Il gran finale di Mangiamusica – La Stagione evento

b0e84be5-911b-47eb-acb3-e7640b2de843Il gran finale di Mangiamusica – La Stagione evento
Giovedì 6 dicembre la cena più ritmata dell’anno al Garibaldi di Cantù, con Ezio Guaitamacchi & Brunella Boschetti, Leonardo Follieri, Giulio Crotti ed il loro “Rock & Arte”

CANTÙ (Como) – Sono stati tra gli artisti più applauditi della quinta edizione di Mangiacinema, lo scorso settembre a Salsomaggiore Terme, dove hanno portato il loro spettacolo “La ruota del Rock”. Ora, sempre in coppia e con l’aggiunta degIi studiosi Leonardo Follieri e Giulio Crotti, Ezio Guaitamacchi & Brunella Boschetti saranno i protagonisti della grande festa di chiusura di Mangiamusica – La Stagione evento. ll quarto e ultimo appuntamento di questo spin off della storica rassegna Mangia come scrivi, nato dalla creativà del giornalista Gianluigi Negri, segna anche il termine di un ciclo di cene artistiche (uniche in italia e imitate come pochissime altre iniziative) che in Lombardia è approdato nel gennaio 2013 e, da allora, ha proposto oltre 50 appuntamenti di grande successo con nomi come Maurizio Nichetti, Francesco Baccini, Flavio Oreglio. Alberto Patrucco, Marco Ferradini, Ricky Gianco, Niccolò Agliardi, Marco Buticchi, Vincenzo Zitello, Mario Luzzatto Fegiz, Loredana Limone, Giorgio Terruzzi, Enzo Gentile, 25d0a996-4ca7-4334-96cd-eaca98656bb2Massimo Cotto.

ROCK & ARTE
La cena “Rock & Arte” di giovedì 6 dicembre si terrà al Ristorante Il Garibaldi di Cantù (inizio alle 20.30, info e prenotazioni: 031 704915) con il critico più rock d’Italia, accompagnato dai due giovani e appassionati studiosi Follieri e Crotti per presentare il nuovo libro che hanno scritto insieme per Hoepli. Copertine, poster, film, fotografie, moda e oggetti: il binomio “Rock & Arte” scandagliato con incredibile dovizia di particolari e contagiosa passione. Senza dimenticare la travolgente energia e carica dell’immancabile showcase musicale del Guaitamacchi performer, accompagnato dalla potente voce di Brunella Boschetti.

IL MENU DEGLI CHEF ZAMBERNARDI E NEGRI
Come sempre, quattro saranno le portate d’autore del menu proposto dagli chef del Garibaldi Alda Zambernardi e Marco Negri durante la cena: tra queste, da segnalare un risotto in cupola di culaccia accompagnato da polpettine di cinta senese all’aroma di tartufo nero, come primo, e, come secondo, un croccante filetto di maiale alla Wellington in crosta di pasta sfoglia. Il tutto annaffiato da tre vini friulani dell’Azienda Ronchi San Giuseppe (www.ronchisangiuseppe.com), selezionati da Alfonso Galvano di Vineggiando di Cantù.

LA SERA SUCCESSIVA A PARMA
Il giorno dopo, venerdì 7 dicembre, alla Trattoria I Du Matt di Parma si terrà la cena di Mangia come scrivi “Il nostro Guareschi” (evento speciale delle celebrazioni del 50° della scomparsa del papà di Don Camillo e Peppone) con Alessandro Gnocchi, Andrea Setti e Ezio Aldoni, Egidio Bandini.

IL FUTURO DELLA RASSEGNA
“Con questo appuntamento di dicembre – afferma il direttore artistico Gianluigi Negri – chiudiamo un meraviglioso ciclo durato sei intensissimi anni, nei quali, senza soluzione di continuità, abbiamo messo in piedi sei stagioni, ciascuna contenente almeno 8-9 appuntamenti. Uno sforzo produttivo e organizzativo enorme, che non saremo in grado di portare avanti con la stessa intensità: abbiamo portato a Cantù eventi di grande spessore, un giovedì al mese, “servendo” al pubblico spettacoli straordinari e mettendo sempre in primo piano la cultura. Con tre fondamentali ingredienti: spirito di volontariato, passione e voglia di condividere l’amore per la bellezza e la poesia che si trovano in ogni forma d’arte. Abbandoneremo il concetto “classico” di stagione, ma non è escluso che si possano riproporre in futuro eventi spot, magari pensando, certo con largo anticipo, al prossimo libro di uno scrittore e critico infaticabile proprio come Ezio Guaitamacchi”.

Pregusta il menu di “Rock & Arte”

www. mangiacomescrivi.it

Il gran finale di Mangiamusica – La Stagione eventoultima modifica: 2018-11-30T12:39:41+01:00da viaggiesvaghi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento