Il vino e la terra, l’arte per comunicare

Alberto-Antonini enologoIl vino e la terra, l’arte per comunicare

Nella cornice incantevole dell’azienda agricola Pratesi, nel mezzo delle vigne pronte per la prossima vendemmia, si é tenuto il meeting di apertura del Lions Club Sesto Fiorentino in condivisione con Lions Poggio a Caiano Carmignano.

La serata ha avuto lo scopo di raccogliere fondi per la Fondazione LCIF, “braccio destro” del Lions nello svolgere servizio umanitario. Quest’ultima, avendo una estensione mondiale, sostiene campagne di prevenzione rivolte alle masse (morbillo, diabete), progetti per migliorare la qualità della vita delle persone (interventi medici contro cataratta, lotta alla fame e alla sete), formazione dei giovani e sostegno in caso di calamità (alluvioni, terremoti).

1° evento Lions Club Sesto Fiorentino e I MediceiLe parole del presidente Simone Amati: in accordo con Lc Poggio a Caiano abbiamo deciso di sostenere la LCIF, proprio recentemente impegnata con le popolazioni delle Bahamas dopo il disastro dell’uragano Dorian. La fondazione nel tempo ha fatto molto per l’Italia, sostenendo i terremotati dell’Abruzzo, gli alluvionati della Liguria e di Livorno ed ultimo l’ospedale Meyer per un progetto di oncologia pediatrica. Prossimo appuntamento il 14 Ottobre con la Cena della Legalità con lo chef Filippo Cogliandro, alla quale parteciperanno 6 Clubs Lions.

La serata si é aperta con la visita dell’azienda agricola Pratesi, attiva da 5 generazioni. Fabrizio Pratesi, presidente del Consorzio Carmignano DOC, durante la serata ha fatto degustare i propri vini accompagnandoli alle portate.
I relatori della serata sono stati Elisabetta Rogai e Alberto Antonini.

70227025_266603754298204_9035893832461320192_nL’Artista Elisabetta Rogai è famosa per la sua multiforme manualità, arte e tecnica, dipinge infatti, oltre che su canvas, sul marmo bianco di Carrara e sul jeans ma è innegabile che con la sua EnoArte è riuscita ad incentivare l’intersezione tra la strada dell’arte e quella dell’enologia, le sue ispirazioni vengono direttamente dalla terra Toscana, patria di territori antichi e suggestivi, culla della nuova enologia italiana che ha visto i vini toscani, sia del Chianti che della costa Toscana, arrivare nell’olimpo dei migliori vini del mondo e dare il via allo stile definito Supertuscan.
Alberto Antonini, enologo di esperienza internazionale, ha esordito raccontando le origini della sua professione, che risalgono agli anni 70, quando veniva considerato come un “visionario”. In realtà, nel tempo, ha accompagnato il processo che ha visto il vino passare da semplice bevanda da consumare a tavola ad autentica esperienza culinaria. Oggi il ruolo principale dell’enologo è quello di “comporre” un mosaico di elementi che partono dalla terra ed giungono alla bottiglia finita, ma dove la materia prima e la conoscenza del territorio restano gli elementi principali.
Il consiglio di Antonini è di approcciarsi al vino “basandosi più sulle sensazioni che si provano e sulle preferenze del proprio gusto” rispetto al blasone delle case produttrici o il parere dei degustatori di vini.

Hanna Moore Milano Fashion Week

4Hanna Moore Milano Fashion Week
17/23 settembre

Prende il via la Milano Fashion Week, 17/23 settembre 2019, una vetrina internazionale da parte dei principali player del settore moda, rivolto non solo ai grandi brand, ma anche agli emergenti e alle piccole e medie imprese del made in Italy.
Fra le aziende emergenti Hanna Moore Milano, la giovanissima linea Fashion Couture dell’imprenditore Gianfranco Unione, che presenta al MFW la sua linea fashion fatta di accenni e particolari couture che pongono il brand all’attenzione del pubblico dando il benvenuto e accompagnando gli ospiti, buyers e media in un mondo olfattivo ricco di emozioni e arte presentando la speciale fragranza creata proprio per la MFW, un profumo che é emozione, é ricordo… ed é proprio questo l’intento dell’Azienda, Le Desir by Hanna Moore Milano, per dare vita e memoria ai nostri spazi quotidiani tramite l’ imprinting personale della fragranza.
La nuova collezione Hanna Moore Milano Spring Summer 2020 celebra un ritorno al glamour femminile declinato in chiave contemporanea, una narrazione degli anni ’60 e 2’70 da indossare, in chiave contemporanea rivisitata in maniera leggera e moderna, infatti la nuova collezione che si ispira alla Dolce Vita, un vero e proprio tuffo in quegli anni dove a Roma esplodeva la voglia di vivere e di godersi la bellezza. L’imprinting di questa collezione sono il colore e la fantasia perché meglio rappresentano la positività che si viveva in quel periodo, il daywear viene liberato da soluzioni prevedibili per renderlo uno stile personale, eccentrico, fuori dagli schemi.
Tra il romanticismo dei tessuti fioriti e un’attitudine al protagonismo si rivela il carattere di una donna che sa distinguersi, sceglie e mescola i riferimenti che comunicano meglio la sua personalità, raccogliendo l’incoraggiamento a osare l’imprevisto e l’insolito per esprimersi con una moda svincolata da regole. E’ una vera Regina di Fiori, la donna Hanna Moore, lo stile del suo pigiama di seta fa la sua apparizione sulle passerella dell’Estate 2020 in mezzo ad abiti e caftani dai colori vivaci e ispirati alle vacanze degli anni Sessanta, il bianco e il nero e i tessuti fioriti dominano sulla passerella milanese, conferendo alle modelle classe e determinazione fortemente contemporanea, l’incursione delle tonalità del bianco addolcisce rigorosi tailleur pantalone, mentre la sera si accende di luminosi e cangianti tessuti, raffinati e seducenti, sottolineando la doppia anima di una donna che ama l’imprevisto e si muove con disinvoltura e charme dal giorno alla notte.
Per info: Hanna Moore Milano
Press: cristina.vannuzzi@gmail.com

Il “Phon Party”quando l’evoluzione diventa rivoluzione per la MFW2019

Team Phon Party VogueIl “Phon Party”quando l’evoluzione diventa rivoluzione per la MFW2019

Un mix tra Beauty & Fashion
Il 18/09/2019
A Milano presso Vogue Parrucchieri
Dalle ore 18,00 alle 21,00
In via Buenos Aires 25 (Porta Venezia)
Un appuntamento imperdibile durante la Milano Fashion Week, il primo “Phon Party” che vede come official partner, una delle aziende leader del settore, la Parlux Spa. L’incontro più Glamour della settimana della moda, portato presso il Salon di bellezza “Vogue Parrucchieri” di Isabella Corrado in Via Buenos Aires 25, a Milano. Il tutto nasce da un’idea di Gabriella Chiarappa la manager del fashion direttore de “Le Salon de la Mode”, che ha pensato ad un evento divertente dove gli ingredienti sono l’essenza della ricerca e dell’innovazione, per un FlaviaB fotoappuntamento esclusivo dedicato a tutti gli appassionati del mondo hair, fashion, beauty e non solo. Il tutto in piena sinergia con il mondo del fashion e brand made in Italy di alta gamma che per l’occasione presenteranno la nuova collezione S/S 2020. Un impeccabile performance di designer selezionati da uno staff tecnico incanteranno i presenti, tra i quali: FlaviaB della stilista Flavia Ballarini, presenta la capsule “Soffio”con abiti scivolati di manifattura altamente pregiata in cotone Makò, caftani, tuniche, caban, spesso abbinati a pantaloni, mini twin set; il mondo meraviglioso delle pietre dure di “Nabel” Jewels di Barbara Fiorani fondatrice del brand.  Le sue creazioni sono realizzate in pietre dure (semi preziose) e resine, per poi fondersi nell’argento, nel rame e in altri metalli. Tra gli accessori che fanno tendenza, troviamo i cappelli della modista Pamela Castiglia. Una creativa che per amore e per passione, decide di regalare sogni ed emozioni con le sue inimitabili creazioni. La bottega d’arte Anomisa Roberto Novaresedell’artista Simona Ciari, produce gioielli unici realizzati con l’antica tecnica orafa Fiorentina della cera persa, ogni gioiello è una scultura in miniatura in serie limitata. Chiara Derosas Design è qualità e originalità, è il punto dove la tradizione sarda incontra l’innovazione, l’artigianato e la tecnologia si fondono per dare vita ad un sogno. Roberto Novarese uno stilista dall’anima poliedrica, un vero e proprio artista dallo spirito libero che riesce a mixare arte, fotografia e l’idea di lusso nelle sue creazioni. Eleganza Amarilli fascino e originalità per le pantofole da indossare nelle occasioni speciali, materiali ricercati e raffinati e tacco elegantissimo. I foulard di J’Etrès, opere d’arte senza stagione, tessuti ricercati e rielaborati per collezioni uniche, seta pura e cashmere in colori a contrasto, il design italiano dal gusto internazionale unito all’arte e alla ricerca dei materiali ricercati. Le Gabrielle di Gabriella Sala, calzature uniche realizzate a mano, in vero legno di faggio o tiglio e poi rivestite in pelle, rielaborazione dei tradizionali zoccoli in legno di ispirazione nordeuropea. DebbyDG nasce dall’idea creativa di Debora Di Gallo, la giovane stilista in questa mini capsule, punta sulla semplicità e l’eleganza, uno stile che rinnova l’espressione del classico tubino evergreen.
DebbyDGIn questo primo appuntamento tante le sorprese e le novità, gli ospiti saranno coinvolti ad interagire con lo scatto più glamour, ad allietare il tutto un Dj set con musica lounge e un “cocktail drink” accompagnato da irresistibili prelibatezze. Fantastici premi e per il vincitore “l’acconciatura più originale dell’anno” un Phon di ultima generazione Parlux Alyon. Tante sorprese, per dare inizio alla prima edizione di questo irrinunciabile appuntamento. All’evento si potrà accedere solo su invito, presenza di personaggi televisivi, stampa e tv nazionali. Quindi che aspettate, i vincitori potreste essere voi…
Si ringraziano per il contributo tecnico: Garden Flover di Verona, Anna Tellini Telaio a mano, servizio catering Eden Caffe srl
Fotografo: Abhram Caprani
Make up: Adriana Gheorghita, Lili Tugui

