Reunion – Preserata Biblò Pubblico · Organizzato da BIBLÒ Club

46371476_766900413643853_6817846702171488256_oReunion – Preserata Biblò Pubblico · Organizzato da BIBLÒ Club

26 novembre 2018

LUNEDI’ 26 NOVEMBRE ✨

TORNA L’EVENTO DEL LAGO!!

REUNION – HIP HOP DON’T STOP
PRESERATA BIBLÒ club ★
Per info:
(+39) 334 584 6181 // (+39) 349 841 5946

#BIBLÓCLUB #reunion #hiphop

IL PRESERATA HIP HOP REGGAETON TRAP DEL GARDA

REUNION – HIP HOP DON’T STOP
con i migliori suoni hip hop del momento
special dj ANTONY

Sagra di San Giminiano Pieve d Olmi (CR)

46440643_868569796680617_7410638315998674944_nSagra di San Giminiano Pieve d Olmi (CR)

25 novembre 2018

Una giornata insieme con giochi, babbo natale e olaf per i più piccini, panini, polenta calda con formaggi e salumi, tartufo e tanto altro

Santeria Comedy OFF / La terza serata

45390539_2083769511641693_6981105495788486656_oSanteria Comedy OFF / La terza serata

Martedì 27 Novembre
Ore 19.45

Il futuro non è scritto, ma fa già ridere.
Per questo ricominciamo la stagione degli appuntamenti Open Mic di Santeria Comedy Off, sorella minore (ma non poi tanto) delle nostre serate a Social Club

Da quest’anno il modo per iscriversi è uno e uno solo, attraverso il sito dei nostri partners in laugh di Aguilar Entertainment
Andate qui, compilate tutti i campi e cominciate a provare le battute: https://aguilar.it/open-mic/

Per chi volesse assistere alla serata, invece, la prenotazione è sempre consigliata al numero 02 36798121

Santeria Paladini 8
Via Ettore Paladini 8

Alterego live Circolo Eridanea Casalmaggiore (Cr)

46495286_2216235368406795_575701874531893248_nAlterego live Circolo Eridanea Casalmaggiore (Cr)

24 novembre 2018

Amici Sabato ci spostiamo a Casalmaggiore al Circolo Canottieri Eridanea dove accompagneremo, con il nostro repertorio “Parecchio Acustico”, l’aperitivo dalle 18.30.
Poi dopo la cena, alla quale siete tutti invitati, dalle 21,30 ci scateneremo tutta la notte 😉
Per info e prenotazioni cena/tavoli 3474104848
INGRESSO GRATUITO

Canottieri Eridanea
via Argine Maestro, 26041 Casalmaggiore

Il raduno dei Bikers di Babbo Natale arriva anche quest’anno nel magico borgo di Grazzano Visconti!

46488419_1928342137256051_6767836249005752320_nIl raduno dei Bikers di Babbo Natale arriva anche quest’anno nel magico borgo di Grazzano Visconti!

25 novembre 2018

Il raduno dei Bikers di Babbo Natale arriva anche quest’anno nel magico borgo di Grazzano Visconti!

E’ risaputo che ci piace festeggiare, ma in occasione dei Mercatini di Natale a Grazzano Visconti lo vogliamo fare in maniera particolare.

Ci riuniremo domenica 25 novembre nel borgo medioevale di Grazzano Visconti dove avrà luogo una reunion di Babbo Bikers che esporrà per le vie cittadine , in sella alle nostre “Renne motorizzate”, per allietare il clima natalizio.

All’arrivo verranno consegnati a tutti i bikers uno sconto del 10% su tutti i nostri truck con un brindisi per salutarci e farci gli auguri di Natale come piace a NOI.

Vi aspettiamo numerosi, invito aperto a tutte le “Renne motorizzate”!

Dress Code: BABBO NATALE.

PROGRAMMA:

– arrivo bikers tra le 9.00 e le 11.00
– consegna buoni sconto ore 12.00
– esposizione moto dalle 12.00 alle 17 circa
– pranzo tensostruttura riscaldata
– visita libera del borgo

Info e contatti:
Aldo 349.0505743
Matteo 392.8582486
tipicoeventi@gmail.com

Marco Faraone special guest all’Amnesia Milano

marco-faraone-2018-900x600-650x433Marco Faraone special guest all’Amnesia Milano

Sabato 24 novembre 2018 arriva all’Amnesia Milano uno dei dj italiani più apprezzati nel panorama mondiale della musica elettronica: Marco Faraone, che torna nel locale milanese con uno dei suoi proverbiali extended set.

Marco Faraone sta concludendo un 2018 assolutamente spettacolare, caratterizzato in particolare dal suo debutto al fabric di Londra e dalla recentissima release di “Lunar Eclipse”, uscita lo scorso ottobre su Drumcode, l’etichetta discografica di Adam Beyer. Faraone arriva all’Amnesia subito dopo il suo tour sudamericano, che ad inizio novembre lo vede protagonista in Argentina, Uruguay, Cile e Colombia.

Sabato 24 novembre 2018 A.Lab (Amnesia Milano second room) diventa Nu House Club ‘Golden Age’. In console Andrea Corsari, Dip Noise, 40 Boys e Misticfool.

more info al www.amnesiamilano.com

join spadaronews on facebook:
Tagged adam beyer, amnesia milano, drumcode, extended set, fabric londra, marco faraone

Agazzano Sardegna in Piazza

Agazzano Sardegna in Piazza

Da giovedì 22 a domenica 25 novembre 2018

46134623_870024443204767_4367493453790052352_nGiusy Pischedda al Sardinia Live

#SardegnaInPiazza

Sagra delle Seadas e del Mirto

Piazza Europa ad Agazzano si trasforma in un angolo della splendida Sardegna, grazie alla manifestazione di enogastronomia, artigianato e turismo Sardegna in Piazza.

Fat plant Comedy

46495202_302885487231775_7137806372560699392_nFat plant Comedy

Venerdì 21 dicembre 2018

Seconda parte dell’anteprima di Fat Plant comedy che si spera di far diventare da gennaio un appuntamento fisso. Stessa sede, stessa ottima accoglienza ma i protagonisti cambiano quasi completamente (Anche se sempre pescati dal meglio della stand up comedy milanese)
LUCA ANSELMI – Trentino, faccia d’angelo tradita da una cattiveria comunque mai sopra le righe
NICOLA CAMPOSTORI – uno dei più giovani e completi talenti della stand up, con militanze anche teatrali e musicali (in band metal)
EDOARDO CONFUORTO – Uno dei monologhisti più capaci d’Italia, tra narrazioni articolate e pensieri fulminanti
presenta DADO TEDESCHI il grande vecchio della stand up oggi in veste di coordinatore e intrattenitoreDIC

Lapiantagrassa
Via Pellegrino Rossi 81, 20161 Milano

A Brienza il B&B “La Voce del Fiume” racconta di un’ospitalità antica fatta con Amore

camera rubinoA Brienza il B&B “La Voce del Fiume” racconta di un’ospitalità antica fatta con Amore

La “Voce del Fiume” è un progetto d’amore nato dal sogno della titolare, Rocchina Adobbato, oggi divenuto realtà. E’ un’impresa al femminile, infatti il progetto viene portato avanti con il contributo della figlia Elvira studentessa universitaria di Scienze del turismo. E’ lei che ha scelto il nome del B&B e delle camere e ha contribuito a creare lo stile architettonico della dimora, nel rispetto del recupero conservativo e dei vincoli della Soprintendenza.
L’ossigeno del progetto è l’entusiasmo e l’amore per l’ospitalità “innata” della titolare che proviene da una famiglia numerosa e di umili origini, padre panettiere, mamma casalinga, terza di cinque figlie, la sua casa era la “casa della condivisione”, sempre aperta ad amici e parenti. Dice Rocchina: “All’ora dei pasti c’era sempre qualcuno che si aggiungeva a tavola e si condivideva con gioia e amore. Dalla mamma e dalla nonna ho imparato l’arte del fare in casa, come le ricette dei dolci fatti in casa, dei biscotti, dello yogurt, delle confetture”. Il B&B “La Voce del fiume” è un luogo dove si scopre il valore delle relazioni, la titolare prepara e serve personalmente la colazione, con ingredienti biologici, a Km zero, con prodotti che è possibile apprezzare durante la variegata bio-colazione e negli aperitivi di benvenuto. Rocchina Adobbato parla con gli ospiti, organizza itinerari, suggerisce e prenota ristoranti, facilita gli accessi ai luoghi da visitare fornendo loro i ticket che evitano file e lunghe attese. Rocchina è sempre disponibile a seguire e ad accompagnare gli ospiti alla scoperta del territorio. La struttura è ubicata in posizione strategica, non lontana dai grandi attrattori culturali. Vengono anche effettuati laboratori esperienziali : della pasta fatta a mano, delle confetture, dei dolci tipici, delle conserve e speciali degustazioni di formaggi, salumi e di altri prodotti tipici locali. Questo il messaggio ecologista del B&B: rispetto della natura e dell’ambiente , bike elettriche a servizio degli ospiti, sapone artigianale a base di olio di olive nella linea di cortesia. Al bed & breakfast “La Voce del Fiume”, che fa parte del circuito Legambiente turismo, Ecobnb, il biologico rappresenta una scelta chiara di identità e di stile di vita: il concetto di biologico è associato al cibo e ai prodotti enogastronomici, ma anche ai materiali edili. L’utilizzo di pietra locale, calce e vernici ecologiche si sposa con la volontà di rispettare il più possibile la natura, di offrire agli ospiti ambienti ecosostenibili e quindi di essere in perfetta sintonia con il paesaggio lucano circostante. Il riutilizzo in modo originale di materiali e vecchi oggetti destinati ad altri utilizzi, per creare elementi di arredo, è anch’esso parte integrante del progetto: vecchi piatti di porcellana trasformati in originali lampadari, scalette di legno di castagno in pratici appendiabiti, vecchi tavolieri dove un tempo si impastava la pasta sono diventati scrivanie per le originalissime camere. Nel contempo sono stati recuperati e riportate al loro originale splendore le antiche travi di duecento anni fa, la vecchia carta da parati, i vecchi pavimenti in tavolaccio o cotto, i vecchi infissi con scuretti e ferramenta originale. Travi e mattoni lasciati a vista, porte e finestre di legno restaurate e riportate all’antico splendore: tutto è stato fatto nel rispetto del contesto edilizio originario. Si può dire che ogni mobile e ogni complemento d’arredo è un pezzo unico, frutto del lavoro e della maestria degli artigiani del ferro battuto e del legno del territorio e di artisti locali che si sono prestati a creare per il bed & breakfast piccole opere d’arte. Travi e mattoni lasciati a vista, porte e finestre di legno restaurate e riportate all’antico splendore: tutto è stato fatto nel rispetto del contesto edilizio originario. Biologico è anche il sapone all’olio di oliva della linea di cortesia del bed & breakfast, parte integrante della linea cosmetica naturale a marchio “LAVOCE DEL FIUME” che utilizza i principi attivi dell’olio di oliva del territorio.
Queste le caratteristiche che rendono unico il B&B “La Voce del Fiume”: la cultura dell’ospitalità e il calore dell’accoglienza; l’attenzione e la cura degli ospiti dall’arrivo alla partenza; un viaggio sensoriale fuori dal tempo; un luogo per conoscere la cultura lucana; un luogo dove si vivono esperienze polisensorilai e si trasmettono tradizioni e valori antichi.

Dr. Harry di Prisco
Giornalista
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

Albana Docg: sfida nazionale all’ultimo calice

Albana Docg: sfida nazionale all’ultimo calice

Diciotto sommelier degustatori da tutta Italia a Bertinoro (Fc) per la medaglia d’oro al Concorso Nazionale, II° Master Romagna Albana Docg

Sabato 24 e domenica 25 novembre nel borgo romagnolo una due giorni fra cultura del territorio e degustazioni dedicata alla regina a bacca bianca di Romagna.

Bertonoro (20 novembre) – Sono in 18 e arrivano a Bertinoro (Fc) da sette regioni d’Italia. Sono i migliori. La loro arma è il calice, il loro sapere è il prezioso bagaglio di profumi e sapori immagazzinato in anni di studio e assaggio di vini e vitigni del Belpaese enoico. Sono i sommelier degustatori Ais che partecipano domenica 25 novembre al Secondo Master Romagna Albana Docg organizzato nel borgo romagnolo santificato al vino dal suo terroir unico, fatto di clima mite, brezza costante, forti escursioni termiche e dallo ‘spungone romagnolo’. Una vasta e spessa barriera di calcare che costringe le radici delle viti a penetrare in profondità aggrappandosi alle rocce del sottosuolo, regalando così un vino fortemente tannico, intrigante e longevo. Un vino che nelle sue migliori espressioni a bacca bianca si chiama Albana e che rappresenta una nicchia tutta romagnola con poco più di 50 produttori attivi, una produzione che non arriva al milione di bottiglie (55% si albana secco, 5% di passito e il resto di albana dolce), ma con una varietà di stili e di impronte territoriali che non ha eguali al mondo.

A certificarne il valore, il riconoscimento, primo vino bianco in Italia, della Docg fin dal 1987. E oggi il grande lavoro di tanti produttori eccellenti del territorio capaci di offrire al mercato prodotti di altissima qualità e piacevolezza, sia nelle versione secco che passito.

Attorno all’Albana, Bertinoro ha costruito un mito. E dallo scorso anno ha messo in piedi un concorso, il Master, una Riserva Storica con a dimora centinaia di bottiglie di Sangiovese e Albana, e ‘Vino al Vino’, una due giorni (sabato 24 e domenica 25 novembre) di eventi, culturali e di piazza, chiamando a raccolta esperti, addetti ai lavori, giornalisti e blogger e soprattutto tanto pubblico di gastronauti e enoappassionati. In programma, convegni, degustazioni, master class, cene a tema e visite guidate per conoscere lo ‘spungone’ e le aziende vinicole del territorio. Attori della manifestazione, il Comune di Bertinoro, il Consorzio Vini di Romagna, il Consorzio Vini di Bertinoro e l’Associazione Italiana Sommelier Romagna.

