mondo dei produttori e delle associazioni plaude all’iniziativa di Ais Toscana, che mira a ricostruire con il primo evento aperto al pubblico del post Covid la strategica rete di relazioni tra imprese, sommelier, ristoratori e winelovers

Coraggio, strategia, tenacia, perseveranza e audacia le parole chiave che AIS Toscana ha scelto di mettere insieme per raccontare la propria fiducia nel futuro ed in particolare nella prossima edizione dell’Eccellenza di Toscana, la manifestazione in programma il 5 e 6 dicembre prossimi alla Stazione Leopolda di Firenze. Se ne è parlato ieri 3ea61e8f-c2d4-4246-bff5-6060a8940ccfpomeriggio in una tavola rotonda “online” sul canale Facebook dell’associazione, insieme ai partners che saranno al fianco di AIS Toscana in questa avventura. Cinque interventi, ciascuno ispirato da uno dei cinque elementi che imprescindibilmente si concatenano affinché quella fiducia nel futuro possa trasformarsi nella concreta riuscita di un evento alla cui base c’è una grande prova di coraggio.
Quella di AIS Toscana di ritornare alle origini, riportando alla Stazione Leopolda un evento dedicato esclusivamente al mondo del vino, a cui hanno risposto positivamente tanto le Istituzioni quanto il mondo delle associazioni di rappresentanza. A condividere questo ambizioso progetto sono infatti la Regione Toscana in primis con la Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale e la Camera di Commercio di Firenze come partner istituzionali, mentre ci sarà Confartigianato Firenze a rappresentare il mondo delle imprese artigiane.

“Quello che stiamo compiendo con l’Eccellenza di Toscana – ha spiegato il Presidente di AIS Toscana Cristiano Cini – è un gesto di coraggio verso i produttori e verso chi muove il valore economico della nostra Regione. Coraggio di organizzare il primo grande evento ufficiale del mondo del vino nel centro Italia dopo l’emergenza Covid, per far tornare produttori, pubblico e la rete di partner storici dell’associazione. Vogliamo contribuire alla ricostruzione di questa comunità di relazioni, in cui AIS Toscana ha avuto da sempre un ruolo determinante. Siamo 4.100 soci, la realtà italiana di AIS tra le più numerose, quasi il 10% dei 43.000 a livello nazionale e questo conferma che 333b32ef-768d-410e-ae3a-6c6be14ebe4dabbiamo una buona struttura a sostegno di un progetto così importante. Vogliamo esserci – ha aggiunto Cini – per testimoniare l’importanza di investire sul futuro che deve tornare ad essere roseo il più velocemente possibile. I produttori hanno voglia di tornare a raccontare quello che fanno in vigna ed in cantina – ha concluso – e l’Eccellenza di Toscana sarà la prima grande occasione per tornare a parlare di vino, nel pieno rispetto delle regole anti Covid”.

L’impegno a fare della manifestazione di AIS Toscana un evento in totale sicurezza è stato ribadito anche dalla Responsabile Commerciale della Stazione Leopolda Giulia Lemme, che ispirandosi al concetto di tenacia ha assicurato che “i protocolli di sicurezza sviluppati per gli eventi in questo spazio hanno come obiettivo principale quello di evitare assembramenti ed è con la garanzia di offrire un servizio nella massima sicurezza possibile che confermiamo il nostro piacere ad ospitare nuovamente AIS e l’Eccellenza di Toscana”.

Il momento è delicato e in un contesto così variabile nel giro di poco tempo uno degli asset fondamentali da perseguire è l’adozione di una strategia che permetta di tenere comunque accesi i riflettori sulle grandi eccellenze gastronomiche della Toscana. “I nostri prodotti– ha spiegato il Segretario Generale della Camera di Commercio di Firenze Giuseppe Salvini – sono diventati un fenomeno economico importante: 58 denominazioni che sono uno straordinario strumento di marketing, capace di attrarre insieme al nostro patrimonio artistico milioni di turisti ogni anno. I sommelier di AIS Toscana – ha aggiunto – sono straordinari ambasciatori della toscanità nel mondo e questo è già un buon motivo per sostenerli nella coraggiosa scelta che hanno compiuto. Sono sicuro che la presenza fisica di tanti degustatori alla fine premierà questo coraggio”.