Press Office
Le Salon de la Mode
Per Info: phonparty.list@gmail.com

Quando i colori dell’arte russa dettano legge sulla moda

DARIA FEDUNOVA 1Quando i colori dell’arte russa dettano legge sulla moda

Milano Fashion Week
Fashion Vibes, Milano, 17 settembre 2019
Fabbrica del Vapore
Via Giulio Cesare Procaccini 4
WhiteBalanceSpace

“Sostenibilità” e “Internazionalizzazione” tema della Milano Fashion Week 2019 in una Milano frenetica e vitale, tra strade cittadine dove circolano personaggi variopinti e modelle in cerca di casting, allestimenti fantastici per la grande kermesse della Milano Moda Donna che fa diventare la città un grande VALIOSAcontenitore di idee con un calendario che quest’anno prevede 58 sfilate, 110 presentazioni e 54 eventi per un totale di 170 collezioni, evento supportato da un maxi schermo in piazza San Babila con le sfilate in streaming.
E fra tutti l’evento cool, la moda dall’Est per Fashion Vibes, un RunWay Show, itinerante in Italia e in Europa, Arte e Internazionalizzazione, per un connubio perfetto, quello creato da Juliia Palchykova formidabile cool hunter russa, abile e lungimirante per dare agli eventi che organizza una moderna prospettiva della moda combinando l’artigianato e l’alta moda, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, in maniera innovativa, scintillante e poliedrica, magnetica e creativa.
Una sfilata glamour di abiti pensati per durare e non fare spettacolo, quelli di Oksana Kosareva, puliti, lineari, quasi ascetici, un brand innovativo che la vedono visionaria, ricca di significati ed invenzioni, forse di sogni. A seguire sulle passerelle la linea Daria Fedunova disegnata da Daria Fedunova, ricca di allusioni e colori, la stilista dà delle indicazioni, mixando la grafica con i motivi floreali, integrando nel design i riferimenti ai lavori degli artisti dell’Art Deco, balletto russo e ai grandi astrattisti ed innovatori del secolo scorso.
PAVELL’immagine della collezione e ispirata ai protagonisti della Commedia dell’Arte dando ai suoi capi il compito di far dialogare corpo e abito, usa strumenti emozionanti della sua creatività, che la fanno diventare, con le sue ispirazioni, sicuramente una Stlista/Artista.
Una saggia follia, quella di Pavel Paris, un brand giovanissimo, visionario, che propone la felpa casual easychic come oggetto cool degli outfit e nuovo diktat della moda, che non perde di vista la comodità, la classe, il glamour. Tornata e fa da protagonista tra gli outfit glam con scritte, motivi floreali, stampe, il nuovo diktat della moda sfiziosa e d’impatto per un pazzo e divertente caledoscopio di colori
Sfila anche la Collezione SS 2020 del brand Dianova Natalya Brand, designer Dianova Natalya, una collezione creata nello stile sportivo chic, privilegiando l’incontro della bellezza con il comfort e funzionalità, dai dettagli audaci fili a contrasto, strisce di tessuto impermeabile, inserti stampati, rivetti, chiusure a tracolla, cimosa, accessori che hanno il carattere di una eroina appena uscita da un film degli anni 80.
Infine Valiosa, designer Svetlana Pereyaslavtseva, una collezione per una donna dei nostri tempi, iperimpegnata, ma sempre perfetta, con stile, nei suoi mille impegni di lavoro, abiti easy chic realizzati in tessuto naturale, giacche bomber double face personalizzate da dettagli, alta qualità nella esecuzione di una collezione realizzata presso la propria fabbrica a Mosca.

NATALIA DIANOVAFashion Vibes, un scelta intelligente, quella dell’organizzatrice Jiuliia Palchykova, il giusto orientamento di questo piccolo pool di aziende arrivate dall’Est che si presentano alla Milano Fashion Week, un piccolo manipolo di giovanissimi stilisti, bravi e preparati, creativi, geniali, con produzioni eseguite in Russia, per ridefinire una femminilità fatta di sottile glamour enfatizzato dai tagli sapienti, particolari fatti di stile, tessuti naturali, rigore, dettagli che conducono ad una sartorialità nuova, inedita, da scoprire…..dalla Russia con style!
Per info:
press.fashionvibes@gmail.com
IG @fashionvibesmilano

www.fashion-vibes.com

Galà sotto le stelle

locandinaGalà sotto le stelle

Mercoledi’ 18 settembre 2019 ore 19.30
A Bari a Villa De Grecis Via delle Murge 63

Galà sotto le stelle, evento charity che abbina la moda all’arte, il gioiello design alla musica con la finalità di fare del bene, appuntamento mercoledi’ p.v.18 settembre 2019 dalle ore 19.30 a Bari nella splendida cornice del Giardino d’Inverno di Villa De Grecis residenza storica tra le più suggestive della città.

Evento speciale finalizzato esclusivamente alla raccolta di fondi in favore dell’Associazione Unipancreas del Prof. Giovanni Butturini di Verona che gode del patrocinio tra gli altri dell’ Universita’ degli Studi Aldo Moro di Bari e della Regione Puglia . Gli ospiti, in dress code “black tie”, saranno accolti dal patron della Maison Via della Spiga Milano Francesco de Gennaro e dall’avv. Rocco Nanna, presidente della Fondazione Valente . Introdurrà: l’avv. Annalisa Nanna . Coordinamento a cura di Marina Corazziari

La serata prevede un ricco programma che spaziera’ tra Musica Arte Moda e Food con inzio con l’esibizione della nota formazione musicale “Giacomo Desiante Group”, composta da Valentina Pinto (voce), Anna Dibattista (violino), Giacomo Desiante (fisarmonica), Cosimo Maragno (chitarra) e Franco Fossanova (basso) con musiche di Piazzolla, Velasquez, Prèvert, Abreu e Desiante

Il momento Moda sara’ caratterizzato dal defilè delle creazioni Haute Couture del Brand italiano Via Della Spiga Milano, dai Gioielli del Mediterraneo della designer internazionale Marina Corazziari Jewels e dall’alta sartoria del pret a porter dell’ Atelier di Adriana Dama.
L’Hair Style delle modelle sarà affidato alle sapienti mani di GIGI Parrucchieri.

Padrino del “GALÀ” è il noto artista di fama internazionale Omar Galliani docente presso l’Accademia di Brera, il cui autoritratto è stato di recente acquistato dagli Uffizi di Firenze che metterà all’asta un’ opera realizzata per la speciale serata, il cui ricavato sarà totalmente donato all’Associazione Unipancreas.

Un grazie alle imprese che hanno generosamente supportato la serata tra cui FORTE OROPAN S.p.A. MALDARIZZI, KREA, EXPRIVIA, INDECO, SOA BETON, e tanti altre

per info e prenotazioni 0809671893

costo della serata una donazione di € 80.00

Selezione Premio Donida 10 Edizione

Locandina_Premio_Donida_2019_altaSelezione Premio Donida 10 Edizione

Sono aperte le iscrizioni alla X edizione del PREMIO DONIDA, concorso musicale dedicato al ricordo del Maestro Carlo Donida Labati, autore di numerosi successi della musica italiana e collaboratore, a lungo, di Mogol. Il Premio è finalizzato a trasmettere messaggi di carattere culturale e artistico di esempio per i giovani.
È proprio con la volontà di conservare la memoria del vasto patrimonio artistico di questo grande Maestro che è nata nel 2008 l’Associazione Culturale La Compagnia di Donida, fondata dalla nipote Monica Donida insieme alla sua mamma Laura Donida.
Presidente onorario dell’Associazione è Mogol.
Carlo Donida Labati è stato uno dei più importanti compositori italiani. Tra le sue innumerevoli composizioni: “Al di la’”, “Le colline sono in fiore”, “Gli occhi miei”, “Vecchio scarpone”, “La spada nel cuore” e la “Compagnia”, canzone reinterpretata  da Vasco Rossi nel 2007.
Al Concorso possono partecipare compositori, cantautori ed interpreti che abbiano un’età minima di 18 anni.
Per iscriversi basterà inviare i documenti e il proprio brano online sul sito www.premiodonida.it (dove è possibile trovare le informazioni relative alla X edizione e le modalità di partecipazione).
La scadenza per le iscrizioni è il 6 Ottobre 2019.
Novità di questa X edizione: il cantautore può presentare un brano in lingua italiana o dialettale, sottolineando in tal modo l’apertura e la rilevanza che lo stesso Donida ha sempre manifestato verso le forme dialettali, in particolare lombarde e partenopee, nell’arco della sua intensa e ricca carriera.
I brani pervenuti verranno esaminati da una commissione artistica composta da esperti del settore: Boris Guertler ( direttore generale Saar Records ), Massimo Luca (compositore e autore, produttore discografico, chitarrista acustico dei principali cantautori italiani tra cui Battisti, Mina, Fabrizio De Andrè, Lucio Dalla, Ron…) , Laura Valente (cantante, musicista ed insegnante presso il Cet di Mogol) , Salvatore Depsa (scrittore e autore musicale, televisivo, teatrale) , Simone Zani (giornalista musicale e collaboratore di All Music Italia )
La commissione avrà il compito di selezionare i brani che accederanno alla semifinale del 19 ottobre 2019 che avrà luogo a Bologna presso il Fico Eataly World via Paolo Canali 8 , dove una commissione artistica, composta da varie personalità della musica e dello spettacolo, ascolterà l’esibizione dei 30 semifinalisti per decretare poi i 10 finalisti cantautori e 5 interpreti che accederanno alla serata finale della X Edizione del Premio Donida che si terrà il 30 ottobre 2019 a Milano.
Il brano vincitore del Premio Donida sarà, sotto forma di singolo, distribuito in tutti i maggiori store digitali con edizioni Saar Records / La Compagnia di Donida e avrà una promozione professionale di almeno 90 giorni in radio, tv, carta stampata, con interviste e passaggi per promuovere il brano. nasce una nuova collaborazione
Tutti i 5 brani del M° Donida, interpretati dai finalisti, concorreranno all’assegnazione di borsa di studio per interpreti al CET di Mogol.
Inoltre, da quest’anno,  tra l’Associazione Compagnia di Donida e l’Associazione Minuetto Mimì Sarà, nasce una collaborazione, grazie alla quale 2 partecipanti del Premio Donida avranno l’opportunità di essere selezionati durante la fase finale del Premio e accedere di diritto alla finale del Premio Mimì Sarà.
Il premio è patrocinato e sostenuto da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

Vi aspettiamo numerosi!!!
Mail: iscrizioni@premiodonida.it – Cell.340.5548007
Facebook:  https://www.facebook.com/premio.donida

Viaggio in un quadro

white label 2009 RidottoViaggio in un quadro
Elisabetta Rogai al ViennaLvce
Focette, 26 luglio, ore 20,30

Venerdì 26 luglio, per Elisabetta Rogai un intermezzo sulle spiagge della Versilia, nello spumeggiante locale ViennaLvce a Focette Marina di Pietrasanta, pieno di bellezza, di relax, di poetica evocazione, lontano dal ritmo frenetico cittadino e dall’ovvietà leisure, istanti di sospensione temporale nel landscape disegnato dal respiro del vento, dal mare, dalla sabbia dorata davanti alle Apuane, con il verde dei pini e il bianco candido del marmo, sullo sfondo la voce di Barbara Vignali, come il canto di una sirena, nella notte piena di stelle.

Come diceva Henri Matisse “Il colore soprattutto, forse ancor più del disegno, è una liberazione” ed Elisabetta Rogai incontra la sua libertà in una sera d’estate, andando verso la bellezza incantando gli amici e gli ospiti per i contrasti cromatici che trova in un bicchiere di vino de I Balzini White Label 2009, dalle tonalità che passano dai colori più tenui a quelli accesi, un percorso il suo alla ricerca dell’identità di una società moderna Diana D'Isanto I Balziniattraverso l’interpretazione della sua tecnica unica – EnoArte – dove oggi la sua curiosità la porta a concepire l’arte attraverso la comunicazione del vino, per i dettagli, le delicate applicazioni, le citazioni colte, dei contrasti cromatici, scoperti in giro per il mondo, come testimonianza della libertà, interpretati attraverso la visione del bello.

Una partnership consolidata ormai da tempo quella di Elisabetta Rogai con Diana D’Isanto, che conduce l’azienda agricola de I Balzini Winery, che si trova a Barberino Val d’Elsa, nel cuore della Toscana centrale, Azienda che fa parte del Comitato Grandi Cru d’Italia, l’associazione nata nel 2005 per tutelare e sviluppare il prestigio delle aziende vitivinicole che da almeno 20 anni producono grandi vini con ratings ai massimi livelli

betta“Una consapevolezza che è espressa dal colore e dai contrasti delle tonalità che diventano un tratto caratteristico della nostra vita” – come afferma l’Artista Elisabetta Rogai – che trova la grande fonte di ispirazione proprio nel territorio Toscano dove colline, boschi e vigneti regalano nuance di cromie che cambiano, secondo le stagioni, creando armonia e contrasti inaspettati, ma mai violenti, la sua consapevolezza e il suo inedito savoir faire artistico capace di renderla ambasciatrice nel mondo per antonomasia del bello.

ViennaLvce – Focette – 26 luglio 2019, ore 20,30
Via Lungomare Roma, 111, 55045 Pietrasanta LU

Grazie per l’amichevole partnership de I Balzini Winery, Bar Pasticceria Cattan, Tiziana Petracchi Santandrea Luxury Houses, Forme d’Arte e Barbara Vignali.

www.elisabettarogai.it

La collezione privata del principer Egon Von Furstenberger al Medit Summer Fashion

IMG_3750La collezione privata del principer Egon Von Furstenberger al Medit Summer Fashion

Cresce l’attesa per l’evento che il prossimo sabato 20 luglio porterà una ventata di stile e glamour a Mesagne (Br). Fervono gli ultimi preparativi e tutto lo staff è impegnato per la migliore riuscita della manifestazione che, per questa 12^ edizione, viene dedicata a uno dei Grandi Maestri dell’eleganza italiana e internazionale, il “Principe della Moda” Egon von Fürstenberg, con uno speciale “Tributo” a 15 anni dalla dipartita, ma che ha lasciato una Casa di Moda in piena attività e che ha mantenuto e continua a far vivere la sua straordinaria “Lezione di stile”.
Una “Firma” di grande prestigio e celebre in tutto il mondo. Sarà una occasione d’eccezione, si potranno infatti ammirare in passerella delle creazioni di Haute Couture della Collezione Privata del Principe, discendente di una delle Dinastie mitteleuropee più note e importanti, ma anche primo nipote di quel grande “Arbiter elegantIe” che fu Gianni Agnelli.
Per ritirare il premio interverrà all’evento Vincenzo Merli, braccio destro del Principe von Fûstenberg per tanti anni e attuale Brand manager della Maison, che ha accettato inoltre anche il ruolo di Presidente della nostra Giuria.
Dobbiamo comunicare infine che, per improvvisi problemi di salute, non potrà essere presente anche lo stilista AntonGiulio Grande, che aveva già annunciato la sua presenza, ma gli facciamo i migliori auguri di pronta guarigione.
Per concludere ci aspetta un grande impegno, ma anche una splendida serata di Alta Moda e Glamour, l’opportunità unica di ammirare dal vivo una “Private Collection” di uno Stilista tra i più grandi e famosi del mondo, insomma un evento più unico che raro…da non perdere.