Il Master

Gran clou della due giorni bertinorese, le prove pubbliche (play off e finale) del Concorso Nazionale – Trofeo Consorzio Vini di Romagna – II° Master Romagna Albana Docg, in programma domenica 25 novembre alle ore 16.00 nella scenica cornice della Chiesa di San Silvestro. Saranno 4 i campioni che gareggeranno davanti al pubblico, dopo che le selezioni su tutti e 18 i sommelier degustatori partecipanti si saranno svolte a porte chiuse.

Concorso prestigioso e trampolino di lancio per ulteriori traguardi (il Miglior Sommelier d’Italia 2018, il toscano Simone Loguercio, fu secondo al master 2017 dietro al trionfatore il romagnolo Marco Casadei), il Master Romagna Albana Docg, come altri concorsi Ais, è frequentato da professionisti della degustazione che si cimentano ogni anno in speciali concorsi in Italia e all’estero. Spesso sono sommelier di enoteche o ristoranti stellati che oltre al racconto e alla mescita richiedono al professionista competenza e capacità manageriale nella compilazione della carta vini, negli acquisti e nella gestione delle cantine, veri e propri caveau che rappresentano il fiore all’occhiello dei locali.

Ed è proprio su capacità di degustazione, comunicazione e racconto, competenza, studio e conoscenza dei vini, capacità manageriale e gestionale, che si fondano le prove finali del Master, esaminate da una giuria di esperti, composta da rappresentanti della somellerie nazionale e romagnola, del Consorzio Vini di Romagna, oltre che a buon diritto dal vincitore dell’edizione precedente del Master .

Una gara appassionante, quasi una pièce teatrale, dove davanti al pubblico, i sommelier finalisti si affrontano raccontando e riconoscendo vini alla cieca, accogliendo e affabulando ipotetici clienti e abbinandone i desideri gastronomici a vini prestigiosi, decantando vecchie bottiglie e rispondendo a insidiose domande.

Al termine la Giuria proclamerà il vincitore del Master Romagna Albana 2018 che avrà primeggiato per abilità, comunicatività e competenza.

In allegato una foto della prima edizione del Master: al centro il vincitore Marco Casadei; a destra Simone Loguercio, secondo classificato al Master dell’Albana 2017 e Miglior Sommelier d’Italia 2018.


Anna Frabotta- Agenzia PrimaPagina
Via Sacchi 31 – 47521 Cesena
tel. 0547 24284 – fax 0547 27328
ufficiostampa@agenziaprimapagina.it
http://www.agenziaprimapagina.it <http://www.agenziaprimapagina.it/>

VisiTuscia alla scoperta della Tuscia viterbese

logo VisiTuscia novembre 2018VisiTuscia alla scoperta della Tuscia viterbese

Dal 23 al 25 Novembre VisiTuscia presenta la Tuscia
In programma un convegno sul rilancio del sistema termale viterbese

Le quattro Reti d’Impresa su Strada, cioè quelle libere aggregazioni di attività economiche per raggiungere piani di crescita su uno o più obiettivi, vincitrici del bando della Regione Lazio (Discover Canino, Visit Marta, Naturalmente Capodimonte e Enjoy Viterbo), dopo il primo appuntamento di fine maggio, come era stato già annunciato, ritorna per il secondo step. VisiTuscia, la Borsa del Turismo e dell’Agroalimentare della provincia di Viterbo, è promossa dal CAT – Centro Assistenza Tecnica Sviluppo Imprese di Viterbo – in partenariato con la Provincia di Viterbo e la locale Camera di Commercio, si svolgerà da 23 al 25 novembre e consentirà di conoscere meglio la Tuscia e la provincia di Viterbo. All’evento hanno assicurato il patrocinio la Regione Lazio e l’Ente Bilaterale del Turismo del Lazio, oltre alle Associazioni di categoria del Turismo. Nella prima fase l’attenzione è stata concentrata sulla predisposizione di nuovi e più articolati pacchetti turistici per soddisfare le esigenze dei turisti, i quali nella Tuscia trovano molteplici occasioni di svago; questo secondo appuntamento sarà dedicato invece agli operatori di settore. Nel corso della manifestazione si svolgerà un Workshop itinerante che punta a favorire l’incontro di circa 30 buyers nazionali ed esteri con un centinaio di aziende turistiche (catene alberghiere, ristoranti, compagnie di navigazione lacuale, autonoleggio e servizi) e dell’agroalimentare. La Tuscia infatti, vanta produzioni di grande attenzione come l’Olio Extra Vergine d’Oliva DOP Canino e Tuscia, le Castagne e le Nocciole dei Monti Cimini, le numerose DOC e IGT del settore vinicolo e moltissimi altri prodotti di nicchia: dalle patate di Grotte di Casto alle lenticchie di Onano, dai fagioli di Gradoli ai ceci di Valentano. Senza dimenticare i salumi e il pane, le pizze e le focacce. Un aspetto particolare sarà quest’anno riservato alle Terme di cui la Tuscia è particolarmente ricca. Già conosciute dagli Etruschi, quando nel 310 a.C. i romani conquistarono l’Etruria meridionale, sfruttarono le numerose sorgenti di acqua calda edificando ben quattordici terme. Durante il medioevo il complesso termale viterbese attirò numerosi pontefici: da Papa Gregorio IX a Papa Niccolò V e, soprattutto, Papa Bonifacio IX che frequentava queste terme per alleviare i suoi dolori articolari. I centri termali aperti al pubblico sono oggi quelli del Parco del Bullicame, del Bagnaccio e le Piscine Carletti a cui si aggiungono due stabilimenti, moderni e super attrezzati: le “Terme dei Papi” e il “Pianeta Benessere”, entrambi di elevata qualità sotto tutti i punti di vista. Al termalismo e alle problematiche che affliggono il settore è riservato il convegno dal titolo “Il rilancio del sistema termale viterbese”, che si terrà venerdì 23 novembre alle ore 11.00 presso la Sala Conferenze della struttura delle Terme dei Papi in collaborazione e con il Patrocinio del Comune di Viterbo . “Siamo giunti alla X edizione – ha dichiarato Vincenzo Peparello, presidente del CAT e ideatore di VisiTuscia – e il consenso riscosso in questi anni è univoco. L’incrementato delle presenze sul territorio, come confermano le statistiche che danno un aumento del turismo nella Tuscia negli ultimi dieci anni di oltre il 30%, è sotto gli occhi di tutti. Riteniamo che una parte del merito debba essere ascritto a questa manifestazione che negli anni ha fatto conoscere la Regione ad oltre 150 giornalisti della stampa turistica e ad oltre 300 operatori del settore. I nuovi pacchetti turistici che abbiamo predisposto e veicolato a maggio e quelli che saranno posticipati per il prossimo appuntamento di fine novembre, verranno inviati a 5000 agenzie. Tale attività – conclude Peparello – aggiunta al sorprendente risultato del mese di maggio, conferma la validità e la strategia del VisiTuscia divenuto ormai un evento fondamentale per l’economia del territorio Viterbese”.

https://www.confesercentiviterbo.it/category/visituscia/
Dr. Harry di Prisco
Giornalista
Via F. Petrarca, 101/B
80122 NAPOLI
tel./fax: 0817690277
cell. 3355804462
email: harrydiprisco@libero.it

Conto alla rovescia per ” il Natale che non ti aspetti” il primo appuntamento sabato 24 novembre

348df366-5a16-4b5e-a5ba-b7221e20de5dConto alla rovescia per ” il Natale che non ti aspetti” il primo appuntamento sabato 24 novembre

L’evento diffuso targato UNPLI Pesaro e Urbino che coinvolge 15 territori prende il via il prossimo weekend

E’ iniziato il conto alla rovescia per “Il Natale che non ti aspetti”, l’evento diffuso coordinato da Comitato Unpli sezione provinciale di Pesaro e Urbino insieme alle pro loco e in collaborazione con Regione Marche e Provincia di Pesaro e Urbino per promuovere la scoperta delle tradizioni natalizie e i paesaggi tipici delle Marche. Una festa collettiva che prenderà il via sabato prossimo, 24 novembre, con mercatini, presepi, luminarie ad effetto, villaggi di Babbo Natale, paesaggi invernali e magiche suggestioni in 15 territori della provincia il prossimo weekend, per allungarsi, in alcuni casi, fino all’Epifania.

Sabato 24 novembre prende il via Candele a Candelara, la festa dedicata alle fiammelle di cera che andrà avanti per quattro weekend fino al 16 dicembre. Un’atmosfera ovattata che ha il suo culmine con lo spegnimento programmato della luce artificiale due volte al giorno, lasciando il borgo illuminato dalle sole candele. Novità dell’edizione 2018, la torre di legno costruita con i quattro simboli dell’Avvento: i Profeti, Betlemme, i Pastori e gli Angeli.

Nello stesso giorno partono anche le iniziative di E’ Natale a Mombaroccio con il Chiostro dei Sapori nel Chiostro di San Marco e la “Magica Nevicata” in Piazza Barocci che si ripete due volte al giorno nei weekend fino al 9 dicembre. Mercatini di artigianato artistico, l’accensione dell’Albero e la sfilata del Presepe Vivente per le strade del paese fino alla Capanna della Natività sono solo alcune delle attrazioni da non perdere.

Inizia sabato 24 novembre – per concludersi il 6 gennaio – anche Pesaro nel cuore, con la pista di pattinaggio sul ghiaccio a forma di cuore in Piazza del Popolo e l’accensione dell’Albero di Natale più illuminato d’Italia e con il minor consumo. I mercatini di Pesaro cambieranno categoria merceologica durante il periodo: fino al 9 dicembre artigianato, dal 10 al 25 mercatino di Natale e dal 26 al 6 gennaio mercatino dell’Epifania.

Nello stesso giorno prendono il via anche le iniziative – che termineranno il 1 gennaio – de il “Castello di Natale” a Gradara: con i tradizionali mercatini nel borgo, itinerari nella storica Rocca e nel borgo alla scoperta di curiosità e storie, percorsi teatrali itineranti per grandi e piccoli, racconti di Natale, l’Ufficio Postale di Babbo Natale, la scuola di clown e laboratori per bambini. Vin brulè e cioccolata calda dopo la messa della notte di Natale.

Il giorno successivo, 25 novembre, toccherà a Frontone dare il via alla sedicesima edizione di “Nel Castello di Babbo Natale”. La festa a Frontone si concluderà il 16 dicembre, ma per tutta la durata dell’evento sarà presente il tradizionale Mercatino all’interno del Castello risalente all’anno Mille, musica soffusa, il trono di Babbo Natale, animazione e laboratori per bambini e la musica itinerante degli Zampognari di Montefeltro e della Santa Claus Band.

Inizierà il 1 dicembre – e si concluderà con l’Epifania – “Il Natale più” a Fano: mercatini, il Villaggio di Natale, il celebre Presepe di San Marco e Diorami nelle antiche cantine di Palazzo Fabbri, il capodanno in piazza, il maestoso abete normandiano di 13 metri illuminato da migliaia di led colorati e, per la prima volta, una esposizione di sculture di sabbia raffiguranti la natività, gli antichi mestieri e alcuni celebri monumenti fanesi in Piazza Amiani.

Stessa partenza anche per Natale a Urbino, che nel weekend dell’Immacolata darà il via alla 18° edizione de “Le Vie dei Presepi”, con natività di ogni genere e provenienza collocate lungo le vie, all’interno dei palazzi e tra i vicoli del centro storico. Circa 200 opere allestite in quattro punti principali della città, che saranno inaugurate con un concerto nella Chiesa di San Domenico la sera dell’8 dicembre. Per tutto il periodo, eventi ed intrattenimenti di ogni tipo per grandi e piccini.

Sarà l’8 dicembre la data di avvio – e il 6 gennaio quella di chiusura – della diciottesima edizione de “Il Magico Natale” a Fossombrone con spettacoli di luce, laboratori creativi per grandi e bambini e animazione. Ma anche stand gastronomici, mercatini di manufatti artigianali, l’Ufficio Postale di Babbo Natale dove i bambini potranno consegnare le proprie letterine e la tradizionale accensione dell’albero, con giochi di colori e riflessi.

Toccherà invece aspettare fino al 4 gennaio per la Festa Nazionale della Befana di Urbania, con mercatini, musica, spettacoli e animazione di strada in attesa dell’arrivo di centinaia di Befane e del loro carico di dolciumi. Momento culminante della festa, il 6 gennaio, sarà la discesa della Befana dalla Torre Campanaria che distribuirà dolci a tutti i bambini presenti e la calza da guinness lunga oltre 50 metri realizzata dalle Befane del paese.

Per informazioni UNPLI Pesaro e Urbino cell. 328 982522;
www.unplipesarourbino.it
facebook @unioneprolocopesarourbino

Ufficio stampa UNPLI Il Natale che non ti aspetti

Marte Comunicazione snc. di Marzia Morganti e co

via Grocco 5, 59100 Prato info@martecomunicazione.com

Marzia Morganti marzia.morganti@gmail.com ph. 3356130800

Niccolò Tempestini ntempestini@gmail.com

www.martecomunicazione.com

A food & wine in progress, la masterclass di Ais Toscana sul Riesling Renano Guidata dai campioni italiani Sabato 1 e domenica 2 dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze In degustazione ai banchi d’assaggio oltre 1000 etichette di 150 produttori dell’Eccellenza di Toscana presenti nella Guida AIS Vitae 2019 Due Masterclass sul Rielsing di Palatinato e Mosella, guidate dalla squadra dei sommelier toscani vincitori del concorso Miglior Sommelier d’Italia 2018: sarà questo l’evento di punta della partecipazione di AIS Toscana alla quarta edizione di Food & Wine in Progress, manifestazione promossa dalla stessa AIS Toscana e dall’Unione Regionale Cuochi Toscani con Cocktail in the World Mixology, in collaborazione con Coldiretti, Confcommercio e Confartigianato Imprese e con il Patrocinio della Regione Toscana, che si terrà nei giorni 1 e 2 dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze. Simone Loguercio vincitore del Concorso Miglior Sommelier d’Italia e i finalisti Valentino Tesi, Simone Vergamini tre dei quattro sommelier che ha condotto la Toscana ad un risultato storico nell’ultimo concorso tenutosi a Merano i primi di novembre e Clizia Zuin – prima tra le donne nella classifica nazionale al sesto posto assoluto condurranno le due degustazioni che si trasformeranno dunque in un evento eccezionale, anche per i i vini proposti dai produttori dalla Germania Basserman-Jordan e Van Volxem, ospiti d’onore della manifestazione. Il programma colloca le due Masterclass rispettivamente sabato 1 dicembre alle 14.30 per la Basserman-Jordan con il Riesling Palatinato e domenica 2 dicembre alle 14.30 per la Van Volxem con il Riesling Mosella. “Il ruolo di AIS Toscana nel contesto di Food & Wine in Progress si conferma centrale – spiega il Presidente Cristiano Cini – e la nostra presenza così come quella dei cuochi non fa che ribadire l’importanza di fare squadra tra due realtà strettamente interconnesse tra loro, che quotidianamente si trovano ad operare in sinergia per esaltare reciprocamente le professionalità di entrambi. Un appuntamento annuale – aggiunge – foriero di contenuti interessanti da cui trarre spunto per continuare a costruire progetti condivisi”. LE ETICHETTE IN DEGUSTAZIONE – Saranno oltre 1.000 le etichette che, in rappresentanza di oltre 150 produttori delle varie denominazioni della Toscana, potranno essere degustate dai visitatori ai banchi d’assaggio della sezione Eccellenza di Toscana. In particolare, verranno poste in degustazione le etichette presenti nella Guida AIS Vitae 2019. VINI, DISTILLATI E CIOCCOLATO – Tra gli eventi in calendario per AIS Toscana all’interno di Food & Wine in Progress, trova spazio anche una interessante degustazione, programmata per le 17 di sabato 1 dicembre, incentrata sulla combinazione di tre interpretazioni del cioccolato con vini e distillati. TRADIZIONE, ECCELLENZA E INNOVAZIONE – Food & Wine in Progress rappresenta per AIS Toscana il contesto ideale per confrontarsi, condividere esperienze e tracciare nuove linee di tendenza con il mondo del food attraverso la sinergia con l’Unione Regionale Cuochi Toscani. Uno spazio reale in cui si incontrano l’Eccellenza enologica di Toscana con le produzioni enogastronomiche della regione e la creatività dei cuochi protagonisti nei due giorni con creativi show cooking. PERCORSI GUIDATI E MINICORSI SU VINO E OLIO – Entrambe le giornate prevedono due sessioni di AIS Wine School e AIS Oil School – minicorsi gratuiti di introduzione alla degustazione rispettivamente del vino e dell’olio – e tre Wine Tutor ed Oil Tutor, percorsi degustativi gratuiti fra i banchi d’assaggio del vino e dell’olio, guidati ed illustrati da Sommelier AIS. Per tutta la durata dell’evento inoltre, i Sommelier di AIS saranno al fianco dei cuochi durante gli show cooking, per suggerire l’ideale abbinamento tra i piatti preparati e il vino e, per la prima volta, anche Sommelier dell’Olio per consigliare i migliori abbinamenti tra olio e pietanze. PROGETTI DI SVILUPPO RURALE E ZONAZIONE, DUE CONVEGNI – Ad inaugurare l’edizione 2018 di Food&Wine in Progress un convegno a cura della Regione Toscana su “Lo stato dei Progetti di Sviluppo Rurale” alle ore 10 di sabato 1 dicembre. Sarà invece curato da AIS e dedicato al tema della “Zonazione” il convegno di domenica mattina 2 dicembre alle 10.30 nel Palco Centrale e che vedrà protagonisti il Presidente Nazionale di AIS Antonello Maietta, il Vicepresidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino Stefano Cinelli Colombini, il Presidente del Consorzio del vino Chianti Classico Giovanni Manetti e, dalla Germania, Reinhard Löwenstein per il Comitato Esecutivo Consorzio V.D.P. BORSE DI STUDIO E PREMIAZIONI CONTEST – Nella giornata di domenica 2 dicembre, cerimonia di consegna della Borsa di Studio I Balzini – rivolta ai migliori neo sommelier della delegazione di Firenze – e consegna “istituzionale” dei premi Food&Wine in Progress, tra cui ‘Eccellenza di Food & Wine in Progress” che per questa edizione sarà consegnato a Giorgio Pinchiorri, alle ore 18 sul Palco Centrale. Nello stesso spazio, anche la premiazione dei tre contest rivolti al pubblico della manifestazione: il contest fotografico, il video contest AIS e l’AIS Wine Contest, in cui i partecipanti sono chiamati a riconoscere un vino alla cieca. Ufficio Stampa AIS Toscana Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini marzia.morganti@gmail.com ph 3356130800; ntempestini@gmail.com ph 3398655400 ufficio.stampa@aistoscana.it; www.aistoscana.it

A food & wine in progress, la masterclass di Ais Toscana sul Riesling Renano Guidata dai campioni italiani

Sabato 1 e domenica 2 dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze

In degustazione ai banchi d’assaggio oltre 1000 etichette di 150 produttori dell’Eccellenza di Toscana presenti nella Guida AIS Vitae 2019

Due Masterclass sul Rielsing di Palatinato e Mosella, guidate dalla squadra dei sommelier toscani vincitori del concorso Miglior Sommelier d’Italia 2018: sarà questo l’evento di punta della partecipazione di AIS Toscana alla quarta edizione di Food & Wine in Progress, manifestazione promossa dalla stessa AIS Toscana e dall’Unione Regionale Cuochi Toscani con Cocktail in the World Mixology, in collaborazione con Coldiretti, Confcommercio e Confartigianato Imprese e con il Patrocinio della Regione Toscana, che si terrà nei giorni 1 e 2 dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze.

Simone Loguercio vincitore del Concorso Miglior Sommelier d’Italia e i finalisti Valentino Tesi, Simone Vergamini tre dei quattro sommelier che ha condotto la Toscana ad un risultato storico nell’ultimo concorso tenutosi a Merano i primi di novembre e Clizia Zuin – prima tra le donne nella classifica nazionale al sesto posto assoluto condurranno le due degustazioni che si trasformeranno dunque in un evento eccezionale, anche per i i vini proposti dai produttori dalla Germania Basserman-Jordan e Van Volxem, ospiti d’onore della manifestazione. Il programma colloca le due Masterclass rispettivamente sabato 1 dicembre alle 14.30 per la Basserman-Jordan con il Riesling Palatinato e domenica 2 dicembre alle 14.30 per la Van Volxem con il Riesling Mosella.

“Il ruolo di AIS Toscana nel contesto di Food & Wine in Progress si conferma centrale – spiega il Presidente Cristiano Cini – e la nostra presenza così come quella dei cuochi non fa che ribadire l’importanza di fare squadra tra due realtà strettamente interconnesse tra loro, che quotidianamente si trovano ad operare in sinergia per esaltare reciprocamente le professionalità di entrambi. Un appuntamento annuale – aggiunge – foriero di contenuti interessanti da cui trarre spunto per continuare a costruire progetti condivisi”.

LE ETICHETTE IN DEGUSTAZIONE – Saranno oltre 1.000 le etichette che, in rappresentanza di oltre 150 produttori delle varie denominazioni della Toscana, potranno essere degustate dai visitatori ai banchi d’assaggio della sezione Eccellenza di Toscana. In particolare, verranno poste in degustazione le etichette presenti nella Guida AIS Vitae 2019.

VINI, DISTILLATI E CIOCCOLATO – Tra gli eventi in calendario per AIS Toscana all’interno di Food & Wine in Progress, trova spazio anche una interessante degustazione, programmata per le 17 di sabato 1 dicembre, incentrata sulla combinazione di tre interpretazioni del cioccolato con vini e distillati.

TRADIZIONE, ECCELLENZA E INNOVAZIONE – Food & Wine in Progress rappresenta per AIS Toscana il contesto ideale per confrontarsi, condividere esperienze e tracciare nuove linee di tendenza con il mondo del food attraverso la sinergia con l’Unione Regionale Cuochi Toscani. Uno spazio reale in cui si incontrano l’Eccellenza enologica di Toscana con le produzioni enogastronomiche della regione e la creatività dei cuochi protagonisti nei due giorni con creativi show cooking.

PERCORSI GUIDATI E MINICORSI SU VINO E OLIO – Entrambe le giornate prevedono due sessioni di AIS Wine School e AIS Oil School – minicorsi gratuiti di introduzione alla degustazione rispettivamente del vino e dell’olio – e tre Wine Tutor ed Oil Tutor, percorsi degustativi gratuiti fra i banchi d’assaggio del vino e dell’olio, guidati ed illustrati da Sommelier AIS. Per tutta la durata dell’evento inoltre, i Sommelier di AIS saranno al fianco dei cuochi durante gli show cooking, per suggerire l’ideale abbinamento tra i piatti preparati e il vino e, per la prima volta, anche Sommelier dell’Olio per consigliare i migliori abbinamenti tra olio e pietanze.

PROGETTI DI SVILUPPO RURALE E ZONAZIONE, DUE CONVEGNI – Ad inaugurare l’edizione 2018 di Food&Wine in Progress un convegno a cura della Regione Toscana su “Lo stato dei Progetti di Sviluppo Rurale” alle ore 10 di sabato 1 dicembre. Sarà invece curato da AIS e dedicato al tema della “Zonazione” il convegno di domenica mattina 2 dicembre alle 10.30 nel Palco Centrale e che vedrà protagonisti il Presidente Nazionale di AIS Antonello Maietta, il Vicepresidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino Stefano Cinelli Colombini, il Presidente del Consorzio del vino Chianti Classico Giovanni Manetti e, dalla Germania, Reinhard Löwenstein per il Comitato Esecutivo Consorzio V.D.P.

BORSE DI STUDIO E PREMIAZIONI CONTEST – Nella giornata di domenica 2 dicembre, cerimonia di consegna della Borsa di Studio I Balzini – rivolta ai migliori neo sommelier della delegazione di Firenze – e consegna “istituzionale” dei premi Food&Wine in Progress, tra cui ‘Eccellenza di Food & Wine in Progress” che per questa edizione sarà consegnato a Giorgio Pinchiorri, alle ore 18 sul Palco Centrale. Nello stesso spazio, anche la premiazione dei tre contest rivolti al pubblico della manifestazione: il contest fotografico, il video contest AIS e l’AIS Wine Contest, in cui i partecipanti sono chiamati a riconoscere un vino alla cieca.

Ufficio Stampa AIS Toscana
Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini
marzia.morganti@gmail.com ph 3356130800;
ntempestini@gmail.com ph 3398655400
ufficio.stampa@aistoscana.it; www.aistoscana.it

Nuovi comici ” Duriepuri e Argy Le Bon ” il loro lab vi aspetta

45762727_564630823982120_4478705404217393152_nNuovi comici ” Duriepuri e Argy Le Bon ” il loro lab vi aspetta

29 novembre 2018

Appuntamento al Duriepuri Graemiky Lab a Carpiano al Bar Mirna con i Duriepuri Graziano Losio e Michele Iacovelli il comico Argeo Carmelo Longhitano in arte Argy le Bon e altri ospiti

“Red passion on air “Il tour di Campari che Illumina di Red Passion i locali più esclusivi

ALBERO_DELLA_VITA(1)“Red passion on air “Il tour di Campari che Illumina di Red Passion i locali più esclusivi

Fino a marzo 2019, l’iconico brand accenderà le principali città italiane con un esclusivo road show

che regalerà un’indimenticabile drinking experience tra arte e luce.

Tre gli artisti di fama internazionale coinvolti nel progetto:

Massimo Uberti, Marco Gallotta e il duo Luca e Andrea De Cesare

Prende il via Red Passion On Air, il road show di Campari che accende i 50 locali più esclusivi di Italia. Fino a marzo 2019, gli amanti del brand verranno coinvolti in un’esperienza esclusiva plasmata nella luce, che dà forma al vibrante immaginario della Red Passion.

La luce diventa infatti il filo conduttore di tutto il tour, elemento che unisce Campari a cinema e arte. Da sempre parti fondamentali del DNA dell’iconico brand, trovano la loro quintessenza proprio nella luce da cui nascono, prendono vita e si diffondono.

Nei locali selezionati sarà possibile intraprendere un viaggio multisensoriale che avvolge il consumatore, lo circonda di una luce che svela l’intensità emotiva del mondo LUCE_ORA_E_SEMPRE(1)Campari e la passione che si cela al suo interno. Perché nulla si crea senza passione.

Ad accompagnare gli irresistibili sapori degli iconici cocktail Campari Americano, Campari Negroni e Campari Spritz, ci sarà un’immersione nella luminosità dell’arte contemporanea. Il tour si arricchisce infatti di opere d’arte ispirate alla luce del “Rosso Campari”, elemento distintivo del più grande marchio di aperitivo italiano.

Tre artisti di fama internazionale sono stati selezionati per rappresentare l’eccellenza italiana riconosciuta nel territorio nazionale e all’estero. Sono nate così tre sorprendenti installazioni che raccontano l’essenza della Campari Red Passion: passione, intrigo, mistero, ma anche ispirazione, creatività e immaginazione.

Massimo Uberti crea con la luce “luoghi per abitanti poetici” attraverso la sottrazione e la rinuncia dell’ingombro. Regia, opera ispirata a una citazione di Federico Fellini, evidenzia la poliedricità della luce e la sua importanza all’interno di un racconto visivo:

“La luce è ideologia, sentimento, colore, tono, profondità, atmosfera, racconto.

La luce fa miracoli, aggiunge, cancella, riduce, arricchisce, sfuma, sottolinea, allude, fa diventare credibile e accettabile il fantastico, il sogno e, al contrario, può suggerire trasparenze, vibrazioni, dà miraggio alla realtà più grigia, quotidiana […]

il film si scrive con la luce, lo stile si esprime con la luce.”

Marco Gallotta, artista italiano residente a New York, grazie alla sua innovativa tecnica del “paper-cutting” si è conquistato uno spazio di assoluto prestigio nei circuiti dell’arte contemporanea statunitense. L’Albero Della Vita, opera che accompagnerà il Red Passion On Air Tour, riassume il trinomio luce-materia-natura: la luce diventa materia i cui riflessi rivelano lati nascosti da attraversare con lo sguardo nella ricerca di una primordiale esperienza. le forme morbide del tratto ispirate da elementi naturali prendono forma per creare un rifermento rassicurante, intriso di un coinvolgente splendore che spinge alla ricerca del piacere. Un viaggio interiore per ritrovare il gusto della passione, quello di un Campari.

Luca e Andrea Di Cesare, designer italiani di base a Shanghai dove si sono affermati a livello internazionale come art-designers specializzati nella concettualizzazione e realizzazione di spazi polisensoriali e interattivi, presentano Luce ora e sempre. L’installazione indaga i confini epistemologici della luce, frammenta nel tempo e nello spazio la realtà, ne crea numerose coesistenti, contraddittorie ma complementari. Le colonne di alluminio cromato rosso e acrilico fluo rosso occupano lo spazio e, ruotando sul proprio asse, si impadroniscono del tempo in quello spazio restituendo una realtà inaspettata, che la nostra coscienza apprende nel lungo tempo e che invece i nostri sensi ergono subito a verità. Vuoti, pieni, rifrazioni, trasparenze, riflessioni dello spazio, dell’osservatore che diventa oggetto osservato e frammentato di se stesso, cambiano costantemente e annullano ogni gerarchia di posizione.

DRINKING LIST

Campari Negroni

1 parte di Campari
1 parte di Cinzano 1757 Vermouth Rosso
1 parte di Bankes Gin
1 spicchio di arancia

Campari Americano

1 parte di Campari
1 parte di Cinzano 1757 Vermouth Rosso
1 splash di soda
1 spicchio di arancia e scorza di limone

Campari Spritz

2 parti di Campari
3 parti di Cinzano Prosecco D.O.C.
1 splash di soda
1 spicchio di arancia

CONTATTI: Campari Group – Paola Paletti Paola.Paletti@campari.com Tel. 02/62251 – Havas PR Milan-Marianna Marianna.Lovagnini@havaspr.com- tel 02/8545701

CAMPARI GROUP

Campari Group è uno dei maggiori player a livello globale nel settore degli spirit, con un portafoglio di oltre 50 marchi che si estendono fra brand a priorità globale, regionale e locale. I brand a priorità globale rappresentano il maggiore focus del Gruppo e comprendono Aperol, Appleton Estate, Campari, SKYY, Wild Turkey e Grand Marnier. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Ha un network distributivo su scala globale che raggiunge oltre 190 Paesi nel mondo, con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. La strategia del Gruppo punta a coniugare la propria crescita organica, attraverso un forte brand building, e la crescita esterna, attraverso acquisizioni mirate di marchi e business.

Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta 17 impianti produttivi e in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 19 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001. Per maggiori informazioni: http://www.camparigroup.com/it. Bevete responsabilmente.

Havas PR Milan
t +39 02 8545 7009
a Via San Vito, 7, Milan 20123
w havas.com

Giovedimaga Bulletproof il laboratorio 6×7

46492075_1435908049875644_8933302452627701760_oGiovedimaga Bulletproof il laboratorio 6×7

22 novembre 2018

7° puntata della 6° Stagione
ON STAGE

SerDrumk | Musicista
Argeo Carmelo Longhitano | Esperto d’amore
Federica Libretti | Attrice
Manuele Laghi | Comico
Direttore artistico | Antonello Arabia

Giovedi 22 novembre
Ore 21,45
Maga Furla, Via Roberto Cozzi,50 Milano
Ingresso libero
BULLETPROOF
Bulletproof è un laboratorio artistico ideato e presentato da Antonello Arabia.
Dal 2013 ospita Comici, Attori Cantanti, Ballerini, Giocolieri, Maghi, Performer e dà loro modo di provare pezzi nuovi, rinfrescare pezzi di repertorio e interagire tra di loro.
Il pubblico ogni volta ha la possibilità di vedere qualcosa di nuovo e rinnovate la sua curiosità.

CONTATTI
FACEBOOK: Bulletproof il laboratorio
INSTAGRAM: Bulletproof il laboratorio
SITO: https://antonelloarabia.jimdo.com/bulletproof/
MAIL: bulletproofillab@gmail.com

HASHTAG
#giovedimaga
#bulletproofillaboratorio

COME ARRIVARE
M5 Bicocca
Tram 7
Bicicletta

Macchinate per inquinare meno
A piotti che fa bene

CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE
02 89059657

Maga Furla
Via Roberto Cozzi,50, 20125 Milano

L’arte arriva all’Istituto Tumori di Bari

L’arte arriva all’Istituto Tumori di Bari

Al fianco dei pazienti con un ciclo di conversazioni d’arte a cura della dott.ssa Clara Gelao

Persino un concetto complesso come l’arte può regalare leggerezza ai pazienti.

Dal 30 ottobre 2018 al 26 marzo 2019 la dottoressa Clara Gelao, già Direttrice della Pinacoteca Metropolitana di Bari, trascinerà l’arte nell’aula convegni dell’Istituto Tumori di Bari, guidato dal Direttore Generale Vito Antonio Delvino.
Al centro della scena, un ciclo di conversazioni pomeridiane (dalle 16 alle 17) su temi d’arte e più in generale d’intrattenimento culturale. Su un “palcoscenico” insolito si “esibiranno” più tematiche: dalla pittura ai presepi alla scultura, di varie epoche storiche, che la nostra terra di Puglia vanta come capolavori artistici.

«Il paziente oncologico, oltre alle cure mediche dettate dalla letteratura scientifica, ha necessità di un supporto sociale per sé e per la propria famiglia, impegnata in una dura battaglia contro la malattia» spiegano i promotori dell’iniziativa, Dott. Francesco Giotta e Dott.ssa Agnese Maria Fioretti, dirigenti medici dell’IRCCS barese.

Ricco il calendario degli appuntamenti. Si comincia il 30 ottobre alle 16; a seguire il 27 novembre e il 18 dicembre. Già fissate anche le date del 2019: 29 gennaio, 26 febbraio e 26 marzo. “Il bello può aiutare i pazienti oncologici ad affrontare con coraggio la vita ed essere forti nei momenti di difficoltà” ha aggiunto la Gelao, protagonista degli incontri. Aderiscono all’iniziativa culturale le associazioni dei pazienti oncologici da sempre vicine agli ammalati, Favo Puglia, Gabriel, pH8, Ui Together e Walce Puglia, con il patrocinio del Comune di Bari e della Città Metropolitana di Bari.