Insieme al coraggio, alla tenacia e ad una buona strategia, un altro ingrediente fondamentale per costruire un clima di fiducia nel futuro è senz’altro la perseveranza. “Quella del fare squadra, che oggi più che mai si rivela fondamentale – ha sottolineato il Presidente di Confartigianato Firenze Alessandro Sorani – nella nostra identità artigianato e vino viaggiano in parallelo, ci connotano come territorio e sono espressione di una bellezza rara. Saremo presenti anche noi all’Eccellenza di Toscana con una tipologia di artigianato particolare: il cibo da strada, una tradizione culinaria che persevera sulla tavola dei toscani da secoli e, contestualmente, si profila come espressione di contemporaneità”.

In tutto questo, non può mancare quel pizzico d’audacia conferita dai produttori, oggi più che mai interessati a ristabilire un contatto diretto con il pubblico dopo il distanziamento forzato. “Questo tipo di manifestazioni ci aiutano – è intervenuto Maurizio Mazzantini dell’Azienda Marzocco di Poppiano – perché valorizzano le eccellenze del territorio e siamo onorati di poter dare il nostro contributo. L’annata non è stata facile ma è proprio in questi contesti che si misura l’audacia: facendo investimenti in un periodo di flessione per potersi trovare, nel momento della ripresa, più avanti degli altri. Questo significa crederci”.

Ufficio Stampa AIS Toscana

Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini
marzia.morganti@gmail.com ph 3356130800
ntempestini@gmail.com ph 3398655400
ufficio.stampa@aistoscana.it; www.aistoscana.it

L’Eccellenza di Toscana

L’Eccellenza di Toscana
Copyright © 2020 AIS Toscana,

Modena riparte da Acetaie aperte

3fc2141f-9592-4ce3-903f-acede0a3e9e1Modena riparte da Acetaie aperte

Domenica 27 Settembre in 30 acetaie della provincia

Con tutte le prescrizioni di sicurezza anti Covid-19, l’evento dedicato all’Aceto Balsamico di Modena IGP e all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, dà appuntamento ai foodie per una giornata alla scoperta dei segreti del prezioso condimento

Acetaie Aperte scalda i motori dell’edizione 2020. Un appuntamento più che mai carico di significati simbolici, quello con la manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP e dal Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, che domenica 27 settembre si erge con 30 acetaie della provincia modenese a baluardo della ripartenza, dopo il lockdown per l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

Ecco allora che tra i programmi delle singole acetaie si leggono percorsi degustativi accompagnati da passeggiate nei vigneti, da una vendemmia dei piccoli e da dimostrazioni di cottura del mosto, con musica dal vivo, punti ristoro e merende a base 3bf51ac4-833f-453c-9602-2697027ce009di specialità tipiche del territorio, dal Lambrusco alle crescentine, fino alle crostate con marmellate di frutti antichi.

Un solo consiglio per chi il prossimo 27 settembre sceglierà di trascorrere la propria giornata tra le Acetaie Aperte: indossare scarpe comode, ed intraprendere scevri da altri pensieri questi viaggi sensoriali attraverso i profumi ed i sapori del territorio. In tutta sicurezza e rispettando le regole di distanziamento interpersonale si assaggia, ci si informa con le visite guidate in cui ci viene spiegata la filiera produttiva passo passo – su prenotazione per garantire l’accesso ai locali a piccoli gruppi alla volta – e alla fine ci si può anche cimentare a mettere in pratica le proprie conoscenze divertendosi con il Balsamiquizz o un’originale Caccia al Tesoro Balsamico che, proprio in base alle nozioni apprese durante la visita in acetaia, richiederà di risolvere enigmi e rispondere a quiz balsamici per poter raggiungere la meta finale.
balsamici per poter raggiungere la meta finale.

E infine, per testimoniare la propria presenza in questa giornata di festa diffusa, si potrà scattare un #selfieinacetaia e partecipare all’omonimo contest, diventando testimonial per un giorno di questo prodotto di eccellenza che più di ogni altro rappresenta nel mondo il Made in Italy agroalimentare.
Informazioni dettagliate su programmi, modalità di accesso ed indirizzi delle singole acetaie, tutte a ingresso libero, sono disponibili al sito www.acetaieaperte.com.