A Villa Brasini a Ponte Milvio le stelle di Marina Corazziari Roma Sunset Art&Craft Factory

sladana krsticA Villa Brasini a Ponte Milvio  le stelle di Marina Corazziari Roma Sunset Art&Craft Factory

Roma di sera, al tramonto, dove le luci e i suoni la rendono fatata…….in una città resa frenetica dai mille eventi snodati nella città e dalle temperature torride che hanno contrassegnato l’edizione di luglio 2019 di Altaroma, nel giardino incantato del Gabsby Garden  di Villa Brasini a Ponte Milvio Marina Corazziari, artista stilista di gioielli e coreografa, ha riunito una kermesse di stelle che hanno reso indimenticabile una notte, dove si sono indossati sogni e pensieri rappresentati da tableau vivant disseminati nel parco, si è contemplata una lezione di alta sartoria e artigianato che ha dato la misura di immagini esibite, come confessioni di anime leggere, eclettiche, piene di fantasia dove arte e musica sono riuscite a creare un trend, come un romanzo, per far leggere un sogno, dove non sono bastate le parole a descrive la magia di una notte, senza codici, facendo parlare solo la bellezza.
Marina CorazziariAgo e filo” ci dice Marina Corazziari, essere stilisti non vuol dire gestire la moda ma essere il tramite tra l’abito e la persona che lo andrà ad indossare, essere l’artefice della propria eleganza in modo che quello che si indossa diventi unico, tornare al “fatto a mano”, tornare al capo finito come un prodotto esaltando i valori reali del nostro mondo che sono principalmente le persone e poi ago e filo, sapienza e manualità, materiali e lavorazioni, tessuti, abiti che raccontano storie, le persone che “vivono” l’abito e sono gli autori dei loro capolavori.
Ho voluto dare, nel gioco di questa notte piena di stelle, all’imbrunire di una Roma fatata, una risposta ponderata alla frenesia della moda, intesa come sistema del tempo, la moda che brucia se stessa, linea dopo linea, relegata in capsule collection, il tempo che brucia Creazione di Arianna Laterza Houte Couturetutto……ma ho voluto fare una riflessione, dove la società è pronta a cambiare, ritrovare la qualità, come dicevano prima comprare meno e meglio, capi che durano, che si ritrovano negli armadi perché fatti di bellezza, di cura e sacrificio e di tanto talento. Ritornare all’origine di tante cose, ritrovare, nel vestirsi, l’identità personale, non per assomigliare ad altri, ma essere unici.
E dunque via ai contrasti, sul tutto e il contrario di tutto, sull’individualità e l’esaltazione della creatività, dalle giovani donne di Bianca Gervasio, il ritorno al bon ton del cerchietto di cristalli, fiori e ricami,  una monella d’autore, perversa e innocente, poi i viaggi nel mondo, scorribande senza tempo, spazio nello spazio di Peppe Volturale Couture, colori suoni e immagini di paesi lontani trasportati dalle sue creazioni, come se fossero accessori per perdersi….e poi ritrovarsi, la sua donna come una musa moderna, una amazzone metropolitana fuggita verso nuove avventure.
Spumeggianti e piene di accenni di alta sartoria le creazioni glamour dello stilista campano Gianni Cirillo Couture, grande entusiasmo per l’artista Franca Di Tardo che riesce a fissare sulla seta i momenti magici in cui la natura diventa emozione e bellezza, esplode di vitalità la collezione di Svetlana Krstic che guarda al passato con occhi di bambina, ogni riferimento non è causale, fatto di fiocchi, fiori di seta, rose, gonne svasate e cinture in vita, pudore e malizia di una donna indimenticabile.
Sogno il nuovo passando dal conservatorismo più estremo – come dice la giovane Arianna LaTerza – Voglio recuperare la possibilità di esprimere contenuti, parlare di Haute Il fotografo Edoardo TrancheseCouture – niente di più innovativo del classico, dei bei tessuti, la seta pesante e sensuale, il tulle, le premiere chine al lavoro, le mani operose, svelte, su capolavori, l’essenza di Arianna La Terza Haute Couture.
Accessori in linea alla filosofia dell’organizzazione, le borse di Maraglà, per donne speciali, colori e tessuti per borse d’arte, dipinte a mano, caledoscopio di colori, impossibile non notarle e dimenticarle, senza tempo, opere d’arte espressione dell’estro e del virtuosismo tecnico dell’artista.
In linea con il clima torrido il beachwear di Hanna Moore, che fa sognare isole e terre lontane, vacanze e gioia di vivere.
Ultimi, ma non per importanza, basilari, l’hair styling e il trucco affidati alle sapienti mani della HM Make Up Italy di Luciano Carino, tutto il servizio fotografico di  Edoardo Tranchese – I Tranchese Fotografi, professionisti che ti raccontano ogni giorno una bella storia, con la complicità di una macchina fotografica e dei pennelli da trucco, lavorando su donne che sono come una tela di canvas per l’artista, esaltano, raccontano, fanno da contorno ad un evento, composto di materia e luce, colori e voluttà, volumi  e fantasia, viaggi mai intrapresi ma solo immaginati, visioni diverse, talenti e storie di uomini e di donne, Massimiliano Calandra RAI presenta un abito di Gianni Cirillo Couture(1)immagini non banali, la vita in uno scatto, un volto, sperimentazione e contaminazione fra linguaggi ed esperienze diverse.
Sullo sfondo il contributo di arte e suono nella creazione delle immagini e della musica di Guido Corazziari, flash di suoni e colore, nell’anima live del Parco di Villa Brasini, dove, per una notte, Marina Corazziari ha riunito tante stelle della moda dove ognuno, per suo conto, ha dato una vera lezione di stile ad Altaroma 2019.
Partner dell’evento: il magico giardino Gatsby Lounge Garden, il mondo dei maestri d’arte per il total look da uomo su misura del brand Napoli Couture di Gian Piero Cozza
Mediapartner: AltaRoma Excellence 2019.
L’Hair styling e il trucco sono della HM Make Up Italy di Luciano Carino
Crediti ph: Edoardo Tranchese – I Tranchese Fotografi
Organizzazione: Marina Corazziari Jewel Designer
www.marinacorazziari.com

Mita Cosmetics

LOGOMita Cosmetics

Presenta
“Mita Summer Fashion”
Al Sole Resort di Mola (Bari)
Si è tenuta la 1a edizione del  “Mita Summer Fashion” in  una località da sogno  “Al Sole Resort” a Mola di Bari, una serata dedicata  al mondo della moda, della cultura, dell’arte, del make up e dello spettacolo, dove hanno sfilato in passerella stilisti senior  e giovani emergenti in sinergia con performance di artisti. Special guest della serata è stato il comico di Zelig e Colorado Massimo Bagnato, per una splendida  kermesse ideata e organizzata da Maria Teresa Gazaneo e Nicola D’Avanzo, titolari di Mita Cosmetics, “Il nostro obiettivo – hanno spiegato gli organizzatori- è valorizzare il made in Italy nel nostro territorio, l’abbigliamento fatto a mano, la tradizione italiana  il lavoro artigianale e tutto ciò che coinvolge il mondo della bellezza,  persone di tutte le età che abbiano idee creative, stilista-Pietro-Paradisooriginali e innovative”.
L’evento è stato organizzato in collaborazione con l’agenzia B&20 event di Paolo Di Staso  e il coordinatore/ make up artist Paolo Demaria .

Il programma è iniziato con l’ accoglienza degli ospiti, seguita da un cocktail di benvenuto offerto nella terrazza sul mare  ed infine il tanto atteso fashion show, presentato dalla conduttrice Francesca Mori, mentre Leo Bozzi si conferma come direttore artistico, per una serata piena di sorprese e riconoscimenti istituzionali, il tutto accompagnato dalle note del dj set:  Deejay Team.

Un momento di particolare attenzione è stato  dedicato al concorso rivolto agli emergenti, con la presenza di una giuria tecnica di qualità: il contest ha previsto due premi distinti, (uno dal valore di 500,00 euro in prodotti make up e l’altro dal valore di 1000,00 euro, per la realizzazione di uno shooting fotografico).

Arianna Laterza Haute Couture 2019Tra le performance artistiche sono emersi grandi talenti come: Italia Vogna cantante italo brasiliana nota anche per aver duettato con una delle voci più celebri a livello internazionale Mario Biondi; Letizia Cobaltini (poetessa);  Akshara (ballerine indiane); Micaela Perilli (ballerina e coreografa di danza contemporanea); Raffaella Rinaldi (violinista); Daniel Clisini (cantante di soli 13 anni, a breve presente a Italia’s Got Talent ), Carlotta Sfolgori attrice (si è esibita con un monologo), Maria Pierno scultrice che per l’occasione ha esposto alcune statue in Malta di Geris.

Tra i brand  in passerella: ospite speciale Pietro Paradiso, stilista eccentrico e geniale che interpreta una moda che si evolve nel tempo inebriata dall’effimero senso del bello; i capi esclusivi e particolari curati nel minimo dettaglio di Arianna Laterza Haute Couture ; Leonidè Mon lo stile di una donna moderna e seducente che non lascia mai nulla al caso; Tania Spagnolo una stilista o meglio una fashion maker, che ha proposto capi unici puntando all’ esaltazione della femminilità; Beaky Elle sinergia tra occidente e oriente, originalità e spensieratezza per un nuovo brand della moda made in India; Diamond eleganza e miriamoriginalità  per una giovane stilista pugliese;  Maria Pia Eramo, abiti da sera in pura seta ricercati   capi di alti sartoria; Doppia EsseT-Shirt di Simona Scalabrini il messaggio di tendenza che diventa il vostro messaggio; Roberto Novarese,  quando l’unicità di un capo mostra il valore autentico della vera artigianalità e  qualcosa di inimitabile; 26_7Twentysixseven  collezione uomo/ donna,  quanto la moda fa tendenza.

Fotografo ufficiale:  Giuseppe Carone

Press office
Le Salon de la Mode

Eles Italia celebra con un Cocktail Party la Boutique di Porto Cervo e lancia la collezione ‘Wonders’ Estate 2019

eles italia beachwear 1Eles Italia celebra con un Cocktail Party la Boutique di Porto Cervo e lancia la collezione ‘Wonders’ Estate 2019

Silvia e Stefania LorigaEles Italia celebra con un Cocktail Party la Boutique di Porto Cervo e lancia la collezione ‘Wonders’ Estate 2019
La Costa Smeralda deve la sua fama ad un mirabile patrimonio paesaggistico e, proprio perchè unica, questa natura così generosa ha sempre attirato celebrità internazionali che hanno contribuito in maniera determinante a creare la notorietà di un luogo di vacanza sul quale tutto il mondo punta i riflettori. La storia e la cultura della Sardegna, una regione dalle tradizioni antiche, si unisce all’effervescente vita ridottanotturna che si svolge nei locali alla moda, piccoli ristoranti, bar e boutique dell’incantevole Porto Cervo, la perla della Costa Smeralda. Allegra, colorata e mondana, questa sofisticata località è un vero e proprio Eden, scelto e frequentato ogni estate da personaggi dell’aristocrazia e del jet-set internazionale. Nella pittoresca 2Piazza del Principe di Porto Cervo ha aperto, a Maggio 2019, il primo flagship store di uno dei fashion brands più esclusivi di tutta la Sardegna: Eles Italia. Domenica 7 Luglio, Silvia e Stefania Loriga celebreranno la nuova Boutique con un elitario Cocktail Party e, contestualmente, presenteranno la nuova collezione ‘Wonders’ Estate 2019. I capi e gli accessori traggono ispirazione da questo incontaminato angolo di paradiso che si caratterizza per la sua natura dai colori e dalle forme uniche: spiagge dalla sabbia candida, insenature profonde, sorprendenti fondali marini, graniti dai riflessi rosa lavorati dalla mano millenaria della natura, panorami ricamati ridotta 1dal giallo delle ginestre e profumati di ginepro. In simbiosi perfetta con l’atmosfera della Costa Smeralda, un mix di eleganza classica ed esibizionismo, bon ton e stravaganze, la collezione ‘Wonders’ di Eles Italia è composta di abiti da giorno, da sera e da accessori di stile gipsy chic che evocano la libertà e la leggerezza tipiche dell’estate. La donna di Eles Italia è moderna, si piace e sa ciò che vuole in un mondo dove i sessi si sfidano e giocano senza duellare o volersi dominare. Una donna uguale ma diversa, femminile ma non femminista, combattiva ma non militante, colorata ma non chiassosa; una donna davvero donna, sensuale, elegante, dall’irresistibile fascino. I tessuti sono soffici come nuvole, quasi impalpabili: pizzo chantilly, chiffon, satin e voile sono impreziositi da ricami, da fiori di tessuto ad effetto tridimensionale cuciti a mano. I caftani hanno inserti in pizzo San Gallo, paillettes, nappine; le gonne hanno balze asimmetriche o 2(1)sono dritte a portafoglio; il neoprene è lavorato ad effetto pizzo. La maglieria è in lurex color oro, argento, rosé o con macro paillettes all over; la fantasia ridotta 1paisley appare su abiti e top. La palette colori è particolarmente ricca e spazia dal bianco al nero, al sabbia, all’ecrù, al cipria, al rosa, al pesca, al verde smeraldo, al giallo oro, all’argento sino all’oro rosa. Assolutamente indispensabili e di grande importanza sono anche gli accessori che, oltre alle iconiche cinture gioiello in cristalli, Swarovski e gemme, comprendono: tiare, cappelli in paglia, cinture in ecopelle o in lurex, chokers, bracciali ed anelli. La Collezione ‘Wonders’ di Eles Italia è davvero stupefacente, realizzata da Silvia e Stefania Loriga per una donna sicura ma romantica, forte ma seducente, complessa ma non contorta, grintosa ma non guerrigliera, indipendente ma mai sola, che ama il lusso e l’unicità di creazioni demi couture rigorosamente made in Italy.

Model: Marta Tserkovna

Press Office: LA REVE PR & ADV Ph. +39 347.4339021, email: infolareve@libero.it

Roma Sunset

Napoli Couture di Gian Piero CozzaRoma Sunset

Art&Craft Factory
Partecipazione ufficiale calendario InTown
A cura di Marina Corazziari

Roma diventa contenitore di idee animata da tre giorni di sfilate – dal 4 al 7 luglio – con ALTAROMA FASHION WEEK, con esposizioni e progetti culturali, all’insegna della moda giovane con tocchi di tradizione couture e valorizzazione del sapere fare artigiano. Anche quest’anno Altaroma ha confermato la sua vocazione internazionale come piattaforma di lancio per la promozione e la scoperta di nuovi talenti e designer fra i quali l’evento “Roma Sunset” Art&Craft Factory, a cura di Marina Corazziari, inserito nel calendario ufficiale INTOWN, evento moda, mostra multimediale di Tableaux Vivant, abiti, pittura e musica.
Anche in questa edizione Marina Corazziari, talentuosa creatrice di gioielli con trenta anni Gatsby Garden Loungedi attività nel campo del fashion e dell’arte, offre al pubblico Gatsby Garden Loungedella Capitale una vera lezione di stile in un viaggio fantastico, che ha voluto chiamare “fabbrica di arte e artigianato”, manufatti che attraversano il mondo dell’arte e dell’alto artigianato creativo, una colta riflessione sul movimento artistico nato a fine ottocento che considerava l’artigianato come espressione del lavoro manuale dell’uomo e come valore durevole nel tempo non confondendolo con la bassa qualità dei materiali e il mixage confuso di stili distribuiti dalla produzione industriale.
Napoli Couture di Gian Piero Cozza“Roma Sunset”, nella luce fatata che la città prende sul calar del sole in una location fantastica, il “giardino segreto” del Gatsby Lounge Architetto Guido CorazziariGarden di Villa Brasini a Ponte Milvio, con la regia di Marina Corazziari, si snodano le immagini fantastiche dei Tableux Vivant, immobili, pieni di fascino, pronti a dare vita ad un concerto armonioso dove si intersecano le creazioni delle Maison: la grande eleganza, sensualità e purezza di stile nelle creazioni di Bianca Maria Gervasio, i colori e l’allegria della collezione beachwear del giovane brand Hanna Moore, gli abiti destinati a lasciare il segno nati dalle ispirazioni dei viaggi in giro per il mondo di Peppe Volturale Haute Couture, la collezione di borse di Maraglà, accessori dai colori e forme che sembrano farfalle leggere come sogni, i colori spudorati della natura nella gioia di vivere della stilista croata Sladana Kirstic, le creazioni glamVolturale Couture Fashion Design 1our dello stilista campano Gianni Cirillo Couture, l’artista Franca Di Tardo che riesce a fissare sulla seta i momenti magici in cui la natura diventa emozione e bellezza, gli abiti di Arianna Laterza Couture, la giovanissima stilista pugliese, un vero talento di grande artigianato, che crea abiti fatti totalmente a mano e della stessa Marina Corazziari, con l’esposizione dei suoi gioielli rubati al mare, una Marina Corazziari Jewelslezione di stile della stilista nel presentare le sue creazioni, ironia espressa nello smitizzare il gioiello, che racchiude la sua preziosità nel “fatto a mano”, unico, dunque arte vera, capace di superare i confini tra lavoro e design, sogno e ispirazione creativa.
Luci, colonne, lampadari, sale da scoprire, marmi… e poi, sullo sfondo, nella magia del giardino incantato di Villa Brasini ecco “Fusion Contaminazioni dal Mondo”, in scena alcuni dipinti dell’artista – architetto Guido Corazziari, contaminazioni e suggestioni Pop per suggerire come indossare i proprii pensieri, le emozioni, i ricordi, le confessioni dietro ogni sua opera, la sua vita vissuta, i racconti…..
L’Hair styling e il trucco affidati alle sapienti mani della HM Make Up Italy di Luciano Carino, tutto il servizio fotografico è di Edoardo Tranchese – I Tranchese Fotografi.
Partner dell’evento: il magico giardino Gatsby Lounge Garden, il mondo dei maestri d’arte per il total look da uomo su misura del brand Napoli Couture di Gian Piero Cozza e AltaRoma Excellence 2019.
Grazie alla sinergia creata tra Anita Lo Mastro Senior Advisor dell’editore di Excellence Magazine con Marina Corazziari Jewels Designer – Scenografa che Excellence Bianca Bianca GervasioGervasioparteciperà, in qualità di mediapartner, di supporto alla comunicazione di AltaRoma tramite la propria piattaforma internazionale online e successivamente cartacea, uno strumento comunicativo importante e puntuale per sottolineare come il Fashion e il Made in Italy siano uno mezzo alla portata di tutti, trasformandoli in messaggi culturali, e lanciando, in un momento difficile per la moda, un messaggio per guardare oltre, con ottimismo e speranza, con la consapevolezza che la moda e il Made in Italy, per quanto frivole, abbiano una dirompente portata politica ed economica.
Press: Cristina Vannuzzi
Marina Corazziari Jewel Designer
Creations&Events, Via Sparano, 23/B – 70122 Bari
Cell.3478446967 – www.marinacorazziari.com