Milonga a Cremona

Milonga a Cremona

Domenica 18 novembre si terrà la milonga a Cremona al Music Factory via Diritta,9.
Ore 20 stage gratuito di tango:”la volcada”con i maestri Malvina Gili e Sebastian Zanchez.
Ore 21.30 inizio serata con il dj Sebastian Zanchez. Ore 23.30 esibizione dei ballerini
Rita Protopapa e Federico Serana.

Via Diritta9 Cremona, Cremona

Pizzeria la Casareccia

Pizzeria la Casareccia

Se siete a Cremona o nei dintorni dovete provate la Casareccia !!! penserete è fuori  zona, ma alla fine è a soli 10 km da Cremona,ma vale la pena provarla
Si dice che ormai la pizza la sanno fare tutti,non è vero, la pizza per me è sacrosanta, per me è impensabile trovare, in Italia, un posto che non sappia fare una pizza almeno decente ma ogni tanto capita, ma nel farla bene, c’è poi qualcuno che si distingue e la fa meglio, una pizzeria che fa la differenza e quando ne trovo una che fa la differenza non la mollo più.
La pizza della Casareccia (come ho scritto in altre recensioni su Tripadvisor) per me è da sempre una delle migliori di Cremona e provincia, direi  la migliore, ma attenzione il mio non è un giudizio di parte, come potrebbe sembrare, dai tanti elogi o un parere dato così tanto per dire, anni fa è arrivata 5° (ma solo perchè secondo me la conoscono in pochi) e un anno è arrivata 1°tra tutte le pizzerie di Cremona e provincia e non sono nemmeno una che fa una recensione ogni tanto (ne ho fatte 271 si tripadvisor)
Tutti quelli a cui ho fatto assaggiare la pizza (amici e in 8 anni ne ho portati un bel po’)sono rimasti soddisfatti anzi più che soddisfatti, mia cognata quando viene (da Roma) sta qua 3 giorni la vuole mangiare sempre, idem i mie suoceri o i miei genitori e altri che la conoscono mi hanno detto la stessa cosa, perchè la trovano davvero buona e tutti dicono che la pasta di Enzo (il pizzaiolo e proprietario) è fantastica
Prendo la pizza da asporto spesso e tutte le volte che non ho voglia o tempo di farmi qualcosa da mangiare
Frequento questo posto da 12 anni quindi direi che posso recensirla come ristorante ma soprattutto come pizzeria
Le pizze a scelta nel menù sono tante e mi sa che le abbiamo provate tutte o quasi, anche se io assaggio una fetta di quelle degli altri, ma poi alla fine io mi prendo sempre le stesse
La pasta della pizza è buonissima e digeribile
La cottura, ovviamente nel forno a legna (se non che pizza è) è perfetta come DEVE essere una pizza
L’altezza della pizza è quella giusta, quella di una VERA pizza, non è ne troppo bassa (che si rompe tutta, non riesci a rigirare la fetta senza che il condimento che c’è sopra ,che non è poco, cade ) ne troppo alta insomma come deve essere la VERA PIZZA
La pizza è grande, ma non perchè è stata tirata troppo (come a volte accade in alcune pizzerie che ti vendono la pizza al tagliere o la pizza “grande” e credono, lo credono solo loro, di prenderti in giro ti dicono “le nostre pizze sono belle grandi” ma alla fine quantità di pasta è la stessa, il panetto è sempre lo stesso e la pizza è solo tirata di più )
La qualità della mozzarella è ottima (io mangio sempre pizze bianche), il pomodoro sopra dolce, il resto del condimento della pizza è abbondante ma soprattutto abbonda in qualità
I prezzi sono buoni
Personale cordiale sempre (al di la che noi siamo ormai di casa)
Eccellente come pizzeria
Ottimo come ristorante anche se l’ho frequentata meno come ristorante, ma in tutte le occasioni mi sono trovata bene
Ci ho fatto il pranzo del matrimonio, prezzo giusto e onesto (non hanno voluto nemmeno il pagamento di quelli che non si sono presentati senza preavviso) ed era tutto buonissimo tutti sono rimasti soddisfatti (direte erano ospiti, è vero, ma si capisce quando uno rimane soddisfatto e mangia di gusto e quando uno ti da “il contentino”)la sala l’hanno addobbata con fiori e petali rossi (come mio vestito) era semplice e carina i tavoli messi in modo originale a ferro di cavallo, eravamo pochi e ci guardavamo tutti negli occhi, era tutto perfetto e al centro c’erano i tavoli con torta nuziale e confetti e bomboniere.
Per il menù del matrimonio mi sono fatta consigliare da loro e ho preso i loro piatti forti tutto perfetto menù semplice ottima la qualità dei piatti dall’aperitivo in veranda (con pizza – la loro e focacce buonissime) all’antipasto all’italiana vario e abbondante (con delle mozzarelline divine!!!!), dal salmone con rucola ai gamberoni profumati, dai primi spaghetti con vongole (fresche) e gnocchetti alla casareccia ai secondi il classico arrosto e la grigliata fritta di pesce (anche se eravamo troppo sazi e ai secondi ci sono arrivati in pochi)diversi i camerieri, per l’occasione, che hanno permesso un servizio impeccabile, buono il vino
Tutte le volte che abbiamo mangiato alla Casareccia, il pesce era buono …cozze, vongole belle grandi e fresche
Ottimi i primi con cozze o con le vongole
Ottima la pepata di cozze
Ottimi gli spaghetti allo scoglio al cartoccio
Ottime le polpette della signora Lucia
Ottima la focaccia bianca (pasta di pizza) servita con i salumi
Da assaggiare i gnocchetti alla Casareccia buoni, buono l’impasto dei gnocchetti buono il condimento
Buono il fritto misto per nulla pesante e misto con gamberi e non sono calamari o ciuffetti
Ottime le patatine (per chi vuol fare pizza e patatine)
Buono il sorbetto
Buoni i dolci
Locale semplice e pulito
Personale efficente e veloce
Ogni tanto fanno anche serate con Karaoke
Il Vino buono, ottima la Falaghina
Ottimo rapporto qualità/prezzo
In sintesi della Casareccia posso, oltre che ribadire che per me una delle migliori pizza di Cremona ,dire 3 cose: semplicità (le cose semplici sono le migliori), qualità nei prodotti e onestà nei prezzi (che ti permette di mangiare fuori una volta in più ) che dire la consiglio.
Spazio per i bambini per giocare sia dentro in veranda che fuori in cortile e nel giardino affianco

Pizzeria la Casareccia
Via quaini 104 Pieve d Olmi – CR

La 5° serata di Diversamente comico

46441105_2159956684028966_1961402660892442624_nLa 5° serata di Diversamente comico

28 novembre 2018

Ragazzi e ragazze con diverse patologie si esibiscono coi comici a Diversamente comico, venite per fare del bene l’incasso sara’ devoluto per la scuola. Grazie!

Cascina grande di Rozzano