Ufficio Stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP e Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel. 335 6130800 mail: marzia.morganti@gmail.com
www.consorziobalsamico.it

Acetaie Aperte 2020

Visite in acetaia

Un assaggio di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP

Villa delle Rose, estate 2020. Venerdì 3 luglio inaugurazione ristorante Asian Lounge, sabato 4 special guest Sylvain Armand

francesco totti con massimo buffagni @ villa delle rose crediti luca rossetti webresVilla delle Rose, estate 2020. Venerdì 3 luglio inaugurazione ristorante Asian Lounge, sabato 4 special guest Sylvain Armand

Entra sempre più nel vivo l’estate 2020 della Villa delle Rose di Misano Adriatico, che venerdì 19 e sabato 20 giugno ha inaugurato la stagione estiva alla  presenza delle telecamere di Rai e Mediaset e che lo scorso fine settimana ha avuto autentici  ospiti a sorpresa Ilary Blasi e Francesco Totti, in vacanza tra Romagna e Marche e che non hanno mancato di trascorrere una serata alla Villa.

francesco totti e ilary blasi con tanja monies @ villa delle rose crediti luca rossetti webresIl luglio della Villa delle Rose inizia  venerdì 3 luglio con l’inaugurazione del suo ristorante  Asian Lounge, un concept nuovo, creato dalla Direzione della Villa delle Rose e che si richiama con eleganza e stile alle specialità del Far East (sushi e non soltanto) e gode di un servizio premium grazie ad una carta di cocktail esclusivi.  Sabato 4 luglio ospite speciale il dj e produttore svedese  Sylvain Armand, da anni guest resident del locale romagnolo.

asian lounge @ villa delle rose foto 01Anche questa estate la Villa delle Rosa è consapevole di rivestire un ruolo da protagonista nel panorama italiano e internazionale dell’intrattenimento serale e notturno, sempre coerente con sé stessa e sempre in punta di piedi, senza mai cedere a mode frivole e passeggere. Perché la Villa è sempre la Villa.

Le  foto di Francesco Totti e Ilary Blasi alla Villa  (rispettivamente con Tanja Monies, direttrice artistica e vocalist della Villa e con Massimo Buffagni, uno dei titolari del locale romagnolo) e del ristorante  Asian Lounge.

 

Villa delle Rose
Via Camilluccia 16
Misano Adriatico (RN)
infoline 393/5027597
www.villadellerose.net

dottor
Daniele Spadaro
press agent
mobile +39.335.6262260
skype danielespadaro1
www.spadaronews.co.uk

Cena con Delitto al Ristorante Le Querce di Pieve d’Olmi (CR)

81095068_10157202636333143_3902475708269592576_oCena con Delitto al Ristorante Le Querce di Pieve d’Olmi (CR)

Scopri il gusto di una Cena con Delitto al Ristorante Le Querce di Pieve d’Olmi (CR) e trascorri una straordinaria serata all’insegna del giallo e del divertimento!

Ristorante Le Querce
Strada Provinciale 26
26040 Pieve d’Olmi (CR)

Sabato 1 Febbraio 2020 – Ore 20:30 (Sold Out)

Prezzo: 25 Euro (cena + spettacolo)

Menu
ANTIPASTO
82066992_10157202639538143_6410371661467484160_oCulatello e Strolghino di Zibello Giardiniera
PRIMO
Penne al Culatello
SECONDO
Culatello al Forno
CONTORNO
Patatine al Forno
DESSERT
Salame di Cioccolato con Crema di Mascarpone
Caffè

Bevande escluse

Info & prenotazioni:
Telefono: 0372-626341
Mobile: 334-7740437 (Stefano)
Email: info@cena-con-delitto.com
Website: www.cena-con-delitto.com
Website: www.showhouseliveclub.it

Puoi prenotare telefonicamente, per mail o attraverso il sito e pagare comodamente al ristorante la sera dell’evento.

Lo spettacolo è interattivo e prevede l’assegnazione di ruoli e costumi a componenti del pubblico.

Metti alla prova le tue doti intuitive e diventa investigatore per una sera!

Clicca qui per maggiori dettagli sull’evento del 1 Febbraio 2020:
http://www.cena-con-delitto.com/content/cena-con-delitto-1-febbraio-2020-pieve-dolmi-cr