Standing ovation per Tecla Insolia

Tecla Insolia 2Standing ovation per Tecla Insolia
Web e pubblico dell’Ariston per la cantante di  Piombino
L’allieva dell’Accademia de le muse in finale a sanremo young  su RAI UNO con Antonella Clerici

La giuria di Sanremo Young, la  trasmissione di RAI UNO condotta da Antonella Clerici in prima serata, i telespettatori e il web, hanno apprezzato ancora una volta l’esibizione di Tecla Insolia, la quindicenne toscana, destinandola alla serata conclusiva per la finale.

Grande estensione vocale, gestione della voce, presenza sul palco, Tecla Insolia sa bilanciare bene emozione, giovane età e senso di responsabilità, tutte doti che sul palco di Sanremo Young fanno la differenza. Se la maggior parte della giuria l’ha premiata fin dalla prima esibizione con il massimo dei voti, anche il pubblico da casa e il web hanno votato per lei: la rete ha decretato il suo gradimento facendola risultare, per la seconda volta, la più votata.

Prima cantante della semifinale Tecla ha esordito con “Sognando la California, cover di California Dreamin’ dei Mamas & the Papas, in un arrangiamento adatto alla sua bella tonalità vocale per poi duettare con Gino Paoli e Gigi D’Alessio.
La ragazza siciliana (il papà è di Floridia e la mamma di Solarino) è nata a Varese ma vive a Piombino dove la famiglia si è trasferita durante il suo primo anno di vita. Quindici anni, faccia pulita e grande determinazione Tecla vive nella città toscana con i genitori, i fratelli Gioele e Santiago, due cani Hulk e pepe e un coniglietto di nome Bambi.
Allieva dell’Accademia di Arti e Spettacolo de Le Muse, Tecla è un’artista della scuderia TECLA INSOLIAdella Gianna Martorella Management. Ha partecipato al programma “Pequeños Gigantes” e ha recitato nella fiction di Rai Uno “L’allieva”.

Gianna Martorella, artista che negli anni ’90 ha lavorato a lungo in Rai al fianco di Pippo Baudo, Gigi Sabani e Raffaella Carrà, fondatrice del’ Accademia de Le Muse di Piombino, dice: “Non ho mai dubitato che Tecla avesse le capacità per arrivare in alto. Si è sempre preparata con passione, studiando con il corpo docente della nostra Accademia, con serietà ma senza mai dimenticare di avere 15 anni!”

Un successo per l’Accademia Le Muse che dal 2014 prepara al meglio gli allievi che frequentano i tanti corsi di formazione offerti dall’Accademia mettendo a loro disposizione gli insegnanti più preparati del panorama canoro e seguendoli anche nel loro percorso artistico con la Gianna Martorella Management.
La giuria detta Academy  che su RAI UNO è chiamata a giudicare  i giovani artisti composta da Rita Pavone, Shel Shapiro e Maurizio Vandelli, Belen Rodriguez, Amanda Lear, Angelo Baiguini, Enrico Ruggeri, Gigi D’Alessio, Giovanni Vernia, Baby K e un altro artista che alla fine decide il destino degli esclusi con un ripescaggio, pare aver vedute diverse dai telespettatori.

www.associazionelemuse.org
www.giannamartorellamanagement.it
Roberta Capanni 3408549313

A Firenze Pitti Immagine 95 The Pitti box

berg gioielli 2A Firenze Pitti Immagine 95 The Pitti box

Una città che diventa contenitore di idee, colori, stravaganze, personaggi……arriva a Firenze Pitti Immagine edizione 95 e per tema The Pitti Box, a Firenze la moda sta tutta nelle scatole, contenitori infiniti per idee e momenti di condivisione, stimoli e relax, svelati sul piazzale della Fortezza da Basso a Firenze e per ogni dove della 95esima edizione di Pitti Uomo, dall’8 all’11 gennaio 2019 per le collezioni e il lifestyle al maschile. Di scena sul tema The Pitti Box con tanto di video art gallery nel dj set curato da Sergio Colantuoni, la moda uomo per l’inverno 2019-2020 di 1.230 marchi di cui 542 in arrivo dall’estero. Come sempre il salone, organizzato da Pitti Immagine, presenta le 13 sezioni sempre al top per nomi e novità di proposte, con una evoluzione costante e accurata che fa di Pitti Uomo uno degli eventi principali del fashion internazionale. Una formula sperimentata di successo in successo che non perde di attualità che gli organizzatori di Pitti Immagine stanno presentando in tutto il mondo.
Fra i tanti eventi collaterali, L’8 gennaio la 10a edizione  di Salon of Excellence, nell’elegantissimo Hotel Excelsior.
Fra le aziende, che escono magicamente dai Box di Pitti Immagine, ecco Maria Elena Savini con la sua linea orafa SAVINIJEWELS, una mano talentuosa made in Italy per gioielli creati usando la ceramica, colori e ironia per un bestiario fantastico, la sua Puglia racchiusa in bracciali, collane, e poi MARINA CORAZZIARI,  i suoi gioielli sono il racconto di un Mediterraneo che unisce e lega, per un’eleganza senza tempo, dove la stilista è capace di attraversare generazioni, situazioni della vita ed epoche storiche con un filo di nostalgia per una estetica fatta di delicatezza e ironia, di fascino e disincanto.
Una collezione, quella che MARINA CORAZZIARI presenta, dove ogni gioiello è un racconto, contaminato da pietre preziose, perle e cristalli di rocca, turchesi e argento, zaffiri e coralli, per contemporanee testimonianze di donne senza tempo all’insegna della seduzione, è estrapolata dalla fantastica collezione di immagini che uniscono la pittura alla AGARW-UDvita vera, la fantasia alla realtà, che prendono vita nelle sale dell’Hotel Excelsior.
Altro Brand importante in esposizione BERG GIOIELLI, l’altissima qualità delle creazioni che nascono dall’artigianalità orafa del Made in Italy. Perle reinterpretate in anelli scultura, rubini avvolti in corolle di fiori e farfalle, acquamarine trattenute da delfini di diamanti, tormaline, zaffiri, smeraldi, montati su oro bianco, giallo, rosa e nero.
Infine la scoperta di un nuovo talento di stile, AGARW-UD, giovanissimo brand creato dalla giovane fashion designer  Angelica Bolzan, evidenti radici storiche di cui porta dentro una nostalgia lieve e struggente ……. quasi senza volerlo la giovane designer si sta imponendo nel difficile scenario internazionale della moda in un momento in cui lo chic non è  un’opinione, ma un’esigenza assoluta. E Angelica Bolzan da una vera lezione di stile, che è diventato il tratto caratterizzante del brand, importanza al prodotto, un’attenta selezione di filati e accessori, studio accurato di modellistica e fitting, collaborazione con realtà artigiane locali con anni di esperienza.
Questo “viaggio virtuale” in una esposizione tutta dedicata alla moda e al lusso ospita le opere di Jacob Bolotin le cui illustrazioni con la tecnica del collage suscitano entusiasmo e ammirazione dagli esperti del settore e dei lettori delle riviste di moda come L’uomo Vogue, Arbiter, Elle. Arte e moda, due mondi e modi del vivere quotidiano, desiderio e necessità del bello,  non solo per sopravvivere ma soprattutto per vivere. E in questo vivere  si abita il mondo, si codificano i linguaggi e i comportamenti, si costruisce l’identità, non solo personale ma anche collettiva.
Si possono solo tirare le somme in positivo della DeGorsi luxury consulting, ente organizzatore di Alex Djordjevic e Cris Egger, e il Salon of Excellence in versione innovativa in cui si evidenzia l’importanza ed il ruolo di «scouting» degli organizzatori nello scovare nuovi talenti.
Press: Cristina Vannuzzi

Food, fashion, gioielli, design e arte per il debutto della Chaine des Rotisseurs Como

Elisa Egger outfit Angela BellomoFood, fashion, gioielli, design e arte  per il debutto della Chaine des Rotisseurs Como

E’ andato in scena a Villa Sormani Misseglia il debutto de “La Chaîne des Rotisseurs Como”, evento che ha abbinato la cucina, la moda, l’artigianato, gioielli, design e spettacolo, per coniugare e unire “the extraordinary Italian style”.

Confrérie de la Chaîne des Rôtisseurs, La Confraternita della Chaine è una società gastronomica internazionale fondata a Parigi nel 1248 e rifondata successivamente nel 1950, una realtà che opera per la diffusione della cultura della gastronomia promuovendo i valori gastronomici e l’essenza stessa della Confrèrie, il piacere della tavola e il valore dell’amicizia.

Cristina Vittoria Egger, che presiede la Chaine Como, ha effettuato un connubio perfetto tra il food, che è la colonna portante della filosofia della Chaine des Rotisseurs, con la moda dando all’evento una moderna prospettiva del fashion combinando l’artigianato di Alessandra Broggiato e l’alta moda couture di Angela Bellomo, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, in maniera innovativa, scintillante e poliedrica, magnetica e creativa. Una consapevolezza della svolta epocale che sta trasformando tutto, percepita dalla Egger, la moda che viene contaminata dall’arte, vedi il ritrattista Leo Stopfer, da tecniche e progetti nuovi, il design di My Bia dell’Architetto Barbara Antolini, che con le loro esasperazioni sfidano il tempo, nuovi protagonisti in passerella ma dove, a dettare legge, è sempre la moda, l’arte, il design, alessandra broggiatol’artigianato, il “fatto a mano”, con la creatività, creazioni, sempre up to date, moderne con tocchi retrò. La degna cornice agli abiti di sogno l’ha fatta Berg Gioielli, un romanzo d’amore che ogni donna vorrebbe vivere, lo scintillio sensuale di pietre, colori sfavillanti, bagliori inebrianti di luci, colori, suoni languidi, lontani nella notte piena di stelle.
Una villa incantata, una cena sabauda, una nuova Chaine des Rotisseurs per una riflessione, che ci da Cristina Egger, che ci insegna che, nel mondo della moda, il senso del viaggio è nel viaggio stesso e non nella meta, il fascino del viaggio che sta nell’incanto della paradossale nostalgia del futuro.
Press Cristina Vannuzzi

Antico menù sabaudo per la nascita della Chaine des Rotissieurs Como

Lumache con salsa di ceci (1)Antico menù sabaudo  per la nascita della Chaine des Rotissieurs Como

Primo evento ufficiale a Como per la Chaîne des Rôtisseurs, il prestigioso sodalizio internazionale di alta cucina fondato a Parigi nel 1248, per celebrare la nascita del bailliage – l’articolazione territoriale dell’associazione – “Chaîne des Rotisseurs Como”, dove la magnifica Villa Sormani Misseglia ha ospitato un esclusivo gran galà dove il primo attore è stato un antico menu sabaudo ritrovato e “interpretato” dal giovane e talentuoso executive chef, Alessandro Rausa, astro nascente della grande cucina italiana, che ha espresso nei suoi piatti l’unione tra la sua fantasia e le tradizioni della zona.
Storie, profumi, sapori incancellabili, che lo chef Rausa ha riproposto con grande talento, unendo materia prima con la volontà di valorizzare i prodotti del territorio nelle antiche cucine di Villa Sormani Misseglia che lo vedono patron incontrastato, il successo di un talento per niente scontato, il paradigma di una cucina semplice, figlia della memoria, i prodotti al centro del piatto, segnati con eleganza da tocchi d’inventiva, una cucina eccezionale di cui lo chef è padrone, una base di cucina classica con la sorpresa di piccole variabili geniali per sapori inattesi.
Si spengono le luci e si chiudono le sale di Villa Sormani Misseglia con eventi e contenuti di volta in volta diversi, per confermare il grande operato della Chaine Des Rotisseurs in Italia, impegnata a divulgare la diffusione della cultura della tavola, della convivialità, dell’amicizia senza confini e soprattutto del valore assoluto della diffusione e conoscenza dei sapori delle eccellenze dell’eno-gastronomiche nel nostro paese, valori sempre in linea con la filosofia e la missione della Confrèrie de la Chaine Des Rotisseurs, il piacere della tavola, dell’accoglienza ed il valore dell’amicizia.
Chaine des Roitisseurs Como a Villa Sormani Misseglia
Villa Sormani Missaglia
Piazza Sormani 1
Missaglia (Como)
Press: Cristina Vannuzzi

O Munaciello alla biennale enogastronomica di Firenze

BiennaleEnogastronomica-(3)O Munaciello alla biennale enogastronomica di Firenze

La Biennale, al suo sesto anno di vita, è la grande vetrina dell’enogastronomia italiana a Firenze, che abbina la cultura con la tradizione, l’innovazione con la socialità, stare insieme per trovarsi e confrontarsi.
Tanti i desk degli espositori con un programma variegato per animare i 4 giorni della manifestazione che vede anche tante attività diverse, come l’area dedicata alla pizza, il prodotto più cool del momento, sia venerdì 16 che sabato 17 il laboratorio “le mani in pizza”, oltre 15 appuntamenti con i più grandi maestri pizzaioli di Firenze, occupati ad impastare e a svelare “live” tutti i trucchi dell’arte di “ammaccare”..

PIAZZA DELLA PIZZA
Laboratorio Mani in Pizza , sabato 17 novembre ore 12.00
La Pizzeria ‘O Munaciello
Area Quinte Teatrino Lorenese – Piano Terra – Aula della Pizza

Sembra che Firenze sia diventata la nuova capitale della pizza ospitando tanti pizzaioli pieni di talento che hanno stabilito la loro base proprio nella città del giglio e sono presenti alla Biennale per svelare i loro segreti.
Ma la vera pizza è Napoli e Napoli, a Firenze, è in Oltrarno, il cuore della città della botteghe e degli ultimi artigiani, al ‘O Munaciello, il ristorante/pizzeria fresco dei 3 spicchi del Gambero Rosso International e i 2 spicchi di Gambero Rosso Italia, una magia portata da Firenze a Miami, attraverso Napoli…..tutto il fascino dell’Oltrarno fiorentino con le contaminazioni napoletane che si riflettono nel locale, semplice ma ruspante, il forno a legna, caldo e accogliente per il pane fresco fatto in casa, il bancone di mescita, come usava una volta, un viaggio nella bella Napoli che viene coniugato con maestria, un percorso che unisce la tecnica con il territorio per gustare i piatti simbolo della tradizione campana, babà, zeppole, mozzarelle in carrozza, pastiera, paccheri, scialatielli, cuoppo di mare, polpo, sorseggiando Falanghina e Limoncello vini e liquori “du paese do sole”.
Primo attore l’atmosfera campana piena di profumi, colori, allegro e festoso anche nei dettagli d’arredo: le tovaglie hanno i numeri della tombola stampati, ghirlande di peperoncini fiammeggianti e trecce di aglio, i limoni sorrentini, le mele annurca, carretti di fiori e granite al limone, le immancabili maglie numero 10 di Maradona, appese con i chiappini di legno come se fossero stese ad asciugare al sole.
Il Ristorante di Firenze, è diretto da Laura Franzina e il forno della pizzeria è attualmente curato da Francesco Anglani, che saranno insieme alla Biennale Gastronomica sabato 17 novembre alle ore 12.00 per presentare una pizza verace da impasto con farina 00, sia nelle versioni più tradizionali che nei calzoni, fino ai semplici covaccini, passando attraverso la nutrita sequenza delle pizze speciali. Un “caos organizzato”, un bagaglio live carico di cultura, storia, tradizioni gastronomiche e folkloristiche nel più puro spirito partenopeo che, dopo 10 anni di successi, è stato esportato anche a Miami, paese do sole” dove l’estate non finisce mai, piena di colori spudorati con la gente che fa sempre festa e senti i profumi dei sapori della Campania e la gioia di vivere in strada, come a Napoli.
‘O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi

O Munaciello alla biennale enogastronomica di Firenze

Pizza bianca con fior di latte misto bufala, Piennolo, burrata, scaglie tartufoO Munaciello alla biennale enogastronomica di Firenze

16/19 novembre 2018

La Biennale, al suo sesto anno di vita, è la grande vetrina dell’enogastronomia italiana a Firenze, che abbina la cultura con la tradizione, l’innovazione con la socialità, stare insieme per trovarsi e confrontarsi.
Tanti i desk degli espositori con un programma variegato per animare i 4 giorni della manifestazione che vede anche tante attività diverse, come l’area dedicata alla pizza, il prodotto più cool del momento, sia venerdì 16 che sabato 17 il laboratorio “le mani in pizza”, oltre 15 appuntamenti con i più grandi maestri pizzaioli di Firenze, occupati ad impastare e a svelare “live” tutti i trucchi dell’arte di “ammaccare”..

PIAZZA DELLA PIZZA
Laboratorio Mani in Pizza , sabato 17 novembre ore 12.00
La Pizzeria ‘O Munaciello
Area Quinte Teatrino Lorenese – Piano Terra – Aula della Pizza

Sembra che Firenze sia diventata la nuova capitale della pizza ospitando tanti pizzaioli pieni di talento che hanno stabilito la loro base proprio nella città del giglio e sono presenti alla Biennale per svelare i loro segreti.
Ma la vera pizza è Napoli e Napoli, a Firenze, è in Oltrarno, il cuore della città della botteghe e degli ultimi artigiani, al ‘O Munaciello, il ristorante/pizzeria fresco dei 3 spicchi del Gambero Rosso International e i 2 spicchi di Gambero Rosso Italia, una magia portata da Firenze a Miami, attraverso Napoli…..tutto il fascino dell’Oltrarno fiorentino con le contaminazioni napoletane che si riflettono nel locale, semplice ma ruspante, il forno a legna, caldo e accogliente per il pane fresco fatto in casa, il bancone di mescita, come usava una volta,  un viaggio nella bella Napoli che viene coniugato con maestria, un percorso che unisce la tecnica con il territorio per gustare i piatti simbolo della tradizione campana, babà, zeppole, mozzarelle in carrozza, pastiera, paccheri, scialatielli, cuoppo di mare, polpo, sorseggiando Falanghina e Limoncello vini e liquori “du paese do sole”.
Primo attore l’atmosfera campana piena di profumi, colori, allegro e festoso anche nei dettagli d’arredo: le tovaglie hanno i numeri della tombola stampati, ghirlande di peperoncini fiammeggianti e trecce di aglio, i limoni sorrentini, le mele annurca, carretti di fiori e granite al limone, le immancabili maglie numero 10 di Maradona, appese con i chiappini di legno come se fossero stese ad asciugare al sole.
Il Ristorante di Firenze, è diretto da  Laura Franzina e il forno della pizzeria è attualmente curato da Francesco Anglani, che saranno insieme alla Biennale Gastronomica sabato 17 novembre alle ore 12.00 per presentare una pizza verace da impasto con farina 00, sia nelle versioni più tradizionali che nei calzoni, fino ai semplici covaccini, passando attraverso la nutrita sequenza delle pizze speciali. Un “caos organizzato”, un bagaglio live carico di cultura, storia, tradizioni gastronomiche e folkloristiche nel più puro spirito partenopeo che, dopo 10 anni di successi, è stato esportato anche a Miami, paese do sole” dove l’estate non finisce mai, piena di colori spudorati con la gente che fa sempre festa e senti i profumi dei sapori della Campania e la gioia di vivere in strada, come a Napoli.
‘O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi

Tre spicchi” Gambero Rosso International a ‘O Munaciello a Miami

20032107_10211235399254926_4398312417824700980_nTre spicchi” Gambero Rosso International  a ‘O Munaciello a Miami
La Guida del Gambero Rosso, presentata domenica 28 ottobre al Chorus a Roma, per i premi speciali
Guida Ristoranti italiani nel mondo 2019.
Guida Ristoranti Italiani nel mondo 2019 Gambero Rosso, presentato al Chorus a Roma, per la prima volta i locali non vengono giudicati solo con spicchi e rotelle, ma a ognuno è assegnato un punteggio numerico che prende in considerazione la pizza, l’ambiente e il servizio. A riprova di come il mondo dell’arte bianca stia crescendo sempre di più vediamo tra i premiati, “vecchi” e nuovi, gli emergenti e le tendenze, sono stati assegnati 3 spicchi alla pizzeria Ristorante ‘O Munaciello – Firenze e Miami.
La guida ha premiato le migliori espressioni della pizza italiana suddivisa in categorie: pizza tonda napoletana, romana e gourmet, e pizza a taglio, giudicate in base alla lavorazione degli impasti e alla scelta degli ingredienti selezionati per il condimento. La pizza ha trovato la sua eccellenza anche a Miami con Valentina Borgogni e Carmine Candito che con il ‘O Munaciello, per la prima volta, ottiene il più alto riconoscimento della guida pizzerie d’Italia del Gambero Rosso International, ottenendo Tre Spicchi per la sua pizza a degustazione.
Per Valentina Borgogni, attenta da sempre alla grande qualità dei prodotti assolutamente Made in Italy, è finalmente arrivato il riconoscimento dei tre spicchi, che lo consacra tra le pizzerie italiane migliori degli USA. “Essere presenti con tre spicchi nella guida del Gambero Rosso International è un onore che ci ripaga di tutto il lavoro di questi anni e che ci spinge a continuare il nostro percorso. Non ci fermiamo qui, spiega Valentina Borgogni, ma andiamo avanti con la nostra ricerca sugli impasti e sugli ingredienti, sui prodotti Italiani, le farine, l’ilio, il vino, la prossima stagione vedrà tante novità tra le pizze a degustazione”.
‘O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi

Tre spicchi” Gambero Rosso International a ‘O Munaciello a Miami

20032107_10211235399254926_4398312417824700980_n(2)Tre spicchi” Gambero Rosso International  a ‘O Munaciello a Miami
La Guida del Gambero Rosso, presentata domenica 28 ottobre al Chorus a Roma, per i premi speciali
Guida Ristoranti italiani nel mondo 2019.
Guida Ristoranti Italiani nel mondo 2019 Gambero Rosso, presentato al Chorus a Roma, per la prima volta i locali non vengono giudicati solo con spicchi e rotelle, ma a ognuno è assegnato un punteggio numerico che prende in considerazione la pizza, l’ambiente e il servizio. A riprova di come il mondo dell’arte bianca stia crescendo sempre di più vediamo tra i premiati, “vecchi” e nuovi, gli emergenti e le tendenze, sono stati assegnati 3 spicchi alla pizzeria Ristorante ‘O Munaciello – Firenze e Miami.
La guida ha premiato le migliori espressioni della pizza italiana suddivisa in categorie: pizza tonda napoletana, romana e gourmet, e pizza a taglio, giudicate in base alla lavorazione degli impasti e alla scelta degli ingredienti selezionati per il condimento. La pizza ha trovato la sua eccellenza anche a Miami con Valentina Borgogni e Carmine Candito che con il ‘O Munaciello, per la prima volta, ottiene il più alto riconoscimento della guida pizzerie d’Italia del Gambero Rosso International, ottenendo Tre Spicchi per gambero rossola sua pizza a degustazione.
Per Valentina Borgogni, attenta da sempre alla grande qualità dei prodotti assolutamente Made in Italy, è finalmente arrivato il riconoscimento dei tre spicchi, che lo consacra tra le pizzerie italiane migliori degli USA. “Essere presenti con tre spicchi nella guida del Gambero Rosso International è un onore che ci ripaga di tutto il lavoro di questi anni e che ci spinge a continuare il nostro percorso. Non ci fermiamo qui, spiega Valentina Borgogni, ma andiamo avanti con la nostra ricerca sugli impasti e sugli ingredienti, sui prodotti Italiani, le farine, l’ilio, il vino, la prossima stagione vedrà tante novità tra le pizze a degustazione”.

‘O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi